• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Beha all’Aquila, ‘Simbolo della ricostruzi...
    24
    ott.
    2011

    Beha all’Aquila, ‘Simbolo della ricostruzione del Paese’

    Condividi su:   Stampa

    di Annalisa Casciani

    L’AQUILA – Oliviero Beha, uno dei vincitori della 10^ edizione del premio letterario Laudamia Bonanni, giunto all’Aquila per la premiazione al Ridotto del Teatro Comunale, ha effettuato, questa mattina, una lunga e vissuta passeggiata nei luoghi simbolo e i più colpiti, in compagnia dell’assessore alla Cultura e alle Politiche sociali del Comune dell’Aquila Stefania Pezzopane, la “Zona rossa” della città dilaniata dal sisma del 6 aprile 2009.

    “Un conto è vedere le cose in televisione o anche soltanto i video su youtube, un altro è vedere con i propri occhi quello che è successo nella ‘zona rossa’, ma anche solo venire in macchina fino qui, passare tra case normali, sì lesionate, ma che sembrerebbero aver bisogno di poco per essere rimesse a posto, fa impressione. E, al primo impatto, l’effetto per uno che viene da fuori, è dire ‘perché stanno ancora così?’”.

    È quanto ha commentato Beha davvero molto colpito dalla distruzione e dalla non ricostruzione della periferia aquilana.

    Beha è un giornalista e uno scrittore, dissacratore di molti templi sacri della politica, del calcio e della cultura italiana, che nei suoi libri attacca senza mezzi termini e favoritismi. Ultimamente ha pubblicato libri sulla ricostruzione, paragonando la ricostruzione del secondo dopoguerra e la ricostruzione oggi, non solo quella materiale dell’Aquila, ma anche quella morale ed etica dell’intero Paese.

    Senza peli sulla lingua ha risposto alle domande che i giornalisti gli hanno voluto porre su temi cocenti dell’attualità aquilana e italiana.

    Venendo all’Aquila pensava di trovare qualcosa di diverso? Ad esempio i lavori a uno stato più avanzato? La ricostruzione già a buon punto?
    L’Aquila fa impressione. Vederla in televisione o farci trasmissioni sopra, come io ho fatto, e venire e vedere, nel viaggio in macchina verso il centro storico, delle case che avrebbero bisogno di niente per essere messe a posto e sono ancora così, fa impressione.

    Stiamo parlando di case qualunque, non del Duomo, dei bar, dei monumenti e delle chiese del centro storico. La domanda è perché sono ancora così e se in un altro paese sarebbero ancora così.

    Sta alludendo al Giappone?
    Lì c’è una legge sulla costruzione antisismica di 50 anni fa. Il parallelismo tra Giappone e Italia è tenuto in poco conto.

    Sono gli unici due paesi che, nel secondo dopoguerra, sconfitti entrambi, seppure usciti dal conflitto in modo diverso, in una generazione sono passati da una dimensione agricola a una industrializzata, ma, poi, nel 1961 il Giappone ti fa una legge sulla costruzione antisismica e noi ancora a penare con la commissione “Grandi rischi” e i postumi di Bertolaso?

    Le inchieste della magistratura pesano sui cittadini aquilani, a partire dalla grandi rischi, oggi c’è stata la seconda udienza, e poi quella su fondi Giovanardi, i fondi per il sociale. Che cosa ne pensa?
    La magistratura fa il suo lavoro, il problema sono i tempi della giustizia. Non tocca a me giudicare la qualità del loro lavoro, sulla celerità dell’opera della magistratura invece si può dare un giudizio. Queste cose servono per definire le responsabilità e ci servono anche da lezione. Con le calamità ci si combatte da sempre ma che, nel 2011, in una parte sofisticata del mondo, si debba sottostare alle calamità, come 100 o 200 anni fa, è spaventoso. Se qui fosse successo un quarto di quello che è successo in Giappone, non parleremmo più dell’Abruzzo, non solo dell’Aquila. Questo fa effetto e mi tocca non solo professionalmente, mi tocca personalmente.

    Il processo della commissione “Grandi rischi” potrebbe essere epocale?
    I processi in Italia si fanno a vari livelli: il processo vero e proprio della magistratura, il processo della sensibilità comune, qui la “Grandi rischi” fa molto più effetto che non a Caltanissetta, poi, al terzo livello, il processo mediatico.

    Ci spieghi meglio…
    Ormai in un paese dove non funziona niente, la stampa, in un modo o in un altro, con la cosiddetta “gogna mediatica” si sostituisce alla magistratura. Qualcuno che è già stato condannato (dalla stampa ndr.), risulta innocente in termini giudiziari e qualcuno che invece magari se la cava in termini giudiziari, avrà responsabilità pubbliche enormi, le cose si mischiano un po’.

    Comunque la sensibilità comune chiede una giustizia più efficiente e rapida e anche una diversa etica pubblica. La storia di quelli che ridevano al telefono (durante il terremoto dell’Aquila del 2009 ndr.), forse ce la stiamo dimenticando, ma è una fotografia della mancanza di morale e di etica di un paese di sozzoni. Secondo lei la ricostruzione lenta dipende da un modo di fare tipicamente italiano o è per la mancanza di fondi? Le due cose sono collegate. Da un lato, tutti portano l’esempio dell’Italia della ricostruzione del secondo dopoguerra, quelli erano italiani come noi, erano i nostri genitori, dall’altro, ci sono condizioni generali. Adesso sono condizioni generali mancanti di morale, di etica, di socializzazione pubblica, e quindi il problema dei soldi arriva con questo discorso, ci sono soldi per le altre cose e non per questo.

    Che cosa pensa dal punto di vista giornalistico, sull’informazione e sulla disinformazione che è stata fatta nella nostra città dopo il terremoto e sul terremoto?
    Purtroppo le due cose collegate. Un’informazione corretta e puntuale e non commissionata aiuta nella risoluzione dei problemi. Questa necessità non è solo per l’Aquila. L’informazione è deformata in tutto il paese.

    Secondo lei è troppo quello che si dice o quello che si tace?
    Più quello che si dice male! Dire male le cose e non collegare le tessere del mosaico, se uno racconta una tessera e non le altre e non la mette vicine, non si vede nulla, non si capisce più nulla, è quello che sta facendo l’informazione.

    L’informazione tace, da che mondo è mondo. La Stampa, che è ritenuto un buon giornale, poteva parlare di tutto, meno della Fiat. Il rapporto tra potere, controllo editoriale e politico dell’informazione e l’informazione stessa c’è sempre stato. In Italia si sente molto. C’è mancanza d’informazione su cose che ci potrebbero interessare davvero, ci sono troppo interessi a non farcele sapere. I miei colleghi, da 20 anni, pensano che valga la pena di prendere una posizione, stare con Berlusconi o contro di lui. Come posso pensare di raccontare tutto quello che so di Berlusconi e non quello che so di Bersani e di D’Alema, l’informazione dovrebbe parlare di tutto, sennò non è informazione, è torta dimezzata.

    L’Aquila è sempre stata una città culturalmente attiva. Adesso che sono venute a mancare le infrastrutture storiche della cultura, il Teatro Comunale ad esempio, crede che L’Aquila potrà continuare a essere un luogo d’attrazione per artisti e intellettuali?
    Me lo auguro. Laddove non c’è, immediatamente, la possibilità di ritrovare i luoghi pratici e simbolici della cultura, uno se li deve reinventare. Una piazza vale, quanto, se non di più, del teatro che c’era prima, questo se il bisogno di cultura non è posticcio o fittizio, ma autentico.

    Di cultura, non dico alta, di cultura in generale, bassa, media, cultura popolare, il Paese ne ha bisogno. Io scrivo nei miei libri che L’Aquila è una metafora del paese intero, per il terremoto con tutto quello che ha comportato drammaticamente, politicamente, economicamente, L’Aquila andrebbe presa a pantografo di una situazione italiana. Il terremoto è stato qui, non dappertutto, ma dobbiamo ragionare come se il paese fosse un paese terremotato, con le carriole alla mano, ridarsi da fare.

    A proposito di cultura, nei suoi libri parla spesso del problema della cultura italiana. Pensa che in Italia ci sia una cultura libare e militante, oppure che sia limitata dai paletti che mette la politica e l’opinione pubblica?
    Non basterebbero i paletti della politica se non ci fosse un degrado generalizzato. L’Italia è il paese in Europa che dà i segnali più gravi di un analfabetismo di ritorno, qualcuno che era alfabetizzato, adesso non lo è più o lo è di meno.

    Noi siamo all’avanguardia, in testa al gruppo, la Leadership l’abbiamo noi.

    Lei ha partecipato alla manifestazione del 15 ottobre di Roma. Crede che prima delle violenze fosse una manifestazione valida?
    Sì, lo penso anche per il futuro, qualcuno deve trovare il modo di manifestare e il modo di conservare le stesse manifestazioni.

    Sabato scorso era chiara, e su commissione, una distorsione delle Forze dell’ordine, che, con un po’ di astigmatismo, vedevano da una parte e non dall’altra, c’era un problema oculistico, perché ci vorrebbe un buon oculista per questo paese.

    È impensabile che, mentre il “palazzo” fa le sue porcate, la “piazza” non risponda. Da che mondo è mondo, il “palazzo” e la “piazza” sono collegati, come nelle città del Medioevo, la “piazza”, luogo pubblico, teneva insieme il potere laico del “palazzo” e quello religioso della Chiesa, in questo paese è sparita la “piazza”, va fatta rinascere dalle sue ceneri.

    Postato da Redazione
    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    297
    Lascia un commento
    homes for sale in spring tx .
    20/03/2012 alle 08:24
    I have read a few of the articles on your website now, and I really like your style of blogging. I added it to my favorites blog site list and will be checking back soon. Please check out my site as well and let me know what you think.
    George Medin .
    20/03/2012 alle 02:41
    I really enjoy examining about this web internet site, it provides superb articles. Don't put too fine a spot to your current wit for fear it will get blunted. by Miguel de Cervantes.
    Evia Schreckhise .
    20/03/2012 alle 02:17
    Heya i am for the very first time here. I observed this aboard and I think it is really helpful & the idea helped me out a lot. I hope to give some thing back as well as help others as you aided myself.
    nike free udsalg .
    19/03/2012 alle 22:12
    The following time I read a blog, I hope that it doesnt disappoint me as a lot as this one. I mean, I know it was my choice to read, but I actually thought youd have something interesting to say. All I hear is a bunch of whining about something that you would fix for those who werent too busy on the lookout for attention.
    louis vuitton athens .
    19/03/2012 alle 22:12
    Hiya! I simply want to give an enormous thumbs up for the nice data you've gotten right here on this post. I shall be coming again to your blog for extra soon.
    timberland mukluk .
    19/03/2012 alle 22:11
    When I read a blog, I am hoping that it doesnt disappoint me as much as this one. I am talking about, I'm sure it was my choice to read, but I actually believed you could have something helpful to talk about. Most I hear is mostly a bunch of whining about something which you may resolve if you werent too busy looking for attention.
    moncler soldes .
    19/03/2012 alle 22:10
    I’d have to check with you right here. Which is not one thing I usually do! I love studying a blog post which will make people believe. Also, appreciate it to get allowing me to provide feedback!
    japan style sklep .
    19/03/2012 alle 20:14
    Hey There. I found your blog using msn. This is a really well written article. I’ll be sure to bookmark it and return to read more of your useful information. Thanks for the post. I’ll definitely comeback.
    Nelia Rabinovich .
    19/03/2012 alle 18:08
    A lot of feedback in so little time, I have to agree, it is a great blog. the site is outstanding
    dsl vergleich .
    19/03/2012 alle 16:57
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    fremdgehen .
    19/03/2012 alle 16:25
    I've been recently wondering about the exact same idea myself recently. Pleased to see another person on the same wavelength! Nice article.
    Francis Belair .
    19/03/2012 alle 14:51
    Very good day! I could have sworn I?¯ve been to this website before but immediately after browsing by way of some of the post I realized it?¯s new to me. Anyways, I?¯m certainly glad I located it and I?¯ll be book-marking and checking back often!
    jiimmy .
    19/03/2012 alle 11:54
    You made some decent points there. I appeared on the internet for the issue and found most individuals will go along with together with your website.
    porcelain floor tile .
    19/03/2012 alle 05:59
    Heya! I just wanted to ask if you ever have any problems with hackers? My last blog (wordpress) was hacked and I ended up losing several weeks of hard work due to no data backup. Do you have any methods to stop hackers?
    professional seo company .
    18/03/2012 alle 13:59
    You have brought up a very fantastic points , thanks for the post. "I am not an adventurer by choice but by fate." by Vincent Van Gogh.
    Canopy Stainless .
    18/03/2012 alle 12:12
    Hey there, You have done a fantastic job. I’ll certainly digg it and personally suggest to my friends. I'm sure they will be benefited from this website.
    Burton Haynes .
    18/03/2012 alle 02:43
    Zune and iPod: Most people compare the Zune to the Touch, but after seeing how slim and surprisingly small and light it is, I consider it to be a rather unique hybrid that combines qualities of both the Touch and the Nano. It's very colorful and lovely OLED screen is slightly smaller than the touch screen, but the player itself feels quite a bit smaller and lighter. It weighs about 2/3 as much, and is noticeably smaller in width and height, while being just a hair thicker.
    presupuesto diseño web .
    18/03/2012 alle 02:14
    Entre todos debemos hacer un poco más y este blog me parece un paso más. Se nota que conoces este tema y encima lo sabes transmitir
    incinerador de grasa libro .
    18/03/2012 alle 00:13
    Hello. fantastic job. I did not expect this. This is a fantastic story. Thanks!
    lisa .
    17/03/2012 alle 22:56
    Youre so cool! I dont suppose Ive read something like this before. So nice to seek out someone with some unique thoughts on this subject. realy thank you for beginning this up. this web site is something that is needed on the internet, somebody with a bit of originality. helpful job for bringing something new to the web!
    online pharmacy .
    17/03/2012 alle 20:53
    Chanced across your blog by accident and I felt i should say I’m going to bookmarkAnd here is my site Buy Viagra
    Chefsasson .
    17/03/2012 alle 20:20
    I've been surfing online more than three hours today, yet I never found any interesting article like yours. It is pretty worth enough for me. In my view, if all site owners and bloggers made good content as you did, the web will be much more useful than ever before.
    porn .
    17/03/2012 alle 19:27
    I think this is among the most vital info for me. And i'm glad reading your article. But want to remark on few general things, The website style is ideal, the articles is really excellent : D. Good job, cheers
    Barton Bibee .
    17/03/2012 alle 16:01
    Lovely website! I am loving it!! Will come back again. I am bookmarking your feeds also
    belajar forex .
    17/03/2012 alle 07:19
    Keep working ,terrific job!
    Top Rated Testosterone Boosters .
    17/03/2012 alle 07:05
    My husband and i was happy which Eileen was able to deal with his / her preliminary research via the concepts they discovered with all the websites. It is now along with once more complicated to only always be giving freely remedies a large number of many more has been earning profits from. We understand we have got the site owner being grateful to be able to for your. The most important drawings you cash in on, the simple internet site course-plotting, the actual relationships anyone help to generate - it’s acquired every thing outstanding, and also it’s creating our kid besides the family members think about that this subject material can be pleasurable, which is pretty vital. Thank you for the whole whole lot!
    przeprowadzki szczecin .
    17/03/2012 alle 05:23
    I like the valuable information you provide in your articles. I’ll bookmark your weblog and check again here frequently. I am quite certain I’ll learn many new stuff right here! Good luck for the next!
    Hipolito M. Wiseman .
    17/03/2012 alle 05:08
    The new Zune browser is surprisingly good, but not as good as the iPod's. It works well, but isn't as fast as Safari, and has a clunkier interface. If you occasionally plan on using the web browser that's not an issue, but if you're planning to browse the web alot from your PMP then the iPod's larger screen and better browser may be important.
    buy weed online .
    17/03/2012 alle 05:01
    Hi, i think that i saw you visited my website thus i came to “return the favor”.I am trying to find things to improve my website!I suppose its ok to use some of your ideas!!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook