• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > La carriera dei vigili la decide il numero di contravv...
    15
    giu.
    2009

    La carriera dei vigili la decide il numero di contravvenzioni

    Condividi su:   Stampa

    da Corriere.itE' subito polemica. Il sindacato di polizia contro le scorte ai turisti da parte di ex detenuti: «Un'iniziativa indecente che ci umilia»

    NAPOLI – Carriere dei vigili urbani decise dalle multe. Automobilisti e ambulanti abusivi sicuramente non ne saranno contenti. Ma per una volta si trovano la polizia municipale dalla loro parte. La circolare firmata dal vice comandante Antonietta Agliata – e riportata da «Il Mattino» – ha fatto nascere un putiferio. Dando attuazione al piano varato dal comune, e che riguarda tutti i dipendenti comunali, il testo fissa degli standard di produzione. Parametro che consiste in multe e sequestri. In base al numero di contravvenzioni fatte, verrebbero stabiliti anche i «premi»: benefici in busta paga e avanzamenti di carriera.
    LA POLEMICA – Il primo a infuriarsi è stato il generale della polizia municipale Luigi Sementa. La lettere è stata, infatti, fatta circolare quando lui non c’era. Accortosi di quanto fatto dalla sua vice, l’ha chiamata e ha avuto un duro confronto telefonico. L’aspetto ritenuto più grave dai vigili non riguarda il mancato conseguimento degli standard. Nel caso in cui, le contravvenzioni fatte non raggiungessero il numero minimo stabilito, scatterebbero infatti le sanzioni. Nella circolare sta scritto: «Il mancato raggiungimento di tali obiettiva influirà sul giudizio finale connesso alle valutazioni utili per le future progressioni economiche». Le disposizioni messe per iscritto dalla vice comandante Agliata vanno oltre le richiesta fatte dal comune. Nella delibera comunale si parlava infatti solo di un aumento del 50% delle contravvenzioni.
    LA POLIZIA CONTRO GLI EX DETENUTI – Un’altra polemica viene messa in piedi dal sindacato della polizia di Stato. Oggetto dello scontro: il progetto regionale «Esco dentro». Le scorte ai turisti composte da ex detenuti, volute dall’assessore Corrado Gabriele, non convincono i poliziotti: «Il recupero e l’integrazione degli ex detenuti, tra l’altro legittimo e doveroso per una società civile, non può avvenire certamente con queste modalità», ha scritto il Consap in una nota inviata al ministro degli Interni, Roberto Maroni. Le parole usate sono molto dure: «Questa indecente iniziativa umilia le forze dell’ordine e la nostra amata Polizia di Stato. Un altro schiaffo in pieno volto al nostro corpo che, dalla sua fondazione, ha visto cadere uomini e donne della Polizia di Stato per il rispetto delle leggi, verso una criminalità sempre più agguerrita ed organizzata».

     commenti
    Commenti
    3
    Lascia un commento
    margherirosa .
    … non so se l’avete letta, sul mediavideo, la notiziola di quanto avvenuto in Germania, e una volta tanto la G.B. non c’entra niente: ad Essen, uno studente, 14enne, Gerritt Blank, è sopravvissuto ad una esperienza quantomai inusuale, incredib[bbb]ile, e, già rarissimissimissimissimissima, perché ha avuto un contatto-impatto con un meteorite della grandezza [grossomodo] di un fagiolo, entrato nell’atmosfera terrestre alla velocità di 48mila km/h, che con il suo lampo-frastuono rumoroso l’ha messo k.o., seppure per breve tempo, fortunatamente, e ancor più perché si è ritrovato solo con una ferita-cicatrice alla mano dx di 7 cm e vicino a lui un cratere fumante che testimoniava sì l’impatto della pietruzza galattica sul terreno circostante……[anche questo è un enigma ? chissà] [che grande culo ! direbbero gli astanti-sfaccendati di qualche / qualsiasi bar di “questo”, proprio questo, mondo, e anche in G.B., peraltro assolutamente "puritana", appunto……] Saluti
    margherirosa .
    …e chissà se proprio Oliviero ci vorrà spiegare quel qualcosa di un tantìno astrùso forse: “il chiaro angolo di visuale”, così come esplicitato dall’organizzazione arbitrale per spiegare il voltafaccia al rigore concesso [via-monitor ?] al Brasile, al 94°, contro l’Egitto… Pare infatti che il collaboratore dell’arbitro abbia segnalato il tutto avendolo però ri-visto, sì comodamente, appunto sul monitor… ……[ mmmmhhhh: occhio quindi specificatamente monitoriàle, e non di-pernice !?! ] …… Saluti
    margherirosa .
    …: 1) G.W.Bush in precedenza disse al “nostro”: “tu sei saggio… etc……”; 2) poi, pochi giorni fa il “nostro” ha detto altrettanto al capo-lìbico Gheddafi… [e a proposito entrambi sembravano quasi due mummie, per quanto son tirati i loro visi dai vari lifting e quant’altro…]; 3) Oliviero stasera ha detto che in effetti anche l’incontro del “nostro”, con Obama, è durato quanto una partita di calcio; [entrambi i “match”, per così dire, sarebbero andati benissimo…]; 4) tale apparizione-commento di Oliviero, già forse in qualche modo straordinaria, è venuta poi sùbito dopo il servizio letteralmente allucinante, colle immagini della telecamera di sorveglianza della stazione di Napoli circa la morte recentissima del malcapitato suonatore rumeno morto nell’indifferenza di tutti [durante uno scontro a fuoco tra camorristi, durato pochi attimi, incredibili], e di chi pensava a scappare, ed addirittura a timbrare il ticket, [ma quandomai !!] piuttosto che ad aiutare lui morente e la moglie disperata…… Stavolta, da parte mia, per come sono stravolto, solo un dolorosissimo no comment…… Saluti.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook