• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > L’erba cattiva e la memoria fragile
    23
    mar.
    2012

    L’erba cattiva e la memoria fragile

    Condividi su:   Stampa
    fornero_riforma_del_lavoro

    Riceviamo & Pubblichiamo / Articolo di Alessandro Giglioli, dal blog Piovono Rane

    L’aspetto più incredibile, del decreto Licenzia Italia (scusate, ma ora per par condicio con gli altri va chiamato così) è che c’è veramente gente convinta che migliorerà le condizioni di quelli che oggi non sono garantiti. Come se 150 anni di storia dei sistemi bastati sul libero mercato non ci avessero insegnato che da sempre – sempre – un mutamento dei rapporti di forza in favore dell’una o dell’altra parte ha effetti immediati anche sui soggetti non direttamente coinvolti.

    Dal sabato festivo allo Statuto dei lavoratori, nel XX secolo, il miglioramento delle condizioni dei lavoratori a cui queste norme si applicavano ha implicato anche un miglioramento delle condizioni dei lavoratori non coinvolti, sia in termini di orari di lavoro sia più in generale in termini di diritti. E viceversa, l’abolizione della scala mobile – ad esempio – ha portato dritta filata al fantastico pacchetto Treu.

    Si tratta, banalmente, di uno spostamento dei rapporti di forza tra i datori di lavoro e gli addetti. Quando sento lavoratori precari a cinque euro l’ora fare spallucce o addirittura festeggiare perché i garantiti non saranno più tali – la solita triste guerra tra poveri – mi viene da dirgli: piantala, ragazzo, che tra un anno ne prenderai quattro, di euro all’ora.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook