• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Josephine Nasr ha insegnato ai suoi alunni libanesi a ...
    17
    feb.
    2012

    Josephine Nasr ha insegnato ai suoi alunni libanesi a sorridere

    Condividi su:   Stampa

    di Elsa Toppi

    AIN EBEL – C’è una suora nel profondo sud del Libano che in quattro anni ha insegnato ai suoi alunni a sorridere. Josephine Nasr, religiosa della congregazione dei Sacri Cuori di Gesù e preside del Collège Saint Joseph, arrivata a Ain Ebel subito dopo la guerra del 2006 si è messa in testa di compiere due piccoli miracoli: ridare serenità a quei bambini che avevano ancora l’orrore della guerra negli occhi e insegnar loro il valore della diversità. Sì, perché il suo istituto accoglie 800 studenti per metà sciiti e per metà cristiani, prevalentemente di rito greco-cattolico. Ma in classe non li distingui.

    “All’inizio è stata dura – spiega suor Josephine, 65 anni -  Quando sono arrivata qua nessuno sapeva più sorridere. Né gli insegnanti né i piccoli alunni”. Josephine Nasr, nata a Baalbek, arriva alla Saint Joseph come volontaria nel 2007. Praticamente il primo anno l’ha passato all’ingresso della scuola ad accogliere con un sorriso gli studenti che scendevano dai pulmini.

    “Erano traumatizzati da quello che avevano visto e sofferto durante il conflitto, tanto che quando i bimbi mi vedevano sorridere mi guardavano in modo strano” spiega questa suora dagli occhi di brace. E adesso a vederli così vivaci non ci si può credere. Suor Josephine è stata un’iniezione di gioia e di fiducia in questo villaggio di frontiera. Ad adombrarle il viso, ora, solo la paura che l’ondata di violenza nella vicina Siria travolga anche il Libano.

    “Se Assad dovesse lasciare, per noi sarebbe la fine – spiega Suor Josephine -. La situazione è angosciante. In qualsiasi momento può scoppiare l’inferno”. Durante il conflitto dei 33 giorni questa scuola venne danneggiata e il villaggio assediato dagli Israeliani per due settimane. Gli alunni che frequentano la Saint Joseph  appartengono a famiglie povere perché i ricchi della zona a causa della guerra hanno lasciato il paese. Vengono qui dai 19 villaggi limitrofi. L’istituto, per metà viene finanziato dai privati e per metà dallo Stato che però è insolvente dalla fine del conflitto, accoglie i ragazzi dalle elementari alle superiori. Si studiano matematica, scienze sperimentali, lettere e tre lingue: arabo, francese e inglese. Alla perfezione.

    “La prossima tappa sarà lo studio dell’italiano” sorride Suor Josephine. Qui la differenza è un valore da rispettare e non da combattere. “A Natale l’insegnante ha scelto una bimba musulmana per rappresentare la Madonna – spiega suor Josephine -. I bimbi devono imparare che essere musulmani o cristiani non ha importanza. Ci unisce il fatto che siamo cittadini libanesi – poi aggiunge – Tutto quello che c’è nella scuola arriva dalle donazioni. L’Italia ci ha aiutato molto”. Il Cimic (Cooperazione civile e militare) del contingente italiano ha finanziato il progetto di una biblioteca, costato 18mila euro. Ma  il miracolo più grande l’ha compiuto lei.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    95
    Lascia un commento
    http://idevice-tools.org .
    08/11/2013 alle 04:05
    Link exchange is nothing else except it is only placing the other person's blog link on your page at proper place and other person will also do similar in support of you.
    management consulting compensation .
    19/03/2012 alle 21:59
    I have read a few of the articles on your website now, and I really like your style of blogging. I added it to my favorites blog site list and will be checking back soon. Please check out my site as well and let me know what you think.
    15 marca .
    19/03/2012 alle 19:06
    I simply desired to say thanks all over again. I do not know what I would have created without the actual points shared by you regarding my question. It was before an absolute difficult scenario in my circumstances, nevertheless viewing your specialized fashion you processed the issue took me to weep for delight. I am thankful for this help and then hope you find out what a powerful job you are always putting in teaching men and women all through your webpage. I am sure you haven't met any of us.
    gutscheine coupons .
    19/03/2012 alle 18:23
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    japan style sklep .
    19/03/2012 alle 16:36
    I'm really impressed with your writing skills and also with the layout on your weblog. Is this a paid theme or did you modify it yourself? Either way keep up the excellent quality writing, it’s rare to see a nice blog like this one nowadays..
    rehabilitacja .
    19/03/2012 alle 13:07
    Hello, http://www.olivierobeha.it/articoli/2012/02/josephine-nasr-ha-insegnato-ai-suoi-alunni-libanesi-a-sorridere is a genuinely terrific print. In concept I'd wish to create like this too taking time and genuine effort to brew a brilliant write-up... but what can My partner and i say... I procrastinate alot without having to appear to have things done. Thank You. rehabilitacja

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook