• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Il caso del critico musicale gasponi e il diritto di i...
    12
    apr.
    2010

    Il caso del critico musicale gasponi e il diritto di informare pagato a caro prezzo

    Condividi su:   Stampa

    di Vittorio EmilianiStorie di ordinaria anomalia italiana: per aver riportato la critica, molto sobria, di un grande direttore, il tedesco Wolfgang Sawallisch, sui troppi “aggiunti” presenti, nel ’96, nell’orchestra di S.Cecilia, uno dei critici musicali più seri ed equilibrati, Alfredo Gasponi del “Messaggero”, rischia di dover pagare ai professori dell’orchestra quasi 500.000 euro di tasca propria. Molti di più se l’esecutività della sentenza d’appello non verrà sospesa e con essa fermata la corsa degli interessi in pendenza del suo ricorso in Cassazione. Un uomo rovinato, con la casa e il conto bancario pignorato. Un diritto primario – quello di informare e di criticare – sostanzialmente negato.Se ne è discusso ieri mattina all’Associazione Stampa Romana. Coordinava il presidente dell’ASR, Fabio Morabito, presenti i presidenti della FNSI, Roberto Natale, dell’Ordine regionale, Bruno Tucci, Paolo Butturini segretario dell’ASR, Sandro Cappelletto per l’associazione nazionale dei critici musicali (oltre a Gisella Belgeri, Pietro Acquafredda e Luca Del Fra), l’avv. Chiocci. Tutti solidali in sala. Tutti d’accordo sul fatto che l’incredibile vicenda investe non il solo Gasponi, non i soli giornalisti, ma lo stesso diritto/dovere di informare e il diritto “primordiale” dei cittadini di essere informati. Come di continuo ribadisce l’Alta Corte europea di Strasburgo.

    Riepiloghiamo la storia davvero allarmante. Il 9 marzo ‘96 negli Spettacoli del “Messaggero” compare un’ampia intervista firmata dal critico Alfredo Gasponi al M° Wolfgang Sawallisch. Il quale sta provando musiche poco frequenti, e quindi poco conosciute, di Schumann e Hindemith, e confessa: “Ci sono problemi” provocati dai troppi giovani “aggiunti”. “Io spero”, sdrammatizza, “che durante i prossimi concorsi per i posti fissi in orchestra, si possano trovare dei nuovi elementi veramente all’altezza” e aggiunge, sempre garbato: credo “sia meglio lanciare un piccolo allarme” (attenzione, un piccolo allarme), ora, per il bene di un’orchestra che “amo molto”. Titolo, vivace: “Sawallisch, allegro non troppo”. Sommario più severo: “L’orchestra di S. Cecilia non è all’altezza del suo ruolo”. Nessuno dei due redatto, peraltro, da Gasponi, collaboratore fisso (articolo 2) e non redattore del giornale. Da notare: nella stessa pagina, egli fa parlare anche il presidente Bruno Cagli, che non nega il problema: “Aspettiamo però il risultato finale”, l’oboista Augusto Loppi (sono “ragazzi in gamba, ma che non hanno ancora una grande esperienza”) e il violinista Riccardo Piccirilli più risentito, il quale racconta che anche il M° Chung era scontento, alle prime prove, del complesso ceciliano, poi, alla fine, si mostrò soddisfatto. In prima pagina però esce un titolo molto forzato rispetto alle parole di Sawallisch: “A Santa Cecilia non sanno suonare”. Tranciante e scorretto. Alfredo Gasponi tuttavia non c’entra e non ne sa nulla. Il giorno dopo il giornale rettifica prontamente quella titolazione, e  Gasponi, sempre obiettivo, intervista tre direttori come Carlo Maria Giulini, Giuseppe Sinopoli e Myun-Wun-Chung, i quali confermano i limiti delle orchestre italiane, e il direttore stabile ceciliano, Daniele Gatti, che difende la propria orchestra. Il 9 giugno 1996 Sawallisch scrive di suo pugno a Gasponi: lei “non ha travisato il mio pensiero e ha scritto la verità”.I giudici però non vorranno mai ascoltarlo. Partono querele al giornale, al direttore e a Gasponi motivate essenzialmente sul titolo di prima pagine (di cui il critico era ignaro e incolpevole). Il giudice civile di primo grado, a fine 2002, li condanna tutti e fissa in oltre 36.000 euro il risarcimento dovuto ad ognuno degli 80 professori. Una botta da quasi 3 milioni di euro. Ma è in appello che avviene il peggio. L’azienda intanto si divide da Gasponi e le condanne vengono confermate. La società editoriale ne approfitterà poi per mettere fra i passivi la somma di 2 milioni di euro andando così “in rosso” di un pugno di euro ed ottenendo così quello stato di crisi che le consentirà di “alleggerirsi” di 38 fra redattori e inviati…Nella sentenza, davvero stupefacente, il critico viene accusato di aver “distorto il pensiero dell’illustre maestro” (cosa che lui, Sawallisch, inascoltato, nega), “confezionando un articolo volutamente scandalistico” (ma quale, se Gasponi non ha fatto che interviste?). La sentenza del dicembre 2008 si fonda sullo sciagurato titolo di prima. “O il giornalista ha deliberatamente falsato il contenuto dell’intervista” (ma il Maestro lo nega). Ovvero, non capendone bene le parole, ”non si è fatto scrupolo di “confezionare” un articolo esplosivo”. Due volte colpevole dunque il critico per quei giudici che non hanno voluto ascoltare Sawallisch (la sentenza ne storpia costantemente il cognome in Sawallich), né un tecnico che spiegasse la differenza, nota a tutti nei giornali, fra redattori e collaboratori, fra testi e titolazioni. Fra l’altro, la Corte di Cassazione, nel 2001, ha chiarito che, qualora la persona intervistata si esprima con parole molto forti, l’intervistatore non ne è responsabile. Tutto il contrario di questa sentenza di appello che nega al giornalista la possibilità di riportare espressioni critiche peraltro molto equilibrate di uno stimatissimo direttore d’orchestra.Stando ad essa, di qui in avanti, non soltanto il critico (musicale, teatrale, letterario, cinematografico, ecc.), ma qualunque giornalista, non potrà più criticare e nemmeno riportare critiche, ma soltanto applaudire e riportare affermazioni asettiche. Infine, c’è una cosa che onestamente non riesco a spiegarmi: perché tanto accanimento contro Alfredo Gasponi? Se c’è stato un critico sempre in prima fila nelle battaglie per S. Cecilia, per la musica a Roma e per il nuovo Auditorium, è proprio lui. Come gli aveva insegnato quell’autentico maestro della critica musicale e del giornalismo che è stato il grande Teodoro Celli. Non lasciamolo solo, Alfredo. Il suo caso angoscioso riguarda tutti. Proprio tutti. Non ci avevano insegnato che l’informazione è il cane da guardia della democrazia”?

     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    v.s.gaudio .
    TRE TRAGEDIE IN DUE BATTUTE PER GASPONI [di V.S.Gaudio] Ve le ricordate le “Tragedie in due battute” di Achille Campanile[RCS Rizzoli Libri, Milano 1978]? Il dramma che il critico musicale sta vivendo da tre lustri è veramente impietoso, è talmente assurdo e vertiginosamente privo non solo del “tertium non datur” di memoria watzlawickiana, quanto addirittura, del “secundum non datur”che ci ha fatto tirare fuori queste tre tragedie in due battute alla maniera di Achille Campanile, senza dimenticare che lo stesso faceva il cronista negli anni venti e fece sobbalzare l’allora direttore della terza pagina, Silvio D’Amico, scegliendo, lui sì, Campanile scelse e propose il titolo che… gli valse la”chiamata”! Notate bene, le tragedie, in solidarietà di Gasponi[cfr.altri due ns commenti in: www.jacopofo.com/giornalista-messaggero-alfredo-gasponi-articolo-orchestra-santa-cecilia ], sono nostre; si ringrazia, alla memoria, Achille Campanile e l’assurdo, che purtroppo perdura, e che, sì, è feroce e tenero e vertiginoso in due battute e in scena, ma è terrificante, terribilmente devastante in quindici anni e fuori dall’auditorium. 1. MIRACOLO Personaggi: L’ORCHESTRA IL DIRETTORE D’ORCHESTRA IL CRITICO MUSICALE IL GIORNALE L’ORCHESTRA Non suona. IL DIRETTORE D’ORCHESTRA Non parla. IL CRITICO MUSICALE Non scrive. IL GIORNALE Esce e titola: “Miracolo al *.*** L’orchestra non suona. L’abbiamo scampata bella!” ( Sipario) 2. SILENZIO, L’ORCHESTRA NON SUONA! Personaggi: L’ORCHESTRA IL DIRETTORE D’ORCHESTRA IL CRITICO MUSICALE IL GIORNALE L’ORCHESTRA Non suona. IL DIRETTORE D’ORCHESTRA Parla in tedesco. IL CRITICO MUSICALE Non capisce. IL GIORNALE Non ne parla. (Sipario) 3. Personaggi: L’ORCHESTRA IL DIRETTORE D’ORCHESTRA IL CRITICO MUSICALE IL GIORNALE L’orchestra non suona. Bene. Il direttore d’orchestra non parla nemmeno in tedesco.Gut. Il critico musicale non scrive. Bene. Il giornale non pubblica. Bene. (Sipario) QUADRUPLO PUNTO DI VALORE

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook