• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Due facce dell’Italia oggi. Ragionare per capire.
    02
    lug.
    2012

    Due facce dell’Italia oggi. Ragionare per capire.

    Condividi su:   Stampa

    Siamo “anche” questo, dopo gli ultimi vent’anni di calcistizzazione e leghistizzazione.

    Roma: svastiche, saluti romani e disordini al Circo Massimo

    Lega: la questione settentrionale al centro del congresso

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    9
    Lascia un commento
    jamshid .
    04/07/2012 alle 20:44
    Vorrei fare qualche considerazione sul titolo di questa pagina. Io non ho l'impressione che i proseliti della svastica siano una "faccia" dell'Italia: non è un fenomeno in espansione paragonandoci ai paesi nordeurepei, per lo meno "oggi". Per quanto riguarda il leghismo invece, forse si, seppur in fase calante, sempre "oggi". Vorrei sperare che, al di là di ogni "faccia" di minore importanza, l'Italia ritrovi se stessa in tutte le sue dimensioni, con l'ausilio dei suoi intellttuali "responsabili" e attraverso la consapevolezza dal "basso". Anche perché i suoi politici, quanto meno questi politici, non sembrano capaci e non mostrano nemmeno volontà, interesse e persino mentalità di aiutare l'Italia a riscoprirsi.
    Doriano .
    02/07/2012 alle 16:17
    Ipocrisia. E la parola dordine...i nuovi leghista ora lasciano i palazzi del potere di Roma? Ma dai..sembra la storie La di Pirlo e Buffon che dovevano lasciare la nazionale afine europeo.." fosse per me cambierei" ..straordinario!!!
    Doriano .
    02/07/2012 alle 14:48
    Prandelli .." il proggggetto continua" ma quale progetto???? Oh ma con Pirlo o senza Pirlo che era definito da tutti il " grande giocatore di qualità ". Vedrete che si farà la solita propaganda per convincere il vecchio Pirlo a giocare ancora...con la scusa che in spagna ce il" fenomeno" xavi che ha 33anni.blablabla...certo se pensiamo che nellinter il39enne Zanetti e ancora inamovibile...
    Doriano .
    02/07/2012 alle 14:42
    Appunto. Noi abbiamo fatto il calcio che si gioca nel nostro campionato..4312. Fatto di strappie ripartente classiche..e 352 piu molleggiato..fatto " sulla carta" di giocatori che raddoppiano sulle fasce..niente rivoluzione.appunto. Come nessuna rivoluzione ha fatto Mario monti in Europa essendo lui uno dei prestanomi fondatori di questa macchina economica finanziarapesante che e la buropa..
    Doriano .
    02/07/2012 alle 14:35
    Cosa bisogna salvare di questa " missione di pace" in ucraina? Un po' di balotelli in pillole, un po' di de rossi in mediana, un po' di balzar etti in fase di chiusura, un po' di diamanti...
    sergio nieri .
    02/07/2012 alle 14:31
    Chi semina vento raccoglie tempesta.Mi pare siano state giornata da analizzare in profondità.Da un lato,i conati nazionalisti di un portiere che rischiano di trasformare innocue partite di calcio internazionali in un clima da reduci del Piave o giu' di li'(con le orribili variazioni sul tema del Circo Massimo),dall'altro l'autorevole strumentalizzazione dell'evento calcistico da parte di un bocconiano in odore di spending review.Ieri dallo spogliatoio degli azzurri attendevamo di conoscere il parere dell'osannato Mario Balotelli (forse oltre misura)e invece è salito un altro Mario (Monti) che di fronte alle telecamere di rai Sport (vellicato da Mazzocchi)ha dispensato per un quarto d'ora buona la sua lezione di politica economica applicata al calcio.
    Doriano .
    02/07/2012 alle 14:28
    Il milanista Monti chiede di veder la Timoshenko a fine partita..per rifarsi la bocca?
    Doriano .
    02/07/2012 alle 14:19
    Ma da quando creare semplici palle gol , occasiOni come ne abbiamo avute noi con l'Inghilterra e la Germania..viene considerato calcio spettacolo?
    Doriano .
    02/07/2012 alle 14:17
    Ora tutti a recitare la solita solfa del doping spagnolo..ma perché quando noi abbiamo" stravinto" con la Germania ci siamo dopati o la propaganda montata ha parlato di calcio rivoluzionario?quando vincono gli altri e perché sono piu forti " fisicamente" mentre quando vinciamo noi siamo quelli del nuovo calcio, della nuova mentalità offensiva..blablablablabalbalablabll

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook