• Biografia
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > > L’inquinamento elettromagnetico della base usa d...
    18
    giu.
    2010

    L’inquinamento elettromagnetico della base usa di niscemi

    Condividi su:   Stampa

    di Antonio MazzeoÈ una delle installazioni militari meno note in Italia ma è certamente tra quelle più pericolose dal punto di vista ambientale. Operativa dal 1991, la Naval Radio Transmitter Facility – NRTF di Niscemi (Caltanissetta) assicura le telecomunicazioni della Marina militare degli Stati Uniti d’America a livello planetario; inoltre, è destinata ad ospitare uno dei quattro terminali terrestri del MUOS, il nuovo sistema di trasmissioni satellitari delle forze armate USA. La NRTF sorge a pochi chilometri dal centro abitato di Niscemi, a stretto ridosso del perimetro della riserva naturale "Sughereta", sito d’importanza comunitaria SIC.

    Ospita una quarantina di antenne e ponti radio che emettono, 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, onde elettromagnetiche che coprono tutto lo spettro compreso tra le HF, le VHF e le UHF (le alte, altissime ed ultra frequenze per le comunicazioni radio di superficie) e le ELF, le VLF e le LF (le frequenze estremamente basse e bassissime, in grado di penetrare in profondità le acque degli oceani e contribuire alle comunicazioni con i sottomarini a capacità e propulsione nucleare). Un cocktail micidiale che sovrespone gli abitanti e la variegata fauna e flora locale all’inquinamento elettromagnetico di cui solo negli ultimi mesi è stato possibile conoscerne i gravissimi ed insostenibili livelli.
    Nel corso del convegno sui “rischi MUOS”, promosso dalle associazioni che si oppongono al nuovo programma militare-satellitare, il sindaco di Niscemi, Giovanni Di Martino, ha presentato gli ultimi dati sulle emissioni rilevate dall’ARPA, l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente. «Nel periodo compreso tra il 22 marzo e il 19 aprile 2010, la centralina posta in un’abitazione privata di contrada Ulmo, nei pressi della Stazione USA, ha registrato l’emissione, costante, di valori leggermente superiori ai 6 V/m (volt per metro), il limite di attenzione fissato dalle normative italiane per l’esposizione ai campi elettromagnetici», ha dichiarato Di Martino. «Si tratta di valori estremamente preoccupanti, anche perché ci troviamo all’interno di un territorio già colpito da complesse emergenze ambientali. Abbiamo chiesto all’ufficio legale del Comune di Niscemi di verificare se esistono le condizioni per procedere in sede giudiziaria contro la Marina militare degli Stati Uniti. Intanto abbiamo inviato una diffida perché i responsabili della base intervengano per bloccare l’inquinamento elettromagnetico».
    I nuovi rilievi dell’ARPA sono ancora più allarmanti di quanto verificato nella precedente attività di monitoraggio (tra il dicembre 2008 e il marzo 2009), quando in contrada Ulmo la centralina aveva registrato una «media di esposizione di circa 6 V/m», con «picchi settimanali di superamento» del valore soglia, probabilmente dovuti all’intensificarsi delle attività di teletrasmissione. Già allora, però, le misurazioni avevano lasciato fortemente perplesso il Comitato No Muos che aveva denunciato come al tempo erano in funzione appena il 50% circa delle antenne della base di Niscemi. «Non si è poi tenuto conto che una delle caratteristiche delle trasmissioni militari è la non continuità delle emissioni, nonché la variabilità della potenza con cui esse vengono irradiate», aggiungevano gli esponenti della Campagna per la smilitarizzazione di Sigonella. «Va poi ricordato che gli esperti in tema d’inquinamento elettromagnetico stimano in un 10-15% l’incertezza relativa delle misurazioni delle frequenze. Ciò significa che le abitazioni a ridosso della base di Niscemi potrebbero già essere sottoposte costantemente ad emissioni con valori che superano i 7 V/m. E numerosi ricercatori di fama internazionale chiedono da tempo di ridurre sensibilmente i cosiddetti “limiti di attenzione” previsti dalle normative, dato che i 3-4 V/m sono già considerati ad altissimo rischio per la salute umana».
    Ad accrescere i timori delle organizzazioni no-war i risultati di uno studio di Massimo Coraddu (ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – INFN di Cagliari) sulle emissioni della Stazione di Niscemi e sulle rilevazioni realizzate dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente. «La strumentazione e la procedura utilizzate dall’ARPA per la misurazione dell’elettromagnetismo non sono del tutto adeguate al rilievo del tipo di emissioni dovute alla NRTF, il che può aver portato a una sistematica sottostima del campo rilevato», afferma il dottor Coraddu. «Sono state utilizzate centraline per la rilevazione in continuo con due modalità di funzionamento, Wide Band (con banda passante 100 KHz-3 GHz) e Low Band (con banda 100 KHz-860 MHz), ma non è stato specificato quale delle due modalità sia stata effettivamente utilizzata. Confrontando poi le caratteristiche dello strumento di misura con le caratteristiche delle emissioni delle antenne ci si accorge immediatamente che la centralina non era in grado di rilevare le emissioni VLF e LF di bassissima frequenza della grande antenna radiatore verticale della base USA, operante tra i 3 e i 300 KHz e una lunghezza d’onda da 1 a 100 Km. Si tratta cioè di frequenze in gran parte o del tutto al di sotto della soglia inferiore rilevabile dalle sonde utilizzate da ARPA Sicilia». Nella stazione NRTF di Niscemi, secondo il Submarine Communication Master Plan prodotto nel dicembre 1995 dalla Marina USA, è presente infatti un dispositivo VERDIN (VLF Digital Information Network) per le comunicazioni con i sommergibili in immersione che utilizza frequenze tra i 14 e i 60 KHz in versione US Navy e tra i 14 e i 150 KHz in versione NATO.
    Nel suo studio, Massimo Coraddu pone l’attenzione pure sul costruendo centro MUOS che sarà dotato di due trasmettitori UHF della potenza di 105 W e tre grandi parabole che opereranno nella banda Ka delle microonde (18-40 GHz). «La valutazione di impatto ambientale del nuovo sistema di telecomunicazioni satellitari, presentata dalla US Navy, risulta gravemente carente e inadeguata sotto molteplici aspetti e non consente in alcun modo di valutare la gravità dei problemi e dei rischi legati alla sua installazione», spiega il ricercatore dell’INFN. «Non vengono rese note le principali caratteristiche dei trasmettitori e delle antenne utilizzate (frequenze, caratteristiche del segnale, etc.) e neppure viene spiegata la metodologia di calcolo. I risultati sono tra loro incoerenti e contraddittori: come distanza di sicurezza per l’emissione di microonde dalle parabole, vengono presentati due differenti valori, entrambi spaventosamente alti, 38,9 Km alla tabella 6.5 e 135,7 Km alla tabella 6.7. Gravi le omissioni per ciò che riguarda i rischi dell’impianto. La valutazione delle distanze di sicurezza e del livello di campo è stata realizzata verificando, una alla volta, l’emissione delle singole antenne, e non, come prescrive la normativa, l’emissione simultanea di tutti gli apparecchi, al massimo livello di potenza. Non viene neppure esaminato quello che probabilmente è il peggiore dei rischi possibili: un incidente o un errore di puntamento che porti all’esposizione accidentale al fascio di microonde, pericolosissimo e potenzialmente letale, anche per brevi esposizioni, a distanze inferiori a circa 1 Km». Massimo Coraddu lamenta inoltre come sia stata omessa ogni considerazione riguardo l’impatto delle emissioni sull’ambiente naturale circostante, «quando è ben noto come le microonde risultano nocive per molteplici specie, come le api, fortemente disturbate anche da bassi livelli di campo, o gli uccelli che potrebbero essere feriti o uccisi in volo se attraversano accidentalmente il fascio emesso».
    In assenza di studi scientifici specifici sul rischio elettromagnetico del MUOS, si potrà attingere solo a quanto già accertato per le onde generate dagli impianti della telefonia cellulare che operano tra i 900 Mhz e i 2 GHz, lo stesso range del nuovo sistema satellitare delle forze armate USA. È il sistema nervoso centrale, in particolare, ad essere colpito dall’esposizione alle microonde. Come rilevato nel febbraio 2006 dalla Commissione Internazionale per la Sicurezza ElettroMagnetica – ICEMS (tra i componenti, scienziati, ricercatori ed oncologi di Italia, Stati Uniti, Russia, Cina, Brasile, Svezia e Canada), «è stata accumulata evidenza epidemiologica che indica un aumentato rischio di tumori al cervello per l’uso prolungato di telefoni mobili».

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    71
    Lascia un commento
    Elvin Rusek .
    20/03/2012 alle 06:58
    Hello there! This article could not be written much better! Going through this article reminds me of my previous roommate! He constantly kept talking about this. I'll send this information to him. Pretty sure he will have a great read. Thank you for sharing!
    Mark Feeler .
    20/03/2012 alle 04:57
    There's definately a lot to know about this issue. I really like all the points you have made.
    preis tief .
    20/03/2012 alle 00:44
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    sac louis vuitton geneve .
    19/03/2012 alle 23:04
    There are some useful ideas in time in this post but I don’t understand if I see all of them core to heart. There may be several validity but I will take hold point of view unless I check into this further. Good writing , thank you and we wish more! Added to FeedBurner as well
    Osvaldo Hightshoe .
    19/03/2012 alle 18:32
    this page is exactly what I was searching for! found this blog bookmarked from a friend. I'll also bookmark it. Thanks again!
    japan style sklep .
    19/03/2012 alle 16:14
    Wow, incredible blog layout! How long have you been blogging for? you make blogging look easy. The overall look of your site is fantastic, let alone the content!
    Tiffanie Setchell .
    19/03/2012 alle 15:00
    Just result in it?¯s siplme doesn?¯t mean it?¯s not super valuable.
    Alyse Fernelius .
    19/03/2012 alle 07:12
    Thank you for the sensible critique. Me and my neighbor were just preparing to do some research on this. We got a grab a book from our local library but I think I learned more from this post. I am very glad to see such wonderful info being shared freely out there.
    social security card replacement .
    19/03/2012 alle 03:28
    One of the more impressive blogs Ive seen. Thanks so much for keeping the internet classy for a change. Youve got style, class, bravado. I mean it. Please keep it up because without the internet is definitely lacking in intelligence.
    darmowe anonse .
    18/03/2012 alle 07:23
    Some truly good and utilitarian data on that L’inquinamento elettromagnetico della base usa di niscemi | Oliviero Beha, likewise I feel typically the style and style has wonderful functions. darmowe anonse
    author .
    17/03/2012 alle 22:43
    It's in reality a nice and helpful piece of information. I'm glad that you shared this useful information with us. Please stay us up to date like this. Thanks for sharing.
    sale viagra .
    17/03/2012 alle 20:36
    I have looked everywhere for a good resorse thanks.And here is my site Buy Viagra
    Joe Gopin .
    17/03/2012 alle 20:22
    Can't dispute along with you article, Wally, nevertheless dang, Charles, you're kooky!
    Armando Leeber .
    17/03/2012 alle 19:16
    Terrific work! That is the type of information that should be shared around the internet. Shame on the seek engines for not positioning this submit upper! Come on over and consult with my website . Thank you =)
    rosetta stone .
    17/03/2012 alle 11:24
    http://www.top-rosettastone.com/index.php?main_page=product_info&cPath=1&products_id=9
    Fuck .
    17/03/2012 alle 02:16
    You really make it seem so easy with your presentation but I find this matter to be actually something that I think I would never understand. It seems too complex and extremely broad for me. I am looking forward for your next post, I’ll try to get the hang of it!
    Weight loss .
    17/03/2012 alle 00:10
    You are my inspiration , I own few blogs and occasionally run out from to post .
    traduccion jurada .
    16/03/2012 alle 23:56
    I must convey my love for your kindness supporting visitors who really need help on this particular subject matter. Your special dedication to getting the message up and down has been especially effective and has in most cases empowered individuals like me to arrive at their pursuits. Your entire informative guide means a great deal to me and even further to my office colleagues. Best wishes; from all of us.
    transport szczecin .
    16/03/2012 alle 23:53
    I'm extremely impressed with your writing skills and also with the layout on your weblog. Is this a paid theme or did you modify it yourself? Either way keep up the excellent quality writing, it’s rare to see a nice blog like this one nowadays..
    thermal imaging camera cost .
    16/03/2012 alle 23:30
    I feel that Weblog, RSS and Email advertising are simply completely different channels to be successful in the possible customer. http://www.techrentals.getlisted.co.nz/thermal-imaging-camera-cost
    Sophie Russel .
    16/03/2012 alle 20:12
    Rattling superb info can be found on web blog .
    Toccara Bilello .
    16/03/2012 alle 19:13
    Nice amount of comments in so little time, I have to second, it is a great post. the site is great
    Ciagniki Fendt Uzywane .
    16/03/2012 alle 18:09
    I happen to be commenting to let you know what a fantastic encounter my friend's daughter had reading through your site. She discovered a lot of things, including how it is like to possess a great giving mood to make folks without hassle comprehend certain grueling things. You undoubtedly exceeded her desires. I appreciate you for distributing those necessary, trustworthy, educational and also easy tips about that topic to Lizeth.
    news .
    16/03/2012 alle 14:35
    Perfectly pent content material, Really enjoyed studying.
    lacoste online .
    16/03/2012 alle 14:25
    Great post,thanks,That is what I really want to know.
    oxytocin factor .
    16/03/2012 alle 07:50
    Congratulations on having one of the most sophisticated blogs Ive come across in some time! Its just incredible how much you can take away from something simply because of how visually beautiful it is. Youve put together a great blog space --great graphics, videos, layout. This is definitely a must-see blog!
    Vennie Resos .
    16/03/2012 alle 04:14
    Keep up the excellent work , I read few articles on this internet site and I believe that your website is rattling interesting and has got lots of great info .
    Last Longer In Bed .
    16/03/2012 alle 03:31
    What i don't realize is in fact how you are no longer actually much more well-favored than you may be right now. You're very intelligent. You understand thus significantly in terms of this matter, made me personally believe it from so many numerous angles. Its like men and women aren't involved until it's one thing to do with Lady gaga! Your personal stuffs outstanding. Always deal with it up!
    geld sparen .
    16/03/2012 alle 01:31
    EasyDealz.de berichtet täglich über aktuelle Schnäppchen, mit denen Sie viel Geld sparen können.
    photocopiers maidstone .
    16/03/2012 alle 00:34
    Somebody essentially help to make severely articles I might state. This is the first time I frequented your website page and so far? I amazed with the analysis you made to create this particular submit incredible. Wonderful process!
    Heya this is a excellent article. I'm going to e mail this to my pals. I stumbled on this while searching on bing I'll be sure to come back. thanks for sharing.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook