• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Italiopoli, va in scena la resistenza civile
    08
    ott.
    2009

    Italiopoli, va in scena la resistenza civile

    Condividi su:   Stampa

    pubblicato su Il Fatto Quotidiano del 7 ottobre 2009Una ventina d’anni fa, precisamente nel 1987, Gerard Genette diede alle stampe uno strano libro, dal titolo poetico e semanticamente larghissimo come “Soglie”. In questo saggio si parlava con chiarezza del cosiddetto “paratesto”, di tutto ciò che aveva a che fare con il testo di un libro senza farne parte vera e propria. Per intenderci, i cappelli introduttivi, i risvolti di copertina, i lanci pubblicitari, le interviste all’autore, insomma le “soglie” dell’opera. I dintorni del testo, al cui centro (storico, come per una città) tipograficamente e topograficamente c’era appunto lo scritto dell’autore. C’entra questo con il lavoro teatrale di un non-attore? Forse. Vediamo. Per esempio mi è venuto in mente Genette in quei minuti primi e secondi in cui il sipario è ancora chiuso, ma tu sei sul palcoscenico in attesa di cominciare: dal brusio della sala (se c’è qualcuno in sala…) assumi una linfa vitale rara , adrenalina purissima, una carica “genettiana”. Che altro è infatti quella sospensione se non una “soglia” nello spazio e nel tempo, sulle tavole e in quel momento che non è ancora spettacolo per gli altri ma lo è già abbondantemente per te, è insomma il tuo “paratesto” esistenziale?

    Non credo che neppure per coloro che recitano di professione ci si abitui macchinalmente mai del tutto a questa “soglia”. Voglio pensare che anche dopo una vita o molte vite in scena, quei momenti magari nell’angolo più recondito della coscienza siano letteralmente irripetibili, e siano il senso vero del teatro. Del “tuo” teatro, di quello che provi qualunque testo porti in scena, dell’anima che cerca un contatto attraverso le parole, i gesti, la percezione delle parole e dei gesti che di fronte a te hanno coloro che ti ascoltano e ti vedono, oppure pensano di ascoltarti e vederti e in realtà stanno mettendo in scena sul loro palcoscenico interiore loro stessi, passando dal tuo “paratesto” al loro “pretesto”. Ma non sono un attore, se non shakespearianamente nel senso di totus mundus agit istrionem, di noi tutti attori nella piéce per eccellenza, la nostra vita, e quindi la faccio finita qui. Per la “forma” teatro e per quello che mi interessa di essa, mezzo letteralmente impagabile (spesso non solo metaforicamente…) e diversissimo da come abitualmente uso, usiamo, la parola scritta per giornali e libri e la parola parlata in tv, alla radio, al cinema per gli attori terminali del sogno cinematografico. Ma ovviamente resta la sostanza. Perché e come nasce l’idea di un plot teatrale, di teatro cosiddetto “civile” (formula fino a un certo punto equivoca perché nei millenni anche solo per il fatto di aver resistito, da Eschilo a Bondi, il teatro è stato e resta di suo e comunque una forma alta di civiltà e di civismo)? Teatro civile fin dal titolo, visto che si chiama “Italiopoli” e non dovrebbe lasciar tanti dubbi sulla storia in questione: parla di noi, dell’Italia di oggi, di un Paese “scandaloso” in tutte o quasi le sue manifestazioni che però non fa “scandalo” nella sua scandalosità e tradisce i motti latini e la loro bontà significativa (oportet). Questo spettacolo si chiede appunto “come abbiamo fatto a ridurci così?”, anticipando e respingendo la tesi banale e poco drammaturgica – solo “drammatica”- che tutto dipenda sempre e solo da Berlusconi. No, c’eravamo anche prima di lui, anche coloro che essendo nati dopo affidano all’anagrafe la loro “innocenza”. Sbagliando, secondo tutto il teatro greco: non ricadono infatti sui figli le colpe dei padri? Di questo si parla, a teatro, a partire da un episodio giornalistico che a pensarci un attimo ha molto a che vedere con la manifestazione per la libertà di stampa di sabato scorso, nota che dovrebbe garantire l’attualità della piéce… L’episodio è il seguente. In un giorno di gennaio del 2007, quindi quasi tre anni fa e di questi tempi per la memoria azzerata del singolo e della collettività è un lasso sconfinato, trovo sulla prima pagina di “Repubblica”, il meritorio quotidiano delle 10 domande, un formidabile (alla lettera etimologica: “che incute paura”) articolo di Pietro Citati, letterato finissimo aduso a scrivere di Cervantes, dei Vangeli Apocrifi o di Valery, per dire. Quel giorno, in un testo intitolato “La scomparsa dell’autorità”, tracciava invece il disegno di un Paese ormai senza autorità né autorevolezza e inutilmente e pericolosamente infiltrato dal potere, a tutti i livelli. Un potere senza autorità né autorevolezza, destinato ad accrescere la “mafiosità” italiana ben oltre i livelli delle mafie intese come associazioni per delinquere (già quelle un leggero problemino nelle loro sinergie con la politica l’hanno creato). Mi son detto: era dai tempi di Pasolini, quindi trentadue anni prima, e poi di Sciascia che un intellettuale non scoperchiava con tanta forza culturale ed emotiva il pentolone. In più sulla prima pagina di uno dei due giornali più importanti del Paese, proprio come aveva fatto per pochi anni Pasolini prima di venir assassinato su “Il Corriere della Sera” (all’epoca, lo dico per i più giovani che hanno visto nascere “Il Fatto”, la Prima Repubblica di Eugenio Scalfari non esisteva ancora). Ebbene, esattamente al contrario di quello che accadeva nei primi anni ’70 per gli articoli di Pasolini, dibattuti fino alla morte (letterale come si sarebbe poi visto), all’intervento di Citati non è seguito mai più nulla: né sulla stampa italiana, né sulla stessa “Repubblica”, come se non fosse stato pubblicato. Niente di niente, silenzio totale. Censura, autocensura, menefreghismo, labilità culturale? Ho cominciato a pensare che legare Pasolini a Citati in teatro fosse un modo vivo di parlare di padri e figli, di quell’Italia e di questa, di tutto ciò che in profondità è accaduto per cambiarci così, al punto da renderci ormai post-italiani, anche se andiamo a Piazza del Popolo a manifestare contro il Berlusca sotto le insegne di giornali come quelli che ho appena descritto. Mi son detto: non sarai il fantasma del palcoscenico, ma magari riesci a diventare il palcoscenico del fantasma, che sei, che siamo, che siamo diventati nell’Italia che ci circonda.Da domani a domenica va in scena, a Roma al teatro Ghione (via delle Fornaci 37, tel. 06/6372294; info@teatroghione.it?), per la regia di Beppe Arena, “Italiopoli” di e con Oliviero Beha (sul palco anche Selene Gandini e Moira Angelastro).

     commenti
    Commenti
    320
    Lascia un commento
    porzadne strony .
    20/03/2012 alle 05:58
    This blog is excellent and I think that I don’t have to add anything.
    Exklusive Wandbilder .
    20/03/2012 alle 05:23
    I dugg some of you post as I cogitated they were invaluable very beneficial
    katalog www .
    20/03/2012 alle 04:05
    I’m convinced you don’t realize how good this blog is.
    Lanell Beary .
    20/03/2012 alle 02:52
    Thanx for a very educational website. What otherwise may My spouse and i get that kind of information written ordinary perfect approach? I've any project that we am at the moment operating about, and I am at the check for such info.
    Jimmy Choo Outlet .
    20/03/2012 alle 02:45
    Hello my friend! I wish to say that this post is awesome, nice written and include almost all significant infos. I would like to see more posts like this.
    Katy Mossel .
    20/03/2012 alle 01:33
    May I just say what a comfort to uncover someone who truly understands what they are talking about on the net. You certainly know how to bring a problem to light and make it important. A lot more people ought to look at this and understand this side of the story. I was surprised you are not more popular given that you surely possess the gift.
    Krystle Menesez .
    20/03/2012 alle 00:48
    blog bookmarked and digged, I'll post my feedback on my site as well
    panasonic toughbook cf 29 .
    19/03/2012 alle 20:21
    Youre so awesome, man! I cant believe I missed this blog for so long. Its just great stuff all round. Your design, man...too amazing! I cant wait to read what youve got next. I love everything that youre saying and want more, more, MORE! Keep this up, man! Its just too good.
    jimmy choo väska pris .
    19/03/2012 alle 19:35
    You made some respectable points there. I seemed on the web for the difficulty and found most people will go together with with your website.
    uggs prezzo .
    19/03/2012 alle 19:32
    I’m amazed, I need to say. Really scarcely will i come across a blog that’s both educative and amusing, and without a doubt, you may have hit the nail on the head. Your theory is certainly outstanding; the problem is something which not enough people are talking intelligently about. Now i'm very happy that I found it with my try to find something relating to this.
    ugg online españa .
    19/03/2012 alle 19:31
    I discovered your blog site on google and check a few of your early posts. Continue to keep up the very good operate. I just additional up your RSS feed to my MSN News Reader. Seeking forward to reading more from you later on!…
    Lenny Carmean .
    19/03/2012 alle 16:58
    I just linked this article on my facebook. it is a very interesting article for all.
    Russian shops in London .
    19/03/2012 alle 15:51
    Keep up the great work, I read few articles on this site and I think that your web site is very interesting and has got lots of good information.
    Bernie Montijo .
    19/03/2012 alle 15:36
    Next time I read a blog, Hopefully it does not disappoint me just as much as this particular one. I mean, Yes, it was my choice to read through, nonetheless I truly believed you would have something helpful to say. All I hear is a bunch of crying about something that you could possibly fix if you were not too busy looking for attention.
    Jimmie Stodolski .
    19/03/2012 alle 14:25
    Incredibly insightful thank you, It looks like your readers would probably want a good deal far more blog posts along these lines carry on the excellent content material.
    Marisa Handshaw .
    19/03/2012 alle 14:10
    Everyone loves it whenever people get together and share views. Great site, continue the good work!
    japan style sklep .
    19/03/2012 alle 13:37
    I like the valuable info you provide in your articles. I will bookmark your blog and check again here regularly. I am quite sure I’ll learn many new stuff right here! Best of luck for the next!
    druk pit 2012 .
    19/03/2012 alle 13:14
    One thing I would like to say is that prior to purchasing more pc memory, take a look in the machine in to which it would be installed. In the event the device is usually running Windows xp, for instance, the particular memory ceiling is 3. 25GB. Setting up a much bigger than this would solely constitute any waste. Be sure that one's mother board can handle the upgrade amount, as well. Interesting blog post Italiopoli, va in scena la resistenza civile | Oliviero Beha. druk pit 2012
    dsl vergleich .
    19/03/2012 alle 08:44
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    Ahmad Miernik .
    18/03/2012 alle 21:33
    I must thank you for the efforts you've put in penning this site. I really hope to see the same high-grade blog posts from you in the future as well. In truth, your creative writing abilities has encouraged me to get my own, personal blog now ;)
    news .
    18/03/2012 alle 16:35
    Good write-up, I am normal visitor of one's blog, maintain up the excellent operate, and It is going to be a regular visitor for a long time.
    Tempat Sampah Stainless .
    18/03/2012 alle 13:43
    I've been surfing online more than three hours today, yet I never found any interesting article like yours. It is pretty worth enough for me. Personally, if all web owners and bloggers made good content as you did, the net will be a lot more useful than ever before.
    variable universal life insurance .
    18/03/2012 alle 10:48
    Hi there! This is the fourth time visiting now and I just wanted to say I truley relish reading your web site. I've decided to bookmark it at delicious.com with your title: Italiopoli, va in scena la resistenza civile | Oliviero Beha and your Website address: http://www.olivierobeha.it/articoli/2009/10/6850. I hope this is ok with you, I'm attempting to give your excellent blog a bit more coverage. Be back shortly.
    Programa para bajar de peso .
    18/03/2012 alle 10:39
    As soon as I discovered this website I went on reddit to share some of the love with them.
    Gucci Sunglasses Wholesale Brown .
    18/03/2012 alle 09:25
    I am glad for commenting to make you be aware of what a wonderful encounter my cousin's princess developed studying your web page. She learned so many things, with the inclusion of how it is like to possess an amazing coaching mood to let men and women with no trouble have an understanding of specified grueling things. You truly surpassed visitors' expected results. Thank you for offering the practical, dependable, revealing and cool thoughts on the topic to Mary.
    discount tory burch flip flops .
    18/03/2012 alle 06:35
    A single of the free providers that are presented by most manifeste and personal colleges is coach course. These lessons permit pupils to get additional assist from their teacher in a school environment. Students can consult issues about course get the job done actions and homework assignments. These lessons are typically held as soon as a week and help to present an educator that a university student is carrying out almost everything he can to get the finest quality feasible. Going to coach class can indicate the distinction among passing a class and failing a person.
    foredi gel .
    18/03/2012 alle 06:19
    Hey there this is a fantastic article. I'm going to e mail this to my associates. I stumbled on this while exploring on google I'll be sure to come back. thanks for sharing.
    rosetta stone chinese .
    17/03/2012 alle 23:52
    http://www.top-rosettastone.com/index.php?main_page=product_info&cPath=6&products_id=4
    plantillas tienda online .
    17/03/2012 alle 23:35
    interesante escrito, corto. Me has hecho pensar. Gracias
    make money online reviews .
    17/03/2012 alle 22:12
    What's Going down i'm new to this, I stumbled upon this I have discovered It positively helpful and it has aided me out loads. I am hoping to give a contribution & help different users like its aided me. Good job.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook