• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Agnelli chiede danni al TAR Juve colpevole “a su...
    17
    nov.
    2011

    Agnelli chiede danni al TAR Juve colpevole “a sua insaputa”

    Condividi su:   Stampa

    Moggi se l’è presa con i bianconeri e loro se la prendono con la Federazione. Sembra il cubo di Rubi Mi piace Claudio Marchisio, come giocatore e come persona. Come giocatore perché è un simil-Tardelli che non molla mai, che segna parecchio e ancora di più potrebbe segnare, che è in grado di migliorare la fase difensiva sia nella Juventus di cui è cardine (si chiamasse Marquinho guadagnerebbe di più…) sia nella Nazionale di

    Prandelli. Come persona dal di fuori mi regolo sulle sue ultime dichiarazioni dopo l’allenamento azzurro “pastorale” a Rizziconi, luogo reggino della Calabria dove Libera con Don Ciotti in panchina gestisce un terreno sequestrato alla ’ndrangheta. Ha detto, il cursore dai buoni fondamentali e dalla testa (abbastanza) alta in campo: “Don Ciotti ci ha fatto sentire piccoli piccoli”. Bravo il giovane a dirlo in mezzo ad altri giovani volontari dell’associazione, brava la Federcalcio a dimostrare sensibilità nei confronti di Libera con questa iniziativa, bravo Prandelli ad aver cementato un gruppo che non stona in esperienze da diplomazia dell’anima come queste. È il vero governo tecnico che ci manca… Proprio perché assai spesso penso e scrivo il peggio delle istituzioni sportive e calcistiche, competitive con quelle politiche lungo la china del degrado, davvero non vorrei perdere l’occasione per elogiare Abete e gli altri del “bosco magico” pallonaro quando testimoniano che un altro calcio è o sarebbe possibile. Se è vero che il Reame Rotondologico è ormai fatto molto di più dall’indotto che dal calcio giocato in senso stretto, cioè dall’immagine che se ne ha e di cui si fa uso, è ovvio che occasioni positive in cui il pallone è ambasciatore ed evidenziatore d’altro sono da rimarcare ben più di una vittoria e di un gol. Pensate ad esempio alla definizione di “calcistici” affibbiata ai festeggiamenti per il Berlusca in uscita inscenati dalla piazza stufa ed esultante: se la formula è così invasiva, forse sia pure con strepitoso ritardo dovremmo riflettere su questa dimensione dei comportamenti individuali e collettivi. Se è tutto o quasi “calcistico” ovvero in immediata altra istanza “tifoso”, bè, prendiamone atto a partire dalla lettura più stretta del fenomeno. Indirizzare questo alone verso Libera è un segno positivo, come è negativo l’accaparramento dell’immagine e della popolarità attraverso il calcio di politici & mafiosi, per dire… Intanto l’Italia che sembra funzionare meglio, appunto quella di Prandelli, accumula esperienza con le amichevoli in vista degli Europei della prossima estate, quelli ospitati da Polonia e Ucraina che secondo Abete e la Melandri sarebbero spettati a noi per grazia ricevuta. Platini non era di quel parere, e ce ne siamo accorti, così come non era favorevole a un’altra chance italiana per il 2016 e infatti dov’è finita la manifestazione? In Francia… Per carità, la spiegazione/alibi (il latino è una meraviglia anche calcistica, “in un altro luogo”: appunto) è sempre quella degli stadi. Della Valle e Lotito particolarmente interessati a farsene di propri, ma adesso con il problemuccio delle sentenze di Calcio-poli sul groppone, il foulardone o il latinorum. Ma se invece la questione riguardasse tutto il sistema-calcio, faccia di un sistema-Paese nelle condizioni che sappiamo tanto da aver bisogno dell’ambulatorio Monti? Ieri il medesimo Platini, presidente Uefa e papabile per un governo tecnico della Fifa, ha ricevuto il premio internazionale Giacinto Facchetti, “Il bello del calcio”. È un modo da parte mia per fugare equivoci. Penso il meglio di Giacinto come persona e credo che la famiglia ne debba giustamente essere orgogliosa e fiera, come campione e come stamina umana. Questo non esclude che nei giochetti con l’arbitro Nucini o nelle telefonate considerate da illecito sportivo, ma prescritte dal procuratore federale, Palazzi, Facchetti sia stato “adoperato” non so quanto consapevolmente o arrendevolmente da parte sua. Non distinguere i due aspetti è un modo offensivo di pesare la sua vita, e la sua memoria adesso che purtroppo non c’è più. Farebbero bene a ricordarsene, invece che far di ogni erba un fascio, tifando pro o contro. Giacinto questo non se lo merita proprio. Più verità farebbe bene anche a lui, come a tutti coloro che non ne hanno paura. Del resto tutta la faccenda di Calciopoli continua a naufragare tra i veleni. Qualcuno aveva respirato di sollievo per la distinzione del Tribunale napoletano tra Moggi e soci, colpevoli, e la Juve innocente magari anche scajolescamente, “a sua insaputa”. Ieri il club di Agnelli, adesso Andrea ha presentato un ricorso al Tar del Lazio per centinaia di milioni di danni contro la Federazione, per “disparità di trattamento” con altri club. Se la Juve non c’entra secondo la giustizia ordinaria, perché ha subito le bastonate sportive che sappiamo, mentre la solita Inter prescritta invece no, giacché non sono state prese in considerazione le telefonate che la compromettevano? Sembra il cubo di Rubik, questa storia infinita. Abete e Moratti deplorano, tra il disappunto, la nota sul “cattivo gusto” e l’inopportunità del momento coinciso con il Premio Facchetti: ma forse non hanno capito che con le pezze a colore, nerazzurro o bianconero, non se ne esce. Adesso ci si ributta nel campionato, con qualche motivo di interesse in più: figuratevi se Berlusconi non riterrà importante – intendo ancora più importante – trionfare in Europa e magari anche in Italia in un momento di bandiere personali abbrunate. Per il discorso di cui sopra sull’indotto politico ed economico, e ovviamente mediatico, che la Rotondocrazia rappresenta, ecco Silvio ancora più in panchina che pria. E sabato a Firenze sull’altra panchina c’è Delio Rossi, chiamato a infondere nuova vita al golem dei Della Valle bros… di Oliviero Beha per Il Fatto Quotidiano, 15 novembre 2011

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    15
    Lascia un commento
    fpiqvaxv .
    13/01/2012 alle 18:51
    DpV6li , [url=http://yjfgnzrjqxll.com/]yjfgnzrjqxll[/url], [link=http://mxodwtselvpy.com/]mxodwtselvpy[/link], http://novihswglgio.com/
      Hayato .
      18/03/2012 alle 04:40
      grazie per aver condiviso la tua sfiga con noi! Tutte le volte che ho avuto degli iivrepmsti con Alitalia non le conto quasi pif9. Grazie a Dio ora da MIlano a Palermo c'e8 la Easyjet (anche se spesso i voli sono in ritardo)
    prigmgfeda .
    10/01/2012 alle 18:47
    qCcSFo hvdyyomuzsta
    wdodipycj .
    09/01/2012 alle 18:12
    TShVya , [url=http://unsrjupqmamf.com/]unsrjupqmamf[/url], [link=http://hkarzcltrdrp.com/]hkarzcltrdrp[/link], http://kyiuthcosbln.com/
    bfgvptud .
    08/01/2012 alle 19:07
    pQ7rNr tgjxsilpvclr
    Beatrice .
    08/01/2012 alle 13:23
    Hey, kliler job on that one you guys!
    Salvatore Romano .
    19/11/2011 alle 13:34
    Buongiorno dott. Beha.Sono contento che abbia apprezzato il mio messaggio;lo scopo è proprio quello di capire cosa è successo affinchè la discussione non degeneri in offese da "stadio" come succede in molti altri blog nei quali gli utenti scrivono più per sfogo che per informare.Comunque vedo che gli ultimi sviluppi in ambito calcistico mi stanno dando ragione.Tutti,a turno,hanno parlato e hanno detto la loro sul ricorso della Juventus continuando a dire che quest'ultima rivuole gli scudetti.E' vero che l'obbiettivo finale della società è quello,ma quello che ancora non si riesce a capire è che Agnelli sta seguendo,diciamo così,la "procedura" in base a quello che dicono le sentenze della magistratura.Nella sentenza di I° grado(che come le ho detto potrebbe essere smontata in appello visto le ultime sbobinature)la Juventus è stata riconosciuta non colpevole,ma nessuno dice perchè.La sentenza si è concentrata sulla condanna per l'associazione a delinquere non perchè Moggi cercava "aiuti" per far vincere la Juventus,ma per salvare la Fiorentina.Qui ha ruotato tutto il processo(si rilegga la deposizione di Auricchio) e in pochi lo sanno o fanno finta di non capire.L'esposto della Juve è una richiesta alla FGIC di assumersi le proprie responsabilità per non aver vigilato sul corretto andamento della giustizia sportiva che,come lei ha più volte sottolineato,è più un'INGIUSTIZIA SPORTIVA.Le stranezze alle quali abbiamo assistito in questi anni sono frutto di maneggi che puniscono chi non si allinea al "sistema".L'organo giudiziario nel calcio è controllato dal sistema politico(le società);punisce la squadra,ma non i dirigenti che puntualmente si ripresentano come se nulla fosse.Coloro che urlano per una magistratura indipendente in campo ordinario dovrebbero fare lo stesso per quella sportiva;invece si tende ad assimilare tutto quello che dicono i giudici sportivi come Mosè con i 10 comandamenti.Questo perchè ormai il cervello degli italiani si è assuefatto alla realtà mediatica della tv e dei giornali e non ragiona più;basta urlare. Le ultime dichiarazioni dei vertici del calcio sono davvero incredibili,urlate appunto.Petrucci parla di "doping legale":cosa vuol dire?Ci sono troppe regole?Le regole non vengono fatte rispettare?Mah,non si capisce.Moratti è dello stesso avviso lui che ha voluto portare tutto sul piano giudiziario.Nessuno ha mai criticato il fatto che la sociatà nerazzurra dicesse di sentirsi daneggiata;bastava denunciare.Invece si è voluto prendere una via diversa,frutto di un maneggio,appunto,che si sta rivoltando contro coloro che hanno voluto questa situazione.Per nascondersi Galliani ha dichiarato che guarda sempre avanti(per certi versi le intercettazioni del Milan sono addirittura più gravi di quelle dell'Inter perchè Meani fa proprio delle richieste esplicite);nei prescritti c'è anche il suo Milan come tanti altri,dalla Roma al Cagliari,tutti coloro che a turno si sono dilettati ha "cinguettare" con il mondo arbitrale.Ora si parla di tavolo(già Della Valle ne aveva parlato,ma Moratti disse che doveva pensare ad "altro");adesso che sono i componenti del sistema a dover pensare ad "altro" sono loro a proporre il tavolo.Perchè?Provo a ipotizzare:se dopo l'appello Moggi fosse assolto insieme a tutti gli altri(si ricordi delle intercettazioni "taglia e cuci" e quelle non ancora agli atti)chi risarcirebbe la Juventus per discesa agli inferi della serie B?La condanna nel procedimento sportivo è stata per associazione a delinquere attraverso la moltiplicazione dell'art.1 che è diventato art. 6,il famoso illecito strutturale(si immagini nelle sentenze ordinarie cosa provocherebbe una cosa del genere);pagherebbe la FGIC che attraverso il suo organo giudiziario ha pronunciato una sentenza sbagliata?Il Coni con Petrucci "in lacrime"?E se la sentenza è stata pronunciata su intecettazioni taroccate paga chi le ha tagliate e occultate?E se sì pagherebbero i mandanti o gli esecutori?Comunque vada a finire il calcio ha perso la sua dignità:invece che essere un gioco somiglia sempre più ad una guerra tra bande!
      Missi .
      09/01/2012 alle 07:34
      That's a smart way of looknig at the world.
        Rhonda .
        15/03/2012 alle 08:30
        gentile p. miguelvorrei cottesemenre sottolineare ,che pultroppo e propio la chiesa ,che dichiara che l'accoglienza viene prima di tutto,lo stato di questa invasione islamica e' a mio avviso e dovuto sopratuto anche dal fatto che dal mio punto di vista la chiesa a perso un po la bussola,mi spiegho meglio.la prima considerazione da fare e quella geografica;se di dichira che l'accoglienza e', un dovere cristiano, partendo dal fatto che l'europa e circondata da paesi musulmani,e chiaro che la maggior parte di gente che entra sara' musulmana.la chiesa che a difeso l'europa anche con tutti i mezzi possibili ,anche con la spada,non puo dire si all'accoglienza, senza se esenza ma, sapendo di essere circondata da paesi musulmani,e' veramante contraddittorio, e privo di una logica,e la chiesa stessa che si sta suicidando.sarebbe stato piu logico esercitare una fortissima pressione sui governi europei, per far si che l'80% degli ingressi fose da paesi cattolici o comunque cristiani. se la chiesa per prima non iniziera a dire e ad esrcitare pressione sui governi che su dieci stranieri 8 devono essere cattolici o cristiani, mi dispiace dirlo ma potete anche mettere a piazza san pietro un cartello con scritto CHIUSO PER FALLIMENTO .pultroppo e troppo tardi credo , questa era una cosa che andava fatta prima, e mi dispiace dirlo, ma da credente la chiesa a mostrato tutta la sua debolezza.d'altra parte ce sempre la speranza che i giovani musulmani prendendo ad esempio il modello occidentale anch loro poi incomincieranno a fare meno figli.sarebbe una via d'uscita.CHIESA CATTOLICA SVEGLIATI SE VUOI SOPRAVIVERE
        unbyomb .
        15/03/2012 alle 17:13
        fhf69Z wkeapvnnbyfm
        qslmukjxri .
        15/03/2012 alle 22:20
        DITb6f , [url=http://pgzvjkjhcqpq.com/]pgzvjkjhcqpq[/url], [link=http://ygbxnvxrdiqw.com/]ygbxnvxrdiqw[/link], http://omfnhaswmtxu.com/
        zopepfc .
        17/03/2012 alle 13:56
        ryzUFs wajtbhssuotn
        cbmgyq .
        18/03/2012 alle 14:30
        g7PzoU , [url=http://ifyvrketzryj.com/]ifyvrketzryj[/url], [link=http://yplmyjlmrrfi.com/]yplmyjlmrrfi[/link], http://votlluruywwp.com/
      Karinthia .
      11/01/2012 alle 04:31
      Ab fab my gooldy man.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook