• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Se si fa giocare a zona il nubifragio
    09
    nov.
    2011

    Se si fa giocare a zona il nubifragio

    Condividi su:   Stampa

    Il calcio, o forse l’intiero Paese sub specie calcistica, non smette di fare brutte figure: non parlo tanto e solo di Montolivo che ride durante il minuto di raccoglimento per le vittime del nubifragio e poi, pizzicato da una telecamera, si vergogna e si scusa. Di aver riso o di essere stato “beccato”? Parlo piuttosto della “querelle” seguita al rinvio di Napoli-Juventus: queste Elettre mancate non pensano a elaborare il lutto dopo giorni atroci per l’Italia alluvionata da tutti i punti di vista, ma gongolano o si lamentano del rinvio. A chi faceva comodo? Ai morti, al rischio di ordine pubblico, a un prefetto che ha deciso così al mattino “anche se” di pomeriggio è spuntato il sole? Non credo. Al Napoli che aveva da recuperare sforzi e giocatori? Sì. E allora? Alla Juventus che andava sull’abbrivo di una vela con il vento del gioco e della classifica in poppa? Certamente no. E allora? Alla Lega Calcio il cui portavoce part time, Beretta, si è assai doluto di non essere stato consultato per il rinvio (perché adesso non trovano una data libera in un calendario troppo zeppo che non prevede catastrofi naturali)? Neppure. E allora? Ma scusate, di che cosa stiamo parlando? O si imputa al prefetto di essere un gaglioffo che fa rinviare le partite perché tifoso del Napoli o foraggiato da De Laurentiis, oppure forse quello che è successo a Genova (rinviata Genoa-Inter senza proteste, ma tu dimmi…) e in altre parti di Italia e poteva accadere a Napoli dovrebbe far riflettere un momento prima di assumere posizioni pubbliche.

    Altrimenti altro che Elettra e il lutto: questi pensano solo agli affaracci loro, ai diritti tv, agli interessi in ballo senza un minimo di pietas: ennesimo segnale di un calcio e una più generale sensibilità giunti al capolinea. Al capolinea non so – mentre scrivo – se assieme a Berlusconi, cui funziona ormai solo il Milan quasi orgasmatico a colpi di gol, oppure assieme a Mihaijlovic, che si è fatto far esonerare dalla Fiorentina. Non vedo perché si sarebbe dovuto dimettere: l’hanno preso, lo mandino via. Magari riflettendo su Totò riadattato per l’occasione (i serbi serbono) e sul fatto che chi è causa del suo mal deve piangere se stesso. Adesso sono costretti a rimediare, pagheranno un nuovo allenatore (Delio Rossi da oggi?) avendo a carico il vecchio, a gennaio dovranno tornare sul mercato per rimpolpare una squadra che sta perdendo un pezzo importante come Montolivo e che tra un poco smarrirà anche l’unico fuoriclasse, Jovetic, spremuto ben bene dalle responsabilità. Una dissennata gestione societaria cominciata da un pezzo (l’ho scritto qui senza aspettare i nefasti di oggi mentre in Champions due anni fa girava bene e Prandelli doveva essere il Ferguson di Firenze), che faceva perno sull’idea di Della Valle di outlet in città travestito da stadio, ed è passata attraverso molte fasi. Prima il tira-e-molla (altri amministratori locali hanno usato termini assai più forti…) per lo stadio nelle aree di Ligresti sotto sequestro, poi il grido di dolore “Firenze non ci merita” neanche fossero i Medici a colpi di braccino corto, di Prandelli messo all’uscio e del serbo di ripiego, infine, con l’area Mercafir e la promessa di outlet dopo aver visto svanire la Roma non avendo acquirenti per la Viola, una campagna acquisti rabberciata in extremis ma non assurda: il tutto sempre con una dirigenza raffazzonata e un serbo di ripiego. Chiunque arrivi in panchina, Rossi in primis, se lasciato lavorare farà meglio: recupererà forse giovani come De Silvestri ed ex ottimi giocatori come Marchionni, e forse si scoprirà che persino teenager come Liajc e avventurieri come Santiago Silva sanno giocare a calcio.

    Il pallone è complicato e semplice nello stesso tempo: il campo rivela di solito le magagne del club e va tutto di conseguenza. Prendete la Roma, interessante caso di un club che deve ancora riassestarsi così come la squadra. Interessante perché c’è chi osserva come il riguardo riservato a Luis Enrique malgrado il non esaltante inizio di stagione per risultati e gioco, si sarebbe mutato in rivolta contro un tecnico nostrano, dopo un derby perso in quel modo e la Lazio in testa alla classifica (meritatamente: vince anche quando gioca male). Eppure è semplice: i tifosi per un po’ ancora ameranno l’esotico, penseranno in termini catalani “come se” fosse il Barcellona, avranno fiducia in ciò che non conoscono appunto finché non penseranno di conoscerlo. Eppoi come per le figurine sono cambiati troppi giocatori per tenerli d’occhio tutti insieme… e magari ti scappa fuori un campione laddove pensavi che fosse un mezzosangue. Adesso via con la pausa per la Nazionale, buona soprattutto per le piccole: prendi l’Atalanta che senza penalizzazione oggi sarebbe a 18 punti, cioè a una partita dalla testa della classifica. Domanda: perché il Napoli non è almeno lì? Risposta: per la Champions, ma teoricamente potrebbe essere solo un punto sotto (vedremo se migliora il tempo meteorologico…). Domanda: perché la Roma non è lì? Perché salvo Totti si devono ambientare ancora un po’ tutti. E perché la Fiorentina è così lontana? Non è solo colpa del serbo. E l’Inter? Stagione di transizione? Anche, ma soprattutto stagione di veleni e di ombre di Banquo.

    Oggi o domani sentenza di Calciopoli a Napoli, mentre nel processo Telecom fioccano le testimonianze per lo spionaggio (leggi intercettazioni ma illegali) ai danni di Juve e Federcalcio tra il 2000 e il 2004. Commissionato da chi? Da Tronchetti Provera? Ma che c’entra con l’Inter e con Moratti, e con la successiva storia delle intercettazioni “legali”? Ah, saperlo…

    di Oliviero Beha per Il Fatto Quotidiano, 8 novembre 2011

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    usgefmsujfx .
    14/01/2012 alle 16:56
    mKiJXS , [url=http://tovhdmmqlmdp.com/]tovhdmmqlmdp[/url], [link=http://bteafnvutszt.com/]bteafnvutszt[/link], http://dmhcjlyhrjeo.com/
    wnrjqkinlw .
    12/01/2012 alle 13:40
    na7KcS elnqlbookzqj
    cvoasgzzf .
    10/01/2012 alle 15:29
    azBQMJ , [url=http://stitujuxxvpq.com/]stitujuxxvpq[/url], [link=http://ydxhbihkiqpb.com/]ydxhbihkiqpb[/link], http://kncsouedicnn.com/
    soqyflrvpsd .
    10/01/2012 alle 10:29
    qjcS0q rdulmuvpaffk
    Hollie .
    09/01/2012 alle 11:01
    Could you write about Physics so I can pass Sciecne class?

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook