• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Quello che dobbiamo ad ali basharat
    29
    mag.
    2009

    Quello che dobbiamo ad ali basharat

    Condividi su:   Stampa

    Per difenderci dal dolore e dalla paura viviamo sotto anestesia, così riusciamo a trovare normali e inevitabili   le cose che ci succedono intorno. Ogni tanto  però accadono cose  particolarmente  insopportabili. Cose che non ci passano di mente. Cose come quello che è successo a Basharat, il commerciante pakistano aggredito da 5 ragazzi italiani il 23 marzo a Tor Bella Monaca. La moglie Chandyma, incinta, per il trauma ha perso il bimbo. Lui è rimasto in coma per oltre 20 giorni ed è a tutt’ oggi ricoverato in ospedale. Da pochi giorni ha ricominciato a mangiare e  a camminare, ma  ci vorrà ancora tempo prima che possa tornare al suo lavoro. E intanto il suo negozietto di frutta e verdura a Torre Angela rischia il fallimento. Chandyma fa  la colf a 750 euro al mese, ma l’affitto di casa e bottega, sommati, raggiungono i 1200 euro mensili.

    Due amici, Naziq e Usmah, cercano di portare avanti l’attività, ma  non parlano italiano, non sanno far di conto  e non guidano il furgone.  Così spesso la mercanzia  scarseggia e i clienti, per lo più immigrati del quartiere, sono sempre meno.Pochi giorni fa hanno arrestato due dei suoi aggressori. Una banda di giovani taglieggiatori che si accaniva proprio sui più deboli, sugli stranieri, su quelli che hanno ancora più paura degli altri a rivolgersi alla polizia.  Per questo non possiamo parlare di delinquenza comune. E’ un crimine che si colloca  a tutti gli effetti nell’ impressionante sequenza di episodi razzisti che si sono verificati a Roma negli ultimi  mesi.Di fronte ad ingiustizie del genere dobbiamo sentirci tutti chiamati a contribuire al risarcimento. Anche con del denaro, che però non deve essere un’elemosina, ma un sostegno per permettere a Basharat e a Chandyma  di tirare avanti fino a che non saranno di nuovo in grado di farcela da soli. Un aiuto per pagare l’affitto del negozio: va bene qualunque contributo, anche piccolo, che vorremmo accompagnato da qualche parola di solidarietà e di saluto.E vorremmo continuare a parlare di Basharat anche per non smettere di pensare a quello che sta succedendo nel nostro paese e che non deve succedere più. Oggi raccogliamo un risarcimento per Basharat, ma è solo un inizio…Anna Maria Bianchi e margherita FerrucciGruppo Solidarietà a BasharatIn collaborazione con CittadinanzattivaPer fare un versamento:IT53 C076 0103 2000 0007 2413 008  (scrivere senza spazi) intestato a Cittadinanzattiva Lazio onlus – Via D. Silveri 10, 00165 Roma causale: solidarietà a BasharatDopo il versamento inviare  la scheda sottostante compilata a solidarietabasharat@gmail.comPer avere informazioni, per  mandare un messaggio a Basharat,  per collaborare alla raccolta di fondi e di idee scrivere a: solidarietabasharat@gmail.com o telefonare al (0039)3661347079Nella pagina Facebook  del gruppo Solidarietà a Basharat ci sono articoli, foto del negozio, aggiornamenti.
     

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook