• Biografia
  • articoli
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > La zona viola > articoli > Cerotti, motivazioni e cervello
    21
    apr.
    2012

    Cerotti, motivazioni e cervello

    Condividi su:   Stampa
    La zona viola
     
    La zona viola

    Senza un atteggiamento grintoso e motivato e senza una disposizione intelligente dei “cerotti” di cui dispone, contro l’Inter Delio Rossi e la Fiore rischiano rovesci già visti in casa. Davvero questa partita è il riassunto di una gestione acefala e di una campagna acquisti (quella invernale soprattutto) in cui si è smarrito il senno. Non avere una punta autentica a parte l’arrugginito e squalificato Amauri (che non cederei certo adesso che lo stiamo rimettendo in sesto, sarebbe un regalo ad altri…) vale più di mille critiche: parla da sé. Ma adesso bisogna “stringerci a corte”.

    L’Inter può schiacciarci, ma può anche risentire della “facilità” con cui pensa di vincere vista la situazione. Applicandosi come contro il Milan in una sorta di  “trasferta in casa” tatticamente parlando, la faccenda potrebbe dare soddisfazioni e almeno un punto. E la follia animalesca di Cerci statisticamente almeno una volta potrebbe farci un regalo.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook