• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Olivernet / la militarizzazione delle news
    11
    set.
    2009

    Olivernet / la militarizzazione delle news

    Condividi su:   Stampa

    A proposito del titolo a tutta pagina de “Il Giornale” di ieri su Ingroia e Scarpinato ospiti a una riunione aperta del “Il Fatto quotidiano”, ha già risposto e chiarito a sufficienza Marco Travaglio. Trattasi di “titolazione preventiva” contro un quotidiano a tredici giorni dall’edicola che fa il paio con la “querela preventiva” di cui parlavo qui una settimana fa. Travaglio entra nel merito di che cos’è “Il Giornale” e dei suoi scopi, dal momento che debbono preventivamente difendere Berlusconi dal rischio che dalle carte su Dell’Utri del ‘92/’93 si risalga al Premier, mentre il lodo Alfano discusso nelle cene private della Consulta forse, e augurabilmente nel rispetto dell’art.3 della Costituzione, è al capolinea. Quello che vorrei rilevare qui è invece una faccenda leggermente più banale, nel degrado generalizzato dell’informazione italiana (specie tv ma naturalmente non solo) cui Berlusconi e c. han dato una bella spinta per la scesa negli ultimi quindici anni, dal maggioritario in poi (cfr. ”I nuovi mostri”).

    1) Un titolo come quello è la più piena dimostrazione della “militarizzazione” della stampa. Qualsiasi cosa/notizia/spunto viene utilizzata come munizione da sparare contro il “nemico”. Succede anche a sinistra per carità, e finché il livello di militarizzazione è rimasto relativamente basso, dico quando Berlusconi e De Benedetti potevano pensare di convivere in un Fondo di Investimento, quattro estati fa, di Berlusconi si sono ignorate parecchie cose (l’antiberlusconismo “non spinto agli estremi”) e di De Benedetti parecchie altre (insieme a Ligresti è oggi leader della sanità privata in Italia: c’entra qualcosa con la cosiddetta “editoria pura”?). Oggi è guerra mediatica. In mezzo alle pallottole, la libertà di stampa.2) Una simile militarizzazione negli anni sempre meno strisciante ha cambiato la testa anche al lettore, per cui oggi al lettore sembra normale una stampa dimezzata e contrapposta per informare, disinformare o ignorare una realtà a sua volta divisa in due, come una torta. Se tifi per Berlusca, viva il Giornale del Grande Ascaro, del Mercante di Bergamo, se tifi contro meno male che c’è Scalfari, Mauro ecc. Per riabituare un pubblico di lettori ad essere cittadini e a ragionare con la propria testa senza tifare, non basterà forse una generazione. Per questo oggi si discute di un giornalista bravo come Luca Telese venuto al “Fatto” perché avrebbe la “fedina professionale” macchiata dall’aver lavorato a “Il Giornale”, mentre per esempio un altro eccellente collega come Marco Lillo passa in modo assai più indolore e invece comprensibilmente più “onorato” da “L’Espresso” al nuovo giornale. Eppure sono gli stessi di due mesi fa.3) Di qui una linea politica – in realtà culturale – evidente per chi voglia tentare liberamente di fare informazione/opinione. Non far sconti a nessuno, pur tenendo conto che Berlusconi e la sua china sono al centro del mirino per tutto ciò che è stato combinato finora. E sapendo che purtroppo inevitabilmente la battaglia per la libertà di stampa ha finito per essere ingoiata dalla battaglia contro le nefandezze berlusconiane (figlie di altre nefandezze, madri di altre nefandezze in campo avverso). Insomma, notizie e commenti a difesa dell’art.21 e della Costituzione tutta contro chiunque attenti ad essa, con i mezzi da grossista del Premier o con mezzi meno evidenti su altri fronti.4) Dibattere anche di questi temi può aiutare una auspicabile rinascita del sentimento civico/politico e del livello culturale del Paese, oggi sommerso. Sapendo però che non sarà l’antiberlusconismo da solo sufficiente a liberare i cervelli perché se al Sire priapesco sopravviverà questa mentalità e questa militarizzazione saremo comunque fottuti tutti quanti. Tutti quanti “noi”, intendo, naturalmente.P.S. Nel frattempo mi segnalano che il figlio di Bossi, non “delfino” ma “trota” secondo il padre, è stato nominato membro del consiglio di direzione dell’ ”Osservatorio sulla trasparenza e l’efficacia del sistema fieristico lombardo”, un baraccone inutile ideato dalla stessa Lega. Stipendio: 12.000 euro al mese. Dieci volte lo stipendio degli insegnanti che lo hanno bocciato. Tre volte.Alla maturità. Eh sì, è decisamente una questione “culturale”, oltre che politica e informativa…

     commenti
    Commenti
    170
    Lascia un commento
    katalog stron .
    20/03/2012 alle 10:34
    Impressive how simple it seems to be and wise and developing at the same time. Well done!
    katalog stron .
    20/03/2012 alle 05:57
    This blog is definitely worth reading and remembering.
    wózek widłowy .
    20/03/2012 alle 03:56
    Hi there colleagues, nice piece of writing and fastidious urging commented here, I am actually enjoying by these.
    Leland Devendorf .
    20/03/2012 alle 03:40
    Khmer Karaoke Celebrities I was suggested this site by my own cousin. I'm unsure whether this specific post is written by him as no-one else recognize such comprehensive about our difficulty. You are amazing! Thanks! your article about Khmer Karaoke Celebrities Sincerely Lisa Cassetta
    quick step .
    20/03/2012 alle 00:35
    I real thankful to find this website on bing, just what I was searching for :D likewise saved to fav.
    druk pit 2012 .
    20/03/2012 alle 00:25
    The http://www.olivierobeha.it/articoli/2009/09/6825 is definitely the freshest using this treasured topic. I concur together with the conclusions and might eagerly look ahead to your future updates. Saying thanks received't basically be passable, for the good lucidity in the writing. druk pit 2012
    cheap adventure travel .
    19/03/2012 alle 19:42
    Wohh exactly what I was looking for, regards for posting.
    Ignacio Sealey .
    19/03/2012 alle 18:10
    I found this blog from Facebook (my friend posted it). After reading it, I then clicked "Like" and also reshared it.
    Barton Robarge .
    19/03/2012 alle 15:06
    Hi there! This post could not be written any better! Reading through this post reminds me of my previous roommate! He continually kept preaching about this. I am going to send this article to him. Pretty sure he will have a great read. Many thanks for sharing!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook