• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Lo sciopero del tempo
    12
    dic.
    2008

    Lo sciopero del tempo

    Condividi su:   Stampa

    Forse bisognerebbe ricominciare dal tempo, dal clima, dal pianeta influenzato. Vedere Roma e non solo in questo stato, fa pensare a miserie che vanno oltre Alemanno, Veltroni, Berlusconi ecc. Capisco lo sciopero della Cgil e capisco anche che da ieri si dica che per esempio lo sciopero dei trasporti sia stato interrotto causa maltempo. Ma forse bisognava invertire gli addendi: lo sciopero della Cgil, dei trasporti, della città di roma, del paese intierio è stato battuto in breccia dallo sciopero meterologico del tempo. Si ammutina il meteo, il Bounty rischia di affondare, capitano e ciurma dovrebbero prenderne atto invece che prenderci per i fondelli come se "tutto fosse normale". Mi aspetto dal Berlusca anche se a maggioranza e non condiviso, una specie di "Lodo maltempo". Saprà certamente come fare.o.b.

     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    margherirosa .
    eh sì, un antìco detto locale così rècita: “rù fuscì, nunn’è cùm’ rù còrr’…”. Cosa c’entri, e poi cosa significhi o pure viceversa, nell’ordine, modificando gli addendi famosi, non lo sò manco io… è lo stesso [?]; [l’è l’istèss ? come direbbero al nord, da qualche parte]; perché tanto mi andava di dirlo; e l’ho detto…; sempre sperando con ciò di non già aver titillàto / irritato / offeso la suscettibilità di “niùno…”, così come userebbe dire, e specificherebbe, e sottolineerebbe, pure il poeta che, a certe parole e “cose”, verbali, anche lui ci teneva, e ci tiene sempre…, eccome se ci…… Saluti. antonio [p.d.s.: benedetta lucidità, sopratutto quando ce n’è abbastanza o almeno un cincinìno…].
    margherirosa .
    e per la serie “diamo tempo al tempo”, [non già quello meteo-intèso], ecco che ci voleva proprio un sabato-sera, su Rai1, a base di Telethon somministrato a dosi quasi-industriali, per poter sdoganare, sgamare o sfatare, o già chissà cos’altro, quell’assunto ormai istituzionalizzato per cui “è questo un sabato qualunque…, un sabato italiano…”; nulla più sarà come prima, dopo una serata simile: pure càpita di zappingare, e ci si ritrova la vocina di Oliviero…, quasi-sovrastata da quella del cosidetto pippaccione-nazional-popolare…; era già tardùccio, e mi sono chiesto e detto fra me-&-me, chissà da quanto tempo stanno lì a “dialogare”, [e se così si può dire], e mi rendo conto che in effetti sulla famosa graticola ci sono niente-co-co-di-meno-co tal C.Mastella e W.Bordon, appollaiatisi su quel trespolo, col presentatore che gli gironzolava intorno, e con uno strano personaggio che non capivo bene cosa facesse, e se ne stava sullo sfondo, sorridente, e a tratti ammiccante, [quasi-inquietante], era semplicemente il direttore d’orchestra, quella dei musicanti, a me sconosciuto [e con quelle sue cuffie, e con tutto quanto il resto, sembrava quello della claque-applausi, o un altro degli operatori in sala]; poco male; superata questa sorte di ‘shock’ capisco che Oliviero ha una qualche difficoltà a difendersi a cospetto di cotanto par-terre-de-quài [si scrive così?], e c’è Sposini il bello [assieme alla signora Rutelli, all’esperto di statistica e quant’altro, e altri...]; già in tempi non sospetti avevo ipotizzato, preconizzato / addirittura auspicato, una contemporanea presenza dei due, in Tv, in una puntata della stessa trasmissione…[dopo le frequentazioni, a Telenorba, e dopo il suo passaggio in Rai…] e son stato così accontentato…[?] mah ! Non voglio tornare sulla “qualità” degli argomenti & temi affrontati, perché ne ho seguìto troppo poco, e posso solo venire alla personale e simpatica conclusione che: fermo restando che il Mastella è sempre più ormai una bestia da palcoscenico [sì per la stazza, e tutto quanto in resto], mi chiedo inevitabilmente che differenza ci possa esser tra il Willer e il Willy-coyote ? e se mai ci sìa stata in passato ? ah sì, Willy non scrive libri, prende solo testate e legnate a più non posso… e mangia sempre tanta polvere… e ovviamente non fa politica; detto questo, son un tantino stomacato dalla facilità di chiacchiere, inutili, nel e del contesto, e stò per girar-canale, quando capisco che lo show prevede un intermezzo: i due bimbetti simpatici, che tip-tappeggiano a suon di musica….; e se è vero che come si dice a Napoli: “ì criatùr’ sò pièzz’ ’e còre”, ecco che è fin troppo facile, sulla scorta di quanto si sà e di quanto ascoltato e visto, doversi convincere che pure certi giornalisti o politici-politicanti e quant’altro, troppo spesso “sò pièzz’ ’e xxxxx…?”, ovvero una banda di cosidetti sciacqua-lattuga…!! Giro, e vado su Telenorba, guidato dall’istinto, [mentre, già, su Televideo era apparsa l’ennesima dichiarazione di Bertolaso su questa lunga ondata di maltempo…], ecco che c’è il programma “Le barzellette di Uccio in Tv”; manco a farlo apposta si vede un prete che viene festeggiato nel suo decennale e, [in attesa del sindaco], lui racconta i primi anni e le difficoltà, e anche le tante gioie…, e in particolare non può dimenticare il primo in assoluto che andò a confessarsi da lui, e gliene raccontò di tutti colori, da spaventarsi; ma, infine ecco arriva finalmente il sindaco che tutti attendevano ansiosi e lui si scusa per il ritardo per motivi e impegni istituzionali […?], e ringrazia il parroco per tutti i dieci anni e sopratutto non può dimenticare di avere avuto l’onore di esser stato proprio il primo a confessarsi….; appunto ! Ora, è colpa mia? per questo stranissimo “intreccio” di coincidenze & situazioni-in-Tv…? Eh, non credo. Un sindaco, poi, è pure lui un politicante o un mèro burocrate o cos’altro…? Saluti. [p.d.s. 1: già il computer, come al sòlito dispettoso, mi correggeva tardùccio in “tardoccio”...(?)]; [p.d.s. 2: volevo scrivere sabato sera, a caldo, ma poi mi son detto che Oliviero non merita, adesso-come-adesso, in questo preciso frangente, lo sforzo...e ho rimandato il tutto già a bocce ferme..., ed anche perché il ricordo, lo shock, di tutto quanto visto è ancora vivido e netto...e nonostante tutto...; ma son andato a letto meno disgustato perché per mia fortuna quando son tornato su Ra1-Telethon, c’era un certo L.Barbarossa e mi sono sciacquato occhi e orecchie e tutto quanto, e lo ringrazio per questo... e gli voglio un infinità di bene.…]. Sintesi di tutto quanto: meglio i politici sul trespolo o la barzelletta? Fate voi. [p.d.s. 3: nel mentre stò per mandare la e-mail, la radio mi dice che a Torino all’Olimpico c’è S.Borgonovo, testimonial di Telethon, ma questo come ovvio è tutto un altro discorso…, con il suo appello accorato, con Kakà, e Trezequet, e tutto il resto…; e a proposito, e come disse il bravo telecronista, nel corso della scorsa finale di Coppa Intercontinentale: “eh no, no, non c’è più spazio pè kakà…”, che avrà voluto dì…?].
    margherirosa .
    sì Roma, e vabbène…; e per la serie “mèmini & meminìsse” ecco quì un brevissimo riassunto delle scorse puntanate, ciò in tema di acqua, risorse, e agricoltura & quant’altro: sappiate che ad esempio la diga di Occhìto, in quel di Foggia, viene regolarmente svuotata, e a mare probabilmente, quando c’è il cosidetto [e puntuale / issimo] “troppo-pieno” stagionale…; e che un bel giorno di appena tre anni fa circa, alcuni camionisti han rischiato di fare la fine, già di quella donna di Roma l’altro ieri, perché fermi in una piazzola di sosta della strada di collegamento del Vulture con il foggiano, sono stati inondati da una improvvisa e immensa massa d’acqua di “origine sconosciuta” e il fatto non è stato mai stato chiarito definitivamente…; poi ad esempio in questi giorni di piogge quasi-estreme, e dopo una lunga siccità, carenza di risorse idriche, ecco che i dati “ufficiali” degli Enti preposti ci dicono che alcune dighe importantissime sono sì appena ad un ventesimo circa della loro capienza massima-ottimale [30 milioni di mcubi rispetto ai 500 milioni complessivi, per Senise ad esempio] ma lo scotto pagato dagli agricoltori e dalla comunità per i danni lamentati è già incalcolabile….. e cosa vi devo dire di più ? Come si dice: “magno in pauco”. E spero di non aver offeso nessuno e di non aver tediato in particolare uno come f. [un vero “pezzo di f.”, senza nome specificato, a quanto pare], o Giuànn, o chi altri dei lettori-passivi / frequentatori assìdui di questo blog… Saluti. antonio [p.d.s.: com’era che diceva quella filastrocca, “giro-giro-tondo, etc…, etc…, e poi tutti col culo per terra…?]. Ciao, Barlow, sandrone & Co.
    Barlow .
    QUESTI Questi che ci avvelenano il futuro, questi sono il nulla, e nel nulla che avanza distruggono ogni cosa ad ogni nuova legge, ad ogni nuova modifica… posti di lavoro, famiglie, città. Questi sono il nulla artefici e gestori della globalizzazione. (Giugno – 2002… la data per quanti si accorgono “ora” della “crisi”) - Un pensiero a quanti hanno perso la vita sull’altare del PROFITTO forsennato e MALATO. Un pensiero ai parenti delle vittime sul lavoro. e. b. Ermanno Bartoli www.webalice.it/barlow
    Chip En Sai .
    Oliviero... il "Lodo maltempo" il Berlusca l'ha già presentato... alla Ue!... e glie'hanno anche passato... in barba a quegli ambientalisti *buontemponi* che non apprezzano la *polmonite* di *chi*... in quello stato... certamente *non va dal barbiere a farsi tagliare i capelli*!... ma quello lì... neppure *se la casa bruciasse*... uscirebbe allo "scoperto*... a meno che non gli tocchi andare dal tricologo per recuperare qualche crine che non può più farsi allungare! .-(

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook