• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > L’Udinese di Guidolin e lo stupore della vetta
    26
    ott.
    2011

    L’Udinese di Guidolin e lo stupore della vetta

    Condividi su:   Stampa

    Davvero una domenica maledettissima, listata a lutto a Sepang: un sacrificio esoso di un giovane sull’altare dello spettacolo, della tecnica, del talento senza calcoli, una tragedia greca con il suo omologo più famoso e sperimentato, un “fratello più grande”, Valentino Rossi, che il destino gli spedisce addosso dopo che la moto l’aveva disarcionato come in un rodeo folle. Povero Marco, poveri noi, meraviglioso nel senso di stupefacente in tempi bui il padre del ragazzo che voleva donarne gli organi o la madre che ha asciugato mediaticamente il fiume di lacrime versato per lui. E il nastro nero sul braccio di molti giocatori della domenica calcistica, e il minuto di silenzio per un giovane forse “caro agli dei”, secondo la lettura mitica per chi viene strappato “con la testa bionda” alla terra, ma vittima troppo prematura di un tempo esoso.

    Nel frattempo il campionato frena eccome, eccezion fatta per l’Udinese e l’Atalanta tra le provinciali più o meno di lusso, prima e seconda (anche se quelli di Bergamo, cromaticamente un’Inter sul Serio…, lo sono solo sul campo e non in classifica, vista la penalizzazione da scommesse). Corrono anche in modo differente con il denominatore comune dei 3 punti Lazio, Milan, Roma, rallentano Juventus e Napoli, fa uno scattino in coda l’Inter. E stasera si ricomincia a giocare nel turno infrasettimanale, come domani sera e come giovedì… A oggi, in attesa di essere smentiti, scorrendo la classifica con un altro occhio mi vengono le seguenti note. Per l’Udinese fa testo una buona squadra e una continuità dirigenziale e tecnica nel club, sereno e periferico.

    Vende Sanchez e Zapata facendo cassa supermilionaria e prende Danilo e Torje (scappato alla Fiorentina, tra le dita sabbiose di Corvino): il risultato è il primato in classifica e l’ironia un po’ rigida di fronte ai microfoni del “prete bello” di Parise, Francesco Guidolin, nei confronti dei colleghi che lo sottovalutano. Se non gli prendono le fregole, starà certamente in alto un altro po’. La Lazio era già una buona squadra l’anno scorso, ha fatto acquisti e cessioni mirate guadagnando in personalità, il derby e la vittoria di Bologna hanno consacrato auto-stima e consapevolezza. È ancora precaria a metà campo, e a Bologna in porta ha fatto il suo l’ex cagliaritano Marchetti. Segnalo per la completezza dell’informazione (sic!!!) e le amnesie abituali e la nolontà (non volontà) di collegare le cose, che Marchetti sarebbe uno dei protagonisti principali suo malgrado (con l’eroe della perfida Albione, il manchesteriano Balotelli) dello scandalo detto di “Premiopoli”, di cui nessuno parla più o forse di cui nessuno ha mai parlato davvero. Riguarda la Federazione e l’ufficio preposto alla valorizzazione dei giovani. Silenzio di tomba di tutti o quasi: perché? Perché quando vogliono occupano intere prime pagine su altri versanti di un pallone scandalosissimo e su questa delicata vicenda che riguarda le istituzioni, cioè “pezzi dello Stato Rotondocratico” tacciono? Perché? La Roma sta comunque crescendo perché vincere senza meritarlo del tutto è sintomo di salute e adesso c’è un Lamela in più da mordere, mentre per il Milan vale il discorso su concentrazione e arbitri. A Lecce nel primo tempo solo leccesi, e un arbitrarello semi-novizio a fischiare un rigore al Lecce che di solito si dà alla squadra più influente… Visto Galliani in tribuna telefonare come un matto dopo quel rigore, sorpreso da simile lesa maestà. A chi? Ah, saperlo…

    Il Lecce ha avuto il torto di farne troppi , tre, e di non prevedere che il Milan avrebbe provato a strapazzarlo magari dopo una resipiscenza del fischiator cortese, Peruzzo, come è avvenuto. Folle il Mister Di Francesco: volevo vedere se li avesse disposti a catenaccio nella loro metà campo, per difendere tre gol di vantaggio… altro che Boateng, per carità fenomenale.  La Juventus compie misfatti fuori campo, come il trattamento superfluo e dannoso riservato a Del Piero, flebo di nervosismo per tutto l’ambiente giacché Del Piero “è” la Juve. Conte completa l’opera e lo scarnifica facendogli giocare 5’. Se rinsaviscono, sono in lotta per lo scudetto non avendo Coppe. A oggi, invece, sembrano sempre alle prese con il mercato: o qualcuno ci guadagna, oppure confondono il calcio con le figurine. Se battono stasera la Fiorentina nell’anticipo tornano comunque su. E battere la Fiorentina è diverso dal battere il Barcellona. Ai fiorentini andrebbe spiegato per filo e per segno come mai un club che ha una proprietà di livello così smaccato e “colosseico”, una buona rosa con un paio di fuoriclasse, e un allenatore “richiesto l’estate scorsa dall’Inter” (lo so, quest’ultima voce fa meno testo) vada in proporzione peggio di tutti: va peggio dell’Udinese, che guadagna col pallone mentre i Della Valle bros si lamentano di perderci (non è vero, ma ci credo…). Peggio della Lazio che costa assai meno a Lotito. Peggio di Cagliari e Roma, cioè due società senza Coppe come loro, i primi apparentemente modestini con Cossu e Agostini (di là ci sono Jovetic e Vargas…), i secondi con una rivoluzione tecnica agli albori e un club in movimento (dunque DiBenedetto è più capace del planetario “scarparo”? Non mi do pace, trasecolo). Dunque dantescamente o è fa-sulla la dirigenza, oppure è scadente o inadatto il tecnico: lasciamo fuori i giocatori, perché è la rosa che volevano società e allenatore, anzi, provavano – e forse proveranno – a venderne qualche altro pezzo cosiddetto pregiato. Insomma, oggi la Fiorentina va presa a esempio di come “non” si opera nel calcio, così come l’era Prandelli ormai lontana anni luce sembrava un esempio (pardon, un progetto) da seguire. Ma stanno già per riscendere in campo…

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    4
    Lascia un commento
    axpiahzek .
    14/01/2012 alle 15:59
    eyySwB , [url=http://bmlbpetpatwb.com/]bmlbpetpatwb[/url], [link=http://pvjtzcefaidl.com/]pvjtzcefaidl[/link], http://duilglpartcv.com/
    xezqfc .
    10/01/2012 alle 15:01
    QeEK7C , [url=http://kksksudqcbfr.com/]kksksudqcbfr[/url], [link=http://fcmldgjkvglg.com/]fcmldgjkvglg[/link], http://pvbggvmcvsvv.com/
    ngfnyupd .
    10/01/2012 alle 10:43
    pjJ9Jr drrzezevfbdc
    Johnetta .
    09/01/2012 alle 10:10
    No question this is the place to get this info, tanhks y'all.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook