• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Cattive notizie dalla calabria…
    23
    lug.
    2010

    Cattive notizie dalla calabria…

    Condividi su:   Stampa

    Solidarietà a delle schiene dritte. Una volta toccato il fondo di solito si risale. O almeno si rimbalza.o.b.Martedì 20 luglio, ore 15.37Il direttore di Calabria Ora Paolo Pollichieni si è dimesso. Con lui lasciano sei importanti collaboratori. Pagano il prezzo di aver pubblicato una serie di inchieste sui presunti intrecci tra la 'ndrangheta e l'attuale classe di governo calabrese emersi dalle carte dell'operazione "Il Crimine".L'ultimo scoop ("E Peppe incontrò il mafioso. A Milano Scopelliti vide più volte Martino, 'ambasciatore' del clan De Stefano"), uscito proprio stamattina (20 luglio, ndr), svela le frequentazioni tra il presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti e un referente del clan De Stefano di Reggio Calabria.Incontri avvenuti a Milano, dove pochi giorni fa sono state arrestate 160 persone accusate di far parte della Lombardia, l'associazione 'ndranghetistica lombarda. In due anni, sette giornalisti sono stati minacciati in Calabria per articoli scritti sulle pagine di Calabria Ora. Di seguito l'editoriale apparso stamattina sul giornale. La nostra stima e solidarietà ai colleghi che in tutti questi anni hanno creduto in un modello di giornalismo di cui si sentirà la mancanza.rm & rr

    Le ragioni di un addiodi Paolo Pollichieni
    Cari lettori, questo è l’ultimo editoriale che firmo su Calabria Ora. Lascio la direzione del giornale per motivi indipendenti dalla mia volontà. Ieri mi è arrivata una richiesta dagli editori (Fausto Aquino e Pietro Citrigno, ndr): intendono avere una presenza più forte nella fattura del giornale. Una richiesta certamente rispettabile, ma che non esiste in natura: l’editore fa l’editore, sceglie un direttore che risponde della linea politica e dei contenuti del giornale, il rapporto tra le due figure è fiduciario, quando la fiducia viene meno l’editore sceglie un altro direttore. Tutto qui, così si fa in Italia, in altre realtà (Corea del Nord?) è l’editore stesso a dettare linea politica e contenuti.Lascio un giornale – e con me lo lasciano anche il caporedattore, i due vicecaporedattori, il caposervizio di Cultura e Spettacoli, quello di Cosenza e il responsabile delle cronache politiche – che avevo preso più di tre anni fa, quando nelle edicole calabresi vendeva quasi quattromila copie.Oggi le copie vendute (il più importante riferimento, anche se non l’unico, che può certificare il successo o meno di una iniziativa editoriale) sono in media ottomila con picchi di quindicimila. Il merito è tutto intero della Redazione, delle giornaliste e dei giornalisti che in questi anni hanno condiviso l’esperienza di Calabria Ora. Gli errori commessi, le sottovalutazioni, i giudizi sbagliati dati su alcune vicende della vita politica e sociale calabrese, sono tutti miei.Ma sarei poco sincero se non dicessi che quello che è accaduto era prevedibile. Sapevo, e con me i colleghi che hanno firmato gli articoli, che raccontando le inchieste giudiziarie delle ultime settimane, che scrivendo dei rapporti tra la mafia e la politica, non limitandoci al doveroso applauso verso le forze dell’ordine e i magistrati, ma raccontando anche i retroscena più inquietanti di quella zona grigia che è il vero capitale sociale della ‘ndrangheta, avremmo pagato dei prezzi altissimi. Sapevamo che nessun politico importante di questa regione poteva rimanere indifferente agli articoli che parlavano delle sue equivoche frequentazioni, dei ricevimenti organizzati da imprenditori oggi arrestati per mafia, di quei banchetti dove con i mafiosi brindavano politici eccellenti. Storie che solo Calabria Ora ha raccontato. Sapevamo che il potere avrebbe esercitato tutte le pressioni possibili per chiedere la testa del direttore di questo giornale, per normalizzare, per avere un giornale meno impiccione che anche quando parla di mafia non lo fa riempiendo le pagine della mafia folk, quella di Osso, Mastrosso e Carcagnosso. Quella che indigna tutti, anche chi va ai banchetti dei mafiosi e chi dalla mafia prende voti. Se questa fosse una partita, da sportivo non avrei difficoltà a dire che il potere ha vinto, almeno per il momento. Uno a zero a palla al centro. Anche se sul campo i giocatori che giocano la partita giusta sono pochi in questa regione. La stampa è debole, l’opposizione inesistente, divisa com’è tra lobby e vecchi gruppi di potere. La società civile è sola, mille fermenti, moltissimi positivi, soprattutto tra i giovani, milioni di divisioni e di gelosie. Non raccontiamoci frottole, non inganniamo i lettori: hanno vinto loro, ma è solo il primo tempo della partita. Vado via con la soddisfazione di aver costruito una Redazione meravigliosa, di giovani giornalisti che hanno saputo coniugare la loro freschezza con l’esperienza dei più anziani, uomini e donne dalla schiena rigida, curiosi, preparati, attenti, colti, coraggiosi. Nessuno di loro si è fatto mai intimidire dalle minacce, e sono tante, ricevute dalla ‘ndrangheta. E’ stato un impagabile privilegio lavorare con gente così. Li potrei nominare uno ad uno, di ognuno elencare i pregi, come si fa con i figli che hai amato e che ti sono stati vicini sempre. Di fronte a persone così in molti dovrebbero togliersi il cappello. Questa è la Calabria migliore, a loro devo molto e solo a loro e ai miei lettori devo dire grazie.Ci rivedremo presto. E sempre con la schiena diritta.

     commenti
    Commenti
    129
    Lascia un commento
    fotografia ślubna .
    20/03/2012 alle 08:12
    Cattive notizie dalla calabria… | Oliviero Beha!! , I like your writing so a lot of! proportion we be in contact more approximately your article on AOL? I need an expert in this particular space to unravel my best problem. Maybe that is people! Having a look ahead trend http://www.olivierobeha.it/articoli/2010/07/7186. fotografia ślubna
    Jimmy Choo Sale .
    20/03/2012 alle 04:35
    i agree with your thought. thank you for your sharing
    katalog stron www .
    20/03/2012 alle 04:02
    I wish I had more time to read such awesome blogs.
    Rory Alejos .
    20/03/2012 alle 02:41
    Great website dude! Ive been in search of like this specific.
    Leonardo Fite .
    20/03/2012 alle 02:17
    I'm generally to running a blog and my partner and i actually respect your content. The write-up has really peaks my own interest. I'm gonna bookmark your web page and sustain checking for new data.
    uggs online .
    19/03/2012 alle 22:59
    I’m shocked, I must say. Really infrequently do I go through a blog that’s both educative and entertaining, and let me tell you, you may have hit the nail on the head. Your thought is definitely excellent; the problem is something that insufficient people are discussing smartly about. Now i'm very happy that found this in my search for something about it.
    botas ugg españa .
    19/03/2012 alle 22:59
    I simply had to say thanks again. I am not sure the things I would have undertaken in the absence of the suggestions documented by you over such industry. It had been the scary dilemma for me personally, nevertheless seeing the skilled mode you solved it took me to cry for gladness. I will be grateful for this support and as well , hope that you realize what a great job you are always providing training the rest all through a site. Most probably you've never got to know all of us.
    mulberry danmark .
    19/03/2012 alle 22:59
    I was very happy to search out this web-site.I wished to thanks for your time for this excellent read!! I undoubtedly having fun with each little bit of it and I have you bookmarked to take a look at new stuff you weblog post.
    water coolers for home .
    19/03/2012 alle 18:01
    When danger approaches sing to it.
    japan style .
    19/03/2012 alle 16:59
    Thank you for the auspicious writeup. It in fact was a amusement account it. Look advanced to more added agreeable from you! By the way, how can we communicate?
    15 marca .
    19/03/2012 alle 15:24
    I do agree with all the ideas you have presented in your post. They're very convincing and will certainly work. Still, the posts are too short for starters. Could you please extend them a little from next time? Thanks for the post.
    Maybelle Opeka .
    19/03/2012 alle 14:59
    Extremely insightful thank you, It appears like your readers would probably want a great deal much more blog posts along these lines carry around the beneficial subject material.
    Dusti Bobic .
    19/03/2012 alle 10:38
    Utterly pent content , appreciate it for selective information .
    program do wype³niania pitów .
    19/03/2012 alle 09:38
    Great items from an individual, man. I have be aware your stuff before and you're simply remarkably great. I actually like anything you have acquired here, really like what you could be stating and how wherein you are expressing it. You are making it entertaining therefore you continue to care for to hold it smart. I can not wait to study far more from you actually. http://www.olivierobeha.it/articoli/2010/07/7186 is really an awesome site. program do wype³niania pitów
    gas vergleich .
    19/03/2012 alle 07:00
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    katalog sinoke .
    19/03/2012 alle 03:41
    Lucky me that I came across this awesome blog.
    anonse gdańsk .
    18/03/2012 alle 21:10
    Your pieces can not likely be anymore amusing precisely as it really kept my eyes stuck for the http://www.olivierobeha.it/articoli/2010/07/7186. You have incredible talent and tend to be fortunate to be delivered with such great trinkets. Anticipating your next element. anonse gdańsk
    Joeann Macfarland .
    18/03/2012 alle 06:49
    Greetings! Very useful advice in this particular post! It's the little changes that will make the greatest changes. Thanks for sharing!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook