• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Vi consiglio un libro
    12
    mar.
    2009

    Vi consiglio un libro

    Condividi su:   Stampa

    O.B.------------NON AVRAI ALTRO DIOdi GIANNI PERRELLIJohn Murray è un medico americano di madre italiana. È ricco, ha studiato a Milano e negli Stati Uniti, ha avuto una giovinezza facile e spensierata. Poi arriva l’11 settembre 2001 e Judith, la sua fidanzata con cui sta per sposarsi, muore nel crollo delle Torri Gemelle. Segnato dal dolore, John lascia la comoda vita newyorkese e compie una scelta che appare a tutti bizzarra: diventa «medico degli iracheni» nella Baghdad devastata dalla guerra. Sa perfettamente che tra i suoi pazienti potrebbe esserci qualche complice dei terroristi che hanno distrutto la sua vita e i suoi sogni, ma lui sembra quasi sperarlo, come se curare un «nemico» fosse un modo per espiare le colpe dell’Occidente. Svolge il proprio lavoro con cinico impegno, senza lasciarsi sfiorare dai sentimenti ma senza mai tirarsi indietro. La sua dedizione, però, non gli concede alcuna franchigia: i ribelli lo rapiscono e lo processano, accusandolo di essere una spia. Nelle diverse prigioni in cui viene trasferito conosce altri ostaggi come lui, uomini sfiniti, senza più speranza, e sopporta interrogatori serrati con una specie di stoica rassegnazione. Intanto, nelle lunghe giornate solitarie in attesa di una fine di qualunque tipo, ripercorre la propria esistenza e si interroga su un mondo nel quale fanatismo e violenza hanno cancellato ogni regola e ogni capacità di comunicare.

    _____________Dopo una parentesi giovanile nel giornalismo sportivo, Gianni Perrelli è stato caporedattore e corrispondente dagli Stati Uniti dell’«Europeo» e dell’«Espresso», per cui continua a curare reportage dall’estero.«Un tempo un mio vecchio amico newyorkese che si atteggiava a saggio mi disse che nella vita di ogni individuo si verificano un paio di miracoli al giorno: quando ci si alza la mattina e quando si va a letto la notte. Io ridevo. Che c’era di tanto prodigioso nelle scansioni fisiologiche tra la veglia e il sonno? A Baghdad l’ho capito.»

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook