• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Dagospia e l’attacco di Le Monde alla massoneria...
    18
    nov.
    2011

    Dagospia e l’attacco di Le Monde alla massoneria europea di Goldman Sachs

    Condividi su:   Stampa
    italia-commissariata-monti

    “Sono i confratelli, maestri e grandi maestri chiamati a spandere nell’universo la verità acquisita nella loggia”. Sembra l’inizio di un romanzo di dan brown, ma in realtà è l’incipit di un attacco furibondo e davvero inconsueto che “Le Monde”, lancia contro la massoneria europea di Goldman Sachs – 2 – Al giornale più impegnato di Francia interessa togliere il cappuccio di Goldman Sachs e senza tanti riguardi mette in prima fila tra gli “affiliati” Mario Monti, Mario Draghi e Luca Papademos (il neo-premier greco) che vengono definiti “figure totemiche e missidominici” che devono servire i loro carnet di indirizzi per far conoscere la banca americana. “Un fantastico network tra Francoforte, Roma e Atene in grado di favorire gli affari di Goldman Sachs”. E poi dicono che l’italia è il paese dei gossip e della dietrologia!

    FONTE www.dagospia.it

    1) LEGION D’ONORE A GILBERTO BENETTON E QUEI BACI TRA SARKÒ E LA MERKEL
    Vestito in maniera elegante con un abito creato dal suo sarto personale per l’occasione, Gilberto Benetton è atterrato questa mattina a Parigi.

    La Mercedes con l’autista l’ha portato in albergo per un breve riposo prima della cerimonia del pomeriggio all’Eliseo in cui Sarkozy gli conferirà la Legione d’Onore. L’imprenditore di Ponzano Veneto attendeva da anni questo momento che lo toglie dall’ombra del fratello Luciano sotto la quale ha vissuto per tutta la vita. Finalmente può pareggiare la genialità dell’uomo che ha inventato i pullover con le sue qualità imprenditoriali che l’hanno portato a diversificare le attività della famiglia in autostrade, autogrill, aeroporti e in altre attività finanziarie.

    Doveva essere la giornata perfetta e così è stato fino a quando la berlina nera non è transitata davanti al negozio Benetton di Boulevard Haussmann dove era in corso la presentazione della nuova campagna istituzionale del Gruppo voluta dal nipote Alessandro, il 47enne figlio di Luciano al quale il “Financial Times” di lunedì ha dedicato un grande ritratto. La storia del padre e le attività dello zio Gilberto continuano a sovrastare l’immagine di questo giovanotto dall’aria umile e gentile che anche nell’intervista al quotidiano inglese non ostenta supponenza e considera che il Gruppo, dove occupa la carica di vicepresidente, abbia bisogno di manager capaci.

    Per adesso il suo impegno continua a restare nella seconda fila dove si diverte creando campagne pubblicitarie come quella lanciata oggi a Parigi che all’insegna dell’unità tra gli uomini prevede immagini sorprendenti con personaggi famosi come il Papa e Obama che si scambiano baci. Sul negozio parigino, a pochi passi dall’Eliseo, campeggia l’immagine del presidente Sarkozy mentre bacia voluttuosamente la massaia di Berlino Angela Merkel.

    È probabile che di fronte a queste gigantografie Gilberto Benetton abbia provato una stretta allo stomaco perché il marito di Carla Bruni oggi pomeriggio appuntando la Legion d’Onore potrebbe rimproverarlo alla luce dei rapporti sempre più tesi tra Parigi e Berlino.

    2 – IN ALTO I CAPPUCCI!
    I parigini non si scandalizzano per la campagna dei baci lanciata da Benetton ma sono molto più interessati a capire che cosa c’è di vero dietro il presunto complotto che sta facendo lievitare lo spread del Btp rispetto ai Bund tedeschi.

    A confondere le idee e a buttare benzina sui presunti attacchi della finanza angloamericana ci ha pensato ieri il quotidiano “Le Monde” con un articolo (ripreso unicamente da Dagospia) che salutava Mario Monti con insinuazioni pesanti e maliziose circa la sua appartenenza al “capitalismo di relazioni” di Goldman Sachs.

    Oggi la sorpresa è ancora più grande perché il giornale, che interpreta l’anima laica e “illuminata”, spara un altro articolo che sembra ispirato alle trame dello scrittore americano Dan Brown, autore del “Codice Da Vinci”. L’articolo è stato scritto dal corrispondente di Londra di “Le Monde” e già nelle righe iniziali è per lo meno sorprendente perché suona così: “Sono seri e competenti, pesano i pro e contro, studiano i dossier prima di pronunciarsi: non si scoprono che raramente questi figli della Luce entrati dentro il Tempio dopo un lungo e puntiglioso processo di reclutamento…è la fede di un gruppo di pressione, una rete di aiuto reciproco. Sono i confratelli, maestri e grandi maestri chiamati a spandere nell’Universo la verità acquisita nella Loggia”.

    Sembra l’inizio di un romanzo, ma in realtà è l’incipit di un attacco furibondo e davvero inconsueto che il giornale più impegnato di Francia lancia contro la “franc-massoneria” europea di Goldman Sachs.

    L’atto di accusa sembra dimenticare la lunga tradizione massonica della Francia, un Paese dove si calcola che esistano almeno 80mila cappuccetti (il doppio dell’Italia) guidati dal Grande Oriente di Francia e dalla famosa Gran Loggia di Neully fondata nel 1913. A “Le Monde” interessa togliere il cappuccio di Goldman Sachs e senza tanti riguardi mette in prima fila tra gli “affiliati” Mario Monti, Mario Draghi e Luca Papademos (il neo-premier greco) che vengono definiti “figure totemiche e missidominici” che devono servire i loro carnet di indirizzi per far conoscere la banca americana.

    Il giornale non dimentica peraltro personaggi ben noti al gotha industria e finanziario parigino, che vengono citati come appartenenti a un Esagono impegnato a raccogliere informazioni e a piazzare i suoi uomini “senza mai lasciar cadere la maschera”.

    Oggi questi uomini (come i vecchi presidenti di Société Générale e Credit Commerciale) sono stati arruolati nella finanza e costituiscono – secondo “Le Monde” – “un fantastico network tra Francoforte, Roma e Atene in grado di favorire gli affari di Goldman Sachs.
    E poi dicono che l’Italia è il Paese dei gossip e della dietrologia!

    LLOYD BLANKFEIN CEO DI GOLDMAN SACHS CON PRODI DRAGHI MONTI LETTA
    3 – ALLARME VALDARNO
    Nelle osterie di Firenze nessuno ha mai creduto che Lorenzo Bini Smaghi potesse entrare nel governo. E così è avvenuto con gran dispetto del banchiere incazzoso che pochi giorni fa si è dimesso dalla BCE annunciando di volersi sedere nei giardinetti di Harvard.
    In città preferiscono dimenticare l’esile economista che vanta tradizioni medicee e ricordano invece il nome di un economista ben più celebre che si chiamava Vilfredo Pareto.

    Come la povera Gelmini (la vergine dei neutrini) saprà di sicuro, Pareto è lo studioso e sociologo francese che dopo aver studiato da ingegnere si trasferì in Italia diventando nel 1880 direttore generale della “Società delle Ferriere Italiane” che si trova a San Giovanni Valdarno.

    FEDERICO GHIZZONI RESIZE
    I fiorentini hanno ripreso a ricordarlo non per la sua amicizia con Mussolini e per la sua teoria reazionaria sulle élites, ma perché il suo nome è legato alla storia dell’azienda dove ha lavorato per alcuni anni prima di dedicarsi all’attività accademica. Questa società era proprietaria di uno stabilimento che lavorava la lignite e ha costituito per quasi un secolo e mezzo il complesso minerario-siderurgico attorno al quale ruotava la vita economica della Valdarno.

    Nel dopoguerra la ferriera è passata all’Iri e negli anni ’80 occupava quasi 1.500 addetti, poi dieci anni dopo è finita nelle mani di un privato (il Gruppo Ferdofin) che intorno al 2000 l’ha ceduta alla Afv Beltrame di Vicenza. Oggi l’azienda meccanica è stremata e sul punto di fallire. A lavorarci sono rimaste 79 dipendenti che si danno il cambio, dieci alla volta, per comporre i picchetti che presidiano l’insediamento giorno e notte.

    La cassa integrazione terminerà a fine anno e in giornata si terrà l’ennesimo incontro presso la Regione Toscana per trovare improbabili soluzioni.

    PAOLO FIORENTINO
    4 – APRILE CRUDELE PER FIORENTINO?
    Avviso ai naviganti: “Si avvisano i signori naviganti che l’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, si è letteralmente scatenato con un fiume di interviste per spiegare i 10 miliardi di perdite annunciate ieri da piazza Cordusio.

    Tra le svalutazioni che alcuni analisti considerano una coraggiosa operazione di pulizia e di trasparenza, c’è anche quella della As Roma, la squadra del Pupone salvata da un’operazione che continua a coinvolgere Unicredit insieme ai fantomatici americani di Tom di Benedetto. Come spiega oggi il giornalista Malagutti su “Il Fatto” pare che tra le svalutazioni dell’ultimo bilancio ci sia anche quella “integrale” di 54 milioni della holding Italpetroli di Rosella Sensi già proprietaria della squadra romana.

    ROSELLA SENSI
    Il piccolo capolavoro porta la firma di Paolo Fiorentino, il numero 3 di Unicredit per il quale gli uscieri di Unicredit e l’alto dirigente che si fa chiamare “ministro” prevedono in aprile una buonuscita”.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    102
    Lascia un commento
    Ohio seo packages .
    21/06/2013 alle 15:46
    Everything is very open with a precise explanation of the challenges. It was truly informative. Your website is useful. Thanks for sharing!
    Michael Heidt .
    20/03/2012 alle 06:25
    Good Job, very interesting...
    marzec 15 .
    19/03/2012 alle 19:11
    You actually make it seem so easy with your presentation but I find this topic to be actually something which I think I would never understand. It seems too complicated and very broad for me. I am looking forward for your next post, I will try to get the hang of it!
    japan style sklep .
    19/03/2012 alle 14:56
    Thank you a lot for providing individuals with an extremely remarkable possiblity to read in detail from this web site. It is usually so beneficial and as well , stuffed with a good time for me personally and my office friends to visit the blog no less than thrice a week to find out the new guidance you have got. And indeed, I'm just certainly fascinated concerning the sensational pointers you give. Selected 3 facts in this posting are without a doubt the simplest we have had.
    get kindle .
    19/03/2012 alle 11:29
    Wow, fantastic blog layout! How long have you been blogging for? you make blogging look easy. The overall look of your website is wonderful, let alone the content!
    Glaki .
    19/03/2012 alle 03:32
    I always was interested in this topic and stock still am, regards for posting .
    produkt vergleich .
    19/03/2012 alle 01:43
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    angry birds wallpaper .
    18/03/2012 alle 17:17
    I think this is among the most significant info for me. And i am glad reading your article. But wanna remark on few general things, The site style is ideal, the articles is really excellent : D. Good job, cheers
    Affordable SEO Package .
    18/03/2012 alle 16:02
    I think this is one of the most significant information for me. And i'm glad reading your article. But wanna remark on some general things, The site style is ideal, the articles is really excellent : D. Good job, cheers
    Tangki Air Stainless .
    18/03/2012 alle 15:30
    Of course, what a splendid website and enlightening posts, I will bookmark your website.All the Best!
    RUMAH BOGOR .
    18/03/2012 alle 10:55
    I am constantly searching online for posts that can help me. Thank you!
    Troubled Teen .
    18/03/2012 alle 08:53
    Thank you for the auspicious writeup. It in fact was a amusement account it. Look advanced to more added agreeable from you! By the way, how could we communicate?
    hostgator coupons .
    18/03/2012 alle 05:54
    Needed to create you a bit of note to be able to thank you very much the moment again on your precious strategies you've featured here. This is simply generous of people like you to supply extensively just what a lot of people could possibly have offered for an electronic book in order to make some dough for their own end, most importantly considering that you might well have tried it if you considered necessary. Those principles likewise worked like the good way to be aware that the rest have the identical desire really like my personal own to understand many more in terms of this problem. Certainly there are a lot more pleasurable opportunities ahead for individuals that looked at your blog.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook