• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Su Mediaset il “tiro alla Lega” tira la volata ad ...
    11
    apr.
    2012

    Su Mediaset il “tiro alla Lega” tira la volata ad uno spento Pdl

    Condividi su:   Stampa
    mediaset-antenne

    I Tg di mercoledì 11 aprile 2012 – La Lega tiene banco. TG La 7 imposta i primi cinque titoli sul day after, quello dell’orgoglio padano di Bergamo, e ci mostra l’originale del frontespizio della cartella “family” conservata dall’ex tesoriere Belsito. Ma, come le testate Rai, Mentana non gira il coltello nella piaga.“Coraggiosa” l’intervista del Tg 1 a Rosy Mauro, la strega da bruciare sull’altare della ripresa leghista. Strega, quindi, donna, per altro “terrona”. Il dramma della Lega sembra rispecchiarsi assai poco nella mimica e nell’attivismo di Maroni, al rush finale dell’assalto alla leadership assoluta a Via Bellerio. Il comportamento delle testate Mediaset è più “schierato”: anche Studio Aperto, il Tg storicamente più legato agli umori leghisti, non sembra fare differenze e “capare nel mazzo”; tutto ciò  che sa di verde e di Lega è ineluttabilmente oggetto di attacco e di  malcelata satira: e vai con le parodie sugli eccessi leghisti  che per il bi-direttore Giovanni Toti non sono  più coreografici e di moda. Analogo il comportamento del nuovo Tg 4, mentre Tg 5 si dedica a riproporre le “lacrime “ della politica , partendo proprio dal Bossi di Bergamo. I dietrologi potrebbero giungere ad ipotizzare che Mediaset, a meno di un mese dal voto amministrativo, cerchi di raschiare dalla cabina elettorale qualche voto per un Pdl in riserva, sfruttando la disillusione leghista.

    Nel commento abbiamo affrontato un piccolo tema che ha fatto rumore nel web, ma che non ha avuto accesso al palcoscenico dei Tg: la chiusura del sito del Ministero del Lavoro di Modena ad opera della “sede centrale” per la pubblicazione – sembra – della bozza del testo della riforma del lavoro, prima che la Fornero la rendesse ufficialmente pubblica. Un’azione che ha il sapore della censura ma, più ancora, dell’insipienza, visto che seppur tardivamente la Ministra Fornero ha detto di non saperne niente e che, comunque, ritiene il provvedimento eccessivo. Ne è nata una campagna per la riapertura del sito che ha avuto eco anche in parlamento. Noi abbiamo sentito un grande esperto della rete, Guido Scorza, Presidente dell’Istituto per le Politiche dell’Innovazione, tra i primi a chiedere chiarezza su questa brutta storia.

    Per i resto, oltre all’ennesimo appello di Napolitano, nei Tg campeggia l’evergreen del “tempo che fa”: il meteo, che attesta anche attraverso il video quello che già abbiamo costatato “de visu”: fa di nuovo freddo e l’arrivo della primavera è rimandato; per di più piove, ma non ce la si può prendere con il governo tecnico.

    Luca Fargione

     

     

    Il Commento di Guido Scorza, presidente dell’Istituto Per le Politiche dell’Innovazione

    (Intervista di Alberto Baldazzi)

    Dottor Scorza, che cos’è? Una tempesta in un bicchier d’acqua? Un caso nato tra le uova di Pasqua e le libagioni di questi giorni di festa? Le ultime dichiarazioni della ministra Fornero sembrano risolvere in chiave, come dire, bonaria ed un po’ materna la vicenda del sito del ministero del Lavoro di Modena, oscurato da una dirigente nazionale perché scriveva e spiegava troppo. Cosa ne pensa?

    “Non conosco esattamente il contesto in cui si colloca la vicenda. Mi limito ad analizzare i fatti, e mi sembra che i fatti raccontino quantomeno di un gesto ispirato da una particolare e difficilmente accettabile leggerezza nel chiedere l’oscuramento di un sito di informazione di pubblico interesse. Quindi, che sia un provvedimento legittimo o illegittimo, i fatti raccontano la circostanza in cui si è trovato il Segretario Generale del Ministero del Lavoro che, posto di fronte ad un “problema” – una fonte di informazione  istituzionale seguita, da  quanto si apprende ,   da un milione di utenti internet – ha ritenuto che la risposta più semplice, più immediata, forse perfino più naturale, fosse ordinare l’oscuramento del sito. Questo è certamente un fatto che lascia perplessi”.

    Possiamo, senza essere necessariamente malevoli, ipotizzare che il nervosismo che ha caratterizzato il comportamento, le pubbliche posizioni ed anche i ripensamenti del Ministero del welfare siano “rimbalzati” nella struttura interna dell’organizzazione, e quindi nella burocrazia, denotando una forte tensione intorno alla vicenda del pacchetto lavoro e, in particolare, dell’Art.18?

    “ Tutto ciò è naturalmente possibile. Questo rientra nelle dinamiche che possono influenzare, anche se non dovrebbero, l’area della pubblica amministrazione. “Io non sapevo” sono le parole che la Fornero pronuncia a distanza di qualche giorno dalla diffusione della notizia on-line. Sono parole sintomatiche perché rivelano che qualcosa nell’organizzazione che gestisce la comunicazione e l’informazione nel ministero del Lavoro non ha, almeno in questa specifica vicenda, affatto funzionato. C’è voluto un minuto per comunicare al gestore del sito un ordine di cessazione dell’attività del sito stesso, mentre è da cinque giorni che il Ministro, a quanto riferisce, sta lavorando alla ricerca disperata di maggiori chiarimenti da parte del suo dirigente che ha disposto la chiusura del sito. Qualcosa non è andato nel verso giusto, ed il Ministro farebbe bene a cercare di accelerare – per quanto possibile – le indagini e le verifiche interne, onde chiarire all’opinione pubblica tutta cosa è davvero accaduto e per quale ragione il vertice di un ministero si sia sentito nel dovere e nel diritto di chiudere un sito internet di informazione pubblica”.

    Per concludere:lei è un grande esperto ed estimatore della rete: vogliamo dire due parole su questo avvenimento che, sull’altra faccia della medaglia, presenta grandi potenzialità? In un Paese che ha difficoltà a comunicare, dove le strutture statali e anche quelle periferiche, rendono in genere i cittadini muti e sordi di fronte alle novità legislative, si trova un sito capace,  immagino con investimenti e costi  gestionali assai limitati, di comunicare con milioni di persone. Anche questa è internet…

    “Anche questa è internet, e forse è la faccia  buona e bella della medaglia. Lo dico non solo perché questa vicenda ha portato alla luce un’esperienza senz’altro positiva, per cui oggi il Ministro dice che, se tutto andrà per il verso giusto, potrebbe anche venire adottata come esempio a su cui fondare l’informazione pubblica, ma anche – e soprattutto – perché la denuncia di questo episodio, nata sulla rete, è riuscita a rimbalzare sui media tradizionali, è giunta fino in Parlamento ed ha imposto al Ministro –lei stessa dice di aver appreso della cosa dalla rete – una presa di posizione. Significa che ci stiamo finalmente avvicinando ad un travaso, ad una convergenza tra l’informazione che viene dal basso e quella gestita in modo professionale dai giornalisti, dal mondo della politica e dalle istituzioni”.

     

     

    Dati Auditel di martedì 10 aprile 2012

    Tg1ore 13:30 4.245.000 (21,65%) ore 20:00 5.604.000 (22,23%)
    Tg2ore 13:00 2.848.000 (15,97%) ore 20:30 2.480.000 (8,73%)
    Tg3ore 14:30 2.030.000 (12,01%) ore 19:00 2.268.000 (13,21%)
    Tg5ore 13:00 3.873.000 (21,26%) ore 20:00 5.314.000 (20,99%)
    Studio Apertoore 12:25 2.656.000 (18,90%) ore 18:30 1.227.000 (9,11%)
    Tg4ore 11:30 484.000 (6,35%) ore 19:00 1.056.000 (6,13%)
    Tg La7ore 13:30 998.000 (5,11%) ore 20:00 2.556.000 (9,98%)

    Fonte: www.tvblog.it

    Postato da Osservatorio TG
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook