• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Il dramma dell'Emilia terremotata
    29
    mag.
    2012

    Il dramma dell'Emilia terremotata

    Condividi su:   Stampa
    capannoni crollati

    I Tg di martedì 29 maggio   – L’Osservatorio Tg di questa sera si risolve nella ovvia constatazione che tutte le testate hanno realizzato edizioni straordinarie che hanno portato nelle case   degli italiani  le immagini e i numeri di un’Emilia che stava rialzando la testa, a nove giorni dalle scosse del 20 maggio, e che oggi registra al momento 17 vittime, una decina di dispersi, più di 200 feriti e un patrimonio abitativo, artistico e industriale devastato come da una bombardamento. Cosa aggiungere? I Tg hanno colto l’evidenza di vittime generate in primo luogo negli stabilimenti industriali, alcuni dei quali avevano ottenuto nelle ultime ore l’attestato di agibilità ed erano stati riaperti nella giornata di ieri. Il dato, poi,  dei 15.000 sfollati dà il senso di una situazione che definire drammatica è un eufemismo. Le immagini simbolo del Duomo di Mirandola, o di Cavezzo – cittadina di 7.000 abitanti  che non esiste più – sono state proposte da tutti i Tg, mentre Enrico Mentana ha fatto la scelta di condurre l’intera edizione proprio da Mirandola. Noi per oggi chiudiamo qui, introducendo un ospite dell’Osservatorio che ci è sembrato giusto far intervenire in una giornata così nera per tanta gente e per l’intero Paese: il Sindaco de L’Aquila  Massimo Cialente.

    Luca Fargione

    Il Commento di Massimo Cialente, Sindaco de L’Aquila
    (Intervista di Alberto Baldazzi)


    Sindaco Cialente, lei come tutti noi e tutti gli italiani, sta seguendo il dramma in Emilia che si rinnova a 9 giorni di distanza. Ma lei è un cittadino particolare, il sindaco de L’Aquila. Possiamo fare qualche riflessione per capire a cosa devono andare incontro e a cosa non devono andare incontro i cittadini dell’Emilia, una volta che saranno concluse le drammatiche ricerche dei sopravvissuti e quando si farà il bilancio definitivo delle vittime?  Ecco, non so … “new town”, un termine che è molto girato intorno a L’Aquila, o “casette prefabbricate” o “grandi avvenimenti internazionali” come il G8 o analoghi …

    “Niente di tutto questo. Se dovessi dare un consiglio, finita questa fase drammatica, io farei immediatamente un censimento, appena finita la fase più drammatica della ricerca delle vittime e conclusosi lo sciame sismico…. questa sciagura ci sta facendo davvero soffrire, ed io mi sto immedesimando nella tragedia che sta vivendo quella popolazione, che è fatta di paura per queste scosse … insicurezza, distruzione,mancanza delle case, la vita nelle tende. È un disagio enorme, una sofferenza vera. Chi più di me e di noi li può capire? Per quanto riguarda quello che io consiglierei è di fare un censimento complessivo delle case: verificare quali sono sicure e agibili,  quali hanno subito danni lievi e quelle che hanno subito danni gravi e richiedono grandi interventi o addirittura l’abbattimento. Dopodiché, se vi sono appartamenti liberi, se si trovano sul mercato, bisogna cercare di dare casa agli sfollati in  questi appartamenti. Le “new town” non vanno fatte, assolutamente. Bisogna fare modula abitativi prefabbricati, che si tirano su in tre mesi e sono molto confortevoli. I primi che ricevemmo ce li regalò la croce rossa e la provincia di Trento, e sono veramente molto belli; sono rimovibili ed hanno costi molto contenuti. Dopodiché, noi possiamo offrire tutto il know- how su come abbiamo proceduto per quanto riguarda la riparazione delle case con danni molto lievi – noi le abbiamo chiamate B e C, medi o lievi – che si possono risolvere nel giro di 6 – 8 mesi. Se loro useranno i nostri protocolli, guadagneranno moltissimo ed entro un anno potrebbero mettere tutta la popolazione al coperto. Sempre poi utilizzando i nostri errori – perché qui non è ancora ripartito nulla -  dovranno fornire subito le linee guida per ricostruire quelle palazzine degli anni 50 che ho visto crollare, e poi intervenire, seguendo i nostri protocolli, sui monumenti”.

    Sindaco, un altro termine che ha girato molto ed ancora gira sulla vicenda de L’Aquila è “commissariamento”. Cosa ci dice?

    “No. Assolutamente no. Non bisogna utilizzare queste sovrastrutture burocratiche. Per noi il commissariamento è stata proprio un’esperienza infelice. Non vanno create  super strutture tecniche. Noi lo facemmo in buona fede, e si rivelarono una macchina burocratica allucinante. Invito i sindaci a sedersi attorno ad un tavolo ed a agire seguendo le linee guida della ricostruzione; si interviene autonomamente , ed i sindaci trasmettono ad una struttura di governo la rendicontazione delle spese che fanno , e si  lavora in questo modo. Bisogna semplificare. L’altra cosa poi che mi auguro, è che dopo quello che sta succedendo in Val Padana – che dimostra come questo Paese è assolutamente a rischio sismico -  che d’ora in poi tutta l’Italia venga classificata come a rischio sismico, in area 1, e che si cominci a costruire bene. Guardi, oggi ho avuto appena 30 secondi per vedere la televisione. Sono rimasto attonito a vedere crollare i capannoni industriali in cemento armato: vuol dire che sono fatti male, che abbiamo perso gente che stava in quel momento sul lavoro; questi capannoni si afflosciano come castelli di carta. Questo è un Paese che si deve ripensare con estremo rigore”.

    Dati auditel dei TG di lunedì 28 maggio
    Tg1 - ore 13:30 4.120.000 23.53% ore 20:00 5.481.000 24.69%.
    Tg2 - ore 13:00 2.829.000 17.71% ore 20:30 2.017.000 8.14%.
    Tg3 - ore 14:30 1.992.000 12.23% ore 19:00 1.958.000 13.16%.
    Tg5 - ore 13:00 3.482.000 21.59% ore 20:00 4.136.000 18.57%.
    Studio Aperto - ore 12:25 2.532.000 20.08% ore 18:30 1.083.000 9.67%.
    Tg4 - ore 11:30 539.000 8.93% ore 19:00 966.000 6.45%.
    Tg La7 - ore 13:30 867.000 4.94% ore 20:00 2.008.000 8.85%.

    http://Grow-grape.com/

    Fonte:www.tvblog.it

    jfdghjhthit45
    Postato da Osservatorio TG
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook