• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Peduncoli materani
    07
    gen.
    2009

    Peduncoli materani

    Condividi su:   Stampa

    Chi volesse ascoltare ciò che ho detto, può farlo sul sito delTg3, edizione delle 19 di domenica 4 gennaio. Per notizie sul firmatario di questo comunicato, sono preziosi gli atti della Procura di Salerno concernenti l'inchiesta di De Magistris: potete servirvi da voi al buffet, al sito www.ilresto.info/11.html, cliccando sul nome dell'ispettore della Mobile oggi consigliere comunale di AN, Pedicini Adriano.o.b.(p.s. l'h, Pedicini, l'h per favore...)-------------------COMUNICATO STAMPABEASpesso, alcuni giornalisti, riescono a distorcere in maniera perversa il senso delle cose e soprattutto quel che nasce come buon proposito. Quanto udito ieri da Oliverio Bea, giornalista di rai tre nel tg nazionale delle ore 19.00, va aldilà della genuina cronaca sportiva ma ancor di più della giusta interpretazione dei fatti, straripati nella bassezza del commento politico e del chiacchiericcio da bottega.

    Il giornalista parla del Sindaco Buccico che ha premiato Gianvito Plasmati per l’episodio che tutte le Tv ed i media hanno riportato non appena il calciatore si cala i calzoncini nella partita Catania-Torino, si meraviglia che, un personaggio che ha ricoperto incarichi di governo, (e li elenca), possa ridursi a tali scadimenti; da buon cronista sportivo, non può far a meno, né si trattiene dall’aggiungere che si tratta di un sindaco inquisito nella fantomatica attività giudiziaria denominata toghe lucane.Sento il dovere morale, quale promotore ed organizzatore della consegna del premio, di dare una risposta e simili fandonie, per il sol motivo che nella conferenza stampa tenuta quella mattina, è stato ben spiegato l’intento della premiazione, tutti i giornali ne hanno dato la giusta interpretazione cogliendo con puntualità ogni parola. Lo spunto di premiare PLASMATI viene dal mio interesse nello sport, tanti anni a pedalare in tutta Italia, sono uno sportivo da sempre, so quanto si suda e quanto scarse siano le gratificazioni, specialmente quando vieni da una città del sud, dove emergere in qualunque sport è molto più difficile, per tal motivo, mi son proposto di ricompensare con un piccolo pensiero ogni cittadino materano distintosi nello sport. Così ho fatto con POZZOVIVO, la scorsa estate dopo lo splendido giro d’Italia che lo ha visto nono in classifica generale, ho continuato con Plasmati con la certezza di far cosa gradita a lui ed allo sport di questa splendida città.La consegna del premio a Plasmati è venuta in tutta fretta, solo il giorno prima ne ho dato notizia al Sindaco, tutti sanno che è un grande tifoso del TORINO,  non doveva esserci, considerava il gesto di Plasmati anti-sportivo soprattutto perché rivolto alla sua squadra, ho dovuto faticare non poco per dimostrare che piccoli colpi bassi nello sport ci posson stare.   Sai una cosa egregio BEA noi materani non abbiamo molti campioni, quei pochi cerchiamo di farli sentire più vicini alla città, il sindaco non ha fatto di Plasmati un eroe cittadino, come tu dici, ha semplicemente gratificato l’unico calciatore di serie A che la città possiede. Lasciamo allo sport quel briciolo di malizia e di improvvisazione fuori dalle righe, (Zidan insegna), tutto sommato sono una componente del gioco più bello del mondo, ma continuiamo a parlare di sport e dei suoi contorni, non mescoliamo cose che non inquadrano il significato ma, dimenticavo,  per far ciò c’è bisogno di bravi opinionisti sportivi, forse scarseggiano.Adriano Pedicini Consigliere di Alleanza Nazionale
     

     commenti
    Commenti
    11
    Lascia un commento
    Anna Edna .
    margherirò, agghie proprie piacer d't'legge oje, e vist ca ce n'è c' tutt, je 'm pigghie subit à parta meje...'at-ca-befana...uè, che bella lusinga, la distanza ci fa belli, come la morte, brr... battutaccia, lo so! Abbeverata ier sera dai pochi e perciò ancor più preziosi minuti di Oliviero nostro (oh, gli piace il twist..., me lo immaginerei ben bene nel contesto, bel bello, tanto bellino e baldanzoso a zorrare già in culla), soprattutto nella parentesi sulla giustizia sportiva richiesta da G.G., quando ha sintetizzato che, tolta l'associazione a delinquere e rimasta la vacua, risibile ed incomprensibile violenza privata, con Moggi senior e junior...mancava solo la mamma! E poi i pasticci all'italiana: 30.000.00 euro e passa, solo di rinfreschi! Tanto pungente, intenso ed espressivo Oliviero, anche con gli occhiali al collo, che sembrava parlasse proprio solo a me, ma anche a te, insomma proprio a noi, madonna se è telegenico stù bellu uàglione! A me, a vederlo e sentirlo, arriva ossigeno. Lo vedrei attore in qualche parte di G. Peck, immagina che meraviglioso Atticus Finch sarebbe, ed ora, dopo un pò, arrivi graditissimo pure tu, maronna quanta grazia! Eccoti il rigo intraducibile: "lo vogliàmo, lo vogliamo, e senza Dio, dobbiamo volerlo noi"; è dovuto al ricordo indelebile da condizionamento continuo subìto da piccola, quando per ogni cosa, anche e soprattutto darsi semplicemente appuntamento a rivedersi di lì a poche ore, a messa o per colazione, ci si rimetteva alla volontà di Dio; e le -vecchie-, bisbigliavano le paroline tanto velocemente, come nel rosario di cui ben poco loro stesse capivano, che a me arrivavano incomprensibili nel loro soffio sonoro, e nei primi due anni di vita mi sono lambiccata a pensare chè volesse mai dire quel "sù dùje vòt" che usciva dagli scialli neri e restava nell'aria per m e, a metà tra -due voti- o - due volte- che, in ogni caso, non mi spiegava niente. Parecchio dopo, il mistero mi si è chiarito in "se Dio vuole", ma, a quel che pare ...non vuole, o non può, e come dice Benni, in tal caso ci fa più bella figura, quindi pensiamoci noi, no? Il mio belsito naturale, quello per intenderci del miglior cacciatore di lepri, che per la verità ha anche regalato a quanti ne manifestassero gradimento volpi varie e a centinaia (pensa che pelliccerìa se avesse avuto l'animo imprenditor, ma era un puro, seppure con la passione della caccia) è nel materano, il materno potentino che citi, nello specifico personale, Corleto Perticara, l'ho frequentato poco e solo d'estate in cerca d'aria fina; belsito per altezza il mio, ma unico, pericolosissimo orrido in cui mi avventuravo con spavalda leggerezza fino a smarrirmi, eludendo spesso la giovanissima e distratta sorveglianza materna e lì, oltre il Piccicarello, ci sarebbe voluto un amico come Oliver! Letteralmente si traduce in "tana degli arabi" e prima o poi ti darò qualche coordinata perchè tu che sei in zona, possa andare a rivederlo anche per me, e ti assicuro che se andassi in una giornata ventosa sentiresti anche la mia voce che, in buona parte, vaga lassù. Intanto però, se digiti "à ravatène", trovi questa ed altre poesie dello stesso autore, dotto compaesano tradotto vezzosamente anche in francese, lingua a noi storicamente familiare, magari ci arrivi prima e da solo. Fèm sapè... Un caro saluto ed un abbraccio già affettuoso, allargato a Mchèje, Oliviero ed a chi gradirà. A. Edna
    margherirosa .
    per la serie “ce n’è un pò per tutti…”, ecco alcune puntualizzazioni: 1) Annarella [già grandissima figliulazza e nonché bonazza][’at-ca-befana…!], come pure ti dicevo, in un’altra mail, mi sfugge il significato di quel rigo finale [Lu uèm, lu uèm, e senza Dìje, l'ema uè nùje] e poi di quel testo sulla “majìa” [cfr.: come fosse una magìa] ovvero i primi righi che proprio non ho capìto, e che non son riuscito a tradurre a dovere, e mi spiace, è così; comunque, come vedi siamo un tantino nell’occhio del ciclone, già dall’inizio dell’anno, e c’è forse pure chi non ci sopporta (?)…; e, a suo tempo, hai fatto benissimo a correggere quella h mancante…, perché altrimenti lo vedi poi cosa succede…!; e ti suggerirei di non usare il vezzeggiativo english, Oliver, e non lo farò più manco io, per lo stesso motivo, perché…; e poi non son sicuro se a Oliviero gli piaccia il twist, per cui…. [che battuta, già esilarante!!], in quanto lui è anche una sorta di anti-eroe…, fondamentalmente…; e hai notato che, ogni tanto pùre a Mché gli vengono i famosi, cinque minuti, e minaccia… ma gli passa… ehehehe; 2) fabs e verdecupo vi dovete mettere d’accordo sul che cosa volete e vi aspettate da questo blog !; sì, perché se volete lèggere gli interventi, questi come sapete sono quasi sempre scarsissimi e poco continui e peraltro fatti in genere da pochissimissimi frequentatori… o se non volete gli interventi-&-anche-le-news [che chiamate condominiali!, e la cosa non mi è andata giù] vi dovrete alla lunga rassegnare, credo…; non è colpa di noi lucani, se l’Italia è uno strano Paese, dove sì abbondano le situazioni dove gli italiani rispecchiano abbastanza l’ultima notizia, di cronaca, di questi giorni, sì, cioè ampiamente-irreversibilmente scaduti, come quei wurstel, e quei pomodori, in scatola, e altro cibo ancòra, rigorosamente avariato da dieci anni, e scoperto nell’avellinese…e pronto per l’uso !; così sono gli italiani, scaduti da tempo e tempo, e comunque pronti per esser presi nuovamente pei fondelli…!!; ed in particolare non mi è piaciuta la vostra allusione-paragone al “surrealismo” e mi chiedo invece col vostro atteggiamento, se non vogliate esser surrettìzii, tanto per non sbagliare !?; non ho idea di cosa sìa un topic, ma sò fin troppo bene che la discussione è spesso da cercare colla cosidetta lente di ingrandimento… e non per nulla e in tempi non sospetti, avevo creato l’allusione assolutamente ironicosarcasticametaforica al mega-salòon-Italia, quello con tanto di megaschermo, e con pistoleros a volontà, in pieno clìma Far-west, e pure con i nani-&-ballerine a jòsa…; noi non facciamo conversazioni private, e non impediamo agli altri di parteciparvi e anzi sono gli Altri che difficilmente dicono la loro e che per proprio uso e costume non partecipano, e non si sbilanciano, e poi, non è che per caso fate parte dello stesso Club-tipo-mediterranèe di zetazeta???; sì, potreste; 3) astro mi devi spiegare perché Voi potentini, tutti indistintamente rimarcate sempre quel ’mbèr a la terra, anche a chi con quel quartiere non ha nulla a che fare…, e ciò senza alcun aspetto di tipica intolleranza rionale da voler sottolineare; però a Voi la cosa vi stuzzica alquanto, e non Vi lasciate scappare mai l’occasione…! tutto ciò, che non è potentino, vi sembra in qualche modo strano …!; e visto che sei l’unico più a portata di mano, prima o poi dovremo vederci, e risolvere la questione senza però aver prima dimenticato di scegliere l’arma, è ovvio questo, no…?; e sarai d’accordo..?; 4) Mché, guarda che saremmo appunto in quattro, compreso l’astro di cui sopra, non te lo scordare …., mi raccomando; perché è pur vero che per un potentino non c’è molto altro oltre allo gn’è…, e allo gn’ stà… e al c’ giàmm a pigghià nu cafe’…ma bisogna avere pazienza e sapere aspettare che càmbino…, o che migliòrino…, almeno-almeno un cincinìno…, io mi accontento……e è vero che hanno sempre un tantìno la puzza sotto il nasino ma non sono poi da buttare del tutto… Saluti cari [p.d.s.: Annarè, per caso il Belsìto è quel belvedere che stà di fronte alla parte vecchia della città e che bypassando la garavìna permette d’inoltrarsi verso una parte delle tantissime chiese e chiesette rupestri ?].
    astronik .
    Magistrale lezione di dialetto aviglianese! Ma atkakazz è un'espressione che si usa pure nella "capitale", non è una prerogativa di 'mper la terr! Visto che segui le mie incursioni mediatiche mi meraviglio che non mi hai ancora "scoperto" a casa tua.......
    margherirosa .
    [p.d.s.: se ti chiamassi Silvestro, avrei ad esempio inventato o detto sparalest[r]o..., o se invece Saverio, allora poco-serio..., quasi-inevitabilmente] [ma per fortuna (di entrambi noi) ti chiami solo Antonio, semplicemente…; eh, sì, che simpatico che sono…!]. Saluti. [poi, sui peduncoli: in un altro momento, evidentemente…]
    margherirosa .
    ah ! ah ! ah ! ah ! nic-astro, [proprio tu quell’impiastro; e visto come fa bella rima ?]; l’espressione “atkakazz” non mi sembra prop’tamente [così come usasi dire a Napoli] potentina-potentina-doc… o sbaglio…? Ma sì, ti perdòno e ti capisco, per queste tue incursioni nel mio dialetto perché in certi casi solo un sano dialetto lucano e certe sue espressioni sintetiche, anche quelle più azzaccarùse [tu sài o dovresti saperne il significato del termine] che ci forniscono un quadro, complessivo, possono dar l’idea della ridicolaggine di tutto il contesto, di cui sopra… E chiudo con un sempre simpatico: mannaggia li pescetti…!; in questo caso matarrani; eh pescetti di montagna…..., dove però il gusto non sempre ci guadagna…, come altrimenti recitava quella nota pubblicità... … [!]. Saluti. antonio
    verdecupo .
    ... ma che vuoi che dica...
    achillide .
    di EMILIO SALIERNO MATERA - Le case nuove e intorno tanti disagi per la mancanza delle opere di urbanizzazione che il Comune non ha ancora realizzato. Accade a La Martella, nella zona dove sorgono da circa due anni 34 alloggi di edilizia residenziale pubblica. Appartamenti nuovi di zecca in un contesto di degrado assoluto: strade non asfaltate, nessun marciapiede, buche, fango e pozze d’acqua dovunque. E non c’è la pubblica illuminazione e nemmeno l’al - lacciamento alla rete telefonica. Insomma, una situazione insostenibile per i residenti del rione, costretti ad utilizzare gli stivali di gomma e tante altre precauzioni addirittura per entrare e uscire dalle abitazioni. Sono gli stessi abitanti ad aver denunciato la situazione alla «Gazzetta». Pedicini hai da dire qualcosa?
    Anna Edna .
    Per Achillide e Oliver: omuncolo o peduncolo che il materano sia, occorre marcarlo con la lima -a pellicina- l'alleato nazionale, quello è megalomaniaco sportivo, ha manifestato altre incentivazioni per il prossimo futuro, fatevele spiegare . Ad una città senza collegamenti ferroviari si deve rendere conto di ogni distrazione, specie se pretestuosa. Che pompa! Ambasciatore... Ho cercato notizie e tra le altre, promette:"Voglio ricordare che lo sport è fondamentale per la crescita economica di una città e Matera non può fare eccezione. -Pertanto dobbiamo lavorare in sede di approvazione del prossimo bilancio per destinare maggiori fondi allo sport”-. Che altro vorrà fare -per lo sport- in combutta con l'Arfò? E poi, con quel popò di maggioranza, oggi niente potrebbe stupirmi; è giustappunto a Matera che s'è potuta realizzare quella cinica perla, rappresentazione del tutto e del nulla, de "Il lato grottesco della vita", no? Uagliò: occhie 'e ricchie apert... A.Edna
    Chip En Sai .
    "al buffet, al sito www.ilresto.info/11.html"... non ho trovato il "nome dell'ispettore della Mobile oggi consigliere comunale di AN, Pedicini Adriano"!... Ho provato anche a cercare nel documento in pdf... riguardante "gli atti della Procura di Salerno concernenti l'inchiesta di De Magistris"... ma quel nome non compare!... Dove dovrei cliccare? .-(
    achillide .
    Fantomatica!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Caro organizzatore mi dici chi ha messo i soldi per questo premio? E se come penso sono pubblici quanti soldi sono stati spesi e quale ritorno d'immagine si è avuto?Vorrei un elenco dei giornali che ne hanno parlato anche perchè non credo che tutti i giornali non hanno meglio da fare che occuparsi di simil premio. M'interesserebbe sapere come si forma il giudizio sul premio e se i giurati hanno incassato il famoso gettone di presenza. E basta con lo spreco di denaro per iniziative che servono a stare in prima pagina sui giornali locali per far vedere che si esiste. Chissà che un magistrato non vada a vedere come vengono spesi certi soldi , magari gli stessi soldi, servirebbero ad una comunità di per se disastrata. Caro consigliere, come direbbe il suo padrone: "si contenga".I lucani sono persone per bene, che male hanno fatto per avere politici del genere?
    sandrone .
    pedicini... incommentabile!!!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook