• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Cronache dal terremoto
    06
    apr.
    2009

    Cronache dal terremoto

    Condividi su:   Stampa

    Il Presidente dell'Istituto, Enzo Boschi, è una persona seria. Da un quarto di secolo sostiene che non si fa nulla in termini di prevenzione e si sbaglia in termini di comunicazione su questi fenomeni. Ha ragione da sempre, da sempre è inascoltato. E fa il presidente dell'Ente preposto, non il barista cassandrico. o.b. -----------Istituto Nazionale di Geofisica e VulcanologiaCentro Nazionale TerremotiComunicato dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia sul terremoto del 6 aprile 2009La Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha registrato un terremoto di Magnitudo 5.8 (Magnitudo Richter) (6.2 Mw=magnitudo momento) nella zona dell'Aquilano, il 6 Aprile 2009 alle 3:32 (ora italiana). Le coordinate epicentrali risultano: Lat. 42.33N e Long. 13.33E. La profondità dell'ipocentro è pari a 8.8 km. Il terremoto è caratterizzato da un meccanismo di tipo estensionale, con piani di faglia orientati NW-SE e direzione di estensione NE-SW (anti-appenninica). La scossa è stata seguita da decine di repliche,  la più forte delle quali è avvenuta alle 4:37 italiane con magnitudo pari a 4.6. Tutte queste scosse sono avvenute a profondità crostali (entro i 10-12 km), tipiche dei terremoti dell'Appennino. Questa circostanza determina un forte risentimento dello scuotimento in area epicentrale. Tutte le stazioni della Rete Sismica Nazionale dell'INGV hanno rilevato chiaramente le onde sismiche generate dalla scossa principale.

    Sul sito dell’INGV(alla voce Terremoti Recenti) vengono riportate tutte le informazioni sull’evento sismico e sul suo inquadramento nel contesto della sismicità precedente e della classificazione sismica del territorio.La zona è stata oggetto di una sismicità frequente con caratteristiche di sciame sismico a partire dal mese di gennaio 2009, con centinaia di scosse tutte di modesta entità, fino all’evento di magnitudo 4.0 avvenuto il 30 marzo scorso. Si sottolinea la circostanza secondo la quale, allo stato attuale delle conoscenze, non è possibile realizzare una previsione deterministica dei terremoti (previsione della localizzazione, dell’istante e della forza dell’evento). Ciò è vero anche in presenza di fenomeni quali sequenze o sciami sismici che nella maggior parte dei casi si verificano senza portare al verificarsi di un forte evento.  Una scossa quale quella che si è manifestata oggi viene normalmente seguita da numerose repliche, alcune delle quali probabilmente assai sensibili.La zona in oggetto è stata sede in passato di forti terremoti. In particolare, l’attività di questi giorni si colloca tra la terminazione meridionale della faglia che si è attivata nel terremoto del 1703 (Int. MCS del X grado MCS, pari a Magnitudo circa 6.7) e i limiti settentrionali della faglia associata nei cataloghi al terremoto del 1349 e di quella denominata “Ovindoli-Piani di Pezza”. Si ricorda che i comuni interessati ricadono tra la prima e la seconda categoria della classificazione sismica del territorio nazionale. Negli ultimi anni la zona non è stata interessata da forti terremoti. Subito dopo il manifestarsi dell’evento l’Istituto si è mobilitato inviando nell’area colpita le sue strutture di emergenza quali la rete mobile e altre squadre di rilevatori.Roma 6 Aprile 2009  ore 6:30Nota sulla magnitudo: la magnitudo usata di routine per stimare la grandezza di un terremoto è la cosiddetta Magnitudo Richter o Magnitudo Locale (Ml), che viene calcolata sull’ampiezza massima della registrazione sismica di un sismografo standard (a corto periodo). Viceversa la Magnitudo Momento (Mw) viene elaborata attraverso un trattamento numerico dell’intero segnale sismico su tutte le frequenze evidenziate dalla registrazione. Per terremoti forti la Mw viene ritenuta una stima più accurata della severità dell’evento.———————–Comunicato stampa n° 23/2009Roma, 6 aprile 2009TERREMOTO: PERCHE’ PUNIRE CHI VOLEVA PREVENIRE?Ben quattro giorni prima del disastro di stanotte, il primo aprile, Giampaolo Giuliani, tecnico e ricercatore del laboratorio di fisica del Gran Sasso aveva visto, e segnalato, preoccupanti allarmi di un evento tellurico di grande portata. Perché Giuliani è stato denunciato per “Procurato Allarme”?Il responsabile dell’Osservatorio per la Tutela e lo Sviluppo dei Diritti dell’Associazione “Giuseppe Dossetti”: i Valori” (www.dossetti.it) Corrado Stillo ha dichiarato:“Mentre di ora in ora contiamo i morti, i dispersi e i senzatetto del terremoto in Abruzzo, e mentre vediamo le immagini dei danni alle abitazioni e della paralisi in cui un’intera regione vive una tragedia incommensurabile, atre domande sono inevitabili.Perché gli studi dello scienziato Giampaolo Giuliani non sono stati attentamente analizzati? E se il suo sistema “Rilevatore Gamma” avesse ricevuto maggiore attenzione, oggi, probabilmente, potevano essere limitati danni e sofferenze? E potevano essere organizzati aiuti più immediati alla popolazione? Ora sono inutili le lacrime di coccodrillo di coloro i quali lo hanno ridicolizzato fino a ieri”.

     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    margherirosa .
    [p.d.s.: e per la serie “nun’ c’azzecca un bel niente”, con tutto quanto sopra e con crisi-&-problema acutissima in questione, (tra terremoto e quant’altro…)…, però mi sento poi già di sottolineare una cosa; e cioè penso che quell’iniziativa di “Chetempochefa”, con il Saviano-continua e il “mèttici la faccia” (in pratica siamo tutti dei Saviano), ha invece raccolto una limitata serie di adesioni ovvero di gente che c’ha appunto messo la, “famosa”, propria faccia; e, viceversa, nel caso un qualcuno si impegnasse a fare una uguale iniziativa, a favore, ad esempio, d’un qualsiasi d’alessio, fosse anche il più stonato di questo mondo, ecco che si raccoglierebbero in men che non si dica un’incredibbile (rigorosamente con due b) quantità di foto-adesioni, perché, il popolo italiano, più o meno giovane che sìa, si riconosce forse e anzi sopratutto in certa gente…di spettacolo, e anche d’affare……; mi spiace, ma la penso così; e, poi non è colpa mia se non ci sono tanti / troppi margini per esser oggi come ieri ottimisti in mèrito alla credibilità e alla voglia di legalità da parte delle cosidette “nuove-generazioni-e-non”, tutte comunque così tanto amanti del Gìggi di turno o di certo tipo di Gìggi…, quale che esso sìa; perché, in pratica l’èsito così-e-così del “Saviano-continua” ci dimostra che non è sempre vero-veritiero e robusto quel detto: “pochi… ma buoni…”……; e ciò non è dovuto ad un cosidetto fatto tecnico, ovvero alla eventuale difficoltà di far la foto, innanzitutto di un certo modo, tipo, formato, etc., etc., per poi poterla impaginare, etc, etc……; e né ci si può nascondere col fatto che la qualità, di coloro che aderiscono, molto spesso supera la quantità; ma il problema e manco a dirlo è molto più vasto, complesso; è culturale, e quindi rispetto a un / a quell’obiettivo che è posto in mèrito alla vera-legalità-condivisa-e-allargata-e-tendenzialmente-addirittura-oceanica o di certo tipo più semplicemente “nazional-popolare” se così si può dire e se ci si volesse accontentare……. Quindi e per cui: W Baudo e il famoso baudismo…!!! teniamocelo stretto e andiamo avanti così… col freno a mano ben tirato……]. Saluti cari.
    lorluc .
    Il motivo è semplice, lo fanno non per smentire chi dice di aver previsto data e ora del terremoto ma per nascondere il fatto che bertolaso e con lui tutta la protezione civile avevano, loro si, fatto una previsione completamente sbagliata. leggi tutto: http://allegriadinaufragi.blogspot.com/2009/04/il-barattolo-di-vermi.html
    margherirosa .
    …ma Chip, carissimo, dìmmi un pò, non ti saresti [o non ti sei] scocciato anche tu di rappresentare uno dei pochi / pochissimi “aficionados” lettori-scrittori di questo straxxxxxxxxxxmo blog ?? Uno dei cosidetti quattro gatti, ovvero due: noi due ? E, gli altri, quelli senza la a maiuscola [che hanno evidentemente ben altro da fare…tutto l’anno], non si vergognano manco un pò a starsene, così, in silenzio… in panciòlle, sempre abbarbicati sul loro evidentemente comodissimo-pure-civilmente-inutile “trespolo”…? almeno criticassero! e poi mi richiedo che fine ha o avranno fatto ad esempio quei vecchi “clienti” e affezionati come Annarella e Mché…, e via discorrendo……? C’è stata nel frattempo una sorta di epidemia per caso…? o forse siamo così distratti, già “presi” da noi stessi, e dalle “nostre cose”, chiacchiere, e dal nostro scrivere, e dal presunto metterci in mostra [!] che non ce ne siamo ancòra accorti……!? Oppure li ho personalmente offesi in qualche modo ? [Viceversa proprio Quegli Altri, quelli con la A e Q rigorosamente maiuscole, i potenti se la godono…ed anzi gòngolano, e sguazzano in queste situazioni…, di assenza-civica; eccome se……]. Stàtti bene, va. Ciao .-((((( [alle 15 circa] E saluto Sandrone il cui commento leggo nell'ultima mail sul terremoto...... Ciao.
    margherirosa .
    c’hai preso in pieno, Chip. Parole-chiave e obiettivi del Comunicato e di tutto quanto sopra sono: il far scienza, tutti i giorni dell’anno e ogni anno; prevenzione vera e a 360°; comunicazione corretta, e non-fuorviante; niente cialtroneria…; ed un pò, anzi, un tantino tanto, di cosiddetto “leccismo” in meno, non guasterebbe affatto e renderebbe tutto più facile a ogni livello; serve sì determinazione e non già l’affidarsi a presunte capacità deterministiche, da parte di questo, o quell’altro, esattamente come i protagonismi-politici e la fagocitòsi-politica che ben conosciamo, di cui peraltro fatichiamo a liberarci…; e rispetto per le ricerche del giovane ricercatore in questione, un tecnico, ma che non devono distrarre dalla realtà scientifica conclamata…; etc, etc…… Quanto al “coccodrillismo”, già evocato da C.Stillo, è in realtà secondo me la risultanza, semplice-semplice, di ciò che vi è elencato sopra e delle mancanze concettuali, culturali, di fattività, & quant’altro, che ancòra caratterizzano il nostro essere e stare al mondo…… Mi rendo conto che è difficilissimo essere operativi, e non ci si inventa e rende tali, all’improvviso, da un giorno all’altro, ma è più facile regredire, nel “leccismo” cosiddetto, appunto. infine, quanto alle coincidenze, non sò…, no, proprio non so e non saprei…… Saluti. [p.d.s.: “leccìsmo” equivale a dire “leccisìsmo”, ovviamente... e poi a chi potrebbe obiettare e chiedersi “cosa c’entra…” ?, ribadisco semplicemente che invece c’entra eccome…, e......].
    Chip En Sai .
    Vediamo se ci prendo!… Il minimo che faranno è ritirare la denuncia!… Proverò… ora… a rispondere alle “tre domande… inevitabili” di Corrado Stillo!… le quali sembrano tre… ma sono una sola… perché la seconda e la terza… a ben vedere… potrebbero essere solo *corollari* della prima!… Dunque… considerando solo la prima… risponderò a tutte e tre!… Domanda… “Perché gli studi dello scienziato Giampaolo Giuliani non sono stati attentamente analizzati?”?!… Risposta… Perché nessun’analisi… per quanto approfondita... avrebbe potuto convincere qualsiasi persona… di competenza tecnica e decisionale a lui superiore… a rischiare il proprio buon nome… *prevedendo* a propria volta… senza nessuna precedente previsione positiva (ovvero nessuna verifica della stessa importanza!) che il *sismoscopio* di un oscuro ricercatore avrebbe davvero funzionato e… di conseguenza… disponendo un’evacuazione di massa con danni certi a cose e persone… a fronte di un evento mai previsto nel modo *inedito* proposto!… A questo proposito e ad esempio… una domanda inevitabile la faccio anch’io!… Perché “il Presidente dell'Istituto, Enzo Boschi,” che “è una persona seria” non ha appoggiato l’allarme di Giuliani?!… C’è… comunque… una singolare coincidenza che farebbe ben sperare per il futuro!… le iniziali *G.G.* di questo ricercatore!… con la speranza… però… che non passino altri trecento anni! .-(

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook