• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > A proposito di Conte, Juventus e giustizia sportiva
    06
    ago.
    2012

    A proposito di Conte, Juventus e giustizia sportiva

    Condividi su:   Stampa
    italia_camerun_82

    Pubblico il commento ricevuto da una mia lettrice che si firma Cynthia Fcj rispetto all’articolo Conte, Juventus, giustizia sportiva, Figc, media: cronaca di un pasticcio annunciato nel marasma italiano

    Caro Beha, la stimo da quando nel 1982 fu l’unico a parlare del “biscotto” camerun. Qualche anno dopo nella casa di un dirigente FAO, tale Sandro Cappelletti, a Bamako in Mali, incontrai Trevisan che quel Camerun allenava e mi confermò candidamente tutto… Ebbene in merito alla questione odierna, a differenza dei versamenti bancari dei giocatori camerunensi allora, non c’è un ombra di prova, alcun riscontro… E’ ora che il calcio si aggiorni, il pentitismo portò anche alcaso Tortora, ed io personalmente ho conosciuto una vicenda di invidia che scaturì in un processo penale con condanna basata su una dichiarazione inventata…

    Non sarebbe il caso che Carobbio fornisca riscontri più concreti ? anche perchè a Siena molti parlano di storie di tradimenti ed infedeltà coniugali…. e diffamare per vendetta è un vizio dell’uomo vecchio come il mondo…

    Saluti Beha

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    7
    Lascia un commento
    Michele Serra .
    11/08/2012 alle 02:31
    25 febbraio 2012 Milan Juventus 1-1, fine primo tempo. Scontro verbale Galliani-Conte: Galliani urla: “Ladri! Ecco cosa succede quando ci si lamenta tutta la settimana con gli arbitri” Conte: “Da che pulpito… voi siete la mafia del calcio” Galliani promette: “Questa te la faccio pagare”! GALLIANI, PROMESSA MANTENUTA! Il fido (fido dei poteri meneghini: milan-inter) Palazzi esegue gli ordini! Protetto dalla stampa di regime (di destra, di centro e di e sinistra!), ordisce un diabolico piano per annientare Conte e' frenare il piano di rinascita della Juventus, che assieme ai suoi CORROTTI compagni (i membri della disciplinare, capeggiati dal corruttissimo avvocato Artico!) della cosidetta giustizia sportiva mette in atto. Don dimentichiamo Marco Paoloni> Palazzi mi ha detto: “Se tu dici questo, avrai uno sconto della pena”.
    ros .
    10/08/2012 alle 01:26
    Caro Beha provi a parlare in camera caritatis con qualche suo collega aduso alle stanze dei poteri forti che controllano Lega e federazione e vedrà che lo stesso le confesserà l'infame verità sul caso Conte. Hanno insabbiato partite che grondano intercettazioni e interrogatori ancora presenti in rete, dove si possono rinvenire pure le ordinanze del gip di Cremona. Partite che si chiamano Inter-Chievo 4-3 del 9/5/2010, Napoli-Inter 1-1 del 15/5/2011, Inter-Lecce 1-0 del 20/3/2011, Milan-Bari 1-1 e decine di altre relative a quasi tutte le squadre di serie A. A nessuno interessava debellare il deprecabile fenomeno delle scommesse. L'unico scopo dell'inchiesta oltre alla condanna di qualche carneade senza santi in Paradiso è diventato, in virtù di un'invenzione molto tardiva, risalente al 29 febbraio scorso, la distruzione di Conte perchè lo stesso presenti le sue dimissioni dalla Juve. Se cerca in rete le partite che ho appena citato accanto alla voce scommesse troverà anche il materiale indiziario che le citavo. Pertanto mi chiedo come siapossibile che una giustizia staliniana come quella della FIGC possa improvvisamente diventare ipergarantista quando ci sono di mezzo le altre squadre citate. In realtà la giustizia sportiva non è sommaria con tutti, bensì viene adattata a coloro che sono sottoposti alle sue attenzioni. E' una giustizia su misura. Disattenta con qualcuno almeno sino ad avvenuta prescrizione, feroce anche in assenza di indizi, con chi si vuole colpire. E' puro arbitrio. Scusi il mio brontolio, ma adesso faccia Zorro. Grazie.
    ros .
    09/08/2012 alle 23:30
    Caro Beha l'unico motivo per il quale Conte è accusato è il fatto che sia un tecnico straordinario che però ha il torto di allenare la Juventus. Lo scopo di quanto sta accadendo è esclusivamente quello di allontanarlo dalla Juve. A coloro che hanno organizzato questa infamia basterebbe che andasse all'estero, almeno non farebbe più vincere la Juve. L'accanimento nei suoi confronti è dimostrato dal fatto che Palazzi non ha deferito tutti i giocatori del Siena partecipanti alla riunione tecnica nella quale Conte avrebbe, davanti a tutti, parlato di risultato concordato. Una bestialità, questa che gli viene attribuita, che è difficile persino da pensare, figuriamoci da credere. Sarebbe come se un direttore di un quotidiano di provincia in procinto di andare a dirigere un grande quotidiano nazionale suggerisse ai suoi redattori, che lo ammirano come un tempo poteva accadere a qualcuno con Montanelli, di fare i servi del padrone di turno. Lei crede possibile che Conte, con la fama di cui gode presso i propri uomini, abbia deciso di comunicare a tutti una cosa del genere? Sarebbe stato inutile tra l'altro farlo a tutti oltre che sintomo di mancanza di autostima. Però se Palazzi ci crede, perchè Carobbio nonostante le sue innumerevoli contraddizioni ha la patente eterna di credibile, dovrebbe deferire tutti i giocatori Siena, cosa che invece non ha fatto. Perchè a lui e a chi sta sopra di lui interessa solo Conte. Prima o poi sarà chiaro a chiunque che tutto nasce dal contenzioso esistente fra Juve e federazione. Se lo ricorda il tavolo della pace convocato da Petrucci? Non andò bene ed è partita la guerra. E poi questo Conte è capace di aprire un ciclo. Meglio stopparlo sul nascere. Sono infamie possibili solo nel nostro Paese. Ribadisco il mio invito a guardare su you tube le arringhe degli avvocati di Conte e anche quella di Palazzi. Basta cercare su You tube De Rensis e Chiappero Cordiali saluti.
    Gisella .
    09/08/2012 alle 00:36
    Allora, se ho capito bene, Conte prenderà una lunga squalifica per non aver denunciato un illecito per cui nessuno è stato condannato. Bene, adesso volevo chiedere una cosa semplice semplice; ma la Bocassini, Tavaroli e Cipriani facevano parte della procura federale? Oltre alla clausola compromissoria violata, il re degli onesti prescritti, non era passibile di omessa denuncia? Perchè nessun giornalista, degno di questo nome, fa articoli a nove colonne su questo argomento e mette in rilievo le disparità di trattamento con cui Palazzi porta avanti la "santa inquisizione"?
    Dante, di Lima-Perù .
    08/08/2012 alle 13:03
    Intanto la Gazzetta dello Sport anticipa le sentenze segnalando l'assoluzione per Bonucci e Pepe e 10 mesi di sospensione per Conte, ma rimane la "bibblia" del calcio tanto come "la Juve ruba" anche si vince un campionato imbatutto e giocando il calcio moderno. Luoghi comuni che non muorono mai...
    Doriamo .
    06/08/2012 alle 23:20
    Mauri applauditi sismo dai suoi tifosi...quando mesi fa era messo in naftalina e poi incarcerato come il peggiore dei criminali..il nostro bellissimo sport..che e talmente sporco che quasi diventa una primizia ..ci regala tutto e il contrario di tutto..si passa da santi a criminali e poi di nuovo santi da un mese all'altro...Moratti mette facchetti alla presidenza e fa manovre di accerchiamento con gli Elkan ..poi morto un santo se ne fa un altro..
    Doriamo .
    06/08/2012 alle 23:12
    A proposito di " giustizia" sportiva..il giustiziere Petrucci che dice di mister kinder? Perché se e così preparato sul doping non dice chi sono i fiSiologi che pompano i nostri atleti alle olimpiadi? Invece di nascondersi dietro a stupide propagande a favore della lotta al doping, questi illustri uomini di sport perché non dicono che certe manifestazioni il doping viene offerto come clausola di un contratto per fare il bene della nazione...a tal proposito il grande Napolitano dovrebbe essere commosso per il fatto che un atleta abbia deciso di mettere a repentaglio la propria salute per fare grande la nazione...

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook