• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Non lamentiamoci troppo, pensiamo al Vesuvio…
    17
    dic.
    2011

    Non lamentiamoci troppo, pensiamo al Vesuvio…

    Condividi su:   Stampa
    Vesuvio
     
    Vesuvio

    Ricorre l’anniversario dell’eruzione del Vesuvio. Era il 16 dicembre 1631 e sono passati 380 anni dall’eruzione più catastrofica della storia (probabilmente con oltre 10.000 morti è stata l’eruzione che ha fatto più vittime nel napoletano).
    Di seguito un resoconto (inedito) dell’epoca, redatto da un nobile napoletano cinquanta giorni dopo, quando il vulcano era ancora in attività. Questo documento inedito è stato trovato tra le carte di Raffaele Matteucci (direttore dell’osservatorio vesuviano dal 1903 al 1909) mai pubbicata. L’originale è in latino ed è indirizzata al Vescovo, futuro cardinale Francesco Maria Brancaccio, cardinale nel 1633 che donò alla sua morte la biblioteca perosnale di 22000 volumi alla città di Napoli. Questa biblioteca diventò la prima pubblica del Regno di Napoli.
    La lettera è stata ritrovata e tradotta dall’esperto Giovanni P. Ricciardi, fisico dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia -Osservatorio Vesuviano. G.P.Ricciardi è autore del libero: ““Diario del Monte Vesuvio Venti secoli di immagini”, edito da ESA”, per maggiori info contattare Sonia Topazio.

    Di tutti gli incendi del monte Vesuvio che tante volta ha reso la Campania disgraziata, nessuno è stato più funesto di quello del 16 dicembre 1631, compresa quella che ebbe luogo sotto Tito Vespasiano e di cui Plinio il giovane e Dione Cassio fanno una scrupolosa descrizione. Si ebbero allora, difatti due città, Ercolano e Pompei, distrutte per il fuoco; questa volta non sono solamente Torre del Greco e Torre dell’Annunziata, le due città che sorsero dalle ceneri di Ercolano e di Pompei, ma tutti i borghi e villaggi giacenti intorno al Vesuvio che vediamo incendiati e distrutti, quali i villaggi di Trocchia, di Massa, di Pollena, di S. Sebastiano, di S. Anastasio, di Palma, di Bosco, di Resina, di Cremano, questo bruciato per la seconda volta, dei borghi di Somma, di Ottaiano, di Lauro. In quanto al borgo di Marigliano, al villaggio di Saviano e all’antica città di Nola, inondati dalle le acque sgorgate di recente dalla montagna, non hanno sofferto molto meno degli altri.

    Il monte Vesuvio alza la sua doppia cima nel mezzo della Campania una volta felice, in riva al mare. Non lontano dalla cima che guarda Stabia e che si estende verso mezzogiorno, si apre un baratro immenso da dove solitamente vomita fiamme dalle sue viscere, e per dove si poteva scendere fino in basso nell’interno della montagna: è al di sotto di questa cima che è nello stesso tempo un baratro che, il 16 dicembre 1631, montò un’immensa nuvola di fumo nero e caliginoso che nascose improvvisamente la luce del giorno. Questa novità spaventò tanto più maggiormente in quanto era stata preceduta durante la notte da due violenti terremoti: uno verso le ore cinque, l’altro verso la dodicesima. Durante tutta questa giornata, tuttavia, il Vesuvio non ha preso nessuno a tradimento si accontentò di minacciare senza colpire, ma non senza spaventare: egli lanciava fumo, liquefaceva i suoi materiali interiori, muggiva orrendamente come nei dolori da parto: temibile avvertimento dato a tutti gli abitanti affinché placassero la collera di Dio e scongiurassero il flagello che si stava alzando su di loro.

    Durante la giornata il Vesuvio, per il suo fumo ed i suoi ruggiti, fece tremare i Campani; con l’inizio della notte li fece morire quasi di paura. Questo fumo si trasformò in lapilli e sibilanti fiamme; inoltre gli strepiti dell’acceso Monte si sentivano come un cupo tuono e ai numerosi boati si scuoteva il suolo, che frequentemente tremava, a tal punto che i tetti della città di Napoli sembravano crollare piuttosto che oscillare; tutti gli abitanti lasciavano le case per non essere schiacciati sotto le macerie. La maggior parte si teneva all’aperto o nelle carrozze. Un grande numero si rifugiava nei templi; le vie erano piene di persone che correvano gridando; dai templi pieni di folla riecheggiavano le preghiere; si aspettava il ritorno del giorno, che funestissimo sopragiunse.
    La catastrofe fu annunciata ancora da un temporale misto ad una grande quantità di ceneri: i tetti, le strade, i vestiti dei passanti erano sporchi di cenere; una spessa nuvola di cenere velava il sole e faceva un’orribile tenebra; ma verso le ore quattro del giorno il Vesuvio, dalle squarciate cavità sotterranee, fatta più larga l’antica voragine, sembrò vomitare tutte le sue viscere, a tal punto che, le città e i borghi enumerati prima, furono seppelliti fino alla cima dei tetti sia dalla cenere e dal bitume liquefatto, che dalle pietre infuocate; le persone erano oppresse o soffocati dal denso fumo.

    Scorreva un alluvione, come si vide, di bituminoso torrente, che sembrava un incendio in un fiume d’acqua, inghiottendo, bruciando tutto nel suo passaggio, travi, tegole, alberi, greggi e animali domestici. Si vedevano uomini immersi nel fango; pesci in secco e nuove scogliere sulla spiaggia costiera del Vesuvio. Si è visto il mare presso Stabia e nel porto piccolo di Napoli ritirarsi, come se le navi navigassero nel solido, ma poco dopo riversarsi con lo stesso fragore. Intorno a questo Vesuvio, là dove la Campania stendeva poc’anzi felice fecondità ogni suono, dove Pomona e Bacco prodigavano i loro doni, il fuoco e l’acqua hanno devastato tutto: i campi hanno perso il loro manto verde e il fogliame; i confini sono stati spostati o sono spariti sotto uno spesso strato di cenere; è ormai una terra di nessuno senza divisioni, senza proprietari, appare come il deserto libico squallido e arenoso.
    La montagna, che si riconosceva da lontano per la sua mole e altezza, appare adesso mutilato e decapitato, infatti negli incendi precedenti aveva divorato solamente le sue viscere, ma questa volta ha consumato e divorato la sua cima e i suoi vasti fianchi e giornalmente continua a rodere ed a mangiare se stesso. Ora che sono trascorsi cinquanta giorni, né ha cessato di esalare fumo, né talvolta ceneri, o ogni tanto di scuotere la terra.

    Orazio Feltri Patrizio Napoletano
    Napoli 4 febbraio 1632

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    292
    Lascia un commento
    Antione Shipes .
    20/03/2012 alle 02:53
    An intriguing language will be designer annotate. I suppose that you need to make writer for this theme, it most likely are not a holy soul yet mostly group are certainly not sufficiency in order to communicate on much subjects. To the following. Cheers such as your Khmer Karaoke Celebrities .
    Trevor Haro .
    19/03/2012 alle 23:56
    Simply wanna state that this is extremely helpful, Thanks for taking your time to write this.
    Maybelle Opeka .
    19/03/2012 alle 15:02
    Thanks for this site. I'm a total fan of food along with the culinary arts and conserve most of the info I can locate on the subject. This website kicks A$$
    strom vergleich .
    19/03/2012 alle 12:05
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    vinyl floor tiles .
    19/03/2012 alle 05:12
    Its like you learn my thoughts! You seem to know a lot approximately this, such as you wrote the e-book in it or something. I feel that you can do with a few p.c. to pressure the message house a bit, but other than that, that is excellent blog. A fantastic read. I'll definitely be back.
    best forex tools .
    19/03/2012 alle 04:39
    Currently it seems like BlogEngine is the best blogging platform available right now. (from what I've read) Is that what you're using on your blog?
    free credit score .
    18/03/2012 alle 14:32
    What are you indicating, man? I know everyones got their own view, but really? Listen, your web site is interesting. I like the work you put into it, specifically with the vids and the pics. But, come on. Theres gotta be a better way to say this, a way that doesnt make it seem like most people here is stupid!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook