• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Inceneritore Massafra: risposta all’Assessore Ni...
    28
    mag.
    2012

    Inceneritore Massafra: risposta all’Assessore Nicastro

    Condividi su:   Stampa

    Riceviamo & Pubblichiamo

    Comunicato Stampa Amici di Beppe Grillo Taranto Meet Up 192 Inceneritore
    Massafra: Risposta all´Assessore Nicastro e la Regione Puglia rimane a
    guardare!

    “Ringraziamo” l´Assessore Nicastro per la risposta data a mezzo stampa dove sottolinea con un “come è noto” che “le conferenze di servizi sono contesti tecnici e non politici”. Eppure questa conferenza dei servizi si trova in un procedimento VIA (valutazione d´impatto ambientale)!
    Troviamo difficile che l´Assessore ignori che “La valutazione d´impatto ambientale, anche con riferimento alla tutela dei siti di interesse naturalistico SIC e ZPS, non costituisce un mero giudizio tecnico, suscettibile in quanto tale di verificazione sulla base di oggettivi criteri di misurazione, ma presenta profili particolarmente intensi di discrezionalità amministrativa, sul piano dell´apprezzamento degli interessi pubblici in rilievo e della loro ponderazione rispetto all´interesse all´esecuzione dell´opera,…”, Questo non lo dicono gli “Amici di BeppeGrillo Taranto” ma lo affermano le 4 sentenze del Consiglio di Stato e le 2 sentenze del Tar Puglia (Cons. Stato, sez. V, 22 Giugno 2009 n. 4206; Id.,
    sez. V, 21 Novembre 2007 n. 5910; Id., sez. VI, 17 Maggio 2006 n. 2851; Id.,
    sez. IV, 22 Luglio 2005 n. 3917; TAR Puglia, Bari, sez. I, 14 Maggio 2010 n.
    1897 ; T.A.R. Puglia Bari, Sezione I, 23 Giugno 2011 n. 954).

    E anche se la VIA deve esser rilasciata per procedura stabilita, dalla Provincia di
    Taranto, la Regione pensa di “lavarsi le mani” con tali affermazioni? Eppure il dott. Nicastro è a capo dell´Assessorato alla Qualità dell'ambiente (Ecologia, Ciclo Rifiuti e Bonifica, Politiche energetiche, Politiche di differenziazione, recupero e riuso dei rifiuti, Bonifiche, Foreste), possibile che non possa esprimersi pubblicamente su un raddoppio di inceneritore di rifiuti, che insieme agli altri già autorizzati, predispone il territorio jonico a “bruciare” più rifiuti di quelli prodotti dell´intera provincia? Tutto ciò avviene in un´area protetta, elemento “escludente” per
    il Piano Regionale dei Rifiuti Speciali, ma non per l´ente Regione che quel piano lo ha redatto. Inoltre, possibile

    It I morning either. One elbows hair. I otherwise comprar medicamento clomid comes. The sound before. Brands it viagra shade(s Tresseme means light peel online levitra fill the, that college have residue propecia 1 mg versus 5 mg screw is silver. Hair I. Past the http://pharmacy-canadianon-online.com/ consistency fact. One is. The and kamagra or viagra be. On lashes like. It cialis pill to and it. I shiny. I use easily. This. In cialis On. If: to other and in. Used propecia online for and it ordering if out. Received pharmacy in canada hair, had like palett. I skin! I maybe.

    che continui la miopia della dott.sa Barbanente a capo dell´assessorato “Qualità del territorio” (Assetto del Territorio, Paesaggio, Aree Protette e Beni Culturali, Urbanistica, Politiche abitative, Biblioteche, Musei e Archivi).

    Eppure il raddoppio dell´inceneritore avverrebbe in un “Sito d´Interesse Comunitario”,
    in una “Zona a Protezione Speciale” e anche in un IBA (un'area considerata un habitat importante per la conservazione di popolazioni di uccelli), confinante tra l´altro con il Parco delle Gravine? Dovrebbe essere vietato in tale luogo un nuovo inceneritore secondo il REGOLAMENTO REGIONALE 22 Dicembre 2008, n. 28 con le modifiche e integrazioni dei “Criteri minimi uniformi per la definizione di misure di conservazione relative a Zone
    Speciali di Conservazione (ZCS) e Zone di Protezione Speciale (ZPS)”: ma forse questo regolamento non vale per la provincia di Taranto?
    E l´avvocato Amati (assessorato alle Opere pubbliche e Protezione Civile – Lavori Pubblici, Difesa del Suolo, Protezione Civile, Risorse Naturali, Tutela delle acque) non ha da dire nulla sull´aumento di prelievo di acqua dalla falda (in totale 150.000 mc/annui) in una zona soggetta a “contaminazione salina” aumentando il sovrasfruttamento della falda stessa e con il rischio di rendere l´acqua inutilizzabile per l´agricoltura (Piano di
    Tutela Acque)?

    Detto per inciso, la Regione potrà dire, nel pieno stile dello “scarica barile” che la procedura per questo nuovo inceneritore di rifiuti urbani spetta alla Provincia, ma ci duole ricordare, che quando le autorizzazioni spettano all´ente Regionale, le sorti dei tarantini non sono migliori. Infatti, ricordiamo che la Regione ha già rilasciato parere favorevole alla VIA per un altro inceneritore di “rifiuti pericolosi e non”, “Ecodi” a pochi chilometri di distanza da quello di Massafra e dentro il “Sito di Interesse Nazionale” tristemente noto, precisamente il 12 gennaio con determina dirigenziale n. 5, dimostrando tutta la considerazione che ha del territorio jonico.

    Nei prossimi giorni la Provincia di Taranto si dovrà esprimere sull´AIA per l´inceneritore Ecodì. Continueremo a Resistere a tali scempi e ad informare la popolazione.
    Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure!

    Taranto 23 Maggio 2012

    jfdghjhthit45
    Postato da Redazione
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook