• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Editto bulgaro o beauty contest: cambia il mazzo, ma a...
    17
    apr.
    2012

    Editto bulgaro o beauty contest: cambia il mazzo, ma al tavolo da gioco siede sempre B.

    Condividi su:   Stampa
    Carlo-Freccero-438x289

    I Tg di martedì 17 aprile 2012 - In tema di anniversari Tg 1, Tg 5 e Tg 4 “privilegiano” quello dell’omicidio di Melania Rea, riproponendo la tendenza a infarcire – a prescindere dal drammatico caso specifico – le proprie scalette di cronaca criminale. Noi preferiamo rifarci ad un altro “delitto”, quello di cui domani ricorre il decimo anniversario: il delitto-editto bulgaro. Nel commento abbiamo ascoltato Carlo Freccero che, subito dopo Biagi, Santoro e Luttazzi, ne è stato e ne è ancora vittima. E a proposito di comunicazione e televisione, l’anniversario cade “a fagiolo” nelle ore in cui sull’abrogazione del beauty contest l’ex ministro Romani e mezzo Pdl – come gli orsetti dei tiro a segno che bramiscono se colpiti – confermano che gli interessi del Capo vanno perseguiti oggi come dieci anni fa. Ovviamente le proteste del partito di Silvio sono titolo per Tg La7 e Tg3, ampio servizio per Tg2 e “comunicazione interna” per le testate Mediaset.

    La politica e l’antipolitica sono da qualche giorno il ”piatto del giorno” per quasi tutte le testate. TG 4 dà spazio a Di Pietro; Tg 3 propone sondaggi che hanno al centro Beppe Grillo come possibile beneficiario dell’emorragia leghista. Enrico Mentana ospita il Gotha dei sondaggisti che ribadiscono come la disaffezione verso la politica abbia intaccato più del 50% degli italiani. Su tutti, e ripreso da tutti, il Quirinale, che invita a distinguere bene il grano dal loglio.

    Buono il doppio servizio del Tg 2 sulla situazione delle adozioni e degli affidi nel nostro Paese: una volta tanto dati corretti e atteggiamenti responsabili.

    Che sia vero o no, che sia satira o informazione, una volta tanto facciamo i complimenti a Studio Aperto che ci ha raccontato di un prete del trevigiano “richiestissimo” dai fedeli per la confessione. Il motivo? Una particolare capacità di comprendere e perdonare? No: è semplicemente sordo.

    Lorenzo Coletta

     

    Il Commento di Carlo Freccero, Direttore di Rai 4
    (Intervista di Alberto Baldazzi)

     

    Freccero, si sente emozionato alla vigilia di  questo decimo anniversario dell’“editto bulgaro”, che l’ha vista al centro dell’attenzione? Cosa è previsto per domani? Una manifestazione, diciamo, tra “reduci” …

    “ A me non sembra che il regime dell’ “editto bulgaro” sia finito. Sta continuando. Tenga presente che, con il mio curriculum, rischio 10 giorni di sospensione per un motivo che, francamente, non ho capito, e che non è nemmeno messo in chiaro nella lettera inviatami dal Direttore Generale. Sono qui, e se devo ancora combattere, se ancora devo fare ricorso e difendermi, vuol solo dire che questo regime continua ancora, ancora, ancora e ancora. Nessuna logica da “reduci”, comunque: la battaglia è  ancora  aperta, e c’è solo da avere speranza che la situazione cambi, perché  la situazione è davvero insostenibile e  surreale. In questi anni, dall’editto bulgaro in poi, sono avvenute  in Rai delle cose incredibili: telefonate a Mediaset, gente che usa la carta di credito dell’azienda, Direttori Generali e Consiglieri d’amministrazione che hanno fatto quello che hanno voluto. Si possono ricordare  innumerevoli azioni scorrette: assunzioni immotivate, promozioni immotivate, premi immotivati, e non ne è seguita alcuna punizione. Chi è che viene punito? Carlo Freccero … Ma non solo. La cosa inquietante  – è qui io mi inchino al gesto di Rizzo Nervo, che si è dimesso per non essere corresponsabile di questa azione -  è che dell’altra parte c’è stata una complicità totale. Questo “editto bulgaro” non ha mai suscitato nei partiti d’opposizione una reazione forte e decisa; non si è sentito nessuno slogan, nessuno ha gridato  “basta!”. No, sempre complicità. Io credo veramente che sia l’ora di dire basta. Torno a ripetere: l’editto bulgaro è l’inizio di una violenza continua, costante, vergognosa, immorale che si perpetua  esattamente  da dieci anni”.

    Ci sono stati gli editti, ma ci sono anche le decisioni amministrative. Cosa pensa di Rai Corporation, che in queste ore viene affidata ai “robivecchi”?

    “Rientra tutto nelle modalità del regime che ho illustrato prima. L’editto bulgaro è solamente l’inizio – devo dire tracotante – di un atteggiamento che continua anche adesso. E pensare che questo Paese ha ormai un’altra maggioranza. Viviamo ormai in un’altra Italia, ma nonostante tutto si continua ancora con “l’editto bulgaro”. Basta! Dove sono finiti i presidii di garanzia? Io sono veramente esterrefatto, perché non capisco come faccia questo regime a conservare tutta la sua forza senza trovare alcuna opposizione da parte delle istituzioni”.

    Dati Auditel di lunedì 16 aprile 2012

    Tg1 - ore 13:30 4.319.000 e 22.83% ore 20:00 5.869.000 23.42%.
    Tg2 - ore 13:00 2.991.000 17.58% ore 20:30 2.353.000 8.41%.
    Tg3 - ore 14:30 2.088.000 12.12% ore 19:00 2.422.000 13.58%.
    Tg5 - ore 13:00 3.836.000 22.23% ore 20:00 5.004.000 19.83%.
    Studio Aperto - ore 12:25 2.543.000 18.74% ore 18:30 1.434.000 10.02%.
    Tg4 - ore 11:30 536.000 7.53% ore 19:00 1.195.000 6.67%.
    Tg La7 - ore 13:30 992.000 5.24% ore 20:00 2.571.000 10.08%.

    Fonte: www.tvblog.it

    Postato da Osservatorio TG
     commenti
    Commenti
    1
    Lascia un commento
    http://freeskipper.blogspot.com .
    18/04/2012 alle 09:25
    La vita è fatta a 'rate' c'è chi paga e chi evade! Berlusconi togliendo l'Ici vinse le ultime elezioni politiche e salì al governo del paese. Mario Monti rimettendo la tassa sulla prima casa rischia di andare subito al mare, ancor prima delle ferie estive! Sembra non aver più fine la straziante e confusa querelle dell'Imu. E dacchè la stragrande maggioranza degli italiani campa di stipendio e compra quasi tutto a "rate", i 'tecnici' hanno pensato bene di fargli pagare pure l'Imu a rate: 16 giugno, 16 settembre e 16 dicembre. Sarebbero queste le tre rate previste dal governo per il pagamento dell'imposta municiaple unica sulla prima casa. Del resto il ministro Corrado Passera ci aveva avvertito: "Non c’è un’ideona, ma bisogna affrontare le riforme e fare interventi forti in tutti i campi. Non ci sono scorciatoie, né bacchette magiche."! Ed in effetti, bisogna dargliene atto, il governo dei professori non ha mai illuso nessuno in fatto di "ideone", persequendo una politica economica alla pari di un qualsiasi "ragionier Fantozzi"! Quindi sacrifici e tasse. Muti, rassegnati e soprattutto... paganti. A rate, ma paganti! "Per l'anno 2012 l'imposta dovuta per l'abitazione principale e per le relative pertinenze è versata in tre rate" 16 giugno, 16 settembre, 16 dicembre. Lo prevede un emendamento del relatore al dl fiscale presentato alla Commissione Finanze della Camera. Nella prima e la seconda rata si pagherà, per ciascuna della tranche, un terzo dell'imposta calcolata applicando l'aliquota di base e la detrazione previste. Queste rate si pagano il 16 giugno e il 16 settembre mentre la terza rata, fissata al 16 dicembre, è a saldo dell'imposta complessivamente dovuta per l'intero anno con conguaglio sulle precedenti rate. Le agevolazioni Imu sulla prima casa si applicheranno solo sull'abitazione dove il contribuente "e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente" e "si applicano per un solo immobile". Una cosa è certa. Tra calcoli e controcalcoli, detrazioni e maggiorazioni, anticipi e saldi, rivalutazioni e rendite catstali, stavolta per versare la tassa sulla prima casa bisognerà pagare pure un bravo commercialista!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook