• Biografia
  • articoli
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > La zona viola > articoli > Miracolo a Milano, con Amauri al posto di De Sica
    09
    apr.
    2012

    Miracolo a Milano, con Amauri al posto di De Sica

    Condividi su:   Stampa

    Quello era un famoso film di oltre mezzo secolo fa con la leggendaria battuta del barbone “Chissà chi era suo padre? 100 lire”. Sabato non è stato un miracolo se non per il vecchio cuore tifoso e per la sorpresa degli scommettitori che nell’intervallo  avevano fatto salire a 10 una vittoria della Fiore. Strameritata, perché guadagnata con raziocinio, umiltà e cuore. Del resto che fosse “focherello” in trasferta s’era visto a Parma, per un tempo a Catania (dove non si vince facilmente se non a fine campionato e per motivi “nebulosi”…) e poi a Genova. A Milano fortunatamente – e dopo un rigore regalato come da copione – il gol – vittoria è arrivato alla fine, e non c’è stata possibilità temporale di eventuali svarioni.

    Adesso la resurrezione si sposta a Firenze, e poi a Roma. Mi basterebbe lo stesso spirito per vincerle entrambe. E i Della Valle bros., che sono tornati a quanto pare, faranno subito la loro parte senza troppi soldi ma con molto cervello e pazienza (non il nostro ex, cercasi piedi da giocatore specie in quei ruoli). Almeno questo credo e spero, per non vanificare il film di De Sica. P.S. Per i miei numerosi e simpatici detrattori, dopo Marchionni recuperato anche Felipe. Forse c’è in giro qualche tifoso che ha smarrito la sinderesi (è un difensore centrale… che chiamiamo così tra noi…).

    E bravo Rossi.

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook