• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Il futuro per Berlusconi è il marco per la Germania e...
    22
    giu.
    2012

    Il futuro per Berlusconi è il marco per la Germania ed il caimano per l'Italia

    Condividi su:   Stampa
    silvio-berlusconi

    I Tg di venerdì 22 giugno 2012 - Questa volta non è colpa dei Tg se i risultati del vertice a quattro appaiono sostanzialmente imperscrutabili. L’ eurodiplomazia ci ha abituati a spostamenti impercettibili nelle opposte posizioni, se non addirittura allo stallo assoluto. Non resta che incrociare le dita per l’imminente vertice di Bruxelles, anche se gli avvoltoi sono pronti al decollo in previsione di un bel niente di fatto sulle piste approntate dai Tg Mediaset: un Tg 4 scatenato contro Monti e, in compagnia di TG 5 e Studio Aperto, molto accogliente verso le odierne dichiarazioni di Berlusconi, che afferma di essere sempre “lui” il capo e che l’Europa deve  spingere la Germania verso il ritorno al marco, perché troppo forte. Dunque euro “irreversibile” per i quattro leader nell’incontro romano, prodotto  pret a porter per B. Ovviamente gli altri Tg riprendono Berlusconi, ma anche le risposte di Bersani che, invece, sfuggono a Mediaset.

    Sulla vicenda Quirinale – Il Fatto Quotidiano prevale ancora il “dichiarazionismo” dei leader e l’assenza di approfondimenti.

    Dopo le “distrazioni” di ieri, su qualche Tg – Studio Aperto e Tg 4 – compare un servizio sulla sentenza della Cassazione per il caso Aldrovandi con l’intervista alla madre del diciassettenne ucciso dai quattro poliziotti. I giornalisti di TgCom si aspettavano il consueto piagnisteo che, invece non è venuto, e ne sono rimasti quasi sorpresi.

    Duro il giudizio di Tg la 7 sulla figuraccia del Comune di Milano per la vicenda della cittadinanza onoraria al Dalai Lama“retrattile” dopo le pressioni cinesi; critico anche il servizio di Tg 4 – commento di Sallusti – con il nemico politico Pisapia inquadrato come facile bersaglio.

    Le tensioni in Egitto fanno timidamente capolino su Tg 4 e Tg 5, mentre Tg 3 e Tg la 7 riservano a Piazza Tahrir anche un titolo.

    Immancabile su Studio Aperto la quotidiana rassegna di tifose discinte, presentate come“vere bandiere” del calcio degli europei.

    Alberto Baldazzi

    Dati Auditel di giovedì 21 giugno 2012

    Tg1 – ore 13:30 3.044.000 18.50% ore 20:00 3.750.000 21.44%.
    Tg2 – ore 13:00 3.125.000 19.93% ore 20:30 1.985.000 9.24%.
    Tg3 – ore 14:30 1.704.000 11.70% ore 19:00 1.632.000 13.59%.
    Tg5 – ore 13:00 3.181.000 20.16% ore 20:00 3.281.000 18.06%.
    Studio Aperto – ore 12:25 2.482.000 19.54% ore 18:30 884.000 9.29%.
    Tg4 – ore 11:30 577.000 8.90% ore 19:00 753.000 6.33%.
    Tg La7 – ore 13:30 667.000 4.05% ore 20:00 1.529.000 8.35%.

    Fonte: www.tvblog.it

    jfdghjhthit45
    Postato da Osservatorio TG
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook