• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Finestre aperte e chiuse
    03
    lug.
    2009

    Finestre aperte e chiuse

    Condividi su:   Stampa

    da: http://antefatto.ilcannocchiale.it/Si aprono e si chiudono finestre, entra aria pulita, si rimane con l'aria sempre più viziata. Ieri sono stato in Bank-Italia, a Roma, Via Nazionale, per la presentazione del libro "Qualunque cos succeda" dell'avvocato Umberto Ambrosoli, bambino quando un sicario di Sindona uccise suo padre, trent'anni fa, all'ombra di Andreotti. Poi fu ucciso anche Sindona, con il cianuro nel caffém mentre però era in carcere in Italia. Sempre all'ombra di Andreotti (la morte, non l'estradizione dagli Usa e il carcere...).

    La sentenza del 1999 di Palermo, quella che per moltissimi media non esiste, quella sulla “prescrizione di Andreotti “in combutta mafiosa fino al 1980″, parla “anche” di tutto ciò. Poetica, tremenda, politicissima apertura di finestra sulla memoria, questa presentazione. Siamo figli di quell’epoca, come Umberto è figlio di Giorgio, liquidatore del crack Sindona per conto di BanK-Italia, ma liquidatore onesto ed efficiente, non quel liquidatore poco più che pro-forma che tutti o quasi avrebbero preferito. Una finestra da cui entra l’aria pulita di chi “normalmente” non si arrende, allora come oggi. Nel frattempo, in contemporanea con le parole di Augias che lo ha ricordato con una splendida ricostruzione dei fatti e uno stordente lapsus (ha scambiato “eroismo” per “egoismo”…) subito corretto, a qualche centinaio di metri, in Campidoglio, in Consiglio Comunale, una finestra si chiudeva, lasciando dentro l’aria sempre più viziata. Parlo della “sanatoria” di Alemanno sui Mondiali di nuoto e le relative porcherie evidenziate dai sequestri della Procura in molti cantieri. L’hanno chiamata “intesa” e i partiti hanno messo un bel coperchio sul pentolone, così come aveva fatto Berlusconi in Consiglio dei Ministri tre giorni fa: deroga alla deroga alla deroga, la deroga al quadrato, al cubo, e Bertolaso che consente tutto legibus soluti “per il bene comune”. Ma un bene inteso come bene di coloro (dei privati in stretto contatto con le forze politiche di ogni colore,cfr. Veltroni prima e il suo successore poi) che stanno facendo impianti e costruendo foresterie, possibili condomini o futuri alberghi con i soldi agevolati del Credito Sportivo che paghiamo noi come contribuenti.Si sana, si condona, si alza ancora l’asticella della legalità ormai praticamente insuperabile… E tutto sotto gli occhi di tutti. Ma già, anche Ambrosoli è stato ucciso alla moviola davanti o dietro gli occhi di tutti, un omicidio lungo quattro anni, dalle prime mosse del liquidatore nel ’75 alla sua tragica “liquidazione” per mano del sicario Aricò del luglio ’79. Trent’anni, per aprire finestre sul passato e chiuderle sul futuro.o.b.

     commenti
    Commenti
    10
    Lascia un commento
    margherirosa .
    [p.d.s. calcistico: ehi! Ma pare proprio che F.Melo piaccia alla Juve,… o meglio pare che è lui che si sìa offerto alla signora, e non disderegnerebbe giocare a Torino; già, e forse, perché vuol fare la Champions, ed evitarsi pure tutta la trafìla, sofferenza, dei preliminari e delle qualificazioni…, poi sempre incerte, e…; eh già, chiamàtelo fesso, sprovveduto, disattento…, il carioca; altroché…!!!]. [tanto la hoca-hola, con la hannuccia, la si può sorseggiare bene anche sotto la Mole…] … Saluti
    margherirosa .
    …. bene, vedo che anche gisella ama in qualche modo firmarsi con un allegro :-))) che d’ora in poi chiamerò un “quasi-smìle in orizzontale…o semi-dormiente…”; e peccato davvero poi che non sìa possibile trasmetter per via e-mail anche quell’asterisco che diventa/erebbe un simpatico “homìnus terrìbilis o terrificans”, (se così posso definirlo), quando lo si passa, [nò ! non in padella !!!!!], ma semplicemente in corsìvo e poi in grassetto…... Saluti [p.d.s.: in fondo…, se può essere in qualche modo “utile” strizzare l’occhiolino come fa già l’omìno di Mché …, allora tanto vale avere / tenere aperti tutti e due, gli stessi occhietti, nòooo….? e stare anche bene in guardia…, e, già magari pure sorridere…, perché nò !] … E pure |\. ./| miao **************************************
    fiordisale .
    vorrei segnalarti l'iniziativa promossa da un gruppo di blogger per la giornata del 14 luglio, in concomitanza allo sciopero dei giornalisti per protestare col DDL sulla sicurezza. Non voglio farla troppo lunga, sui vari blog ci sono tutte le informazioni per aderire, innanzitutto ci si iscrive a quest'indirizzo http://dirittoallarete.ning.com/main/authorization/signUp? (che è un blog ning creato appositamente) i blog di riferimento per tenersi informati sono sicuramente il mio, quello di Gilioli e quello di Scorza (che sta coordinando). Al di là di qualunque divisione ideologica a mio avviso sarebbe un segnale molto forte arrivare al 14 compatti ed uniti (è il pensiero di una normale cittadina non blasonata). Quindi mi permetto non solo di invitarti calorosissimamente ad aderire all'iniziativa, ma farti tu stesso promotore condividendo con noi eventuali idee per il "manifestino" da pubblicare in simultanea su tutti i blog per il 14 (oltre a promuovere l'iniziativa, è ovvio :-)))è in corso una discussione proprio sul forum di dirittoallarete.ning.com Se per una volta riuscissimo a pigliare in contropiede il nano, mostrandoci compatti (a prescindere) secondo me sarebbe una doppia vittoria. grazie per l'ospitalità e grazie per l'attenzione. gisella lupia
    fiordisale .
    vorrei segnalarti l'iniziativa promossa da un gruppo di blogger per la giornata del 14 luglio, in concomitanza allo sciopero dei giornalisti per protestare col DDL sulla sicurezza. Non voglio farla troppo lunga, sui vari blog ci sono tutte le informazioni per aderire, innanzitutto ci si iscrive a quest'indirizzo http://dirittoallarete.ning.com/main/authorization/signUp? (che è un blog ning creato appositamente) i blog di riferimento per tenersi informati sono sicuramente il mio, quello di Gilioli e quello di Scorza (che sta coordinando). Al di là di qualunque divisione ideologica a mio avviso sarebbe un segnale molto forte arrivare al 14 compatti ed uniti (è il pensiero di una normale cittadina non blasonata). Quindi mi permetto non solo di invitarti calorosissimamente ad aderire all'iniziativa, ma farti tu stesso promotore condividendo con noi eventuali idee per il "manifestino" da pubblicare in simultanea su tutti i blog per il 14 (oltre a promuovere l'iniziativa, è ovvio :-)))è in corso una discussione proprio sul forum di dirittoallarete.ning.com Se per una volta riuscissimo a pigliare in contropiede il nano, mostrandoci compatti (a prescindere) secondo me sarebbe una doppia vittoria. grazie per l'ospitalità e grazie per l'attenzione. gisella lupia
    margherirosa .
    …dal post di Oliviero si evincerebbe ancora una volta, (e qualora ve ne fosse bisogno), che lui non ha particolare concetto del buon-&-ormai-“vecchio” Corrado Augias…: eppure, è un tipìno, così a modo, sì, quasi un english-man, [non mi permetto di dire che sìa una sorta di “yès-man”, collegato ben-bene al potere…, quello che conta, ovviamente, in Rai e non…; però si lascia ascoltare, molto; è convincente, talora; e gli sono state sempre consegnate trasmissioni di un certo prestigio, e anche di un certo successo-Tv…; sì…, però……]; ecco mi piacerebbe vedere pure l’Oliviero, a condurre trasmissioni di questo tipo e penso che, già quando vuole / volesse, lui saprebbe esser “english”, al punto giusto, garbato come tanti altri, o se non di più, e senza per questo abbandonare la sua tìpica portata-&-natura polemica, lo sguardo un tantìno bruciante [e non solo televisivamente parlando] o la battutina al momento giusto, più chiara di mille altre allusioni, giri-di-parole, anche provocatore eccelso, quando occorra, e sforacchiatore di corazze un chè o poco arrugginite, sferzatore sì, senza usare eccessiva violenza, reale o solo sotto-metafora, o con antichi e superati scudìsci, e pròdigo di informazioni tali da dettar[ci] quei giusti tempi & collegamenti così per mettere assieme le famose “tessere del mosaico”, come lui, pure, giustamente, sempre ricorda e ne promuove l’azione per chi agisce e sopratutto per chi ascolta…, già e così via discorrendo ……… E poi ad esempio: ma ve lo ricordate Sandro Curzi a condurre “Telefono giallo”, anche lui, mi pare o se non mi sbaglio ??? eh mah, tutta un’altra cosa, penso io…, anzi ne sono ben-ben convinto … [aràpete! pèlo, e fenèsta]… [aria fresca…, nuova…, vitale…& quant’altro…, sì, possibilmente…] … … Saluti
    Gigliotto .
    Questa invece una parte interessante della testimonianza resa da De Cillis, il famoso "venditore di schede svizzere": De Cillis: «Non so…, non so nemmeno se Marco Branca è un dirigente. Lo conosco, viene a cambiare telefonino da me, ma non so che importanza…» Interviene il Presidente Casoria: «Abbiamo acclarato che il suo negozio era frequentato dall’ambiente del calcio» Messeri: «A me interessava sapere se dal 2004 ad oggi ha conosciuto dirigenti di squadre di serie A e chi» Teresa Casoria: «Collega persone che frequentano il suo negozio con la dirigenza di squadre?» De Cillis: «Molto prima che succedesse questa storia era venuto da me anche il fratello di Moratti. Però non conosco dirigenti con cui ho rapporti di lavoro» ... Chi ha ascoltato l'audio (disponibile sul sito di RadioRadicale) ha anche notato la forte preoccupazione di De Cillis nell'aver nominato personaggi vicini all'inter... perché? E, come prima, Palazzi continua il suo pisolino. E' cosa normale che da Como uno vada a cambiarsi i telefonini in Svizzera e PROPRIO IN QUEL NEGOZIO!
    Gigliotto .
    estratto dalla deposizione di Coppelli, che ho trovato qui: http://www.giulemanidallajuve.com/newsite/articoli_dettaglio.asp?id=302 .. Difesa: « Come si rilancia un arbitro? » Copelli: « Con le sue prestazioni » Difesa: « parlando con i designatori? » Copelli: « Probabilmente si, sono le prestazioni sul campo che fanno la differenza... » Difesa: « Lei ha detto che a seguito di quell’errore non ha più arbitrato la Juve » Copelli: « In quel campionato no » Difesa: « Nel novembre 2005 ha arbitrato Fiorentina- Milan, cosa è successo? » Copelli: « Ho annullato gol a Gilardino, giocava nel Milan » Difesa: « Ha arbitrato più il Milan dopo? » Copelli: « No » Difesa: « Lei con Meani aveva un’amicizia solida, stretta» Copelli: « Legata... nata nell’ambito arbitrale » .. « Non mai visto Galliani rispondeva al collega, ma c’è un’intercettazione, la n. 5833 del 19 aprile 2005, sempre tra lei e Meani ed è dopo Sampdoria- Palermo. Lei dice: “ho bisogno di una mano, sai che non ho mai chiesto niente. Mi sono rotto” e Meani risponde con un : “dirò a Galliani che questo (Copelli) è un nostro uomo” » .. « e perché “nostro uomo”? » Copelli si giustifica dicendo di non aver risposto a queste allusioni di Leonardo Meani, in quanto il suo intento era solo quello di placare le polemiche. Difesa: « quindi Meani andava in libertà, come quando le diceva che Moggi comandava il calcio italiano» Difesa : « Telefonate con dirigenti di società le poteva fare o erano vietate? » Copelli: « si, nel regolamento non c’era, perché la norma è stata introdotta nel 2007 » -- mente sapendo di mentire. E' con i designatori che la norma è stata inserita nel 2007. Palazzi intanto continua a dormire sonni tranquilli
    margherirosa .
    [p.d.s.: ho finora preferito evitare anche un qualsiasi accenno alla “news”, su mediavideo, inerente -riguardante il cosidetto “pisellometro”; 2) così, la notizia, circa la prossima-futura-quasi-immediata abolizione delle altrimenti indispensabili “paperelle”! e in entrambi i casi, perché si sarebbe potuto, fin troppo facilmente alludere, richiamare anche lontanamente alle ultime vicissitudini del premier; 3) infine, di Fiammetta, a quanto pare di cognome Cicogna, che strabìlia e impazza, nello spot e sia che sul nel web; sì, non è affatto male, anzi; però quanto a spontaneità e gran carinerìa, quasi-quasi preferirei la gran brunetta dello spot del gelato “Barattolino”; eh già, perché come dice il proverbio pure nella famosa botte piccola (e meno ricercata / meno sofisticata), c’è il cosidetto vino buono…; è sì tutto un discorso di contenuto e contenitore, assieme; forma e sostanza, come sempre…] [e, se non son paperelle, in futuro potremmo affidarci alle “spicciarelle”? mah, eh chissà, come sempre è così…] [a proposito, come faceva anche quel proverbio: eh, gatta ci-cogna…? (ci cova).…] [e, poi, infine, ci sarebbe pur / finanche da citare la famosa “gatta morta”; mmmhhh, bléah !] [dimenticavo di dire che il cagnolone che è con la brunetta, in quello spot, è uno vero sfizio ….e così il bimbetto] [e il “finestre aperte”, poi, sembra quasi lo slogan di anni fa, che ricorda quello d’una marca di auto straniera; solo che quelle porte erano aperte solo il tempo della “promozione”, poi basta]… Saluti
    marcos .
    In un post di commento sarebbe interessante leggere un certo esercizio intellettuale, un ulteriore spunto o un'intelligente stroncatura... perché perdere certe occasioni?
    Chip En Sai .
    "Trent'anni, per aprire finestre sul passato e chiuderle sul futuro."?!________________________________________________________________________________________________ Né il passato né il futuro sembrano *presentarsi*... però... frequentemente alla finestra!... questi tempi... infatti... appaiono... di solito... più prompensi a lasciarsi condizionare meglio dall'apertura e dalla chiusure di infissi maggiormente adatti all'ingresso e all'uscita di scena... quali... ad esempio... le porte! .-|

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook