• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Prima che sia troppo tardi
    05
    mar.
    2012

    Prima che sia troppo tardi

    Condividi su:   Stampa
    Prima che sia troppo tardi

    Altro che Minimo Quotidiano, questa è una storia bruttissima. Spero che intervengano le autorità competenti.
    O.B.

    Il testimone di Giustizia Luigi Coppola, imprenditore di Pompei, che ha rifiutato di pagare il pizzo e con il suo contributo ha mandato in galera alcuni boss dell camorra, vive in macchina con la moglie davanti al Viminale, fa lo sciopero della fame e della sete e chiede di essere ricevuto dal ministro dell’Interno. Coppola ha due figlie studentesse. Stessa richiesta ha fatto il suo avvocato Domenico Morace. Me ne occupo perché a suo tempo, da parlamentare ho difeso i diritti dei testimoni di giustizia, che in genere dopo avere dato un grande contributo allo Stato, fanno una brutta fine.

    Nel caso specifico ho parlato a lungo con il capo della segreteria del Ministro dell’Interno e della Commissione per i programmi di protezione. Dal momento che seguo con grande attenzione e simpatia il lavoro di questo governo metto in guardia il Ministro perché se Coppola viene lasciato solo insieme ad altri testimoni che si trovano nelle stesse condizioni, la storia può finire male. Inoltre credo che il governo Monti si debba occupare con urgenza del problema mafia sul versante economico, tralasciando la retorica che ha caratterizzato l’azione dei precedenti governi. I dati sono drammatici: solo il 5% dei beni confiscati e di questo cinque per cento oltre il 70% è inutilizzato e invenduto. Il problema è politico e non di ordine pubblico. A mio parere se ne dovrebbe occupare più il ministro dello sviluppo economico che quello dell’interno.

    Elio Veltri

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook