• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > La democrazia in Grecia, dalla culla alla bara
    13
    feb.
    2012

    La democrazia in Grecia, dalla culla alla bara

    Condividi su:   Stampa
    crisi_greca

    Ecco come si vende un debito pubblico moderno e un popolo antico da cui è nata anche la parola democrazia. Che ne pensate?

    Dagospia.com / Mettete i soldi nei vostri cannoni – L’ignobile ricatto dei Merkozy alla Grecia: comprate le nostre armi o niente aiuti – L’ex premier Papandreou costretto a comprare 2 sottomarini (1,3 mld €) e 223 carri armati (403 mln €) dalla Merkulona – 6 fregate e 15 elicotteri (4 mld €) da Sarko – Papademos (con l’acqua alla gola) ha dovuto sbloccare i finanziamenti: per il 2012 si prevede una spesa superiore ai 7 mld (18,2% in più rispetto al 2011, il 3% del pil)…

    Marco Nese per il “Corriere della Sera”
    I greci sono alla fame, ma hanno gli arsenali bellici pieni. E continuano a comprare armi. Quest’anno bruceranno il tre per cento del Pil (prodotto interno lordo) in spese militari. Solo gli Stati Uniti, in proporzione, si possono permettere tanto. Ma cosa spinge Atene a sperperare montagne di soldi? La paura dei turchi? No, è l’ingordigia della Merkel e di Sarkozy. I due leader europei mettono da mesi il governo greco con le spalle al muro: se volete gli aiuti, se volete rimanere nell’euro, dovete comprare i nostri carri armati e le nostre belle navi da guerra.

    Le pressioni di Berlino sul governo di Atene per vendere armi sono state denunciate nei giorni scorsi da una stampa tedesca allibita per il cinismo della Merkel, che impone tagli e sacrifici ai cittadini ellenici e poi pretende di favorire l’industria bellica della Germania.
    Fino al 2009 i rapporti fra Atene e Berlino andavano a gonfie vele, il governo greco era presieduto da Kostas Karamanlis (centrodestra), grande amico della Merkel.

    Gli anni di Karamanlis sono stati una vera manna per la Germania. «In quel periodo – ha calcolato una rivista specializzata – i produttori di armi tedeschi hanno guadagnato una fortuna». Una delle commesse di Atene riguardò 170 panzer Leopard, costati 1,7 miliardi di euro, e 223 cannoni dismessi dalla Bundeswehr, la Difesa tedesca.

    Nel 2008 i capi della Nato osservavano meravigliati le pazze spese in armamenti che facevano balzare la Grecia al quinto posto nel mondo come nazione importatrice di strumenti bellici. Prima di concludere il suo mandato di premier, Karamanlis fece un ultimo regalo ai tedeschi, ordinò 4 sottomarini prodotti dalla ThyssenKrupp.

    Il successore, George Papandreou, socialista, si è sempre rifiutato di farseli consegnare. Voleva risparmiare una spesa mostruosa. Ma Berlino insisteva. Allora il leader greco ha trovato una scusa per dire no. Ha fatto svolgere una perizia tecnica dai suoi ufficiali della Marina, i quali hanno sentenziato che quei sottomarini non reggono il mare.
    Ma la verità, ha tuonato il vice di Papandreou, Teodor Pangalos, è che «ci vogliono imporre altre armi, ma noi non ne abbiamo bisogno».

    Gli ha dato ragione il ministro turco Egemen Bagis che, in un’intervista allo Herald Tribune, ha detto chiaro e tondo: «I sottomarini della Germania e della Francia non servono né ad Atene né ad Ankara».

    Tuttavia, Papandreou, alla disperata ricerca di fondi internazionali, non ha potuto dire di no a tutto. L’estate scorsa il Wall Street Journal rivelava che Berlino e Parigi avevano preteso l’acquisto di armamenti come condizione per approvare il piano di salvataggio della Grecia.

    E così il leader di Atene si è dovuto piegare. A marzo scorso dalla Germania ha ottenuto uno sconto, invece dei 4 sottomarini ne ha acquistati 2 al prezzo di 1,3 miliardi di euro. Ha dovuto prendere anche 223 carri armati Leopard II per 403 milioni di euro, arricchendo l’industria tedesca a spese dei poveri greci. Un guadagno immorale, secondo il leader dei Verdi tedeschi Daniel Cohn-Bendit.

    Papandreou ha dovuto pagare pegno anche a Sarkozy. Durante una visita a Parigi nel maggio scorso ha firmato un accordo per la fornitura di 6 fregate e 15 elicotteri. Costo: 4 miliardi di euro. Più motovedette per 400 milioni di euro.

    Alla fine la Merkel è riuscita a liberarsi di Papandreou, sostituito dal più docile Papademos. E i programmi militari ripartono: si progetta di acquisire 60 caccia intercettori. I budget sono subito lievitati. Per il 2012 la Grecia prevede una spesa militare superiore ai 7 miliardi di euro, il 18,2 per cento in più rispetto al 2011, il tre per cento del Pil. L’Italia è ferma a meno dello 0,9 per cento del Pil.

    Siccome i pagamenti sono diluiti negli anni, se la Grecia fallisce, addio soldi. Ma un portavoce della Merkel è sicuro che «il governo Papademos rispetterà gli impegni». Chissà se li rispetterà anche il Portogallo, altro Paese con l’acqua alla gola e al quale Germania e Francia stanno imponendo la stessa ricetta: acquisto di armi in cambio di aiuti.
    I produttori di armamenti hanno bisogno del forte sostegno dei governi dei propri Paesi per vendere la loro merce. E i governi fanno pressione sui possibili acquirenti. Così nel mondo le spese militari crescono paurosamente: nel 2011 hanno raggiunto i 1800 miliardi di dollari, il 50 per cento in più rispetto al 2001.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    96
    Lascia un commento
    fotografia ślubna .
    20/03/2012 alle 08:25
    Nice! La democrazia in Grecia, dalla culla alla bara | Oliviero Beha. thanks for letting people add something! fotografia ślubna
    Narcisa Tellers .
    20/03/2012 alle 07:27
    I amazed, I must say. Seldom do I encounter a blog that抯 both educative and amusing, and without a doubt, you've hit the nail on the head. The problem is something which too few men and women are speaking intelligently about. Now i'm very happy I came across this in my search for something concerning this.
    safe water .
    20/03/2012 alle 07:26
    An ounce of practice is worth a pound of preaching.
    Hector .
    20/03/2012 alle 06:12
    If you dont mind, exactly where do you host your website? I am searching for a very good host and your site seams to be extremely fast and up almost all the time…
    Vivienne Westwood Bracelets .
    20/03/2012 alle 05:11
    I used to be recommended this website by means of my cousin.
    shower filters .
    20/03/2012 alle 04:32
    Who says A must say B.
    Marcia Harness .
    20/03/2012 alle 02:41
    Majority in the women want larger, firmer and fuller breasts. But, not every girls are gifted using these busts this is why they explore for approaches to have their desired busts. Rather than managing those pricey and high-risk breasts enhancement oral surgical procedures, why don't you utilize natural breast enlargement? This needs consuming health supplements, using creams, or perhaps doing exercises that will help you achieve larger, tighter along with fuller breasts the safer way.
    Erlinda Niblock .
    20/03/2012 alle 02:18
    Normally I actually do not go through post about blogs, but I wish to say that write-up very forced me to try to do so! Your writing style may be amazed myself. Thanks, very wonderful post.
    capsiplex .
    20/03/2012 alle 02:15
    Have you thought about adding some social bookmarking buttons to these blogs. At least for facebook.
    louis vuitton outlet .
    19/03/2012 alle 22:08
    Would you be interested in exchanging links?
    moncler homme .
    19/03/2012 alle 22:06
    Good post. I learn something tougher on totally different blogs everyday. It'll all the time be stimulating to learn content material from different writers and apply a little bit something from their store. I’d choose to make use of some with the content on my weblog whether or not you don’t mind. Natually I’ll give you a hyperlink on your net blog. Thanks for sharing.
    katalogseo .
    19/03/2012 alle 22:04
    Awesome! Indeed! I don’t know what to say more because I’m still so impressed.
    Luigi Fulk .
    19/03/2012 alle 18:04
    This is getting a bit more subjective, but I much prefer the Zune Marketplace. The interface is colorful, has more flair, and some cool features like 'Mixview' that let you quickly see related albums, songs, or other users related to what you're listening to. Clicking on one of those will center on that item, and another set of "neighbors" will come into view, allowing you to navigate around exploring by similar artists, songs, or users. Speaking of users, the Zune "Social" is also great fun, letting you find others with shared tastes and becoming friends with them. You then can listen to a playlist created based on an amalgamation of what all your friends are listening to, which is also enjoyable. Those concerned with privacy will be relieved to know you can prevent the public from seeing your personal listening habits if you so choose.
    Tyrone Symmes .
    19/03/2012 alle 14:50
    Excellent point. I hadn?¯t toguhht about it quite that way.
    Aubrey Jarnutowski .
    19/03/2012 alle 14:25
    The very next time I read a blog, Hopefully it does not fail me just as much as this particular one. I mean, Yes, it was my choice to read through, however I really thought you'd have something helpful to say. All I hear is a bunch of crying about something that you can fix if you weren't too busy looking for attention.
    dsl vergleich .
    19/03/2012 alle 02:33
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook