• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > L’aquila. la festa nazionale del 25 aprile per t...
    25
    apr.
    2010

    L’aquila. la festa nazionale del 25 aprile per tutti gli italiani

    Condividi su:   Stampa

    Il 25 Aprile è la Festa Nazionale di tutti gli Italiani che amano la Libertà. I patrioti teramani della battaglia di Bosco Martese. I valori della Resistenza, dei Partigiani e dei Patrioti: i nostri eroi. Da Cefalonia alla corazzata “Roma”, le stellette in prima linea per la difesa della Patria. Come in “Avatar”, simbolo di lotta dei popoli nativi per la Libertà, oggi salvare il pianeta Terra è un “atto” di Resistenza, di Pace, di Libertà, di Giustizia, di Scienza e di Verità. Il 25 Aprile sia una Giornata di festa per tutti, di mobilitazione generale, in difesa dei valori della Costituzione sul cui giuramento è fondata la nostra Libertà. Una festa non per l’odio ma per la Pace. Si risveglino le coscienze dei giovani, colonne portanti della Patria, della Nazione e della Costituzione che dobbiamo preservare e difendere, oggi e sempre, da qualsiasi invasore.Nicola Facciolini

    Rendiamo onore ai Martiri della Resistenza e della Libertà. Festeggiamo il 65° anniversario del 25 Aprile 1945, Giornata della Liberazione degli Italiani dal regime fascista e dalle truppe naziste. Una data indelebile scolpita nei nostri cuori e nelle nostre menti, che deve essere vissuta e partecipata da tutti come una Festa Nazionale. Vanno ascoltati i continui richiami del Capo dello Stato al rispetto della memoria storica di tutti i Patrioti, della responsabilità istituzionale e del senso comune della Patria rinata sull’isola di Cefalonia ove perirono per mano dell’esercito tedesco (non delle SS), in nome della Civiltà e della difesa nazionale, migliaia di soldati (Patrioti in stellette) italiani all’indomani dell’Armistizio dell’8 settembre 1943; e sulla gloriosa corazzata “Roma”. Nel tratto di mare della Sardegna compreso tra l’estremità settentrionale dell’Asinara e le Bocche di Bonifacio, al largo di Castelsardo, alle ore 15:59 del 9 settembre 1943, dopo soli 12 minuti dall’inizio dell’attacco, si compì il tragico destino della corazzata “Roma” affondata dagli aerei tedeschi mentre navigava scortata dal gruppo navale salpato da La Spezia. Morirono 1393 marinai, tra cui 2 ammiragli e 86 ufficiali d’equipaggio, i superstiti furono 620. La “Roma” fu attaccata da 15 bombardieri tedeschi, con un nuovo tipo di bombe-razzo “intelligenti” radiocomandate FX-1400 sganciate da grande altezza. Insieme alla corazzata ammiraglia, colarono a picco i due cacciatorpediniere “Da Noli” e “Vivaldi”. La sua agonia fu documentata con una serie di foto scattate dall’incrociatore “Attilio Regolo”. L’affondamento della “Roma” non fu solo un deliberato atto di vendetta dei tedeschi per il presunto “tradimento italiano”, ma la conseguenza di un piano per salvare lo Stato e la monarchia sabauda, elaborato dallo Stato Maggiore della Marina e rimasto segreto per anni. Furono i primi atti eroici della Resistenza attiva delle nostre Forze Armate. Che, benché non coordinati nel caos dell’Armistizio dell’8 settembre, contribuirono insieme ai nostri Partigiani sul territorio, a rendere immortale il messaggio della difesa del suolo patrio dall’invasore. Il 25 Aprile, festa nazionale degli Italiani, vuole essere il richiamo ai valori della Resistenza, attiva e silenziosa, ai valori della Patria, della Nazione e della Libertà che si incarnano nel percorso democratico deciso, voluto e difeso dagli Italiani nelle tre date storiche del 25 Aprile 1945, del 2 Giugno 1946 e del 18 Aprile 1948. Abbiamo sconfitto insieme i misfatti del nazismo e del fascismo in Italia e nel mondo, ristabilendo definitivamente la realtà-verità storica, a cominciare dall’influenza decisiva delle truppe angloamericane, dalla presenza attiva e costante della Chiesa Cattolica Romana (con i suoi sacerdoti martiri nel Teramano che ancora attendono giustizia e memoria!) che diede aiuto e rifugio ai nostri Patrioti Partigiani, ai perseguitati di tutte le fedi politiche, esercitando un ruolo umanitario essenziale per la pacificazione. Non possiamo negare ed affossare la verità storica: la guerra fu vinta da coloro che sconfissero la brutalità dell’oppressione nazi-fascista ed affermarono con il sacrificio della propria vita la conseguente necessità e urgenza di combattere il male per la Liberazione; ma è altrettanto necessario ricordare che accanto alle vittime del nazifascismo ci furono molte vittime della violenza civile (molti sacerdoti cattolici vennero uccisi dai partigiani, anche in provincia di Teramo, con accuse infamanti di collaborazionismo), sulle quali c’è un colpevole silenzio, durato anche troppo, che finalmente deve portare alla comprensione del sacrificio di tutti. Soprattutto quando si tratta di vittime come quelle cadute tra il ’45-’48, a guerra finita. Fatti sui quali la storiografia ufficiale ha preferito glissare con colpevole dimenticanza ed appoggio politico trasversale. Occorre riflettere sul ruolo e sulle motivazioni di alcuni partigiani comunisti che combatterono il nazifascismo non certo per instaurare la libertà in Italia ma un regime “internazionalista”, grazie alla presenza tra le fila partigiane comuniste, inquadrate sul modello dell’Armata Rossa, della figura del commissario politico. Chi ricorda i partigiani-patrioti cattolici? Il 25 Aprile è la data di nascita della democrazia della nuova Italia, che con la Repubblica e la Costituzione gettò le basi del proprio radicale cambiamento istituzionale e civile. Dal collasso dello Stato nel 1943 prese l’avvio un complesso movimento di opposizione al nazifascismo: i partigiani della Resistenza armata, i militari combattenti delle risorte Forze Armate, i militari internati della “resistenza senz’armi” e la popolazione civile. Questo vasto schieramento, con il determinante apporto degli alleati anglo-americani, riuscì ad abbattere gli oppressori, a cacciare gli occupanti dall’Italia, a ricostruire nel Dopoguerra la convivenza civile. Furono la Patria ed il Patriottismo ad animare gli Italiani che si batterono per il riscatto nazionale e la rinascita dell’Italia nella libertà e nella democrazia, preservate nel Patto Atlantico (la NATO) anche durante gli anni della “Guerra fredda” Usa-Urss nel timore di un olocausto termonucleare. Resta intatto nel nostro cuore il debito di riconoscenza verso tutti gli artefici della nostra salvezza. Il nostro memore pensiero va ai caduti ed alle vittime, combattenti e civili, della guerra di liberazione, ai Martiri ed agli eroi che pagarono con la vita la fedeltà alla causa e al giuramento militare. Il 25 Aprile 1945 restituì agli Italiani la dignità e la capacità di decidere per il proprio futuro. L’anniversario che celebriamo non è una semplice festa di paese ma costituisce una tappa fondamentale della nostra storia ed un monito severo a preservare a qualsiasi costo i valori fondamentali dell’uomo, della persona e della società occidentale. Una data che per gli Abruzzesi tutti, assume un significato particolare insieme a quella dell’anniversario della battaglia di Bosco Martese del 25 Settembre 1943 (Teramo). Le iniziative previste dalle celebrazioni del 25 Aprile assumono un significato molto importante in quanto nel 2005 la Provincia di Teramo è stata insignita della Medaglia d’Oro al Valor Civile per la Resistenza e, nelle motivazioni ufficiali del riconoscimento, è espressamente citata la battaglia di Bosco Martese. La località di Bosco Martese è posta a 1.134 metri sul livello del mare e si trova in località Ceppo di Santa Maria, nel punto terminale della strada che unisce Teramo alla Valle Castellana. Tantissimi furono i giovani che, sprezzanti del pericolo, offrirono la vita per liberare Teramo dalle truppe d’occupazione nazi-fasciste. Tanti furono gli uomini e le donne a cui le generazioni successive alla guerra di liberazione devono la loro attuale libertà e la possibilità di vivere in una nazione libera. L’Europa deve eterna riconoscenza alle truppe alleate, ai giovani soldati americani, inglesi, indiani, canadesi, russi e australiani, morti per una giusta causa, ma ancora non ricordati sul nostro territorio. Essi lottarono per la sconfitta militare e politica dei nazisti con l’eliminazione della macabra ideologia che ha portato al tentativo di sterminio totale di esseri umani ritenuti “non puri”: oltre sei milioni di donne e uomini, giovani e vecchi, bambini uccisi anche nei campi di concentramento, colpevoli solo di essere Ebrei, e altrettanti milioni di non ebrei. Il comando delle operazioni militari  partigiane di massa di Bosco Martese, venne affidato ad uno Stato Maggiore composto dal capitano Lorenzini, dal tenente Gelasio Adamoli, dal tenente colonnello Guido Taraschi, dal tenente Arnaldo Di Antonio, dal tenente di vascello Ciro Romualdi, dal tenente Francesco Di Marco. Il responsabile diviene Ettore Bianco, capitano dei carabinieri regi della Stazione di Teramo. Tra il 9 e il 14 Settembre 1943 furono disposte le tende dell’accampamento, vennero inquadrate le formazioni, si installarono le mitraglie Saint Etienne, i pezzi di artiglieria pesante… Bosco Martese è sicuramente il simbolo della Resistenza Abruzzese ma anche e soprattutto la prima tappa gloriosa della Resistenza Italiana. Dopo Cefalonia, dopo la corazzata “Roma” e l’episodio di Porta San Paolo che furono “atti” di Resistenza attiva del Regio Esercito Italiano e della Regia Marina Italiana, il 25 Settembre del 1943 ad Ara Martese, successivamente denominato Bosco Martese, fu vinta la prima battaglia campale della Resistenza Italiana, grazie anche all’esercito italiano, ai Carabinieri di Teramo, nei confronti di una colonna motocorazzata dell’esercito tedesco che da Foggia cominciava a risalire il territorio per occuparlo. A Bosco Martese ci fu una grande unità d’intenti tra persone di fede politica diversa. Esso ebbe un carattere “nazionale” in quanto si unirono uomini e donne il cui unico intento era quello di combattere gli occupanti nazisti per riconquistare la libertà e difendere l’interesse nazionale dell’Italia. Una città intera, Teramo, che decide di passare alla lotta contro l’invasore tedesco diventando un laboratorio che contiene in embrione quelle caratteristiche che faranno forte e matura la Resistenza dell’Italia del nord. Il 25 Aprile ricordiamo anche l’eccidio della Divisione Acqui: migliaia di soldati italiani uccisi a sangue freddo per essersi rifiutati, nonostante il caos dell’8 settembre 1943, di consegnare le armi alla Wehrmacht. Commemoriamo i nostri connazionali barbaramente trucidati a Cefalonia e sulla “Roma”, per difendere con orgoglio l’onorabilità fino in fondo dei nostri militari che, ieri come oggi, hanno tenuto fede al Giuramento prestato, sacrificando la loro stessa vita per la Patria. Come hanno sempre fatto. E come fanno oggi, sempre nel solco dei valori resistenziali, sotto l’egida delle Nazioni Unite e della NATO, in missioni in tutto il mondo a difesa della civiltà, della libertà e della democrazia dei popoli oppressi. Valori tradotti nella cinematografia moderna in capolavori come “Avatar” di James Cameron, simbolo di lotta per la libertà dei popoli nativi. “Avatar ha luogo in un mondo distante – ci ricorda il regista canadese – ma è veramente sul pianeta miracoloso che abbiamo qui con noi che è arrivato il momento di prendere una posizione e diventare guerrieri della Terra”. Non solo su Pandora del sistema solare Alpha Centauri. Anche per Cameron è urgente una “chiamata alle armi” per salvare il pianeta Terra dall’autodistruzione. Oggi, infatti, prendere posizione in difesa della protezione dell’ambiente naturale, dalla Cina al Brasile, può fare la differenza tra la vita e la morte. Il film ha creato una risposta emotiva nei nativi di tutto il mondo, non soltanto tra gli ambientalisti. “E’ interessante davvero che le persone vedano la loro realtà riflessa nel film – fa notare Cameron – e spero che Avatar contribuisca a smitizzare l’idea promossa dalle lobbies che sia necessario scegliere tra un’economia forte e l’ambiente. E’ ridicolo. La natura sta raggiungendo i suoi limiti. E la nazione che diventerà leader nelle energie rinnovabili guiderà il mondo tra dieci o vent’anni e stando alle proiezioni quel paese sarà la Cina”. Nei giorni scorsi l’Europa è stata messa in ginocchio da una nuvola minacciosa prodotta dall’eruzione di un lontano vulcano ghiacciato islandese. Nulla in confronto a quello che ci aspetta. Salvare il pianeta Terra, oggi è un “atto” di Resistenza, di Pace, di Libertà, di Giustizia, di Scienza e di Verità: è questo il messaggio della 40ma Giornata della Terra. Tuttavia, non ha più alcun senso, il 25 Aprile, strumentalizzare i sacrosanti valori e principi costituzionali della Resistenza (magari, e in abominio, svendendo il prezioso sangue dei nostri Patrioti, sacerdoti cattolici compresi, che hanno donato la vita per la nostra Libertà) sull’altare di interessi politici particolari, di segreteria, di bottega, di potere, di arrivismo, trasformando la Festa della Liberazione di tutti gli Italiani in un “pozzo avvelenato” della vita democratica. Non è assolutamente giusto e, per questo, invitiamo tutte le Istituzioni a vigilare attentamente. La mobilitazione della piazza va indirizzata alla risoluzione della grave crisi economica che attanaglia il mondo, e non solo l’Italia; alla lotta contro ogni forma di terrorismo e di guerra come mezzo per la risoluzione delle crisi e delle controversie territoriali e internazionali; alla conquista della pace con i mezzi e i valori della Persona, della Solidarietà, della Sussidiarietà e della Reciprocità internazionali. Molti Paesi non democratici e molte ideologie alimentati dal terrorismo integralista organizzato, certamente non amano la Democrazia e la Pace che oggi noi Italiani custodiamo in quello scrigno prezioso che è la nostra Carta costituzionale. Di fronte alle grandi emergenze ambientali (vedi catastrofi sismiche e vulcaniche mondiali) dimostriamo al mondo intero di che cosa siamo capaci. Il fronte antigovernativo e le relative lobbies, tuttavia, allontanano “la meglio gioventù” dalla Politica e dalle Istituzioni democratiche: come ispirarsi a quei valori sacrosanti della Resistenza e della Costituzione repubblicana, dimenticando l’esempio dei più saggi? Il rischio è proprio quello di una totale “abdicazione” dalla realtà e dalla verità storica e, soprattutto, dal futuro del Paese reale. In ultima analisi, proprio da quei valori e principi costituzionali del 25 Aprile, che sono intimamente antifascisti, su cui si fonda l’unità nazionale e, quindi, le Istituzioni democraticamente elette. Palmiro Togliatti nel dicembre 1945 ebbe a dichiarare:“Ricorderemo in eterno i soldati e gli ufficiali inglesi, degli Stati Uniti, della Francia, dell’Africa del Sud, dell’Australia, del Brasile, i quali hanno lasciato la loro vita o versato il sangue loro per la liberazione del suolo della nostra patria”. Parole che ancora in molti sul territorio italiano non sono in grado di pronunciare; che ancora attendono, dopo 65 anni, la giusta considerazione, il dovuto ricordo, l’imperitura memoria, accanto ai nomi dei nostri Patrioti che hanno versato il sangue nella lotta all’invasore nazista. Il 25 Aprile sia, dunque, una Giornata di festa per tutti, di mobilitazione generale, in difesa dei valori della Costituzione sul cui giuramento è fondata la nostra Libertà. Una festa non per l’odio ma per la pace. L’obiettivo sia chiaro. Si risveglino le coscienze dei giovani ai valori della Resistenza, della Pace, della Libertà, della Giustizia, colonne portanti della Patria, della Nazione e della Costituzione che dobbiamo preservare e difendere, oggi e sempre, da qualsiasi invasore. Viva il 25 Aprile! Viva la Libertà! Viva l’Italia!

     commenti
    Commenti
    119
    Lascia un commento
    Milo Kaur .
    20/03/2012 alle 10:00
    Everything is very open with a clear clarification of the issues. It was definitely informative. Your site is extremely helpful. Thank you for sharing!
    katalog sinok .
    20/03/2012 alle 08:47
    This blog is amazing and I’m happy that I decided to visit it.
    Larraine Spruit .
    20/03/2012 alle 07:30
    I genuinely appreciate this post. I've been looking around for this particular! Thank goodness I came across it in Bing. You get made our day! Thanks yet again.
    Wandbilder .
    20/03/2012 alle 05:12
    I always was interested in this subject and stock still am, regards for posting.
    Bertram Dusenbery .
    20/03/2012 alle 02:40
    I enjoy what you guys are often up also. Such smart work and coverage! Keep the awesome operates guys I have incorporated an individual guys to be able to blogroll.
    Gene Barimah .
    20/03/2012 alle 02:17
    I got that which you convey, thanks for adding. Woh We are gladsome to find out this web site finished yahoo and google. Thanks Regarding Share Khmer Karaoke Stars .
    Neida Titlow .
    20/03/2012 alle 01:21
    Nice amount of comments in so little time, I have to join and agree, no doubt it is a great post. the site is great
    Assetlyfoulty .
    20/03/2012 alle 01:01
    thanks in the repair of cardinal ideas you are fully sound [url=http://www.ak47seo.com.pl]marketing interaktywny[/url] allright friend
    japan style .
    19/03/2012 alle 18:42
    I like the valuable info you provide in your articles. I will bookmark your blog and check again here regularly. I'm quite sure I’ll learn lots of new stuff right here! Good luck for the next!
    rozlicz pit 2011 .
    19/03/2012 alle 16:03
    Thanks, I've just been trying to find information about this subject for years and http://www.olivierobeha.it/articoli/2010/04/7058 is the greatest I have discovered until such time as now. But, what in regards towards the bottom line? Are you certain regarding the source? |What i don't understood is there to truth how you have become not actually even more neatly-favored than you might be right now. You are so bright. rozlicz pit 2011
    Krakow .
    19/03/2012 alle 02:14
    Good write-up, I am normal visitor of one's blog, maintain up the nice operate, and It is going to be a regular visitor for a lengthy time. "Good nonsense is good sense in disguise." by Josh Billings.
    sale viagra .
    19/03/2012 alle 01:12
    Gracias por la info .you ъtiles son muy.And here is my site Generic Viagra
    strom vergleich .
    19/03/2012 alle 00:19
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    emumnibenue .
    18/03/2012 alle 14:28
    hi this is cooo12 http://www.skanska-akademien.org/
    Maximina Eckstein .
    18/03/2012 alle 12:50
    Great web site you have here.. It抯 hard to find good quality writing like yours these days. I seriously appreciate individuals like you! Take care!!
    Burton Haynes .
    18/03/2012 alle 12:21
    I'll gear this review to 2 types of people: current Zune owners who are considering an upgrade, and people trying to decide between a Zune and an iPod. (There are other players worth considering out there, like the Sony Walkman X, but I hope this gives you enough info to make an informed decision of the Zune vs players other than the iPod line as well.)
    15 marca .
    18/03/2012 alle 01:59
    It’s really a great and helpful piece of information. I’m glad that you shared this helpful info with us. Please keep us informed like this. Thank you for sharing.
    rosetta stone british .
    18/03/2012 alle 00:18
    http://www.top-rosettastone.com/index.php?main_page=products_all
    Viagra .
    17/03/2012 alle 21:48
    Keep up the good work.I'll return often.And here is my site Buy Viagra Online
    replica bag Louis Vuitton .
    17/03/2012 alle 16:36
    Extra fat dearth of websites ermobags.com who offer artisan synthetic version handbags of any size and also 1 Lv wholesale handbags, Chanel purses and handbags, Hermes handbags, Gucci such as shoes, in addition to the Prada designer bags, to mention a few. On the other hand will not be day by day just purchase one fitting your own exceptional normes for the purpose of caliber, sewing, good, together with very best wonderful issue.
    Sruby I Nakretki .
    17/03/2012 alle 12:41
    There is apparently a bundle to know about this. I assume you made certain nice points in features also.
    Wow, amazing blog layout! How long have you been blogging for? you make blogging look easy. The overall look of your website is wonderful, as well as the content!
    transport szczecin .
    17/03/2012 alle 09:43
    I have to express my respect for your kind-heartedness in support of visitors who need help with this important concept. Your personal commitment to getting the message around had become exceptionally productive and has constantly made girls just like me to attain their targets. Your new warm and helpful facts indicates this much a person like me and additionally to my office workers. Many thanks; from everyone of us.
    Polo lacoste .
    17/03/2012 alle 07:55
    Great post,thanks,That is what I really want to know.
    geld sparen .
    17/03/2012 alle 04:11
    Portemonnaie leer? Auf EasyDealz.de finden Sie die neusten Schnäppchen, Preisfehler und Gratisartikel. Jeden Tag die neusten Angebote aus dem World Wide Web.
    Nigger .
    17/03/2012 alle 00:33
    Nice blog here! Also your website loads up fast! What host are you using? Can I get your affiliate link to your host? I wish my web site loaded up as quickly as yours lol
    Iˇm not sure where you are getting your information, but great topic. I needs to spend some time finding out more or figuring out more. Thanks for magnificent info I used to be on the lookout for this info for my mission.
    rosetta stone .
    17/03/2012 alle 00:16
    http://www.top-rosettastone.com/index.php?main_page=products_all
    Buy Viagra .
    16/03/2012 alle 22:04
    I still good work-bookmark the site.And here is my site Generic Viagra
    best software .
    16/03/2012 alle 21:59
    hello!,I like your writing very much! percentage we be in contact extra approximately your article on AOL? I require an expert on this house to resolve my problem. Maybe that is you! Looking forward to see you.
    Handlers .
    16/03/2012 alle 14:22
    As soon as I observed this site I went on reddit to share some of the love with them. "Love the little trade which thou hast learned, and be content therewith." by Marcus Aurelius Antoninus.
    news .
    16/03/2012 alle 13:52
    I genuinely enjoy reading through on this website, it has got fantastic articles. "One should die proudly when it is no longer possible to live proudly." by Friedrich Wilhelm Nietzsche.
    hcg drops reviews .
    16/03/2012 alle 12:50
    Good post and straight to the point. I don't know if this is actually the best place to ask but do you guys have any ideea where to hire some professional writers? Thank you :)
    Vivienne Westwood Earrings uk .
    16/03/2012 alle 12:00
    I used to be recommended this website by means of my cousin.
    Mathew Fonteboa .
    16/03/2012 alle 10:32
    I’m not sure where you're getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning more or understanding more. Thanks for great info I was looking for this information for my mission.
    pyle pro audio .
    16/03/2012 alle 08:49
    Im no expert, but I feel you just crafted the best point. You undoubtedly fully understand what youre speaking about, and I can definitely get behind that. Thanks for staying so upfront and so straightforward.
    Sheryll Mcdavis .
    16/03/2012 alle 08:07
    I wish to voice my love for your kind-heartedness for persons who require assistance with this important subject matter. Your special dedication to passing the message across turned out to be astonishingly invaluable and has always helped folks just like me to arrive at their endeavors. Your invaluable facts implies much a person like me and a whole lot more to my fellow workers. Thank you; from all of us.
    Deangelo Housner .
    16/03/2012 alle 06:03
    I not to mention my pals have already been reviewing the best ideas from your site then the sudden developed an awful feeling I never expressed respect to the web blog owner for those strategies. All the guys were definitely for that reason warmed to read all of them and now have in reality been having fun with these things. Many thanks for genuinely really helpful as well as for considering this kind of helpful subjects most people are really wanting to be aware of. Our sincere apologies for not expressing appreciation to sooner.
    luxury hotels rome .
    16/03/2012 alle 03:43
    Well I definitely enjoyed reading it. This article procured by you is very practical for proper planning.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook