• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Bandiera bruciata: tre ultrà fermati. la destra si di...
    13
    ott.
    2008

    Bandiera bruciata: tre ultrà fermati. la destra si divide

    Condividi su:   Stampa

    da La StampaLa Russa: quei cori qualcosa di inqualificabile. Storace: però da giovane li cantavi anche tuIl giorno dopo i cori fascisti e i tafferugli nello stadio di Sofia, in Bulgaria, e la scoperta che al seguito della Nazionale ora ci vanno anche degli hooligans di estrema destra, è tutta una sorpresa e una condanna. Tre i tifosi fermati dalla polizia bulgara per «oltraggio alla bandiera». Sono A.P. (28 anni), V.F. (21) ed E.B. (27), un ultrà di Lucca, uno di Milano e uno veneto. In serata il rilascio: «Da indagati, la loro posizione è stata derubricata a persone informate dei fatti», dice l’avvocato. Quando arriveranno in Italia, li aspetta al varco il ministro Bobo Maroni: «Saranno sottoposti a provvedimenti, il Daspo, perché non ci si può comportare così, né dentro né fuori gli stadi». E’ una clamorosa sconfessione per Domenico Mazzilli, neodirettore dell’Osservatorio sulla violenza sportiva, che a caldo aveva provato a sminuire i fatti: «I cori “Duce-Duce” ed il braccio teso durante l’inno di Mameli? In Bulgaria non è reato... Fino adesso questo gruppo era rimasto in riga, ora vedremo bene cosa è successo e valuteremo per il futuro. Ma parliamo anche dei fischi all’inno di Mameli». In serata, poi, Mazzilli fa una parziale retromarcia: «Hanno sbagliato. E noi prenderemo provvedimenti».

    É la Federcalcio, però, che si trova sul banco degli imputati. Ha venduto 144 biglietti nominativi. Sa chi sono questi esagitati al seguito della squadra. Giancarlo Abete prova a tirarsene fuori: «Li avevamo segnalati. Secondo me non sono organici al sistema ultras». E il presidente del Coni, Gianni Petrucci: «Nessuno dei 144 risulta che sia oggetto di Daspo». Ma lo scandalo è troppo forte e quindi la Federcalcio annuncia a sera: «Per la prossima partita della Nazionale, il 28 marzo, in Montenegro, non chiederemo biglietti». Porte chiuse ai tricolori.
    La condanna è generale. Il più lesto di tutti, anche per anticipare eventuali polemiche casalinghe, è il ministro della Difesa, nonché reggente di Alleanza nazionale, Ignazio La Russa. Dice: «Una vergogna, quei cori. Un gesto inqualificabile l’aver bruciato la bandiera bulgara. Bisognerebbe chiedere scusa alla Bulgaria. Se mi fossi trovato lì, mi sarei vergognato. Non c’è nessuna giustificazione storico-politica per questa gente, sono solo maldestre esibizioni muscolari». E’ quanto dicono anche il sottosegretario allo Sport Rocco Crimi («Assolutamente riprovevole»), la senatrice Maria Burani Procaccini («Ci sia l’obbligo di andare ad Auschwitz ad effettuare servizi sociali») o il ministro-ombra Marco Minniti («un colpo duro all’immagine stessa dell’Italia»). Ma Francesco Storace, da destra, non esita a polemizzare con La Russa: «Una vergogna, i cori? Sono quelli che intonava anche lui quando era giovane come loro. Per aiutare Ignazio nel delicato lavoro di riconversione storiografica di una comunità, nei prossimi giorni raccoglieremo e pubblicheremo nel nostro blog l’elenco dei circoli del suo partito impegnati nelle celebrazioni del 28 ottobre». Ovvero chi celebra la Marcia su Roma.
    Un duro colpo anche per il mondo del pallone. Marcello Lippi è furente: «Certi episodi rischiano di sporcare l’immagine dell’Italia. Una cosa così non mi era mai capitata in campo internazionale». E il vecchio Gigi Riva è avvilito: «Non abbiamo bisogno di tifosi così. Vedere che nell’angolino della curva riservato agli italiani succede questo non è certo bello».
     

     commenti
    Commenti
    13
    Lascia un commento
    margherirosa .
    perdonatemi, Lorenzo e Sandrone ma nei vostri commenti-parole-suggerimenti ci trovo come quel “qualcosa” che mi ricorda per certi versi l’ultima lettera-sollecitazione fatta a Oliviero e Redazione da tal Angerlo T; mi pare che ad esempio la proposta dell’anno di “fermo/a” dei campionati in toto non risolverebbe forse nulla o pochissimo, troppo-poco rispetto al volume di ambasce complessive e non ho idea se il mondo del Calcio sìa drogato: cièco lo è di sicuro e orbo del tutto, perché ormai “suonato”, fino alle famose midolla; piuttosto, l’aspetto mediatico di tutto quanto, già incide ormai in maniera tanto impressionante / incontrollabile / tendenzialmente irreversibile…e come si fà a ri- iniziàre tutto, dall’inizio, per Calcio e Paese, azzerandovi ogni cosa-schifezza, ripartendo da queste macerie, sì puzzolenti, più che fetenti-fumanti…; c’è talvolta quasi un odore acre “di cadavere”, in giro, da far paura. Inoltre, si scopre, poi, per “mèrito”, dell’ennesimo pentito, che la stessa camorra voleva attentare, alla vita di Saviano… forse…; e così si potrebbe continuare tenendoci all’erta sui fatti & misfatti veri e futuri-potenziali, fetenziali [che sono dietro l’angolo, come diceva / direbbe pur ora e sempre quello coi baffetti, col collo largo assai, che sì pure la sà lunga….]; perfettamente d’accordo invece con la sciocchitudine che imperversa ovunque e spadroneggia, annulla /mortifica e annichilisce spesso ogni tentativo più o meno timido di positive novità…! Eh sì-sì perché quando non ci si fà la lampada, ci si fà di brutto…e lo si vede, osservando già la gente in giro, per come si comporta e per i discorsi che ne vengono fuori: ad esempio una moglie quasi o del tutto tatuata che vorrebbe farci credere, convincere, che il marito è sobrio come un Santo…! È così che va-funziona ormai; più si grida, e ci si titilla e trastulla, e più c’è qualcuno disposto ad ascoltare, e poi prendere pure appunti, e a divulgare il pensiero-ultimo…! per la serie “tutto fa spettacolo”, certo…e non c’è bisogno per forza de L’Isola dei famosi, o altro, perché è tutto uno sballo-divergente e convergente quanto sconclusionato e allo stesso tempo estremamente redditizio, e con tanta gente & quant’altro vippe-e-non-vippe-pippe a farla da padrone……Una battaglia quella per la riconquista della prima civiltà, originaria, che è già persa…? probabile, ormai. Saluti.
    margherirosa .
    ma non vi sembra, in qualche modo, “meraviglioso”, quello sguardo lontano, di La Russa, sguardo portato verso l’orizzonte più infinito, senza-fine, in realtà quasi a puntare quell’ultimo individuo, o l’ultima gnocca, o il cosidetto ultimo ‘pirla’ sedutosi in fondo a quella sala sicuramente strapiena ? Non vi fa un tantino rabbia quella sua straripante sicurezza e sicumera...? sguardo teso a sfiorare le teste mirabolanti [& raziocinanti ?] di chi già lo applaudiva e acclamava, a viva voce…? Certo, era una foto di prima, di tempo addietro, [quella con diversi chili di meno, almeno per quanto riguarda sopratutto l’altro sorridente-gaudente, e ovvero Storace], e sopratutto prima che An confluisse, e si dissolvesse in un coup-de-foudre nel già Pdl-partito-unico-Berlusconi, poi, che lo stesso Storace si vedesse in qualche modo costretto al contrario a restare senza una/la Sua creatura più affascinante, quella fantasmagorica-incomparabile, Santanché, che di suo con un nasino così striminzito, così ai minimi termini, non ha manco il problema di avere / sentire una eventuale “puzza” sotto il naso…; sono dei vantaggi mica da poco, questi…, al giorno d’oggi; è così o non è così ? … Mah. Saluti.
    achillide .
    Per i concorsi pubblici favoriti i residenti. Sì della Camera all'emendamento della commissione, con il voto contrario dell'opposizione, al ddl lavoro collegato alla Manovra che introduce la «territorializzazione» dei concorsi pubblici. In base al testo approvato, in un concorso per l'accesso ai pubblici uffici la residenza del candidato può essere considerata come titolo privilegiato se l'ente che lo bandisce ritiene che quel requisito serva a un migliore assolvimento del servizio. Che cosa ho io da spartire con questi animali che stanno distruggendo l'Italia? Si meglio dividerci in amicizia che convivere con queste teste di cazzo.
    achillide .
    Lippi, una vergogna nazionale di Emilio Carnevali “Come si può non essere contro il nazismo?”: se lo è domandato Moni Ovadia dopo aver saputo che Marcello Lippi si era ritirato dal progetto cui aveva dato inizialmente disponibilità, ovvero la lettura di alcuni passi sulla Shoah (brani di Primo Levi, per la precisione) per un dvd da distribuire nelle scuole. Tra i testimonial del progetto anche il cantante Jovanotti e gli attori Antonio Albanese e Nicoletta Braschi. Ieri infatti Lippi ha fatto dietrofront: “Ho letto e ho sentito che dovrei parlare di nazismo e di fascismo”, ha dichiarato Lippi lamentando il fatto che con Ovadia si era parlato solo di “razzismo”. “Sto nel calcio da quarant’anni e non mi sono mai schierato politicamente né intendo farlo ora: quando avrò smesso con questo mestiere potrà darsi che ci pensi ma finché alleno non mescolo la politica allo sport”. Quindi schierarsi contro il nazismo e il fascismo significa "schierarsi politicamente"? Il rifiuto del fascismo è sancito dalla nostra Costituzione, e dunque è contenuto in quel patto sociale pre-politico che prescinde da ogni schieramento di parte. Sembra incredibile, come ha detto Ovadia, che esista gente che non se la sente di schierarsi contro ogni tipo di razzismo e di fascismo. Eppure forse ha ragione Lippi (Campione del mondo nel calcio e nello squallore) e ha torto Ovadia. Nell’Italia di oggi dichiararsi contro il fascismo e il nazismo significa davvero schierarsi da una parte. Sembra incredibile, ma pare proprio che sia così. Sono perfettamente daccordo da quanto detto in questo articolo e Lippi che prima mi faceva schifo, adesso mi fa ribrezzo.
    achillide .
    No antò non sapevo niente, sai a Giugno quando sono stato giù sono venuto per la morte di mio padre, da allora non ho più avuto voglia di venire e nemmeno mi sono più interessato a cosa succedeva in zona,l'unica cosa che veramente m'interessa della nostra zona è mia madre che non vuole venire su da me. Scusa ma questa sera non mi sento un brigante.Statt buon
    margherirosa .
    Mché, guarda che si è appena chiusa una manifestazione, di tre giorni, sul brigantaggio, tra Melfi e Palazzo S.Gervasio, da tutti definita, e a quanto pare, molto interessante…; ne sapevi qualcosa…?
    margherirosa .
    Mché, tu r’ sài ch’ signìfic’: “t’nè r’ chiòcch’ a posto….”, jè vèr’…? Saluti. (! - !) Questo invece, è l’ormai tipicus-italianus-piagnucolans, quello che sempre più si vede in Tivvù, il più intervistato- &-richiesto…, e che infatti fà tanto-tanto audience e che talora viene, anche se solo ipoteticamente, e più-sol-momentaneamente “scalzato” da quello di certo più muscolaris [sub-tipus grettòides]…!
    margherirosa .
    non c’entra molto, apparentemente, ma a proposito poi di “figuracce”: Mediavideo ieri sera [14/10] racconta che ad Arezzo i Vigili urbani hanno denunciato un tizio 55enne (ivi residente; e originario però della Campania) per guida ‘senza’ patente; in pratica è stato beccato perché guidava-trovavasi in quel momento contromano in una strada a senso unico e appunto alla richiesta del documento ha ammesso “candidamente” sì di guidare da 37anni, senza patente…, non l’aveva mai conseguita…! Il fatto / problema è che anche in questo campo non sarebbe e non è un “record”, per così dire. Già, perché, chi ha buona memoria per fatti-&-fatterelli curiosi, ricorderà che qualche anno addietro, fu fermato casualmente un tizio olandese o forse belga della bella età di circa 80anni che, pure lui, da sempre aveva guidato senza patente, e che non aveva mai causato incidenti di alcun genere per una condotta su strada impeccabile; non era mai stato fermato e controllato prima di allora, tranne sì in quella occasione… e per fatto del tutto casuale-incidentale, e poi per un fetentissimo incidentuccio causato da altri… Morale della presunta favola: l’italiano oltre ad esser un pirla-matricolato è pure uno sciagurato, per il / quel suo comportamento in auto, e non solo in quella occasione, e ciò non è per noi certo una novità, lo sapevamo; anche gli olandesi / belgi nascondono le loro belle magagne talora ma lo fanno già con una dignità e compostezza esemplare e quasi-invidiabile, per certi versi; non è vero poi che “solo” i napoletani, o i campani in genere, sarebbero bravissimi a imbrogliare il mondo intero, a imbacuccarlo, ad esempio riuscendo a vendere frigoriferi persino agli esquimesi… come già racconta la famosa-quasi-abusata barzelletta che peraltro Silvio B. saprebbe sì raccontare meglio di chiunque altri…, e ove lui infatti ne combìna-&-racconta di ben peggiori…; ma il fatto è che a volte ci si sente umiliati nel profondo a sentir certe / quelle cose anche fatterelli curiosi e che barzellette non sono….! Non riesco a trovare un tizio più “ c’riùs’ ” [curioso / strano] di Silvio; sì, e assieme a tantissimi suoi connazionali-adepti-aficionados; mi dovere credere ! E siamo poi sicuri che lo stesso Silvio ce l’abbia sul serio la “patente” / le facoltà per governare l’Italia…? Saluti.
    sandrone .
    Sarebbe bello poter fermare tutto e ricominciare da capo; ma non si può. Se volessimo cambiare dovremmo rimboccarci le maniche con le nuove generazioni, a scuola, nelle case. E in 30 anni le cose sì che cambierebbero. Ma se i genitori si indebitano a morte per comprare il loro bel suv con cui fare la guerra per le strade, se i professori non ignoranti (pochi, temo) devono stare attenti e giustificare le loro decisioni ai genitori, se in famiglia si insegna che gli stranieri che occupano il posto in autobus sono sgraditi, o meglio NON si insegna la storia contemporanea (almeno negli anni 80 la storia del razzismo nei confronti degli afroamericani era tema stradiscusso!)... MA COSA CI ASPETTIAMO? Ma cosa pensiamo di cambiare! In questo paese di merda non si legge ma si fa la lampada, si risparmia sul cibo ma non sull'estetica. Ma cosa diavolo pensiamo di cambiare! Sono amareggiato e stanco.
    lorenzo x .
    Ma alla luce di tanti episodi presenti e passati ( vari morti, pestaggi, motorini lanciati dagli spalti, scommesse truccate, Poggi & co e chi più ne ha più ne metta) non sarebbe più serio e dignitoso un anno di pausa come proposto a suo tempo? Possibile che il mondo del calcio sia così drogato e cieco? Ormai il calcio professionistico è diventato qualcosa che non ha più niente a che vedere con lo sport e sfogo per tutte le frustazioni e bassezze umane . Basta!!! Che si fermi tutto e si riinizi in modo pulito. ( Quanta similitudine con la situazione politica del paese)
    margherirosa .
    più o meno stringato, come te dico / aggiungo / chioso con quella canzone dei Rolling Stones: “Ài ghenghednow vomitation…!”.. e chiedendo scusa per questo mio inglese assurdo e mi pare chiaro che in certe circostanze, purtroppo, la sostanza è sicuramente più importante-preponderante della cosidetta forma… Saluti.
    margherirosa .
    eh, una tre giorni da per certi versi “emblematica”, da ricordare! Venerdì, e lo si è saputo solo oggi, domenica, a Varese una ragazzina marocchina, 16enne è stata aggredita nei pressi della stazione da una decina di coetanei, [tra cui una 15enne, già identificata], sì picchiata, su un bus perché ritenuta indegna di aver occupato un posto a sedere non ‘suo’… perché non-italiana; un vero e proprio raid punitivo, con tanto di imbecille “motivazione”; secondo i carabinieri e inquirenti, al momento, per quanto acquisito, non viene e non può esser ravvisato, contestato, un vero reato di discriminazione e il fatto, [solo spiacevole ?], il pestaggio viene rubricato come atto-episodio di bullismo… Sabato, poi, i fatti incresciosi, incredibili, in Bulgaria, condannati da più parti, anche da chi, da destra, l’ha definiti una brutta / sciocca / presuntuosa prestazione di pura muscolarità…; oggi il pm bulgaro ha deciso di scarcerare i tre arrestati, di “Ultràs-Italia”, e il cui avvocato ha precisato per mancanza di prove, per quanto verificatosi negli incidenti nel pre-partita, così, anche per uno di loro derubricata la posizione a persona semplicemente informata dei fatti …[!], e pare che in Italia comunque verrà loro applicata la misura del Daspo …. Gasp ! come si diceva in certi fumetti…. E domani è lunedì, per fortuna…? Saluti, decisamente amari [questa e-mail è del dopo-mezzanotte]. margherirosa | 12.10.2008
    achillide .
    VOMITEVOLE

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook