• Biografia
  • articoli
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > Il badante > articoli > Pubblicità decesso
    03
    feb.
    2012

    Pubblicità decesso

    Condividi su:   Stampa

    Non è affatto un cazzotto per la Ragione la scelta di Mike Tyson come testimonial per il lancio “international” della Nuova Panda da parte dell’effervescente Fiat di Marchionne. Ne hanno combinate tante negli ultimi anni, e hanno sbagliato (secondo gli esperti del settore) un tale filotto di campagne pubblicitarie, che un Tyson in più o in meno ci fa un baffo: l’omone, con il corredo della sua immagine sportiva affascinante, ma leggermente macchiata dal risvolto giudiziario, farà discutere un pochino e criticare come del resto sto facendo qui, poi il binomio Panda-Tyson verrà ingoiato dalla routine visiva e la faccenda finirà lì. Venderanno più Panda così, grazie a questo spot da ex pesi massimi per clienti mosca o gallo? Vedremo. Se dovesse accadere, giacché non possiamo più escludere nulla… di sicuro la qualità dell’auto inciderà ben poco e, come accade ormai da un pezzo quasi sempre, la pubblicità farà in realtà pubblicità alla pubblicità.

    Altro che Tyson: giri per Roma e trovi una superba e consistente cartellonistica dedicata a un aspetto abbastanza interessante, direi anche pubblicitariamente irreversibile, della vita, la morte. A caratteri cubitali leggi “Perché piangere due volte? Ti offriamo un funerale completo a 99 euro”, (a rate) decisamente conveniente. E presumo che ormai qualcuno la trovi una genialata, da maestri di advertising. In una piazza romana assai frequentata c’è però chi risponde da par suo, come se i cartelloni si parlassero a distanza e noi davvero non c’entrassimo per nulla, o quasi. Si legge di incontri in una parrocchia romana intitolati a “Le ragioni cristiane della vita”. Tema senz’altro di straordinario, discutibile e magari intermittente interesse per chi non è sicurissimo della propria fede, ma che fa un certo effetto schiaffato com’è in mezzo ad altri cartelloni luogo di pubblicità di altri “prodotti”: il dubbio o la certezza di uno svilimento del messaggio per il contesto della comunicazione del medesimo forse potrebbe venire. Ancora pubblicità della pubblicità o di un’idea di pubblicità, nel caso del funerale a buon prezzo oppure del meeting sulle nostre più profonde origini, come detto “di parte”: ma in questi casi è forse assai più significativo che l’alone di promozione stressi il motivo di essa, cioè se crepi o vuoi sapere da dove vieni, di quanto non rappresenti un Tyson su una Panda. Il punto è che ci si regola nella stessa maniera.

    Un altro aspetto cruciale che colpisce in questa pubblicità d’affissione è la sopravvivenza del reale nell’era di Internet: probabilmente si spiega con il nostro attardato analfabetismo digitale, in questi giorni sventagliato dai media tradizionali. Si ha ancora fiducia in un cartellone tangibile allo sguardo, e questo è bello anche se o forse perché “vintage”. Forse si sta per prendere la rincorsa per campagne solo virtuali e magari esequie da celebrare soltanto in Rete: il web potrebbe semplificare di molto le operazioni e anche le spese (cfr. i 99 euro tutto compreso di cui sopra…). Lo so, questi sembrano rigurgiti d’antan, del tutto anacronistici. Le merci prodotte in un sistema capitalistico pur in crisi come quello contemporaneo esistono sul mercato quasi esclusivamente se godono di veicoli pubblicitari adeguati. Ma il dubbio da overdose è che si siano rovesciati i termini del rapporto. Si producono merci, e di tutti i generi compresi appunto quelli ultramondani, per poterne cavare campagne pubblicitarie, nel trionfo della pubblicità alla pubblicità. Questo sta azzerando qualunque dimensione non pubblica della nostra vita, e con essa la nostra facoltà critica. Siamo insieme pubblicitari e pubblici, produttori e consumatori del prodotto advertising, in un vortice per lo più stupido che non prevede altri piani esistenziali. Non si saranno estinti così anche i dinosauri?

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    91
    Lascia un commento
    semi di canna .
    11/04/2012 alle 09:11
    Il momento I inizialmente commentato I scattato sopra ciò - Informilo quando le nuove osservazioni si aggiungono - - ora ogni tempo c'è ne commento è aggiunto dentro I aggiunta ottenga quattro messaggi di posta elettronica avendo il reale stessi commento. Ha potuto ci essere c'è ne senso voi potrebbe estraggalo da che programma? Grazie!
    meble do call center .
    20/03/2012 alle 08:41
    One thing I wish to say is that in advance of purchasing more pc mind, take a look for the machine in to which maybe it's installed. In the event your machine is usually running Or windows 7, for instance, the particular memory fly is 3. 25GB. Setting up a many more than this would solely constitute any waste. Be sure that one's mother board are designed for the upgrade amount, as well. Interesting blog post Pubblicità decesso | Oliviero Beha. meble do call center

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook