• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Letterina settimanale sulle questioni di genere
    14
    giu.
    2010

    Letterina settimanale sulle questioni di genere

    Condividi su:   Stampa

    di Marika BorrelliÈ di l'altroieri (10/6/2010) l’editoriale del NYT sulla parità di genere in Svezia, dove gli uomini hanno praticamente tutto: carriera e paga salva, mogli-lavoratrici contente, bambini svegli, accuditi  e sereni. Il segreto è nell’obbligo del congedo parentale per i papà. Innalzato a 13 mesi all’ottanta per cento del salario standard, il congedo parentale obbligatorio ha salvato le famiglie dai divorzi (in crescita esponenziale nel resto del mondo occidentale), le donne da crisi e sensi di colpa (verso i figli e verso il lavoro) e, più in generale, ha inciso profondamente nella società scandinava.

    Questi dati sono la migliore risposta a chi dice che in Italia il costo per le politiche sociali e le tasse sono troppo alti. In Svezia, la tassazione media è del 47% e nessuno si lamenta: i servizi resi sono ottimi. E neanche c’è bisogno di tagliare gli stipendi pubblici, nonostante un terzo della forza lavoro (per il 50% composta da donne) sia impiegata nella pubblica amministrazione e nei servizi pubblici in genere. Il deficit pubblico è sotto il 3%, le politiche a sostegno delle famiglie impiegano (ottimamente) il 3,3% del PIL ed il livello di indebitamento pubblico è di molto inferiore a quelli degli altri Paesi occidentali.Per quanto riguarda la ridefinizione dei ruoli “tradizionali”, invece, il concetto di mascolinità da tempo in Svezia non è più associato all’età della pietra (o dei rudi e truci Vichinghi): i nuovi maschi svedesi ritengono inscindibile il ruolo di lavoratore da quello di padre, innanzitutto. Con la massima soddisfazione di tutti, finanche delle aziende.Poiché la società è lo specchio della famiglia, l’unico modo di raggiungere l’equità sociale è di lavorare per la parità in famiglia, si legge nell’ampio report. I papà sono obbligati a capire cosa significhi il “doppio ruolo”, e la condivisione dell’esperienza cambia i comportamenti e, quindi, la società.Cosa inimmaginabile qui in Italia. Da noi è tutto il contrario: ci si lamenta per le tasse alte (mai come in Svezia, però), laddove i servizi sociali e sanitari sono appena sufficienti, e neanche ben distribuiti geograficamente. Non solo, la crisi spinge le donne a rinunciare al lavoro e ad accettare lavori sottopagati o in nero, in nome della salvaguardia del ruolo economico del capo-famiglia.Inoltre, da ultimo ci viene imposta la parità solo e soltanto sull’età pensionabile!Ma è assurdo: il doppio ruolo lavorativo (in casa e fuori) delle donne italiane non è assolutamente riconosciuto e siamo la realtà sociale più retriva e maschilista dell’occidente. Senza poi accennare all’intensità di questo doppio ruolo: nidi inesistenti, scuole senza il tempo pieno, anno scolastico ridotto, genitori anziani e spesso malati privi di assistenza sociale, trasporti pubblici caotici, costosi e costantemente ridotti perché insostenibili economicamente dalle autonomie locali dissestate. Mettiamola così, anche in Italia i maschi hanno tutto: favoriti nella ricerca e nel mantenimento del lavoro, paghe più alte, de-responsabilizzazione parentale (verso i figli e/o i genitori anziani), tutta la considerazione economica e sociale, la pressoché totale rappresentanza in politica e nei posti di comando, programmi televisivi pieni di donnine scosciate e spettate e spot pesantemente ammiccanti (tanto per rilassarsi e distrarsi).Anche in Italia i maschi sono soddisfatti, ma per motivi totalmente opposti a quelli svedesi.

     commenti
    Commenti
    4
    Lascia un commento
    wpdknhxe .
    12/01/2012 alle 13:08
    4jKncb kjjjzpfzbepl
    wrlmvvhe .
    10/01/2012 alle 14:48
    OKbLV8 , [url=http://bihtzyrowrwo.com/]bihtzyrowrwo[/url], [link=http://hmjgfbuljlqt.com/]hmjgfbuljlqt[/link], http://fcpttnqzvdid.com/
    ldypmjxt .
    09/01/2012 alle 13:25
    6kOud5 fhxkiotnwfvl
    Zavrina .
    09/01/2012 alle 05:11
    A minute saved is a minute enared, and this saved hours!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook