• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Caso noemi
    22
    giu.
    2009

    Caso noemi

    Condividi su:   Stampa

    Mentre la Procura di Bari indaga su ginepraio/gineceo a tariffa direzione palazzo Grazioli, non varrebbe la pena di tornare sulla vicenda Noemi-Casoria-camorra-monnezza? Non c'è il rischio di smarrire il filone principale?o.b._____________________CASO NOEMI - ESCLUSIVA INCHIESTA SU LA VOCE DELLE VOCILA CHIAVE DI VOLTA E’ NELLA MALAVITA ORGANIZZATANESSUN AFFARE PRIVATO NE’ RAPPORTI PICCANTI“Isso, Essa e ‘A Malavita”: questo l’esplosivo titolo di copertina de La Voce delle Voci di giugno, in edicola da sabato 30 maggio a Roma e Napoli e dal 2 giugno in tutto il resto d’Italia.La Voce ricostruisce l’impressionante, inedito scenario aperto dalla notizia – data in esclusiva – delle indagini in corso alla Direzione distrettuale antimafia partenopea per accertare se esistono gli ipotizzati collegamenti fra i Letizia di Portici - Secondigliano e il ceppo dei Letizia di Casal di Principe, di cui fanno parte numerosi affiliati al Clan Letizia, a sua volta alleato con i Casalesi.

    Il clima è quello della faida in atto intorno al colossale business rifiuti, con i Casalesi che, dopo le iniziative del governo, vedono in pericolo i giri d’affari da milioni e milioni di eurogestiti finora.La giovane aspirante modella di Portici, nel quadro delineato dall’inchiesta della Voce – e se le ipotesi venissero confermate – sarebbe l’inconsapevole ed appariscente “segnale” di un pressing costante esercitato, a partire da fine 2008, dalla malavita organizzata ai danni del premier.Analogo segnale – ancor più eclatante – doveva essere quella fatidica serata del 26 aprile a Casoria, quando il Cavaliere si mostrò agli esterrefatti occhi dell’opinione pubblica internazionale in veste di ospite d’onore ad una festa di paese, organizzata per giunta in uno fra i comuni del napoletano dove le attività imprenditoriali e commerciali ben difficilmente possono sottrarsi al predominio della camorra.Da oggi ampie parti dell’inchiesta sono già sul sito del mensile www.lavocedellevoci.it

     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    margherirosa .
    …: 1) su mediavideo la notiziola curiosa, di un signore, tale Imerio Mariotto, di Verona, che aveva ribattezzato il proprio anziano cane-lupo ancòra abbastanza vivace, e particolarmente vigoroso, per l’età, col nome di Berluscane, e che in giardino aveva messo, sul sì consueto cartello, al posto della dell’altrimenti normale scritta, la “Attenti al Berluscane”…; Imerio, considerata già una persona in qualche modo eccentrica; e questa cosa del cartello così inusuale non era evidentemente andata giù ad altri vicini, [cittadini forse poco “vicini” al loro vicino di casa, già molto-molto-molto di più, ad altra persona…], che l’hanno considerata in qualche modo una storpiatura particolarmente sgradita e l’hanno fatto presente ai vigili urbani, già solerti, che lo hanno poi [e quanto opportunamente !?], multato…, per la somma di 55 €uri; [forse berlus-cane, scritto così, andava/andrebbe meglio ?? eh vallo a capire / sapere…]; 2) ciò mi ricorda in qualche modo un simpatico antìco-gioco, per bimbi, una filastrocca, incisa su disco, e che si ascoltava con una sfera di plastica apposita riproducente, e che quasi “animava” e rendeva “lìve”, il testo della canzoncina, e se non sbaglio diceva: “At[t]enti a…, at[t]enti a, at[t]enti al maresciàllo-lo…, … a questo e a quèllo-lo…” e via discorrendo ma non ricordo come andava a finire e non l’ho trovata [perché poi, non è sempre vero che chi o quando si cerca, comunque la si trova, la cosa cercata…]; pazienza, e credo di aver reso l’idea; 3) piuttosto il “nostro” S., ha detto che la bella pugliese è sicuramente stata mandata, apposta, per inguaiarlo; poi comunque lui non sarebbe mai andato con una donna a pagamento…, e via discorrendo; in pratica, una trappola bella e buona [!]. Ecco perché quella filastrocca, penso, è sempre valida…; e forse la ritroverò, la filastrocca, appunto, cercandola tra le carabattole di una volta…, chissà…[certo che il ben-noto “cherchèr la fèmme” è tutta un’altra cosa…; … e il cercar guai invece…??]…… Saluti
    giulia .
    Non ci rendiamo conto che ci buttano fumo negli occhi per impedirci di tenerli aperti. Credo che oltre le fotografie e le dichiarazioni che sfociano nel gossip più squallido, ci sia ben altro, dovremmo smetterla di nascondere la testa nella sabbia, abbiamo un cervello, ergo usiamolo, cerchiamo di mantenere la mente attiva, cerchiamo di ragionare, di andare oltre le Noemi, le escorts e gli scandali, il problema va oltre, coinvolge temi ben più importanti, quali malavita, immondizia, legami presunti, veri, chi lo sa, tra delinquenza, mafia, politica, io come cittadina di questo Paese allo sbando vorrei chiarezza in questo senso più che sentir parlare ovunque dei compensi di ragazze immagine e di festini nei vari palazzi. Interessa a qualcuno tutto ciò, o vogliamo continuare a far finta di nulla? Tra qualche giorno anche Noemi finirà nel dimenticatoio, ma gli interrogativi, i dubbi, le risposte agli infiniti quesiti saranno stati dati? O meglio qualcuno li avrà posti al centro dell'attenzione? E soprattutto a noi cittadini importerà qualcosa di tutto questo? Con stima ad Oliviero Beha che, sono certa, continuerà a stimolare le nostre menti assopite. Giulia Giacomini. lamentarci senza approfondire mai veramente commenta il tuo nome campo obbligatorio la tua email un link commento (non più di 2.000 caratteri) campo obbligatorio Errore nell'uso dei tag html non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti Inserisci il codice di verifica: Geomappa dei commenti Se sei un utente registrato completa il tuo profilo indicando le tue coordinate geografiche, in questo modo i tuoi commenti appariranno anche come marker sulla mappa! Aggiornamento in corso

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook