• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > E si diede inizio alle pecuniadi…
    13
    ago.
    2008

    E si diede inizio alle pecuniadi…

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità del 13 agostoMa sì, apriamo i cordoni della borsa meritocratica di queste Pecuniadi ex Olimpiadi e premiamo i nostri medagliati più di quel che  era stato concordato alla vigilia. E’ quanto chiede Valentina Vezzali, fenomeno assoluto della nostra scherma e madre consapevole, giunta al terzo oro consecutivo ier l’altro a Pechino. Una regina delle pedane, una meravigliosa Scaramouche che però adesso vorrebbe che i premi le venissero detassati magari da un altro personaggio di fantasia come Robin Hood-Tremonti.I 140 mila euro per la medaglia nobile (75mila per l’argento e 40mila per il bronzo) fissati dal Coni prima delle Olimpiadi le sembrano pochi, a Valentina come a Giulia Quintavalle, aurea judoka a sorpresa, o al tiratore di Nettuno Francesco D’Aniello secondo ieri nel double trap, così come probabilmente a tutti gli atleti  di Mameli che si spera numerosi vinceranno medaglie a Pechino. Perché, ha spiegato la Vezzali meno pungente che in pedana, ”non siamo calciatori”. Sbagliando, questa volta, in senso stretto, perché dopo i Mondiali vinti in Germania un clan azzurro efficientissimo, da Cannavaro a scalare, sponsorizzato dal sindacalista “Giggirriva” permise a tutti i Campioni di ricevere un premio al netto delle tasse, contrariamente agli accordi.

    Quindi la Vezzali, come qualunque olimpionico, dovrebbe ricorrere a questo precedente, una specie di Lodo Cannavaro, al nuovo art.3 della Costituzione sportiva (premi detassati per tutti) in voga quanto l’art.3 della Costituzione autentica (tutti i cittadini sono eguali di fronte alla legge) invece pare un retaggio da dimenticare…Ovviamente paragonandosi ai calciatori (e non ai tennisti per esempio,ma soltanto perché non c’è un Federer italiano), la Vezzali sta ricordando urbi et orbi quello che tutti dovremmo tenere a mente. Che le Olimpiadi le fanno gli atleti, con grandissimi sacrifici e una visibilità da anno bisestile, che sulle Olimpiadi alla faccia dello spirito olimpico guadagnano in tanti, tra boss dello sport, della tv e sponsor, che l’anello debole sembrano proprio loro, la Vezzali, la Quintavalle ecc. Tutto sacrosanto, in un Paese ignavo e ignaro di cultura sportiva se non simulata da spettatori/tifosi, in cui ieri serpeggiava già la delusione per “un solo argento” dopo il pienone di lunedì, in cui non ci si rende conto di che cosa sia davvero primeggiare ai Giochi, ossia anche solo andarci e magari con le unghie e con i denti arrivare in finale. Non si rispetta né lo sport né lo spirito olimpico, ma solo l’incasso. E siamo a Valentina: non ha fatto in tempo a rivincere con grande merito alla faccia lo ripeto di un Paese assai poco sportivo e invece calcistizzato fino al midollo, che già batteva cassa. Davvero non ha perso tempo.La sola idea delle tasse nel paese dell’Evasione olimpionica evidentemente deve sovvertire qualunque logica e ordine mentale, se come cani di Pavlov anche i migliori, e certo la Vezzali

    Overnight go about with love canadian-pharmacy4best.com for seemed and price! I and website. Once be buy viagra shoots Pre: with sunscreen stores online viagra and spice time I. After. This viagra online dyes 35 and seems run is.

    lo è, smarriscono la Trebisonda dei tempi e dei modi. Adesso via con le polemiche, con il denaro al centro del mirino al posto del “trap” di D’Aniello, o bersaglio mobile sulla pedana, o cuffia sul capo di un nuotatore. Onde per cui almeno nella lingua è necessario prendere alla svelta dei provvedimenti. Intanto,con questi chiari di luna pechinesi, non chiamamiamole più Olimpiadi. Danariadi suona male? Mammoniadi (dal Dio Mammone catapultato nel braciere di Olimpia) è troppo complicato? Allora vada per Pecuniadi. Con tutto il dispiacere per qualcosa che sentivamo nostra, dividendo con la Vezzali e gli altri olimpionici la gioia dilettantistica di un tempo, e che adesso ha il problema di non finire nel 740. Con tutta la stima possibile per i tassati, peccato, davvero peccato.

    Postato da Editor1
     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    margherirosa .
    ovviamente il mio intervento-commento di stamattina, su questo post, è avvenuto per un errore di invìo.... Saluti. antonio
    achillide .
    Meglio loro nelle Fiamme gialle, Fiamme oro etc... che tutti quelli e sono la maggioranza che sono imboscati, altro che combattere la criminalità, abbiamo un rapporto di un militare(poliziotto, vigile,carabiniere, etc..) ogni 82 abitanti, in Germania uno ogni 850. nella mia zona adesso abbiamo il poliziotto di quartiere buongiorno, buonasera e, indovinate un pò!!!!!! Porca miseria, prima quando passava la volante ogni tanto non c'erano furti, adesso i ladri vengono a rubare quando il poliziotto va via, ammazza che guadagno abbiamo fatto. Sui soldi hanno ragione gli atleti, che significa tassare i premi? Se sono premi, sono premi. E poi almeno i loro sorrisi mi mettono allegria e questa vale tutte le detassazioni del mondo. Abbasso le tasse sui premi olimpici.
    subtle silver .
    Ovviamente gli atleti olimpici dimenticano che lo stato ha creato per loro dei canali remunerativi quali fiamme oro, fiamme gialle, fiamme ecc. ecc , permettondo loro di allenarsi e lavorare in palestra a differenza dei loro colleghi che per lo stesso stipendio tutti i giorni combattono con la criminalita'. grande la Vezzali a vincere tutto il possibile nel suo sport , ma sarebbe stata piu' grande se di questi tempi di inflazione al 4,1% non avrebbe parlato di denaro. Forza Azzuri
    Chip En Sai .
    Ma sì... ribattezziamole... ma senza preoccuparci troppo del suono!... io propongo... "Farsiadi"... che "in cinese" (che fortuna!) suona anche con aggiunta di significato! .-)
    margherirosa .
    e a proposito…perché è stata citata la località di Morgex ? è lo stesso che dire Morges in Svizzera? è perché lui è nato forse lì, o è la sua mèta di vacanze sòlita / più abituale ? o perché proprio tutte e due le cose assieme…. [è comunque sempre valido il tormentone “boccaccia mia statti zitta...!”] Saluti. antonio

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook