• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Che ci facciamo qui?
    23
    set.
    2009

    Che ci facciamo qui?

    Condividi su:   Stampa

    Il badante Il Fatto Quotidiano, 23 settembre 2009Che ci facciamo qui? Dico in questo giornale, nelle edicole, nel sistema mediatico onnivoro di questo paese? Non è una domanda letteraria alla Chatwin, ma l’imprinting letterale di un quotidiano che nasce oggi legato alla questione della libertà di stampa, di espressione, di pensiero. E allo stadio avanzato della nostra “malattia”, certamente non solo italiana, ma pericolosamente, di questi tempi barbaramente italiana.Teorie? Badiamo alla realtà, allora, e al racconto mediatico della realtà. Ai “fatti”. Ci pensavo ieri mattina, tra le 9 e le 10, durante il programma su Radio 24 “La versione di Oscar”, nel senso di Giannino.

    Era un fatto, una trasmissione radiofonica di buon livello e buon “audiradio”? Era un fatto la questione della libertà di stampa – tema del giorno – con tutto ciò che si porta dietro in termini politici, politico-elettorali, culturali, civici, economici ecc.? Mi è parso di sì, che tale venisse considerato dai vari punti di vista del conduttore, del vicedirettore del “Corriere”, Battista, del vicedirettore di “Repubblica”, Giannini, dal pubblico che interveniva telefonicamente. E giacché Giannino aveva avuto la cortesia di invitarmi riferendosi alla nascita de “Il Fatto quotidiano”, anche dal mio punto di vista dell’ospite addirittura parlante (ma senza esagerare…).Ebbene, non ci crederete ma l’accenno al nuovo “Fatto” è stato immediatamente – anche solo di passata ma quasi dando per scontato che non potesse che essere così – quello circa un giornale che nasceva contro Berlusconi “se è possibile ancor più di ‘Repubblica’”, cfr.Giannino. Il quale, ennesimo paradosso, era dei tre (con Battista e Giannini) certo il più disponibile a ritenere al fondo “taroccata” e “militarizzata” l’informazione, pro o contro Berlusconi, quindi a diagnosticare la malattia di cui sopra, arrivando – udite udite – a distinguere il “punto di vista” del giornalista (sacrosanto e inevitabile) dal suo vestire una “casacca”, se non piuttosto un elmetto. Eppure nell’accennare a “Il Fatto”, anche graziandoci del riferimento alla “necessarietà di un altro giornale”, perfino Giannino come gli altri due vice(direttori) dava per scontato l’antiberlusconismo militante e direi eziologico di questa testata. Male, molto male: Giannino, Battista, Giannini colleghi al plurale, abbonati e lettori che ci permettete, permettereste, permetterete di andare avanti, siete fuori strada se davvero pensate che questi ultimi quindici anni inducano il parto di un quotidiano “soltanto” contro Berlusconi. Berlusconi è insieme troppo e troppo poco come bersaglio. Ha fatto a pezzi una cultura e uno stile di vita che prima del suo avvento politico e del maggioritario truffaldino ospitavano ancora, fosse solo per inerzia del potere o merito di qualche singolo, lembi di libertà di informazione e interstizi di pensiero. Adesso ha indotto chiunque a ragionare come se lui da solo incarnasse l’evaporazione di questa libertà superflua, e nel disinteresse di tutti, o quasi.E allora niente sconti, qui, a lui ovviamente ma anche agli altri, niente “amici” mafiosetti con o senza coppola di fronte ai reati, gli errori, gli orrori, nessun padrone che ti svegli all’alba (Agnelli, De Benedetti ecc. ben prima del Berlusca) rendendoti un direttore orgoglioso in pigiama… Semplicemente un giornale che tenda alla libertà. Follia? Forse. Ma c’è del metodo, Polonio…Ascolta la puntata di La versione di Oscar del 22 settembre 2009
    Ospiti in studio: Oliviero Beha, Pierluigi Battista (editorialista del Corsera), Massimo Giannini (vicedirettore di la Repubblica)

     commenti
    Commenti
    271
    Lascia un commento
    katalog seo .
    19/03/2012 alle 21:45
    It is the blog that helps to develop oneself. Well done!
    mobile search optimization .
    19/03/2012 alle 18:38
    I visited a lot of website but I believe this one holds something special in it. "Truly great madness cannot be achieved without significant intelligence." by Henrik Tikkanen.
    japan style .
    19/03/2012 alle 18:25
    Hello There. I found your blog using msn. This is an extremely well written article. I will be sure to bookmark it and return to read more of your useful information. Thanks for the post. I’ll definitely comeback.
    program pity .
    19/03/2012 alle 15:57
    It's hard to find knowledgeable people using this topic - http://www.olivierobeha.it/articoli/2009/09/6833, but you sound like guess what happens you're talking about! Thanks. program pity
    produkt vergleich .
    19/03/2012 alle 09:58
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    hello!,I love your writing very so much! proportion we keep in touch extra about your post on AOL? I require an expert on this space to resolve my problem. Maybe that's you! Having a look ahead to see you.
    sinooke katalog .
    19/03/2012 alle 05:31
    I feel like an addict since I have to know what has just been posted here.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook