• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Diritti delle persone disabili
    30
    mag.
    2011

    Diritti delle persone disabili

    Condividi su:   Stampa

    Cari amici, denunciamo l'ennesimo, intollerabile attacco del Governo Berlusconi al diritto al lavoro delle persone disabili. Abbiamo dovuto mobilitarci nei mesi scorsi per vederci restituiti con la legge Schirru almeno 10 mila posti di lavoro sottratti dal decreto sulle missioni estere di luglio. Nemmeno il tempo di prendere fiato ed ecco il ministro Tremonti che con l'articolo 4, comma 2, lettera b) del decreto legge 70 del 2011 cancella il certificato di ottemperanza previsto dall'articolo 17 della legge 68. Si tratta di una vera e propria licenza all'evasione per le imprese che non dovranno più dimostrare di essere in regola con il collocamento obbligatoprio dei disabili  quando partecipano a gare o intrattengono rapporti con la pubblica amministrazione. Il decreto dice genericamente che devono essere in regola. Ma chi controlla? Nessuno se si guarda alla recente Relazione al Parlamento. Su questa si legge che, salvo il dato anomalo di Arezzo, in tutto il Paese sono state elevate in un anno meno di 300 sanzioni per mancato adempimento. 63 in tutto il Nord. 0 nelle Marche. Non mancherà, mi auguro anche questa volta una forte mobilitazione per abrogare la norma. Augusto Battaglia

     commenti
    Commenti
    6
    Lascia un commento
    eggdponbsz .
    14/01/2012 alle 11:53
    OovZT0 oksnmdilirmy
    zxuwwtqhzz .
    12/01/2012 alle 11:35
    ZkiWv5 , [url=http://flceiuofztfl.com/]flceiuofztfl[/url], [link=http://sbippqnxqmbz.com/]sbippqnxqmbz[/link], http://azeumzzwkpxd.com/
    rjgengrjyn .
    11/01/2012 alle 14:35
    KuZs0U dkaeddqkanto
    Missy .
    11/01/2012 alle 04:01
    Gee willkiers, that's such a great post!
    Fanny .
    09/01/2012 alle 00:06
    A woendrful job. Super helpful information.
    readinggoal .
    Anche Lei, Beha, che ha sempre fatto giornalismo per i diritti degli oppressi e degli invisibili, ha I SUOI PREGIUDIZI LINGUISTICI: spiegando il termine "omofobo", ha detto di farlo "PER I NON UDENTI", equiparando semanticamente il non udente a "chi non capisce" o a "chi non sa". Forse è Lei a non sapere che oggi anche i non udenti (quasi tutti) possono sentire, studiare, interagire, conoscere, diventare, forse, anche migliori di chi si sente "udente", come Lei. La forma è sostanza. Mi sono sentito offeso perchè vivo il problema, offeso da una persona che stimo ancora uno fra i migliori giornalisti "veri" in Italia oggi. La prego, si scusi (in qualche modo, lo trovi Lei), con le migliaia di persone non udenti che lottano quotidianamente, anche contro i pregiudizi linguistici. E se lo fa mi faccia scrivere anche una sola parola dai suoi collaboratori (perchè non posso seguire il Suo programma ogni giorno, per varie ragioni). La prego.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook