• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Il ragazzo Sergio Zavoli
    23
    nov.
    2011

    Il ragazzo Sergio Zavoli

    Condividi su:   Stampa

    È morta l’altra notte Danielle, la vedova di François Mitterrand, una stagione importante all’Eliseo, più alto dell’attuale inquilino, titolare della famosa “politique d’abord”, la politica prima di tutto. Curioso ripensarci oggi: nell’ultimo lustro non si è fatto altro che parlare di anti-politica a partire almeno dai “Vaffa Day” di Beppe Grillo (mentre l’omonimo Luigi, politico di professione immagazzinava condanne penali), fino a che, stremata dai suoi eccessi politicamente inconcludenti e giudiziariamente rilevanti, adesso la politica qua da noi, in Italiopoli, è sospesa, supplita dai “tecnici”.

    La politica politicante ed esercente, è ovvio, quella che la cronaca ormai quotidianamente rivela essere stata in questi anni ciò che tutti sospettavamo ma non veniva detto, almeno non abbastanza: dai fronti politici perché cane non morde cane in una complementarietà mostruosa, alla latina… dai media perché dichiaratamente timorosi di querele o intimidatorie minacce di, in realtà perché schierati e dipendenti. I servi servono, è sempre Totò il massimo teorico del nostro costume di casa. Quindi la mitterrandiana “politica prima di tutto” si era mutata in un’altra cosa. Anche se retoricamente gli affaristi della politica dicevano ogni bene di essa intesa nobilmente, come a proposito del “re nudo” della fiaba.

    Ci pensavo alla presentazione dell’ultimo libro di Sergio Zavoli, stilisticamente ammirevole e contenutisticamente interessante, un’autobiografia piena di cose e persone, “Il ragazzo che io fui”. Mi stavo domandando come avesse fatto a mantenersi a distanza dagli schizzi di fango della palude italiana dopo tanti anni di vertice professionale, manageriale e politico, circondato da armadi che producevano scheletri a getto continuo, quando con la solita intelligente e cardinalizia compunzione l’autore ha cominciato a parlare di politica e anti-politica. Non si fosse trattato di lui, avrei chiuso il collegamento auricolar-mentale: come dicevo, da anni sparano contro l’anti-politica figure e figuri che hanno trasformato la politica, in ogni suo luogo istituzionale, in un indegno suk, screditando (eufemismo!) una dimensione umana che ipocritamente a parole difendevano.

    Ma Zavoli era shakespearianamente un uomo d’onore, e andava ascoltato non foss’altro perché non aveva macchie e nessuno aveva mai potuto infilarlo nel noto tritacarne fangoso che ci tiene svegli. Il succo era che i partiti sono insostituibili, che sparare contro la politica in modo indifferenziato come fa l’anti-politica porta poi all’azzeramento dei partiti in un partito solo, che poi sono guai grossi, storia alla mano. Ho riepilogato rozzamente. Ebbene, non penso che i partiti vadano sostituiti dai supermercati, ma penso che tale sortilegio abbiano tentato di fare con più che discreto successo non le belve dell’anti-politica (le “agenzie del risentimento” le chiamava Peppe D’Avanzo) bensì proprio quella stessa classe politica intrisa di reati penali, di un deficit spaventoso di etica e di un’ignoranza inimmaginabile. Parlare di anti-poltica per “questa” politica è insieme fuorviante e pericoloso: fuorviante appunto perché si eleva a politica nominale ciò che sostanzialmente è diventato “cupola” di interessi che di politico ha ormai poco più che lo scudo parlamentare, pericoloso perché comunque il rischio di travolgere tutto c’è, eccome. Forse a politica andrebbero accostati altri sostantivi: l’impolitica etimologicamente rivisitata come ingenuità, il “nascere liberi”, cioè una natura politica non guastata dalla degenerazione del consenso a tutti i costi, dentro la politica, al servizio della politica, e non il contrario. Oppure la pre-politica: da quanto tempo non ci domandiamo quale sia la reale condizione umana prima della politica di chi poi fa politica, quale il suo spessore, la sua qualità, il suo essere migliore degli altri ecc.? Altrimenti anche degne persone come Zavoli rischiano di lasciare in eredità gusci vuoti, una specie di “la politica dopo di tutto” anche se definita stancamente con le stesse formule. Non sarebbe peggio?

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    144
    Lascia un commento
    quickstep .
    20/03/2012 alle 07:25
    Basically to follow up on the update of this subject matter on your site and would want to let you know simply how much I loved the time you took to produce this useful post. Within the post, you actually spoke of how to seriously handle this matter with all convenience. It would be my own pleasure to gather some more ideas from your web site and come as much as offer other people what I learned from you. Many thanks for your usual terrific effort.
    Vanetta Bashaw .
    20/03/2012 alle 06:38
    As a Newbie, I am constantly exploring online for articles that can be of assistance to me. Thank you
    Macy Heemstra .
    20/03/2012 alle 06:25
    Lovely article...I like your writing style.
    preis tief .
    20/03/2012 alle 06:19
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    exercises to flatten belly .
    20/03/2012 alle 04:16
    This is a good posting, I was wondering if I could use this write-up on my website, I will link it back to your website though. If this is a problem please let me know and I will take it down right away
    Rose Sherley .
    20/03/2012 alle 03:30
    Its like you learn my mind! You seem to grasp a lot about this, like you wrote the e-book in it or something. I feel that you can do with a few p.c. to power the message house a little bit, however instead of that, that is fantastic blog. A great read. I will definitely be back.
    Trevor Haro .
    19/03/2012 alle 23:54
    Thank you for sharing superb informations. Your website is so cool. I'm impressed by the details that you've on this site. It reveals how nicely you understand this subject. Bookmarked this web page, will come back for extra articles. You, my pal, ROCK! I found simply the info I already searched all over the place and simply could not come across. What a perfect web site.
    najlepszy program do pit .
    19/03/2012 alle 22:57
    Il ragazzo Sergio Zavoli | Oliviero Beha is actually an incredible and helpful piece associated with info. I am glad that you just shared this useful information with us http://www.olivierobeha.it/articoli/2011/11/il-ragazzo-sergio-zavoli! Please stay us up to par like this. Thank you for giving. najlepszy program do pit
    flirten .
    19/03/2012 alle 16:28
    I was wondering if you ever considered changing the layout of your blog? Its very well written; I love what youve got to say. But maybe you could a little more in the way of content so people could connect with it better. Youve got an awful lot of text for only having one or two images. Maybe you could space it out better?

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook