• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Le “piccole” storie raccontano l’ita...
    18
    nov.
    2009

    Le “piccole” storie raccontano l’italia

    Condividi su:   Stampa

    Pubblicato sul Fatto Quotidiano il 18 novembre 2009La prima fitta l’ho provata nel gennaio 2008: il “giallo” dei semafori photored sulle foto e le multe ai semafori dilagato in tutta Italia. Ma non me ne ero occupato nel 2004 con una campagna informativa durata settimane? La seconda è del giugno successivo: lo scandalo della Santa Rita, ”la clinica degli orrori”. Questo nome non mi era nuovo… Già nello stesso 2004 l’avevo trattata alla radio nell’ultima stagione prima della censura totale Rai. La terza nel settembre scorso, quando in un convegno a Castrolibero (Cosenza) davanti a Loiero e company si alza un amministratore locale e dice all’incirca indicandomi “devo ringraziare Beha che alcuni anni fa cominciò a parlare alla radio delle navi dei veleni”. La quarta fitta è di queste settimane in cui il Virus A H1N1 miete vittime, panico, titoli e trasmissioni televisive: nel 2001 tentai una ripetuta rassegna di informazione sui vaccini in generale, e la comunicazione su di essi in particolare, a “Radio a colori”. La quinta...

    Potrei continuare, naturalmente. Fino alla vicenda segnalatami via Internet ieri mentre scrivevo questo articolo: “…a Niscemi, in provincia di Caltanissetta nella contrada ‘Ulmo’, un’area boschiva sotto-posta a vincolo S.I.C. (Sito d’interesse comunitario), ad appena tre chilometri dal centro abitato si vuole costruire un’antenna ‘MUOS’ (Mobile User Obiect System) ad altissime frequenze UHF (parte del sistema militare statunitense di comunicazioni satellitari). L’antenna dovrebbe essere attivata nel 2011. Una volta messa in funzione, produrrà onde elettromagnetiche con effetti devastanti per la salute: rischi di tumore, leucemie, malformazioni genetiche, anche a distanza di decenni. Nello stesso sito esistono già dal 1991 oltre 40 (quaranta!) trasmettitori a sistema elicoidale UHF di varia grandezza e potenza…”.Tante storie, troppe storie che non vengono raccontate, la realtà italiana che invece dovrebbe essere indagata, verificata, discussa e tradotta in modo comprensibile per un’opinione pubblica ormai quasi completamente imbalsamata cui è stato fatto credere che le storie non contino. Non conti la storia del piccolo Daniele, anche se appassiona tutti gli italiani di buona volontà, che siano genitori oppure no, non contino la sfilza di vicende che ho appena accennato e che hanno riempito dodici anni della mia attività professionale quotidiana alla radio. Da quando nel 1992 mi ritrovai a fare indagini su un cerotto ritrovato nel pane da un ascoltatore – un’inezia che permetteva però di discutere della panificazione in questo paese –, per finire con campagne che negli ultimi anni, fino alla chiusura-clausura-censura del 2004 hanno costretto Tronchetti Provera a presentarsi in Senato per rendere conto dello “scandalo 709”, “Trojan Horse” e varia disumanità telefonica.  Ma le fitte cui mi riferivo non riguardano soltanto il mio dispiacere per non poter essere più utile in quel modo. Succede… Per esempio confido molto in questo giornale e nella sua sensibilità e capacità del tutto “politiche” nel senso migliore, etimologico del termine, di riannodare la realtà dal basso, appunto a partire da “queste storie”. Come si dice, non c’è solo Zorro… Le fitte sono piuttosto i sintomi di disagio nell’aver seguito in questi anni il precipizio di un’informazione che sembrava aver rovesciato la piramide. Per terra, a stretto contatto dei media meglio se offerta in pasto come bocconcini succulenti e pepati, spessissimo finti, la cuspide della politica, dell’economia, della finanza, di un vippume da pescheria ma senza il pesce fresco. Il tutto quasi sempre irrelato dalle storie, lasciate invece in alto, praticamente invisibili e comunque sospese, quasi che le storie, i fatti, le vicende fossero un fastidio insopportabile per i gestori del paese. L’importante era non parlarne, non dare troppo spazio, troppa evidenza, troppa comprensibilità al quotidiano, alla vita della vita se mi si passa questo slogan, ossia esattamente il contrario di ciò che sarebbe alla base di un’informazione degna di questo nome. Certo, Cogne ed Erba si vendono bene, meglio di un’informazione preventiva   sulle antenne di Niscemi, ma Cogne ed Erba sono assurti a simbolo dell’unica cronaca possibile o quasi, quella appetibile una volta “cinematografica” e oggi squallidamente “televisiva”. I morti sul lavoro per esempio non sono televisivi e costituiscono un impiccio, una chiamata di correo o almeno di responsabilità su un piano pragmatico che non si vuole di solito affrontare. Meglio una tabella di vittime da aggiornare. E, invece, modi per parlarne ce ne sono, se solo si vuole.Certo, non è possibile per tutto ciò fissare un colpevole a priori. E’ impensabile partire con il pregiudizio che “sia tutta colpa di Berlusconi” anche quando, magari stranamente, non c’entra. La realtà delle storie se ne fotte della politica e arriva a colorarsi di politica solo nelle sue interpretazioni.   Ma il punto è che oggi sul tavolo dell’informazione ci sono rimaste quasi soltanto le interpretazioni.Nelle mie trasmissioni radiofoniche per tutti questi anni ho privilegiato segnalazioni dal basso, indagini giornalistiche preventive, chiamate di responsabilità presunta senza guardare in faccia nessuno, né governo né opposizione né amministratori locali di qualunque parrocchia. La diretta si incaricava di mostrare delle parti come in un teatro radiofonico, dal suddito-cittadino in balìa dei soprusi all’eventuale identificazione del responsabile. Una drammaturgia semplice: chi ti raccontava la sua storia cercando giustizia o almeno informazione pubblica su qualche “delitto”, chi veniva chiamato direttamente in causa, la mediazione giornalistica della radio, di una redazione che non parteggiava per nessuno, di un conduttore che si assumeva tutti gli oneri del maggior equilibrio possibile. Intanto, “fuori”, montava l’onda del cicisbeo subpolitico, della recita di attori spesso neppure protagonisti della politica politicante avulsi dalla platea, di un teatro che rischiava sempre di più di andare a fuoco. A proposito, mi sono occupato anche del Petruzzelli di Bari…L’ultima fitta, la più intensa, è per i destinatari di questo tipo di lavoro, gli ascoltatori-telespettatori-lettori che cominciano a pensare che con questa politica e con questa informazione non ci sia più niente da fare e tanto vale fregarsene nella rassegnazione complice. Sbagliano, forse la teoria si è ormai definitivamente impantanata, ma le storie sono capaci per loro vigore intrinseco di uscir fuori dalla melma. Basta prestare loro attenzione “pulita”, non tarata pregiudizialmente dall’uso che se ne intende fare speculandoci sopra.

     commenti
    Commenti
    99
    Lascia un commento
    August Rollerson .
    20/03/2012 alle 09:04
    Do you've a junk issue for this website; I additionally am the blogger, and I was enthusiastic about your circumstance; a wide range of of people have developed some nice methods and also we're searching to industry methods with other men and women, why not shoot me an e mail if curious.
    Cindie Boccanfuso .
    20/03/2012 alle 06:32
    Thanks for your write-up. I would love to opinion that the first thing you will need to conduct is verify if you really need credit repair. To do that you need to get your hands on a duplicate of your credit profile. That should never be difficult, considering that the government mandates that you are allowed to get one free of charge copy of your real credit report annually. You just have to inquire the right people. You can either check out the website for the Federal Trade Commission and also contact one of the main credit agencies right away.
    Marc Soderberg .
    20/03/2012 alle 03:25
    I’ve learn several just right stuff here. Certainly worth bookmarking for revisiting. I surprise how much effort you set to make the sort of great informative website.
    Hoa Antigua .
    20/03/2012 alle 03:24
    Excellent post. I'm facing a few of these issues as well..
    darmowy formularz 2011 .
    20/03/2012 alle 01:47
    http://www.olivierobeha.it/articoli/2009/11/6895 really answered our drawback, thank you! darmowy formularz 2011
    mbt Oviedo .
    19/03/2012 alle 23:03
    When I read through a blogs, I really hope that it doesnt disappoint me as much as this one. I mean, I know it was eventually my choice to read, however I really assumed you'll have some thing amazing to share. All of I hear is a bunch of whining about something you could fix if you ever werent too busy looking for awareness.
    ugg prezzo .
    19/03/2012 alle 23:03
    This can be a ideal blog for anybody who wants to find out about this kind of question. You realize a lot of its almost complicated to argue with you (not that I truly would definitely want…HaHa). You definitely put a different spin for a topic that is already been written about for decades. Awesome stuff, really superb!
    Angeline Chilsom .
    19/03/2012 alle 20:48
    Nice post. I learn something totally new and challenging on websites I stumbleupon every day. It's always interesting to read articles from other authors and use something from other websites.
    japan style .
    19/03/2012 alle 19:31
    This is really interesting, You are a very skilled blogger. I have joined your feed and look forward to seeking more of your excellent post. Also, I've shared your web site in my social networks!
    marzec 15 .
    19/03/2012 alle 17:21
    I enjoy you because of every one of your hard work on this website. My mum really loves conducting investigation and it's really simple to grasp why. All of us know all of the compelling manner you offer practical tips and tricks through this web site and strongly encourage contribution from others about this concern so our own child is always being taught a whole lot. Enjoy the remaining portion of the new year. You are always carrying out a very good job.
    katalog seo .
    19/03/2012 alle 17:13
    Due to this blog, I found inspiration for my hobby. Thanks a lot!
    Glass Frames .
    19/03/2012 alle 14:34
    It is appropriate time to make some plans for the future and it is time to be happy. I have read this post and if I could I desire to suggest you some interesting things or suggestions. Perhaps you could write next articles referring to this article. I wish to read more things about it!
    get free kindle .
    19/03/2012 alle 10:55
    Very nice info and right to the point. I don't know if this is really the best place to ask but do you people have any thoughts on where to get some professional writers? Thanks :)
    preis vergleich .
    19/03/2012 alle 10:12
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    home decor .
    19/03/2012 alle 09:17
    Pretty nice post. I just stumbled upon your weblog and wished to say that I've really enjoyed browsing your blog posts. After all I will be subscribing to your rss feed and I hope you write again soon!
    membuat website joomla .
    19/03/2012 alle 08:28
    Thank you a lot for giving everyone remarkably marvellous opportunity to check tips from this website. It is usually so lovely plus jam-packed with a great time for me personally and my office fellow workers to visit your website not less than three times every week to study the new stuff you have got. And lastly, we're certainly astounded with your eye-popping tips and hints you serve. Selected 4 tips in this article are unquestionably the best we have had.
    Liverpool vs live stream .
    19/03/2012 alle 04:47
    Its like you read my mind! You appear to know so much about this, like you wrote the book in it or something. I think that you can do with a few pics to drive the message home a little bit, but instead of that, this is excellent blog. A fantastic read. I will definitely be back.
    Mathew Gardiner .
    18/03/2012 alle 22:46
    I really appreciate this post. I have been looking all over for this! Thank goodness I found it on Bing. You've made my day! Thank you again!
    Arsenal vs live stream .
    18/03/2012 alle 19:31
    Thank you for all of your efforts on this web site. My mother take interest in setting aside time for research and it's obvious why. My spouse and i know all about the powerful mode you convey efficient secrets by means of the web blog and cause response from people about this theme and our own girl has been discovering a great deal. Take advantage of the rest of the year. You are doing a terrific job.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook