• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Datemi un cucchiaio e vi solleverò l'Europa
    27
    giu.
    2012

    Datemi un cucchiaio e vi solleverò l'Europa

    Condividi su:   Stampa

    Elogio e istruzioni per l’uso del “cucchiaio”, o “scavino” o “metodo Panenka”, dal nome del cecoslovacco che negli anni 70 tirò un rigore in questo modo. Cucchiaio o scavino perché il pallone viene accarezzato da sotto, con il piede adibito a cucchiaio o appunto facendogli “scavare”, sfiorandoli, gli ultimi cm di terreno, così che la parte superiore del medesimo sollevi il giusto la sfera. La rincorsa non va fatta da fermo (come Corso tirava le punizioni “a foglia morta”) per non farsi intuire dal portiere, che resterebbe forse in piedi.

    Ma neppure troppo veloce per non rischiare di perdere la “fase” tra piede e pallone. Bisogna guardare il portiere negli occhi, possibilmente, per fargli accelerare i riflessi e farlo buttare da una delle due parti. Contemporaneamente il “cucchiaio” deve scodellare la sfera al centro o quasi della porta, per non rischiare che il portiere impatti nel tuffo da una delle due parti con la traiettoria del tondo. Il massimo del coefficiente di difficoltà (come nei tuffi…) è tirarlo così in partita, in finale Mondiale. Come Zidane, per dire. C’è il rischio poi di perdere la testa. Se riesce alla “lotteria” finale, può funzionare da additivo chimico… E infatti…

    (Oliviero Beha)

    jfdghjhthit45
    Postato da Redazione
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook