• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Oggi vi regalo un Calvino che parla di Cortazar
    30
    giu.
    2012

    Oggi vi regalo un Calvino che parla di Cortazar

    Condividi su:   Stampa
    italiacalvino

    Oggi vi regalo un Calvino che parla di Cortazar, Julio Cortazar, due straordinari scrittori. Scomparsi. Cioè vivi, mentre molti vivi sono già scomparsi.

    (Oliviero Beha)

    «I cronopios e i famas, due geníe d’esseri che incarnano con movenze di balletto due opposte e complementari possibilità dell’essere, sono la creazione piú felice e assoluta di Cortázar. Dire che i cronopios sono l’intuizione, la poesia, il capovolgimento delle norme, e che i famas sono l’ordine, la razionalità, l’efficienza, sarebbe impoverire di molto, imprigionandole in definizioni teoriche, la ricchezza psicologica e l’autonomia morale del loro universo. Cronopios e famas possono essere definiti solo dall’insieme dei loro comportamenti.

    I famas sono quelli che imbalsamano ed etichettano i ricordi, che bevono la virtú a cucchiaiate col risultato di riconoscersi l’un l’altro carichi di vizi, che se hanno la tosse abbattono un eucalipto invece di comprare le pasticche Valda.

    I cronopios sono coloro che, se si lavano i denti alla finestra, spremono tutto il tubetto per veder volare al vento festoni di dentifricio rosa; se sono dirigenti della radio fanno tradurre tutte le trasmissioni in rumeno; se incontrano una tartaruga le disegnano una rondine sul guscio per darle l’illusione della velocità.

    Del resto, osservando bene, si vedrà che è una determinazione degna dei famas che i cronopios mettono nell’essere cronopios, e che nell’agire da famas i famas sono pervasi da una follia non meno stralunata di quella cronopiesca».

    Italo Calvino

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    aspirante cronopiesca.. .
    01/07/2012 alle 00:07
    merveilleux! soprattutto per l'ultima riflessione che rimescola un po' tutto, facendo intuire la possibile intercambiabilità, ma lasciando salve, per fortuna, le già fatte distinzioni... notte bianca...qui da me.
    Doriano .
    30/06/2012 alle 22:36
    Delizioso!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook