• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Toscana: 4 operai morti sul lavoro in un solo giorno
    10
    ott.
    2008

    Toscana: 4 operai morti sul lavoro in un solo giorno

    Condividi su:   Stampa

    Dopo gli ultimi eventi luttuosi che hanno colpito la Regione Toscana (4 operai morti sul lavoro in un solo giorno), oggi c'è stato lo sciopero generale regionale di un ora sul tema della sicurezza sul lavoro, proclamato da Cgil, Cisl e Uil Toscana.

    Non vogliamo ripetere quello che abbiamo già detto la settimana scorsa sull’ora di sciopero, ci limitiamo a dire, che dal sindacato ci saremmo aspettati una risposta più concreta.Sui tre operai morti sul cantiere autostradale a Barberino di Mugello si è detto di tutto di più (bullone più corto di 3 centimetri, dell’accordo non firmato dalla Toto Costruzioni con i sindacati), ma nessuno ha  detto nulla sul fatto che in autostrada si possono fare turni di 12 ore, perchè l’attuale governo, con il Decreto 112/08, ha tolto le violazioni sulla durata del lavoro, come causa di sospensione dell’attività produttiva, e l’ex ispettorato del lavoro (adesso DPL) ha le mani legate. Come tutti ben sanno, non è solo la mancanza di rispetto delle norme antinfortunistiche la causa di infortunio o morte su lavoro, ma i turni di lavoro massacranti, che portano a stanchezza, quindi a più probabilità di infortunarsi.Inoltre c’è una Direttiva del Ministro de Lavoro Sacconi su servizi ispettivi e sull’attività di vigilanza (firmata il 18 settembre del 2008) , che invitiamo tutti a leggere attentamente.La direttiva si più può trovare a questo link.
    La direttiva chiede agli ispettori del lavoro di non intervenire sulla base di segnalazioni anonime da parte dei lavoratori…Una direttiva che in pratica, chiede agli ispettori del lavoro, di non rompere le scatole alle imprese.La direttiva Sacconi, va nella direzione opposta, invece di potenziare tali controlli, li depotenzia E poi ci stupiamo che i controlli non funzionano….Come farà adesso un lavoratore ricattabile, a denunciare i suoi “aguzzini” senza esporsi, e quindi rischiando di perdere il proprio posto di lavoro?Ma non è finita qui, sarebbe già abbastanza, ma non è finita.Con il libro unico del lavoro, che sostituisce libro matricola e altro, le regolarizzazioni si fanno ogni 20 gg o più, “armi spuntate” a chi fa controllo sui contratti -la DPL (Direzione Provinciale del Lavoro).Concludiamo con l’art 18 dello Statuto dei Lavoratori, perchè il Governo Berlusconi è tornato alla carica sulla modifica di tale articolo.In pratica lo vorrebbe depotenziare con il ddl 1441 quater collegato alla manovra finanziaria.E su tutto ciò i sindacati non hanno niente da dire???Marco Bazzoni, Andrea Coppini, Mauro Marchi – Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezzaEmail: bazzoni_m@tin.it

     commenti
    Commenti
    3
    Lascia un commento
    margherirosa .
    ore 11.00 circa Televideo riporta la notizia d’un incidente mortale sul lavoro, [l’ennesimo], in quel di Ancona dove un 26enne tunisino è rimasto schiacciato tra la motrice e rimorchio, all’interno del posto di lavorofabbrica; ieri un anziano in Trentino è morto invece per un incidente nel suo podere mentre raccoglieva legna e si aiutava in ciò manovrando un piccolo escavatore causa del decesso… A fianco a ciò, una altra, per così dire “buona” notizia ce la dice stavolta Medavideo che rilancia la decisione della Procura di Torino, [cfr.: Guariniello ?], di chieder due rinvìi a giudizio nell’àmbito dell’indagine sulle morti bianche, 20000 lavoratori e dipendenti avvenute in passato negli impianti di lavorazione della “Eternit”, la multinazionale svizzera coi suoi quattro stabilimenti italiani; ora i vertici della azienda del cemento-amianto sono ritenuti responsabili, e quindi accusati per i reati di disastro doloso [importante ciò], e omissione volontaria di controllo verso malattie professionali; e quindi ai due boss dell’azienda contestati reati gravi, e rinvii a giudizio con modalità significative. Saluti [p.d.s.: ma è quell’aggettivo ennesimo, questo termine familiarmente inteso per sottolineare una serie di fatti esasperatamente protratta, l’aggettivo che appunto ritengo sì insopportabile….][e come pds-2 pensate che quell’albero sì pericolosissimo e quel cantiere di lavoro, hanno avuto, nel frattempo, una qualche attenzione da parte di Chi di dovere, Chiunque fosse? la risposta è no…! il che, nel “piccolo” di queste vicende, piccin-piccine, locali, e “a macchia di leopardo”, dice tutto].
    achillide .
    Per non dimenticare: Un operaio di una fabbrica di vernici, un lavoratore agricolo, un impresario edile. Sono le ultime 3 vittime di incidenti mortali sul lavoro.Hanno perso la vita, a poche ora di distanza l'uno dall'altro, in 3 distinti infortuni, a Pavia, Macerata e Grosseto, che vanno ad allungare la gia' lunghissima lista delle morti bianche. Nei primi sei mesi di quest'anno i morti sul lavoro sono stati 555 e salgono a 675 se si considerano anche i dati Inail di luglio. Tradotto: una media di 3 morti al giorno. E Silvio va a ballare al Bagaglino e la notte invece di dormire ...... Buongiorno
    achillide .
    C'è poco da commentare, l'unica cosa che mi viene da dire di questo schifo, è che il Presidente Napolitano che rompeva tutti i giorni con il governo Prodi, da quando ci sono questi non l'ho più sentito su questo argomento.E pensare che ne aveva fatto un suo punto di onore e che io nel mio piccolo ero perfettamente daccordo sul fatto che lo stimolo Presidenziale giornaliero avrebbe prodotto degli ottimi risultati, adesso la sua parlantina è rivolta ad altro, evidentemente mi ero sbagliato. Cosa devo pensare? Per quanto riguarda i sindacati, mettiamo un pietoso velo.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook