• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > La guerra della televisione
    12
    ago.
    2009

    La guerra della televisione

    Condividi su:   Stampa

    Oliviero Beha ha partecipato all'incontro dal titolo: "La guerra della televisione. Vizi e virtù della Rai, l'amore-odio per Mediaset, la mano della politica, il ciclone Berlusconi, gli autogol della sinistra" nell'ambito di Cortina InConTra Estate 2009. Fonte: radioradicale.itSono intervenuti:Oliviero BehaFederico Dalla Rosa (vignettista)Franco Debenedetti (consigliere di amministrazione di CIR, COFIDE e della Fondazione Rodolfo Debenedetti)Giovanni Minoli (direttore di Rai Educational e Rai Storia)Carlo Rognoni (consigliere di Amministrazione Rai)Conduce Alessio Vinci (giornalista)

     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    barlow .
    ONCE Carlos Duran era un pugile gentile e il mio nonno di montagna mi aveva costruito un piccolo rastrello di legno perché potessi lavorare coi grandi nei campi. Gianni Rivera era il golden boy del calcio italiano e con Bobby Charlton dava l’esempio del campione in campo e fuori. Oltre oceano, un altro Charlton aveva da poco fatto sognare con Ben Hur e marciato contro l’apartheid a fianco di Martin Luther King. Si cominciava a parlare di diritti umani e il mondo diviso aveva un respiro. Spararono ai Kennedy e alla speranza e c’era un Papa buono. Pink Floyd e Beatles cantavano di un mondo unito visto da loro. E quanto mi facevano impazzire Audrey Hepburn e Danny Kaye... e poi il loro impegno per i più piccoli! Intanto Ray Bradbury scriveva di autunni infuocati e infanzie di sogno. Sì, ricordo che era così! E tante altre cose ancora. Once… Una volta. (e. b.) - Spiace vedere che in Italia non frega un cazzo a nessuno di come stanno le persone. Ermanno Bartoli www.webalice.it/barlow
    Kares .
    Il video allegato a poi. Ora la premura di dirti grazie, (ti sto seguendo sulla 7) grazie per il sano buon senso al quale ci muovi. Pare che l'attitudine a pensare con la propria testa sia persa, e così lo stolto va dietro a chi urla più forte o per stupido ripiego a chi frigna meglio. Buon tutto! K.
    margherirosa .
    ... ciò, forse, perché, come dicevano e/o direbbero i latini e pure i sempre puntuali esquimesi: lì proprio lì, "in medio stat virtus" ??? Boh !!!!! Saluti
    margherirosa .
    …che meraviglia quel in-con-tra…, davvero, quasi-quasi “onomatopeico” !! si dice così ??? grandi meraviglie della pubblicità e del suo linguaggio. Saluti [p.d.s.: ma vi siete /// sarete chiesti pure voi che significato /senso ha o può aver tutto quello spazio altrimenti desolatamente vuoto nel presente post ?? e io, in quanto me, e di-me-per-me, in questo caso non c’ho capìto assolutamente nulla……]

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook