• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Maccartismo o la prevalenza del cretino
    01
    set.
    2009

    Maccartismo o la prevalenza del cretino

    Condividi su:   Stampa

    Mi sono imbattuto con quasi 4 anni di ritardo con un suo articolo apparso il 30 settembre 2005 su L'Unità, avrei voluto scriverlo io perchè lo condivido con le viscere,ma lo ha scritto lei 4 anni fa, oggi è drammaticamente attuale, forse più di allora.Con stima e sorpresaAndrea Granata(segue l'articolo)LA PREVALENZA DEL CRETINOdi Oliviero Beha, da l'Unità del 30 settembre 2005Caro Direttore,e se stessimo diventando “semplicemente” un paese stupido, o più stupido ? Se la trasformazione “berlusconiana” dell’Italia avesse sortito un risultato più profondo di quello, già grave, ascrivibile alla politica di superficie del premier forse al tramonto? Se cioè misurassimo, che so, un Bondi, ormai prototipo dei maniscalchi del Cavaliere e da lui recuperato ai “veri valori”dopo i nefasti del comunismo della sua prima vita, su un metro non necessariamente politico? E se facessimo così con tutti, a destra come a sinistra? Se le scemenze ritornassero scemenze indipendentemente dalla loro latitudine in Parlamento, se con la Navicella venisse fornita una copia dell’immortale “Bouvard e Pecichet” di Flaubert magari nell’originale francese, o de “La prevalenza del cretino” di Fruttero&Lucentini tradotta in italiano o nei casi più gravi in dialetto, o del “Dizionario del Diavolo” di Ambrose Bierce che alla voce “idiota” dice: ”Membro di una grande e potente tribù che nel corso dei secoli ha sempre esercitato un dominio assoluto sulle vicende umane…”?

    Come antidoto, c’è sempre la lettura consigliata dell’altro “idiota”, quello russo di epoca zarista, nemmeno parente del post-comunista Putin tanto amico dell’anticomunista Berlusconi…Forse siamo andati troppo avanti sulla strada della politica politicante scissa non solo dalla morale, e questa è sì un’enorme questione da non lasciare alle Procure, ma anche da un minimo di decenza razionale e intellettuale: un cretino è un cretino, senza illazioni fisiognomiche da Lombroso in sedicesimo ma prendendo sul serio ciò che uno dice e fa. Mentre i conti sono davvero in rosso, senza sfumature cromo-politiche, il paese è una berlina continua, all’estero ridono, piangono(gli italiani) e ci compiangono, in Parlamento provano a cambiare alla fine dei tempi supplementari la regola (elettorale) del fuorigioco con la palla tra i piedi della maggioranza, le transumanze tra schieramenti(ma curiosamente oggi in una direzione sola…)gridano vendetta e rischiano di confondere la brace in cui siamo finiti con la padella da cui proveniamo, udite udite qualcuno “scopre e rivela” che si stanno facendo in tv(in Rai, perché Mediaset è notoriamente privata…) delle fiction nemmeno troppo velatamente filocomuniste: quelle di Montalbano e del Grande Torino. Filocomuniste la prima per l’oggi, la seconda per gli anni dell’immediato dopoguerra. Un presente e un passato di sinistra, insomma. Si ammette che sono buoni prodotti, sì, ma non basta: sarebbero viziati dalla faziosità degli ammiccamenti politici. Su ciò si apre una discussione “come se” fosse vero. Di più: come fosse, questa, una questione cruciale. Ancora: come se fossero “armi” di comunicazione di massa usate per orientare verso l’opposizione il telespettatore/elettore. Quindi, da parte di chi ha sollevato il “problema”, una sorta di legittima difesa se lo ha fatto da destra. E da destra, per puro caso, lo ha fatto il Ministro delle Comunicazioni, Landolfi, su queste colonne di recente assai elogiato per le sue meritorie posizioni avverso l’informazione/deformazione spettacolo in tv. Un passo avanti e sette indietro, insomma. Sembra impossibile ragionare delle cose, e delle parole, per quello che valgono nel merito. E’ questa l’eredità assai peggiorata che ci lascia la stagione berlusconiana, intesa non solo come governo dell’uomo più ricco d’Italia. E’ un costume “tifoso” che ha coinvolto troppo spesso anche la controparte, più spesso incline a combattere sullo stesso terreno, a dire “no, non è di sinistra quella fiction” invece che, in questa come in tante altre occasioni, stigmatizzare seriamente che è stata detta una elefantiaca stupidaggine. Il punto è che ragionare nel merito delle cose non significa solo dar contro alle scemenze, ma anche dar ragione a quelle che scemenze non siano, anche in arrivo dal fronte berlusconiano. Lo so, è raro…ma è questo credo l’abito mentale da cambiare che può garantire non soltanto una augurabile vittoria elettorale ma soprattutto una fase di ricostruzione di un Paese instupidito. Che non ha nulla da temere da buone fiction, buoni libri, buoni programmi tv con tutto l’alone di sinistra(o di destra) che possa accompagnarli, e tutto invece da rischiare con critiche di parte destituite di ragione e correttezza e finalizzate appunto ad altro, quasi sempre a speculazioni prelettorali. E a proposito di tv e di cretini, e di passività dilagante, una ricerca collegata al famoso neurologo Oliver Sacks ci dice che guardando la tv i neuroni del nostro cervello consumano il 13% di energia in meno che se stessimo guardando il muro…Landolfi lasci stare la sinistra e i comunisti, come non dovrebbe godere in silenzio di risultati di segno contrario, e ci dica invece che cosa ne pensa dell’imbarbarimento culturale “medio”dei programmi: dalla tv di questi anni, specchio fortunatamente ancora non del tutto fedele della realtà italiana, esce un italiano rincretinito, con meno curiosità, interessi, desideri non intesi in senso biecamente pubblicitario, motivazioni politiche(di destra e di sinistra). Di questo non ci dice nulla, il Ministro? Che forse, come gli consiglia il produttore di Montalbano, ex-gruppettaro(ma allora è vero, è un comunista…! ) al contrario della produttrice del Grande Torino, di An(ma come, non è di sinistra? Forse sì, forse An tende a sinistra…), dovrebbe andare al cinema, precisamente a vedere se non “Viva Zapatero” che pure gli servirebbe, almeno “Good night, good luck”, per la regia di George Clooney. Ma sì, Ministro, quello della pubblicità del “Martini”, un altro sulla strada di Clint Eastwood, cioè figure misurate su metri professionali e politici sbagliati(lo scemotto, il fascista…) che invece dimostrano a suon di opere di essere di un altro livello, di crescere invece che rimanere al palo autosufficiente del box-office. Nel film di Clooney (di sinistra? )si raffigura il maccartismo anti-comunista degli anni ’50 negli Usa, lasciando dedurne che nel profondo il problema non era né Mc Carty né i filocomunisti, ma la libertà e l’autonomia di giudizio dei giornalisti, di qualunque stampo. E se oggi in Italia la forma mentis del maccartismo si fosse travestita da censore nei confronti delle idee, di tutte le idee, della qualità del pensiero, di qualunque matrice politica? Se dunque in quest’orgia di superficialità fossimo “semplicemente” diventati un paese più stupido? P. S. Le considerazioni sono tutte in forma interrogativa perché la domanda che le riassume potrebbe essere: e se lo stupido fossi io? Risposta: magari…
    O.B.

     commenti
    Commenti
    9
    Lascia un commento
    barlow .
    Gentile Beha L’Italia è un paese di sterco già dall'insegnamento scolastico. In quanto a nefandezze (e parlo dei contenuti di decenni) la scuola batte la Tv dieci a zero. "NOI NON MANCHIAMO DI NULLA di quanto invidiamo alle altre culture. Abbiamo il nostro romanticismo e il trascendentalismo così come altre culture hanno le loro caratteristiche. Tutto quello che dobbiamo fare è riappropriarci della nostra ricchezza... tecniche e meditazione orientale possono aiutarci a livello personale, ma noi siamo occidente. Un cambiamento sociale potremo ottenerlo solo con la riscoperta delle nostre radici più profonde - francescane, emersoniane o laiche che siano - e che più volte abbiamo ripudiate e nascoste a noi stessi. Finché ci limiteremo ad ovviare ad una mancanza, prendendo cose anche pregevoli da altre culture che non ci appartengono fino in fondo, non risolveremo nulla; due cose principali abbiamo da fare: liberarci della schiavitù secolare di nichilismo e maledettismo e rimediare a questa mancanza." (Ermanno Bartoli) - "Niente è infine sacro al di fuori dell'integrità della mente" (Ralph Waldo Emerson) Perchè quando uno parla di educazione e di istruzione e dei loro contenuti, in Italia nessuno risponde? Grazie per l'ospitalità Ermanno Bartoli www.webalice.it/barlow
    margherirosa .
    [p.d.s.: notiziole solo “curiose” ?… 1) in quel del foggiano un maestro del coro parrocchiale è stato (repentinamente / immediatamente / brutalmente) licenziato, per così dire, dopo 18 anni di servizio, perché nel frattempo, a insaputa di tutti, era in realtà diventato Luana…; ma la chiacchiera di paese lo ha poi tradito…; 2) e a Ugento, dove s’era verificato l’omicidio del consigliere comunale Basile, sembra oramai scongiurata la prematura cacciata del locale parroco che si è da sempre prodigato sì, senza lesinare energie, e perseveranza e azioni concrete per arrivare alla verità appunto su tale caso di efferato omicidio, che èsula dalla mèra cronaca-nera e sembra invece collegato ad altri fenomeni e intricatissimi intrallazzi di grandissimo interesse-importanza collettivi; 3) un piccione viaggiatore di nome Winston ha battuto in velocità l’e-mail inviate dalla “Unlimited” (l’importante azienda del settore informatico); in quel di Durban sembra proprio sìa ormai più utile, veloce e sicuro avvalersi delle prestazioni di un piccione; 4) e sempre in Australia, a Darwin, un tizio ha trovato un pitone di tre metri, (un cosidetto snake n.t.), che placidamente si era arrotolato-accomodato nel water di casa e che è stato poi catturato e liberato nella più vicina boscaglia; 5) invece, in precedenza più volte la stessa persona, un italiano in viaggio, per le vacanze, aveva per così dire dimenticato la suocera, al primo autogrill disponibile…(la distrazione, recidiva, a volte gioca davvero brutti scherzi !); 6) poi pare che un tale, peraltro molto danaroso, s’era invaghito di una ex-escort moldava, e con minacce insistenti la voleva costringere a lasciare il marito che a sua volta, salomonicamente, ha convinto la stessa consorte a non interrompere la assai complicata relazione extra-coniugale…] …… Saluti
    margherirosa .
    ...e poi c’è vacanza e «vacanza»... ovviamente; come è sempre o quasi sempre in certi // questi casi. …Saluti
    margherirosa .
    …e non c’è dubbio che su questo blog “siàmo” ancora in vacanza….; e ribadisco il fatto che non si sà poi se è più in vacanza la Redazione o di più lo stesso Oliviero o entrambi in cosidette e rigorose “parti” uguali…, per la serie: fifty-fifty. Beati loro comunque… E l’Italia nel frattempo continua ad affondare oppure…? O fosse “già” cambiato un “qualcosa” e non me ne sono accorto…? Fosse già iniziata la cosidetta operazione salvataggio…? Eh, sì, idiota /// stupido come sono…; d’altronde…. [c’èst la vìe... !!!] … Saluti
    margherirosa .
    …e sì sulla scorta e sulla scìa della “viciniorietà”, [sempre nel tempo e nello spazio], di cui prima, anche oggi una “riprova”: 1) mediavideo annuncia, e poi smentisce, nell’arco di circa mezz’ora, la notizia della morte del primo paziente sicuramente affetto da virus A1N1 a Napoli, e televideo poi fà lo stesso, con il cosidetto scarto di pochi minuti; 2) quasi all’unisono invece la news della nuova violenza di gruppo, del branco, ai danni di una sedicenne, e ciò guarda caso, pure in quel di Napoli (Scampìa)… Invece sul fronte-fiction, sempre in questi giorni, c’è sì da mettere in conto la inattesa fuoriuscita del capitano Venturi, [alias L.Flaherty], dal cast di Ris-6; infatti, già nella nuova serie si è verificato un cosiddetto drastico cambiamento di rotta, l’improvviso e quanto sorprendente punto di rottura, senza l’impegno-sforzo nel trovare un giusto equilibrio fra costi e il gruppo di attori-cast ormai affiatato; e da ciò la scelta di inserir(n)e un elemento di rottura così forte nella scelta del cast che prevede ad esempio la presenza di tale Euridice Axen quale nuova eroina-&-personaggio-Ris6; come dire che, in certi casi, anche tra un cast e i costi non bisogna mai mettere …. ? boh… Ma sì ! in fondo è solo una fiction….. Saluti [n.b.: e poi forse, con un pò di fortuna, la Axen ci farà vedere pure una mezza-coscia, chissà…; quando uno s’accontenta…; e per i fans di Flaherty ci sarà tempo e modo di…] [e-mail delle 18,20 circa]
    margherirosa .
    …stà di fatto che proprio stasera finalmente ritorna una/quella fiction altrimenti di classe come “La squadra”, seppure nella sua versione di Nuova; dagli schermi mancava da una anno, circa, e ciò, in precedenza non era mai e poi mai successo…Tutto mèrito e lo si fa per dire della nuova sfornata di personaggi-attori, e si fà per dir tali ovviamente, in primis uno su tutti il Taricone della situazione ! Una nuova squadra in un clima votato alla violenza, in una Città indubbiamente difficile/ issima da sempre; dove la legalità bisogna troppo spesso cercarla col famoso lanternino; eppure quella di una fiction, [di metropoli meridionale], è la vicenda che in realtà ripercorre lo status di un Paese, intero, ormai davvero alla frutta e ciò in tutti i sensi…… E poi siamo sicuri che i nostri neuroni si possano mantenere in migliori condizioni, o peggio consùmino ancor meno energia, se invece di osservar la Tivì, e quindi un “Muro”, osservassero un altrimenti “mulo”, magari perché no, pure di bellìno…e di per sé completamente / indiscutibilmente indaffarato in un non si sà bene che cosa…? [cfr.: ove “mulo” è in realtà l’antìtesi, e la palingenesi e l’iperbole e quant’altro, di ogni…][oh, ma che stò a dire ?!?] [in pratica: aridàtece ad esempio Carletto, il figlio dell’isp. Guerra; e poi, e nel frattempo, che fine hanno fatto i gemellini dell’isp. Ramaglia e chi se ne occupa? e il papà del giovane agente addetto alla guardiola del Commissariato Sant’Andrea è stato poi ritrovato ? e lo stesso è stato per caso dismesso o drasticamente ridimensionato o che cosa ? e così via discorrendo…][domande] … [ciò sinché il cervell(in)o ci consente e permette di potercene ////// volercene porre, ovviamente…] …… Saluti
    achillide .
    E se fossimo degli stupidi? E' vero,vivremmo in una condizione di superiorità morale,non ci porremmo quegli stupidi interrogativi che minano la nostra vita di relazioni. Che invidia per quelli che questi sciocchi ragionamenti non li fanno e che ci guardano con aria di assoluta superiorità. E si, siamo un popolo di imbecilli governato da una banda di "Idioti"
    Chip En Sai .
    "E a proposito di tv e di cretini, e di passività dilagante, una ricerca collegata al famoso neurologo Oliver Sacks ci dice che guardando la tv i neuroni del nostro cervello consumano il 13% di energia in meno che se stessimo guardando il muro…"?!... ______________________________________________________________________ Beh... Oliviero... non dovresti dar molto peso alla "ricerca" di questo "Oliver"... pur "famoso neurologo"!... lo scienziato... infatti... non sembra aver tenuto assolutamente conto né... perciò... verificato se... "guardando il muro" per un periodo corrispondente a una puntata del più intelligente dei programmi televisivi... i neuroni del nostro cervello consumino il 13% e oltre di energia in più di quella necessaria per seguire la stessa trasmissione di indiscusso alto livello culturale!... per spiegarmi meglio... il signor Oliver molto probabilmente non ha pensato che guardare un muro per lungo tempo non significa necessariamente tenere il cervello a riposo... anzi!... se... però... ha fatto anche questa prova... verificando che di fronte a un muro i neuroni lavorino meno che una puntata del più colto dei programmi televisivi... sarei curioso di sapere come ha scelto le *cavie*!... è... comunque... facile capire a priori che... se non le ha scelte in base al quoziente intellettivo... egli sia... inevitabilmente... incappato nella maggiore percentuale possibile di cretini... e che questi abbiano necessariamente confermato le sue aspettative!... ovvero che il suo campione abbia consumato meno energie cerebrali di fronte a un muro che al programma colto!... e... se così è davvero andata (come penso!)... lo sfido a riprovare lo stesso esperimento almeno altre due volte!... la prima... mettendo di fronte al muro un campione dei suoi migliori colleghi!... la seconda... costituendolo... a suo piacere... di matematici e filosofi! .-)

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook