• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Analisi decreto correttivo dlgs 81/08: eccome se si ab...
    30
    mar.
    2009

    Analisi decreto correttivo dlgs 81/08: eccome se si abbassa la guardia sulla sicurezza sul lavoro

    Condividi su:   Stampa

    L'altra settimana Il Ministro del Lavoro Sacconi disse: "Non permetterò a nessuno di dire che il governo abbassa la guardia su questo fronte".Ieri il Consiglio dei Ministri è stato approvato il Decreto correttivo al Dlgs 81/08 (Testo Unico sicurezza sul lavoro), che ovviamente non entrerà subito in vigore, perchè dovrà passare al vaglio della Conferenza Stato-Regioni, delle commissioni parlamentari e delle parti sociali. Da come la racconta il governo, questo decreto aumenta la sicurezza nei luoghi di lavoro, però si è badato bene dal pubblicarlo sul sito del Governo.Siamo veramente sicuri che le cose stiano come dice il Governo Berlusconi?Analizziamo nei dettagli alcune di queste modifiche:

    Art 14 del Dlgs 81/ 08 (Disposizioni per il contrasto di lavoro irregolare e per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori):Il comma 1 è stato praticamente sostituito, adesso per sospendere un attività imprenditoriale non basteranno più delle “gravi e reiterate” violazioni, ma ci vorranno “gravi e plurime” violazioni in materia di sicurezza sul lavoro, cioè almeno 3,Lettera c, comma 4: prima c’era una sanzione pecuniaria aggiuntiva unica di 2500 euro, rispetto al comma 6, adesso, la sanzione scende a 1500 euro nel caso di sospensione di lavoro irregolare, mentre è di 2500 euro, nel caso di sospensione per gravi e plurime violazioni in materia di sicurezza sul lavoro.Comma 10: Per il datore di lavoro che non ottomperava al provvedimento di sospensione, c’era l’arresto  fino a 6 mesi, adesso ci sono due ipotesi,  l’arresto fino a 6 mesi nell’ipotesi di gravi e plurime violazioni in materia di sicurezza sul lavoro e con l’arresto da 3 a 6 mesi o con l’ammenda da 2500 euro a 6400 euro, nel caso di sospensione per lavoro irregolare.E’ stato aggiunto un comma 11 bis, in cui si dice chiaramente che il provvedimento di sospensione per lavoro irregolare, non si applica nel caso di primo lavoratore occupato dall’impresa che non abbia mai avuto in precedenza dipendenti.Art 25 del Dlgs 81/08 (Obblighi del medico competente):Lettera e: prima il medico competente doveva consegnare  al lavoratore, in caso di licenziamento, tutta la documentazione sanitaria in suo possesso.Adesso gli consegna copia della cartella sanitaria di rischio, la quale deve essere tempestivamente comunicata al datore di lavoro, mentre l’originale della cartella sanitaria viene conservata dal datore di lavoro per almeno 10 anni.Art 41 del Dlgs 81/08 (Sorveglianza Sanitaria):Lettera a: Prima il medico competente effettuava la sorveglianza sanitaria in base alla normativa vigente, alla direttive europee, nonchè dalle indicazioni fornite dalla commissione consultiva  di cui all’articolo 6, ma il Governo Berlusconi ha pensato bene di cancellare, in base alle direttive europee.Lettera e: si cancella il divieto della visita medica preassuntiva, violando lo Statuto dei lavoratori (Legge 300 del 1970).Inoltre si istituisce l’obbligo della visita medica alla ripresa del lavoro, dopo una lunga malattia (almeno sessanta giorni continuativi), al fine di verificare l’idoneità alla mansioni.Art 42 del Dlgs 81/08 (Provvedimenti in  caso di inidoneità alla mansione specifica):Comma 1: Prima in caso di inidoneità alla mansione  specifica , un lavoratore, ove possibile veniva adibito  ad altra mansione compatibile con il suo stato di salute, e in caso di mansione inferiore, conservava la retribuzione corrispondente alla mansione svolta, nonchè la qualifica originaria.Adesso conserva lo stesso la retribuzione corrispondente in caso venga adibito a mansione inferiore, ma non la qualifica originaria.Art 55 del Dlgs 81/08 (Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente):L’articolo 55 è stato completamente riscritto.Prima per il datore di lavoro che ometteva la valutazione dei rischi, c’era l’arresto da quattro a otto mesi o in alternativa l’ammenda da 5000 a 15000 euro, adesso l’arresto da tre a sei mesi o l’ammenda da 2500 a 6400 euro.Per le aziende che esponevano i lavoratori a rischi biologici, da atmosfere esplosive, cancerogeni e mutageni e da attività di manutenzione, rimozione smaltimento e bonifica amianto, c’era l’arresto da 6 mesi ad un anno, adesso la pena dell’arresto scende da quattro fino a 8 mesi.Inoltre molte sanzioni dei datori di lavoro e dei dirigenti sono state dimezzate.Art 56 del Dlgs 81/08 (Sanzioni per il preposto):Anche l’articolo delle sanzioni per il preposto è stato completamente riscritto.Prima il preposto che non vigilava sull’osservanza dei singoli lavoratori degli obblighi di legge, di sicurezza sul lavoro, di uso di DPI a loro disposizione, che faceva riprendere l’attività lavorativa in caso di un pericolo grave ed immediato, che non segnalava al datore di lavoro le deficienze dei mezzi e delle attrezzature di lavoro e dei DPI, sia in ogni altra situazione di pericolo, venivano puniti con l’arresto da uno a tre mesi o con l’ammenda da 500 a 2000 euro, adesso con l’arresto fino a 2 mesi o con l’ammenda da 400 a 1200 euro.Art 58 del Dlgs 81/08 (Sanzioni pe il medico competente):Anche l’articolo 58 è stato completamente riscritto.Il medico competente che non consegnava al datore di lavoro, alla cessazione del suo incarico, la documentazione sanitaria in suo possesso, al lavoratore, in caso di licenziamento, la documentazione sanitaria in suo possesso, veniva punito con l’arresto fino ad un mese o con l’ammenda da 500 a 2500 euro.Adesso con l’arresto fino ad un mese o con l’ammenda da 200 a 800 euro.Il medico competente che non effettuava la sorveglianza sanitaria, che non istituiva le cartelle sanitarie di rischio, che non forniva informazioni sulla sorveglianza sanitaria ai lavoratori e a richiesta informazioni analoghe ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, era punito con l’arresto fino a due mesi o con l’ammenda da 1000 a 4500 euro.Adesso con l’arresto fino a due mesi o con l’ammenda da 300 a 1200 euro.Art 59 del Dlgs 81/08 (Sanzioni per i lavoratori):Anche l’articolo 59 è stato completamente riscritto.Si aumenta le sanzioni per i lavoratori che non osservavano le disposizioni impartite dal datore di lavoro, che non utilizzavano correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto, nonche i dispotivi di sicurezza, che non usavano correttamente i DPI, ecc.Prima il lavaratore era punto con l’arresto fino ad un mese o con l’ammenda da 200 a 600 euro.Adesso con l’arresto fino ad un mese o con l’ammenda da 300 a 800 euro.Art 60 del Dlgs 81/08 (Sanzioni per i componenti dell’impresa familiare, i lavoratori autonomi, i piccoli imprenditori e i soci di società semplici ed operanti nel settore agricolo):Anche l’articolo 60 è stato completamente riscritto.Prima i lavoratori autonomi e i piccoli imprenditori del settore agricolo, che non utilizzavano attrezzature di lavoro conformi, che non utilizzavano i DPI, venivano puniti con la sanzione pecuniaria da 300 a 200 euro.Adesso con l’arresto fino ad un mese o con l’ammenda da 100 a 500 euro.Mentre sparisce la sanzione amministrativa da 50 a 300 euro, in caso non siano muniti di apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le proprie generalità, qualora svolgano la propria attività in caso di regime di appalto o subappalto.Arti 68 (Sanzioni per il datore di lavoro):Anche l’articolo 68 è stato completamente riscritto.Il datore di lavoro che non vietava l’accesso ai lavoratori in luoghi di lavoro in pozzi neri, fogne, camini, fosse, gallerie, e in generale in ambienti e recipienti, condutture, caldaie e simili, ove possibile il rilascio di gas deleteri, senza che sia stata previamente accertata l’assenza di pericolo di vita e l’integrità fisica dei lavoratori medesimi, era punito con l’arresto da 6 a dodici mesi o con l’ammenda da 4000 a 16000 euro.Adesso con l’arresto da 3 a 6 mesi o con l’ammenda da 2500 a 6400 euro.Queste sono solo alcune delle modifiche al Testo Unico, ma già bastano per capire che il testo unico è stato completamente stravolto, e le cose non stanno purtroppo come dice Sacconi: eccome se si abbassa la guardia sulla sicurezza sul lavoro.Ecco perchè dico, che la verità bisognerebbe conoscerla sempre tutta!!!Saluti.Marco Bazzoni-Rappresentante dei lavoratori per la sicurezzaEmail: bazzoni_m@tin.it

     commenti
    Commenti
    161
    Lascia un commento
    Exie Paylor .
    20/03/2012 alle 10:35
    Very good info. Lucky me I found your site by accident (stumbleupon). I have saved as a favorite for later!
    fotografia ślubna katowice .
    20/03/2012 alle 08:50
    Thank you for other great post on http://www.olivierobeha.it/articoli/2009/03/6738. Where else may just anybody get that kind of information in such a perfect manner of composing? I have a presentation a few weeks, and I am for the search for such details. fotografia ślubna katowice
    pure water .
    20/03/2012 alle 05:51
    Like master like man.
    Hollis Deshazior .
    20/03/2012 alle 02:52
    One some other issue concern is that game titles usually are usually serious within nature using the key focus on mastering instead of fun. Although, there's an entertainment aspect to hold your little ones engaged, every game is frequently designed to build up a specific pair of skills as well as program, such as math aspects or investigation. Thanks for ones publication.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook