• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Grillo/Equitalia 2, la vendetta: sciogliere l’ag...
    07
    gen.
    2012

    Grillo/Equitalia 2, la vendetta: sciogliere l’agenzia o rivederla, ma niente bombe. Firmate, firmate…

    Condividi su:   Stampa

    Di nuovo su Grillo ed Equitalia:  dopo il mio articolo precedente qui le ipotesi sono 3. Busta n.1) Non mi sono fatto capire. Busta n.2) Non si riesce a capire. Busta n.3) Non si vuole capire. Escludo per educazione le ultime due ipotesi, e resto alla prima. Ho precisato che ne facevo una questione di comunicazione (di “forma”) della “sostanza” rappresentata dal dramma di Equitalia, dalle reazioni con minacce terroristiche e dall’intervento di Beppe Grillo. Perché di comunicazione ? Perché rischia di avviare il problema serissimo, spesso drammatico, su un binario sbagliato, facendolo deragliare da ipotesi di soluzione.

    Insomma: invece di parlare di Equitalia, così si parla di pallottole, pacchi-bomba e commenti di Grillo. Basta rileggere quello che ho scritto, anche alla luce di questa precisazione, ed è davvero impossibile fraintendere. Poi magari sbaglio, ma è un’altra faccenda, è legittimissimo non essere d’accordo, meno corretto attribuirmi opinioni o posizioni che l’articolo non motiva. All’obiezione “ma parla di Equitalia!!!, perché nessuno lo fa se non Grillo”, rispondo che non è vero. L’ho fatto in passato, naturalmente lo rifarò, anche in Tv a “Brontolo”, lunedì 16 p.v. E quanto all’informazione, in questa settimana (per “merito” degli attentati o di Grillo? Vedete che sarebbe di nuovo un problema di comunicazione…) ne stanno parlando tutti, sui giornali (sul mio sito trovate ampia documentazione in questo senso) come in tv (ieri sera, su La7). Grillo ha l’innegabile e giustamente sottolineabile merito di parlarne da sempre, ma a mio parere con il rischio del fraintendimento di cui sopra in quest’ultimo caso.

    Non credo che si vada in direzione di un miglioramento della situazione se non si prende il toro per le corna. Per esempio sul giornale on line della Federcontribuenti, www.federcontribuenti.it, si lancia una raccolta di firme per sciogliere Equitalia, oggi on line e dal 15 gennaio con banchetti in tutta Italia. Va rivista la legge bipartisan (mi sono spiegato?) del 2006 che ha introdotto questa “mano armata” esattoriale dell’Agenzia delle entrate, perché nel clima di “tensioni sociali” in cui siamo da tempo e in cui rischiamo davvero di affondare, non è più solo o tanto un metodo per recuperare crediti bensì una tagliola alla gola di contribuenti che sbagliano tempi o modi, di automobilisti vessati dalle multe non sempre prese giustamente, di cittadini sotto il maglio degli interessi sugli interessi da pagare ecc. Il tutto mentre l’Italia sprofonda nell’evasione dei grossi, ultratollerata e poi oggetto di patteggiamento;  si “scudano” gli esportatori di denaro con tassi da delinquenza riciclatrice (io narco-trafficante mi sarei fregato le mani con quel tasso ridicolo per riportare denari in Italia ripulendoli, cfr. il governo precedente…); si infierisce sui pesci piccoli che pagano o sono costretti a pagare per tutti dalla loro situazione di lavoratori dipendenti in un mare di squali in cui la politica la fa da padrona non avendo mai voluto/potuto combattere l’evasione in un Paese di sedicenti furbi in cui per colpa loro si sta tutti molto peggio.

    Quindi: ha ragione Grillo, l’ho detto e lo ripeto, ma non nella forma recente, magari travisata dai media ma con un travisamento che uno come lui deve mettere in conto e quindi riuscire ad evitare. Non per lui, ma per lo sviluppo della drammatica questione. Ha torto Equitalia, ma per legge e non nelle mani dei suoi terminali che ricevono pallottole, bensì ai vertici e soprattutto –ripeto- alle sue fonti legislative. Si può firmare, come ho scritto, e soprattutto non bisogna togliere dai riflettori gli effetti riscontrabili quotidianamente di “come” Equitalia si muove. Adesso spero che almeno la chiarezza si faccia strada. Pensate: scrivo per diradare gli equivoci nella questione “Grillo/Equitalia”,e ne suscito molti di più nei commenti. Davvero un pessimo giornalista….

    Oliviero Beha per Tiscali Opinioni

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    18
    Lascia un commento
    liwhidqhvi .
    19/03/2012 alle 04:10
    teV4B2 , [url=http://qrhanfeetjkc.com/]qrhanfeetjkc[/url], [link=http://wkpwxhyuupor.com/]wkpwxhyuupor[/link], http://fqfldjbidjuk.com/
    yfxkruaizfl .
    17/03/2012 alle 08:24
    CEtfQH , [url=http://efeuvwdyadrp.com/]efeuvwdyadrp[/url], [link=http://dtrydntieoph.com/]dtrydntieoph[/link], http://gsyiqhdieygm.com/
    fjathjja .
    16/03/2012 alle 12:25
    fa5n2j vfredzgpuyvf
    homofaber .
    08/01/2012 alle 12:07
    Abbiamo tolto naturalezza e dignità ad ogni sospiro, impeto, saggezza, sciocchezza, sberla, carezza, parola. Confondiamo, attorcigliamo, mescoliamo; sovrapponiamo minacce di carta a crepitii di stanco generone, cose pesanti a buste vuote, ghigni ad ululati, brillantine a specchi soli. "Ogni violenza è deprecabile"; sì, sì, giusto, incasellato, ma nessuno si sofferma un fiammifero a pensare quanto sia ancora umido il findus appena vomitato, quanto siano ricurve e sceme le nostre parole. Oltretutto, in un frammento che dovrebbe invece irradiare civiltà, decoro, accomunanza. Le brutte favelle non adornano Grillo nè qualsivoglia essere umano (anche se, prima del 4-5%, credo neppur una minaccia di morte o di suicidio avrebbe spostato eventuali flashes sul masaniello ligure); ma è anche - e molto più - indecente che tutti spaccino una Società per Azioni come un servizio statale, un organo pubblico, un braccio dello Stato. Equitalia è una SpA, con tutte le sue sacrosante prerogative e modalità. E' ambiguo, scorretto che qualsivoglia grammofono - di serie o d'occasione - non sottolinei, strasottolinei, che qualora la suddetta Spa fallisse (come tante, precedenti confraternite) un'eventuale 'entità' non potrebbe mai essere garantita; che le vocazioni, i solfeggi e la misericordia di qualsivoglia società privata non potrà mai rappresentare, neppur come organismo solo esecutivo, un apparato statale. E lo dico senza aver mai avuto un bottone da contendere con Equitalia e pur magari compiacendomi di modi ed usi opposti a quelli che altri vociferano. In linea di principio , sarei più che favorevole a uno snellimento 'privato' della macchina pubblica; ma se perdo un telefonino a Rovianemi o a Tromsoe o ad Ostersund, nel corso della serata me lo riporta il tassista o un addetto alla Comunità; se lo smarrisco in landa Montecitorio, non lo vedrò mai più.
      Luca .
      08/01/2012 alle 20:14
      Qui il livello è alto e non mi sento all'altezza per una risposta che homafeber meriterebbe da interlocutori ben più colti di me. Mi limito a osservare che Equitalia è una Spa a capitale pubblico e i cui utili vengono ridistribuiti ai soci (Agenzia Entrate e Inps) e quindi allo Stato. Di fatto è una Spa senza fini di lucro (ma sono certo che Lei ha già verificato tale circostanza nel sito). La struttura di Spa consente una mobilità di personale e risorse che nel pubblico sarebbe impensabile; una catena decisionale estremante snella (seppur, lo riconosco, con i limiti che ne possono derivare); procedure di licenziamento per impiegati cialtroni, lavativi o altro (si, ha letto bene..licenziamento) che nel pubblico sarebbe impossibile. Ci sono poi altre particolarità ma la differenza tra pubblico e privato (cercando di coglierne le virtù senza dietrologie) sono certo, saprà coglierla da sè....
        homofaber .
        08/01/2012 alle 23:12
        Non esiste sommo od infimo in un confronto civile e sentito, figuriamoci tra quattro scarabocchi in pur degno, degnissimo zibaldone; quindi amico Luca tu sei come, meglio o peggio di me: l'importante è comunicare, innaffiarci, avvertirci. Equitalia - al di là di ogni sopraffino o mediocre reggente- resta un'entità difficilmente statale, poiche la sua natura, genesi, non potrà mai contemplare il cittadino, l'individuo, l'infinetesimale nucleo di ogni decorosa comunità; sarà altra, pur pregiata o volgare cosa, ma non quella. E' una Spa, un'azienda, un investimento; ma impossibilmente mai sarà quel qualcosa che delegheremmo a nostro lume, reggente o anche solo appassito neon (immaginiamoci esattore). E' il principio che si inceppa, incupisce e dissolve, in un virtuosismo-trappola: se ci affidiamo al nostro vicino di battigia o palafitta, invece che all'autorità accettata (e te lo dice chi è sempre stato allergico ad ogni colletto, nodo, grembiule), crolla ogni presupposto di convivenza, affidabilità, armonìa, anche solo intimità. Pur tappandoci occhi, vento e pelo sullo stomaco. E neppure nell'avvolgente, palpabile civiltà scandinava (ho errato ovunque, ma il gioioso respiro di quelle lande resta per me il più eletto) hanno mai azzardato tanto. Perchè lì come in altri ancora percorribili viali, persino i folli, i vecchietti, i sublimi, gli inesperti, i claudicanti, gli scemi, fantasticano ancora che il singolo, l'uomo, l'essente, meriti rispetto. E soprattutto sia l'unico interprete del divenire.
          Bruno M. .
          09/01/2012 alle 00:33
          ...la nostra rovina è il nostro attaccamento al denaro, il "bisogno" di guaagnare, o far soldi, calpestando tranquillamente gli altri esseri umani, altre persone come nostri padri, come costri figli, persone come noi, con una famiglia, con tanta voglia di vivere, con pregi e difetti, con alle spalle tantissimi errori e tantissime buone azioni.....la verità è che allora non siamo in grado di rispettare noi stessi, e neppure di vivere "bene"...
    Michele .
    08/01/2012 alle 10:40
    totalmente d'accordo con Luca, basta con gli evasori e basta con questi falsi piagnistei...le tasse si devono pagare!! io quando ricevo una multa la pago punto e basta..e finiamola con i soliti luoghi comuni, che pagano solo i piccoli...incominciamo a pagare tutti e tutto, anche la semplice multa.
    sorrentino giuseppe .
    07/01/2012 alle 18:06
    basta con equitalia aiutate la povera gente a poter pagare il giusto .equitalia rovina solo i piccoli evasori che tirano avanti in una crisi da spavento. mi chiedo e domando a sti capoccioni ma voi avete mai provato a tirare avanti con un piccolo negozio e a far fronte a tutte le imposizioni fiscali e a dover far fronte al minimo indispensabile per il manntenimento della propria famiglia . oggi è da impazzire
      Luca .
      07/01/2012 alle 19:49
      e tu hai mai provato a tirare avanti con 1000 euro al mese e le tasse le paghi per forza perchè sei dipendente o pensionato? pensi che io possa decidere cosa fare dei soldi se pagarci la spesa o le tasse? E' ora di finirla con questi piagnistei che poi portano a far si che tutti si sento autorizzati a pagare le tasse (E CON ESSA I SERVIZI CHE CON IL PAGAMENTO NE DERIVANO) come e quando si vuole!!!!Sempre evasori...gli altri però!!!!
    Luca .
    07/01/2012 alle 16:39
    Io credo che Equitalia vada rafforzata e non indebolita. Equitalia negli ultimi anni ha riscosso 40 miliari di euro notificando circa 10 milioni di cartelle all'anno. Faccio una semplice domanda? possono essere cartelle pazze come qualche cialtrone raccata-voti vuol far credere? ma ci fate o ci siete? prima c'erano le banche che costavano circa 400 milioni annui a TUTTA la comunità incassando poco o nulla in palese conflitto d'interesse. andava forse meglio? Tutti ad acclamare il Bliz di Cortina . Bene, chi pensate che andrà a recuperare il dovuto? Ma pensate che incassare le somme dai debitori (milioni di italiani che vivono a sbaffo di altri) sia una passeggiata di salute. Equitalia ha il preciso ordine di dedicare le proprie risorse sui c.d. grandi debitori e ciò avviene da circa 3 anni con decine di persone formate e dedicate solo a quello. Ma è possibile che si scrivano fiumi di parole con assoluta superficilità senza praticamente conoscere nulla? Ma come si fa a non capire che Equitalia è la fase finale di una lunghissima filiera accertatrice senza la cui funzione non si andrebbe da nessuna parte? Vi invito a documentarvi maggiormente su come opera Equitalia e a non fermarvi ad una sommaria ricerca su internet in cui ai debitori non par vero di sputtanare il creditore (Stato) nel più totale anonimato riproponendo sempre le stesse storie (alcune peraltro inventate di sana pianta) già chiarite da tempo ma che evidentemente non vogliono essere sentite da chi ha deciso di esser sordo.
      giuseppe .
      07/01/2012 alle 22:50
      luca ma in che mondo vivi???????????????????????? se a te piace la verita'e vuoi toccare con mano questa tragica realta',sei invitato mio ospite cosi ti racconto la mia storia e ti faccio vedere le mie carte che dimostrano il contrario di quello che dici.Se e'vero che sei di questo mondo reale allora dimmi credi anche tu che i lagher nazisti sono una favola che e'tutta una invenzione??????????DIO MIO STORIE INVENTATE SUL BLOG??????????milioni di persone perseguitate da equitalia che si inventano questo per evadere?????????????luca scusa non e'mia intenzione offenderti ma a me non sembri del mondo reale a meno che (perdonami)ti hanno pagato per scrivere
        Luca .
        07/01/2012 alle 23:31
        non sono assolutamente pagato per scrivere (chi sarebbe poi il pagatore? boo?) Ma di quali storie parli ti ripeto 10 MILIONI di cartelle possono essere pazze? il fatto che ci siano errori fa parte di un sistema complesso ma dal sito di Equitalia sono lo 0,001 delle cartelle emesse. Ma che tragica realtà? I PASTORI SARDI CHE SI SONO PRESI I FINANZIAMENTI DI TUTTI NOI E SE LI SONO MESSI IN TASCA E POI VANNO IN PIAZZA? Io vivo nel mondo reale come te ma sono arcistufo di gente che si compra la macchina bella, l'Iphon, si fanno le vacanze e poi non hanno i soldi per le tasse. Ma quelli - come me- che le tasse le pagano tutte sono coglioni?? Finalmente qualcuno chiede il conto....
          Bruno M. .
          08/01/2012 alle 01:42
          ...anche i soldati che eseguivano gli ordini di hitler e mussolini erano convinti di essere nel giusto e svolgevano il proprio "dovere" con dedizione....solamente dopo tirarono fuori la scusante che loro erano costretti, perchè pagati per svolgere il proprio lavoro ed eseguire gli ordini dei superiori... ...Equitalia svolge il lavoro di recupero crediti per lo stato in forma però mafiosa, basti quardare lo stato patrimoniale della società per vedere che la maggior parte dei soldi che rubano a chi non ce l'ha fatta a pagare un bollo d'auto o altre sciocchezze, vanno a finire in spese di gestione e stipendi di dirigenti e dipendenti....e non parliamo dei criteri di assunzione...parcheggio per "meritevoli" consigliati da politici!! Ma a valentino Rossi equitalia, con interessi e mora, non è andata a trovarlo???....non ha pagato lui e dovrei pagare io ciò che si è pappato lui e tutta l'Italia bene?
          Bruno M. .
          08/01/2012 alle 01:48
          I Pastori Sardi, e non solo sardi, svolgono un lavoro talmente utile alla società che gli impiegati di equitalia non riuscirebbero a fare neppure vivendo una decina di volte......cosa producete??cibo?...vita?...benessere?...disperazione?...sconforto? ...giustizia?...dignità?...speranza?
            Luca .
            08/01/2012 alle 12:13
            Allora non ci capiamo ( a parte che il paragone fascita è delirante). Equitalia produce - anche per te - il fatto che quando vai in ospedale c'è un dottore, quando ti licenziano si hanno i soldi per la cassa-integrazione, se ti si brucia la casa ci sono i pompieri, se ti derubano arrivano i carabinieri. Secondo te i soldi per pagare queste e altre cose chi li raccoglie??? ma la vuoi capire o fai finta???
        massimo .
        08/01/2012 alle 13:22
        milioni??? perseguitati?? poverini lavoro con equitalia o quella che ora è diventata equitalia da 22 anni.. non ho mai visto una cartella cosiddetta pazza, poi le cartelle non le facciamo noi.. ma tante persone che credevano di farla franca ma poi con alcune leggi(la prima proposta di formare equitalia è stata fatta dal governo prodi) che ci hanno permesso di essere piu' veloci nell'attivazione degli atti esecutivi queste persone sono rimaste fregate e adesso piangono, non so cosa ti è successo e mi piacerebbe moltissimo guardare le tue carte e magari anche aiutarti ma sono sicuro che le colpe di equitalia sono minime, forse gli enti impositori o chi ti ha consigliato ne hanno molte di piu'.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook