• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Concorso dubbio
    17
    dic.
    2008

    Concorso dubbio

    Condividi su:   Stampa

    Riceviamo e pubblichiamo:--------------Le ombre sui concorsi della Provincia dell’Ogliastra, pochi ma buoni…Siamo un gruppo di persone, oltre 30, che hanno partecipato, a vario titolo ai concorsi banditi dalla Provincia dell’Ogliastra. Ma di seguito ci vogliamo soffermare su uno in particolare, non perché gli altri non avessero ombre, ma perché questo è il solo a cui abbiamo partecipato tutti.

    Va premesso che non siamo in posizione di firmare questa lettera per due ragioni, la prima: alcuni di noi sono ancora in attesa dei risultati del concorso di Istruttore Direttivo Amministrativo cat. D, e l’altra, certamente la più importante, abbiamo timore di pesanti ripercussioni nei nostri confronti. Chiunque viva in quest’angolo di paradiso sa bene a cosa ci riferiamo.Ad agosto 2008 la Provincia Ogliastra ha bandito tra gli altri, un concorso per 17 Istruttori Amministrativi; il 14 novembre è stata espletata la prova preselettiva, consistente in 30 quiz a risposta multipla, da noi tutti superata; in data 27  e 28 novembre si sono svolte: la prova scritta consistente in 15 domande a risposta sintetica e la prova teorico pratica consistente nella redazione di un atto, nella fattispecie un decreto di conferimento di incarico dirigenziale.Alcuni di noi  hanno superato la prova pratica ma non quella scritta, per quanto ci è dato sapere.Abbiamo notato nelle fasi della procedura concorsuale varie anomalie che le riportiamo di seguito:1. Assenza dei requisiti del presidente di commissione, in quanto assunto da circa un anno a tempo indeterminato con una procedura di stabilizzazione da contratto a tempo determinato e part-time.2. Incompatibilità della commissione con alcuni candidati: 3 membri della commissione su 4 sono interni alla provincia Ogliastra e lavorano nella stessa area di 8 candidati  ammessi

    ovviamente alla prova orale, con cui oltre che rapporti di lavoro hanno, da tempo, instaurato una forte amicizia, essendo alcuni addirittura vicini di casa, con ciò che ne consegue. Il quarto membro della commissione è un ex dipendente della stessa Provincia che a sua volta ha mantenuto stretti contatti con quelli che risultano essere i candidati alla prova orale.3. La pubblicazione dei test inerenti la preselezione è avvenuta nel sito istituzionale della Provincia, 5 giorni prima della stessa prova, senza che ciò fosse indicato nel bando di concorso, traendone quindi vantaggio esclusivamente le persone che con diverse forme collaborative lavorano all’interno della stessa provincia.4. Nel bando di concorso era previsto che la prova preselettiva sarebbe stata superata dai primi 60, mentre il giorno prima dell’espletamento della stessa, e dopo aver preso visione del risultato della prova preselettiva del concorso per Istruttore Amministrativo Direttivo cat. D,  il numero è stato esteso a 170.  Quando una dipendente (precaria), ha chiesto motivazione di tale incremento al presidente della commissione, lei con estremo candore ha risposto che era stato fatto per aiutare gli interni. 5. Durante la correzione dei test preselettivi non è stato permesso ad alcuno dei candidati di presenziare alla correzione, malgrado un gruppo di ben otto persone, tra cui qualche interno, abbia chiesto di poter partecipare.6. Durante la prova preselettiva, una volta estratta la busta con la prova da svolgersi, la stessa è stata portata fuori dall’aula per essere fotocopiata, mentre normalmente sono pronte le fotocopie per tutte e tre le prove.7. Durante le prove scritte i commissari hanno dato ripetutamente indicazioni ai candidati di loro conoscenza senza rendere partecipi gli altri candidati delle indicazioni da loro fornite, come avviene nei concorsi seri. Va peraltro precisato che la commissione ha controllato a campione alcuni dei testi che i candidati hanno utilizzato per le prove, evitando ovviamente alcuni candidati.8. A tutt’oggi i candidati di tale concorso sono ancora di attesa di conoscere i metodi di valutazione, in quanto malgrado le varie richieste la risposta è stata  per tutti la stessa: “dobbiamo prima avere una visione globale dei risultati, poi decideremo quali criteri utilizzare”. Detto ciò, siamo tutti coscienti di come vadano queste cose nel nostro bel paese, ma ci chiediamo se era necessario toglierci anche quei €10.33 per la tassa di iscrizione, non sarebbe stato meglio, visto che tale amministrazione pare abbia il dono dell’onnipotenza, stabilizzare i dipendenti della Provincia senza darci l’illusione di un posto di lavoro?A conferma della bontà di quanto affermato basta prendere visione delle graduatorie dei concorsi fin qui già espletati, con vincitori i cui nomi non destano sorprese in nessuna persona “onesta”.Invitiamo tutti coloro che hanno partecipato ai concorsi banditi dalla Provincia dell’Ogliastra, e che come noi hanno rilevato anomalie nello svolgimento dei suddetti a dire la loro dando voce ai propri malumori e fornendo utili contributi.
    La ringraziamoCordiali salutiConcorrenti truffatie-mail: concorsopulito@gmail.com

    Postato da Editor1
     commenti
    Commenti
    10
    Lascia un commento
    margherirosa .
    Anna, hai fatto benissimo a correggerti perché Oliviero è pure un tipìno fatto a suo modo; su quell’ acca a volte proprio non transìge e diventerebbe quasi-cattivo se non si pone rimedio. Ricordo che anche in Radio, teneva moltissimo a ché si scrivesse il suo cognome correttamente, guai! da far un cazziatone! Eh sì, a volte certi toscani, fiorentini e di zone limitrofe, in particolare, sarebbe meglio evitarli o girarci alla larga…; possono esser così barbosi! eppure quell’h in fondo è solo “mutìna”, …; bah! Te l’immagini uno così, e magari con il vìzio della cucina, un grande della culinaria, se ti becca a sbagliare poco-poco di sale…, ti mangia vivo…! cose da non credere, eppure…… A parte ciò ti elenco brevemente una serie di miei “timori”, quasi da togliere il sonno: 1) era pur meglio la versione originaria dello spot con Ibra, con quella bonazza della Uma che lo sgrida alla grande…., e invece adesso è appunto uno spot senza sale, troppo natalizio, sciapìto; 2) la ricerca a tutti i costi della voce un tantino gracchiante che ricordasse un vero gentiluomo come il compianto Corrado, e scegliendo quel “cummenda”, come presunto sostituto, su cui è meglio stendere un telo pietoso…; solo merdaset poteva far tali scempiaggini…; 3) e così anche Rai3 grazie a G.Minoli, si è data alle produzioni tv simil-soap “arghentinas”, le cosidette tele-arrovellas…a ché per certi versi e pure per altri fatti ormai Rai3 si avvicina a larghi passi a raccogliere proprio l’eredità costitutiva di Rete4, e pure le capperonate di tal Emilio…? mah! spero proprio di no…; 4) quel Panella poi, ho capìto chi è; anche senza sciarpa elegante fa cagare lo stesso… e sopratutto contraddice quel detto addirittura fondamentale dal punto di vista antropologico-propedeutico-didattico-pedagogico “mazz’ e panell’ fànn’ l’ fìgl’ bell’… Perdonami, Anna, per averti messo “in mezzo”, come si dice, ma dovevo dirle certe cose; e se poi dentro di te e proprio in quanto tale si cèlasse addirittura una lucana-doc, allora siamo a posto così, quasi fatto tombola…… Saluti cari. antonio [p.d.s.: mica male, quel didattico - -, etc, etc…? un tantino “complicato”, forse, ma in qualche modo efficace, credo…].
    margherirosa .
    come vedi Chip, non solo quel nostro amico bolognese è estremamente compìto, ma anche Anna è gentilissima, e ciò per fare solo alcuni esempi…; e perciò ti dico perché non impari da loro già una volta tanto e per tutte ? devi soltanto sforzarti un pochino, solo un cincinìno, [come dicono al nord, proprio dove tu peraltro vivi], cosa ti costa, in fondo..; e non esser / fare sempre il sòlito, e anche a Natale, poi……; sì, lo sò che sei un tantìno rude, e pure ti capisco, però…… Saluti cari & auguri... antonio
    margherirosa .
    spot natalizio: per avere denti bianchi-splìndenti e un sorriso assolutamente brillante, etc…, potete provare “Tòtal-gàte”, il nuovissimo dentifricio assolutamente made in Basilicata fatto con i residui della lavorazione del petrolio “nostrano” [già rigorosamente artigianale s’intende] e poi con scorie nucleari…, perché in certi casi non si butta via niente…; e così nessun germe potrà resistere, fra le vostre gengive…; ha inoltre azione anti-calcare, anti-stuzzicadenti pervicaci, & via discorrendo…; unica controindicazione, è utilizzarlo in assenza di fonti di calore, rigorosamente, perché potrebbe prender fuoco, e compresa la vostra bocca, siete avvisati… Saluti. antonio [p.d.s.: e un consiglio è invece di diffidare dei prodotti a base di erbe e quant’altro di innaturale, come la menta inviperita] [inviperita da cosa ? vi chiederete…, ma dal petrolio, è ovvio no…!] [col gàte che la compro…!!!, la menta inviperita] [come vedete torna inesorabilmente il tema del carbone e pentolone nerissimo, e quant’altro…, in una terra di bizantìnia sempre così piena di “cose” buone e “nuove” (…cùm’ lu scìst’…) vero Mché…?]. Perciò, non fatevi pregare, comprate “Tòtal-gàte” per tornare a sorridere come prima e più di prima…!?!? è l’unico dentifricio rigorosamente lucano, ad azione totale……
    achillide .
    Graffio graffiante, Antò, chill ù fatt è nir,nir. Nir nir comme a te. Panella !!!!!! becero individuo che si sputa nello specchio e lo specchio si scansa dallo schifo. Lo ricordo in un trasmissione in cui si dimostrava che gli Italiani dicevano quelo che lui voleva si dicesse, naturalmente sappiamo come funziona. Adesso dobbiamo assistere alle vomitevol sue parol come uno che sa parlare di qualcosa, Fido Fede è un gigante di frone a questo e a quell'altra perla che è Liguori. Per oggi basta per non guastyarci il natale, però quello che mho più apprezzato di beha, è stat quando ha detto alla Lanzilotta(credo) che questa schifosa legge elettorale era stata approvata con l'appoggio siulente de3ll'opposizione, che se voleva all'epoca avrebbe portato in piazza milioni di persone e col cavolo sarebbe passata, vedere la faccia ipocrita di quella donna era uno spettacolo. Dimostrazione che Beha aveva ragione è stata la farsa delle primarie per il segretario con liste bloccate, uno schifo. Ciao Antò in Basilicata non succede mai niente perchè è già successo tutto, mah!!!!
    Anna Edna .
    sorry...Beha! Ero fuori argomento, ma qui c'è apertura. Non sopporto nè fazio nè la sua socìa pseudo comica. A me fanno schifo e pena, potessi chederei alla Rai i danni per aver ruffianamente trasmesso il concerto dell'evasore bocelli e per il fatto di fare continuamente pubblità alla porcata naalizia scritta dalla tizietta per mondadori. Giochini sporchi. Così vanno le cose, dici nell'altro post, ma, proprio così devono andare? Io direi di no, e sono stanca di vedere miserabili rinnegati spacciati per giornalisti con contratti milionari solo perchè leccano e lucidano bene. A.Edna
    Anna Edna .
    Simpaticissimo Antonio, buona domenica anche a te! Almeno, spero lo sia fin qui stata. Il piacere di assaporare, seppur per pochi minuti, oliviero in coda al tg3 l'abbiamo avuto e come suo solito se li fa bastare, il graffio lo lascia. Prima la traduzione visto che mi solletichi e solleciti: "Dice il tizzone carbonizzato (ardente) al calderone (pentolone):" scostati che tu mi tingi"! Eheheh...va bene la lucana? 1) il ceffo mascherato è Carlo Panella, partito da lotta continua e finito al Foglio ed a merdset, permettimi la cambronnata ma il tipino ci sguazza ben bene, e puzza. 2) lady mummia, da Roma ad Hammamet alle Piramidi e poi di nuovo a Roma: margheripassa boniver. Dovresti poter chiedere ad Oliviero che l'ha avuta vicino, povera torla non riesce neppure a parlare tanto è tirata e gonfiata: boccheggia come un pesce. Bhea li ha accucciati entrambi. :-))) A ritrovarci A.Edna
    margherirosa .
    a proposito della recente crisi morale-politico-amministrativa alias l’ennesimo scandalo-tangenti o simil-tali, c’è da sottolineare il fatto che mi pare di notar uno strano filo conduttore, [per così dire, “di Arianna…” ?], che lega varie regioni, del centro-meridione, Basilicata compresa: il linguaggio, infatti, è la cosidetta parola-&-concetto-chiave; anche i giornalisti nostrani continuano a parlare di una Totàl Servìs [cfr.: anziché Tòtal Sèrvice; più correttamente], ove, l’accentazione sbagliata è in effetti il dagherrotipo o la crosta d’una situazione più complessa…; sembra quasi di risentire certe “cose” che appartenevano o che dovrebbero appartenere solo all’immediato dopo-guerra: “Uagliù, attenziòn’, mo’ arriv’ la Polìs, e mètt’ ìnd’ a chi vòl’ ìs…” [ove come ovvio, si allude alla “Mìlitar Pòlice”, americana, che appunto già cercava di contrastare l’illegalità e il malaffare che……]; già, dovrebbe esser passato un secolo, e invece siamo punto-&-a-capo; sembra sì come se la guerra sìa appena finita e con tutte le conseguenze immaginabili…. Non è solo un banale errore, che dipende dal dialetto o dalla intonazione, dalla cadenza dialettale o altro; è qualcosa di molto più complesso che si ripercuote inesorabilmente sul resto; per accorgersene del diverso modo di far informazione da parte dei vari Tg, ad esempio, è sufficiente ascoltare le edizioni regionali, e poi nazionali, e già tanto, e molto cambia, sia nella forma; e pure nella famosa sostanza..? Non è poi un semplice fatto generazionale o congiunturale o altro o una fìsima; ma è un cosidetto elemento “culturale”, vero e proprio più ampio e determinante per le sorti di una fetta di nazione…, e che lascia sì presagire un peggio, che forse deve ancora venire…… E è così che stanno le “cose”, purtroppo, credetemi…… Saluti. antonio
    margherirosa .
    e a proposito di Rai, ieri sera, il sòlito Fazio Fabio [come lo chiama il miglior Cetto La Qualunque] presentatore sempre così beneducato [e pure faziosetto?], nel presentare il suo ospite di turno, lì per parlare del suo ultimo libro, l’ha definito innanzitutto un “amico”, e poi finanche autore di un libro “importante”…, il che significa che ad esempio uno come Oliviero non gli è poi tanto “amico”… e che se lo stesso Oliviero scrive libri [tanti e diversi per il vero] non sono altrettanto “importanti” ?? e che quindi può avere-vantare forse o al massimo amici / e semplici estimatori al Tg3 e poco altro ormai……E questo è quanto, o sbaglio? Non penso di aver ascoltato fischi per lanterne / viceversa …… Saluti. antonio [p.d.s.: mi pare che tutto sommato la parola importante è abbastanza “diversa” e appunto importante, rispetto a un semplice “bellissimo”, ad esempio, o no…?]
    margherirosa .
    carissima Anna, per rendermi meglio intelleggibili i fatti che ci racconti, ti chiederei qui, di meglio specificare nell’ordine i seguenti accenni: 1) cosa intendi quando ci dìci che “sei decisamente OT”, ovvero cosa significa ?; 2) e siccome come avrai in precedenza capìto, in Italia non tutti seguono il satellitare o sono dei fan delle Tv satellitari, [proprio come il sottoscritto, guarda caso], ti chiedo sì chi sono i vari servi [immagino a questo punto “della gleba”] cui accenni e visto che non puoi fare nombre e cognombre, mi faresti almeno capire, pure per sommi capi o indirettamente, chi possano essere, e sopratutto chi è quel barbùtos [carnibàl…] che, con tanto di barba e sciarpa, dev’esser un vero “signore // un “bel tipìno”…; 3) e infine chi è quella “mummia”…? Infine, quanto al risalir la famosa chìna, non sono poi così ottimista come te…… ma lo si sà che ognuno mantiene la propria “scuola” di pensiero in mèrito… e più o meno convincente / accattivante…; peraltro, un simpatico proverbio locale recita così; rìc’ ’nu t’zzòn’ r’ carvòn’ a ’nu cuararòn’: “Uhè scuòst’t…., ca tu m’ tìgn’…!”, il che nel contesto non c’entra molto, forse, però fa molto ridere o almeno sorridere…[e quanto poi alla traduzione del testo, potrà intervenire il buon Achillide, che, come ben saprai, è un antropologo, coi veri mustacchi e sì contro-mustacchi, oltre che mio conterraneo, e voglio proprio vedere nella fattispecie se lui conosce ben-bene il dialetto, come dice, e tutto quanto ne consegue]. Buona domenica. …… Saluti cari. antonio
    Anna Edna .
    Sono decisamente OT caro Oliviero, ma voglio ringraziarti per la tua pregevole presenza ad omnibus di stamane: col tuo spirito pungente e la tua ineffabile onestà che ti fa -ben bene- di re la verità in modo inconfutabile hai annientato i servi, soprattutto il miserabile coperto da barba e sciarpa. Da abbraccio, quando alla mummia che asseriva di non vedere poi tante facce turpi in Parlamento hai tirato la stoccata completa sull'estetica. Con poco riesci a dire tutto. Sei uno dei migliori, se la Rai non fosse così degradata avresti il tuo giusto spazio. Ma si risalirà. Buon lavoro A.Edna

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook