• Biografia
  • articoli
  • rubriche
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > La zona viola > articoli > Chi diceva che il bulgaro è “vile e servile”? Meg...
    30
    ago.
    2012

    Chi diceva che il bulgaro è “vile e servile”? Meglio così, ci è andata di lusso…

    Condividi su:   Stampa
    La zona viola
     
    La zona viola

    E bravo Berbatov, l’agente, gli agenti, la Juventus e il Fulham… Pensate mettersi in casa uno così che, senza voler offendere il popolo bulgaro noto politicamente soprattutto per i suoi “suffragi” elettorali, la letteratura definirebbe “vile e servile”… E’ dizione diffusa… La Juventus dal canto suo è stata straordinaria: mettendosi in mezzo in extremis e in aeroporto nella trattativa con il lampo dei “magliari” ha seppellito definitivamente gli ultimi cascami di quello “stile Juve” su cui ridono ormai anche i sassi. E dicevano il peggio di Moggi… almeno lui se lo sarebbe comunque portato a casa… Lo vedo come un segno buono, da auguri e da aruspici (voli degli uccelli e lettura delle interiora…). Sarà un anno sì, spero…

    (o.b.)

    Postato da Redazione
     commenti
    Commenti
    4
    Lascia un commento
    ros .
    19/09/2012 alle 18:36
    Penso che il caso Berbatov debba essere visto in combinato con i casi di Verratti, Destro e soprattutto Giovinco che l'Inter cercò di soffiare alla Juve sebbene quest'ultima ne fosse addirittura comproprietaria. Non mi pare che la Juve si sia lamentata con tale insistenza per i disturbi, anche fuorilegge,subiti nei casi citati. Però le scrivo per segnalarle l'incredibile articolo pubblicato oggi sul Corriere fiorentino a firma Ernesto Poesio. Lo potrà trovare in rete digitando il titolo "Anche Conte cerca posto(ma lo sky box non c'è)". Allarmanti i toni del pezzo come del farneticante comunicato dei tifosi viola sintonizzatisi prontamente sulla stessa lunghezza d'onda del maestro "paraculo" (moralista pro domo sua, lo definii io in questo blog, prima che Vialli trovasse parole più pregnanti. Nulla a che vedere con Farina. Proprio nulla. Penso che la Fiorentina, quella che inaugurò con scarsa fortuna il "terzo tempo" si assumerà una grandissima responsabilità a lasciare Conte, l'innocente Conte, in balia dei facinorosi. Spero che la società viola non voglia passare alla storia per una cosa del genere. La saluto.
    salvatore romano .
    01/09/2012 alle 10:03
    Buongiorno,rimango sempre più allibito dal teatrino che sto assistendo per una vicenda che ha del grottesco ma mica poi tanto.Tanto per cominciare dalle vostre parole emerge un'ignoranza cieca sulla parola mercato;se un giocatore non ha ancora firmato non è di nessuno tantomeno di una società che gli ha pagato il biglietto per l'aereo.Se la società Juventus ha rilanciato(dubito visto l'offerta identica a quella della Fiorentina)evidentemente il giocatore aveva già deciso di non venire a Firenze e rimango ancora più esterrefatto dalle parole di ieri di Andrea Della Valle che si è lanciato in accuse neanche gli avversari avessero fatto chissà che cosa.E da qui la differente reazione di Marotta che praticamente ha subito la stessa cosa con il Fulham,ma l'ha presa con filosofia.Tuttavia sto assistendo a una strana campagna anti-Juventus da quando è scoppiato lo scandalo delle scommesse,campagna che ha visto riemergere dei vecchi marmittoni come Zeman(che ho capito che non ce l'ha con Moggi,ma con la Juventus)o di dichiarazioni come quella di Petrucci che farebbe bene a tarare le parole perchè l'appello del processo di Napoli per calciopoli sta per arrivare e,molto probabilmente,dovrà giustificare parecchie cose "strane" con i 400 milioni di risarcimento chiesti dalla Juventus sul groppone.Il "quello che tutti pensano" dimostra la non parzialità di un sistema che ormai è allo sbando;hanno voluto vendere una verità che i nuovi canali informativi come internet hanno smascherato e per questo il sistema si sta organizzando di nuovo prendendo di mira la Juventus.Ma che tra i "tutti" ci fosse anche il presidente Andrea Della Valle proprio non me l'aspettavo anche perchè,prima di parlare di etica,dovrebbe anche lui farsi un esamino di coscienza.Sia chiaro,non mi sono mai azzardato ad attaccare i Della Valle nenche quando per 2 anni ci hanno fatto vedere una squadra pessima o quando tutti a Firenze li attaccavano;ho pensato che gli imprenditori hanno delle esigenze e queste esigenze vanno rispettate sempre nel limite della decenza.Ma cari signori,parlare di etica in un mondo del genere è difficile.Già nel 2002,attraverso il lodo Petrucci(sempre lui)la nuova Fiorentina(nata dalle ceneri del "finto" fallimento di Cecchi Gori-vedi condanna del giudice Puliga-)ha saltato la C1 danneggiando il Pisa(ma ci siamo detti "Bene per i pisani").Durante la sua presidenza ho assistito a un giro di plusvalenze incredibile(ma ci siamo detti "Si può fare").Durante l'"affaire Moggi" non ho sentito neanche un'accusa al sistema(la denuncia del fratello di Guido Rossi non è sufficiente)quando è saltato fuori il taroccamento delle intercettazioni subito dopo la sentenza di I° grado a Napoli.Quando la Juventus retrocesse tra i "saccheggiatori" della vecchia Madama c'era anche la Fiorentina che si prese Mutu(lo pagò o lo prese in prestito?);ci siamo detti:"Bene hanno avuto quello che si meritavano" salvo poi festeggiare per un -19 in serie A ringraziando le istituzioni sportive,che i Della Valle dicono di criticare, per non aver fatto retocedere la Fiorentina a far compagnia in serie B alla Juventus.Ma la cosa più ignobile che ho assistito è stata l'aver steso il tappeto rosso prima di un Fiorentina-Inter quando ci fu la bella pensata di fare il terzo tempo,una sorta di stretta di mano in segno di lealtà dopo la fine della partita(per chi era quel tappeto?per l'Inter,rea di aver violato non solo tutto il codice sportivo,ma anche il codice penale alla faccia della lealtà sportiva...?).Potrei anche dire del goal di Mutu al Palermo quando si infortunò il giocatore avversario(dicemmo che era l'arbitro che doveva fischiare-ma se fosse successo al contrario?-),ma non mi dilungherò ulteriormente anche perchè adesso mi aspetto i fatti dopo quello che è stato dichiarato ieri.Mi aspetto le immediate dimissioni di Diego Della Valle dal consiglio di amministrazione della Ferrari(non mi si venga a dire cosa c'entra perchè nel "da quelle parti" c'è anche la Ferrari).E sì perchè la cosa strana è che Andrea Della Valle non conta nulla,mentre il fratello siede in alcuni consigli di amministrazione vicini al mondo Fiat.Diego è sempre stato affascinato dal "da quelle parti" tant'è che l'avvocato Agnelli(il ladro per eccellenza secondo la versione del tifo viola)sfoggiva le scarpe Tod'S e il marchio sul polsino con il famoso orologio.E' nota poi l'amicizia(Italo...sapete cos'è?)con Luca di Montezemolo ex presidente della Fiat(è lui che lo porta in Ferrari nel 2002);dopo questa sparata che succede tra i 2?Inoltre la Fiorentina non deve più ricevere un giocatore in prestito dalla Juventus,ma neanche un euro;non voglio vedere affari "etici" come quello di Felipe Melo valutato più di 20 milioni di euro(plusvalenza?si può fare)...In più dichiarino per sempre la loro simpatia interista dato che è nota la vecchia appartenenza di Diego Della Valle al consiglio di amministrazione dell'Inter e la fede nei nerazzurri coltivata fin da bambino dallo stesso Diego quando il padre lo portava a vedere le partite della grande Inter(contava l'etica in quel periodo o il doping era una pratica legale?).Se non assisterò a tutto questo allora ci troviamo di fronte all'ennesima forma di propaganda( o presa per i fondelli) di cui non conosco il fine.Forse perchè tra poco arriva la Juventus a Firenze e c'è da riempire uno stadio e fare un bell'incasso;forse perchè attraverso queste parole si vogliono aggraziare il sindaco per il nuovo stadio con tanto di dismissione dell'area Mercafir alla faccia di chi ci lavora(ultimamente ho notato un certo affiatamento tra Andrea Della Valle e il sindaco Matteo Renzi,una riedizione del connubio tra politica e calcio stile De Magistris e De Laurentiis).O forse c'è solo uno sfogo di un fratello che è stanco di fare da doppio al maggiore e vuole mostrare i muscoli.Se si pensano e si dicono certe cose bisogna far seguire i fatti altrimenti forme di prese per i fondelli come queste ne ho le tasche piene motivo in più per sospendere per 2 anni il calcio scommesso del quale,guarda caso,non ne parla più nessuno.A proposito tra i "tutti" di Petrucci c'è sicuramente Stefano Mauri arrestato in estate e assist-man domenica contro l'Atalanta;c'è anche il presidente del Grosseto "uomo politico",ma non c'è il Lecce spedito in Lega pro,mentre per agli altri,sicuramente altri "tutti" di Petrucci,sono state combinate pene severissime(-1,-2,-3,-4,-5,-6).Addirittura c'è chi non è stato neanche toccato nonostante i pesanti indizi e il latitante in campo.Sicuramente il Napoli di Mazzarri è tra i "tutti" viste le ultime dichiarazioni...l'applicazione del regolameto è cosa da pochi ecco perchè i "tutti" ce lo fanno notare!!!Bisognerebbe farlo notare ad Abete un altro doppio...il fratello è vicino a Diego Della Valle il doppio maggiore di Andrea,per questo largo ai doppi...
    Dante, di Lima-Perù .
    31/08/2012 alle 01:37
    In un'ipotetico accordo tra la Fiorentina e il calciatore, qualsiasi trattativa con un altra società sarebbe impossibile - cfr. il caso di Modric, accordato dal Madrid due mesi prima della firma del contratto -, ma come questo non era il caso, l'inserimento altrui è più di valito. Robe del genere sono accaddute sempre durante il calciomercato e non solo in Italia a prescindire del Moggi o la Juve di turno, ma queste due ultime sono sempre il vostro modo di spiegare i mali di un calcio mediocre come il vostro...
    Massimiliano Zonza .
    30/08/2012 alle 18:47
    Gentile Oliviero Beha, premesso che neanche il sottoscritto ha apprezzato le modalità con cui la Juventus ha provato a portarsi a casa Berbatov. Ritengo che un giocatore lo si scelga con più cura e in funzione di specifiche esigenze, più che contattare il primo che è ha appena rifiutato il trasferimento ad una qualunque squadra. E’ legittimo il suo risentimento, essendo Lei di fede viola, ma non in riferimento a questo Le scrivo. E’ da un po’ di tempo che sulla scia di suoi illustri colleghi (lo pseudo juventino Marco Travaglio), si scorge una Sua naturale tendenza ad accanirsi verso la Società Juventus con l’ intenzione di riqualificare negativamente lo stile “Juventus”. Quello stesso stile con cui sono state accettate le decisioni di affrontare la serie B, dopo l’ accettazione delle sentenze del 2006, di cui Lei è certissimamente al corrente, al contrario di Travaglio. La gente comune, come me, La legge con piacere e apprezza le Sue scritture in quanto l’ annovera tra i pochissimi superstiti di chi esprime al meglio la propria onestà intellettuale. Ma quando parla di calcio e della Juve, nello specifico, “sbrocca”. Sarebbe riduttivo pensare che con l’Italia calcistica divisa in due , il Suo intento sia quello di accaparrarsi i consensi di quella anti-juventina. Qualcuno, o più di uno, ci ha marciato sullo stile Juve, calpestandolo a più riprese. E visto che in taluni frangenti lo stile, a priori, non paga, allora si lasci decidere alla Juventus che comportamenti sia giusto adottare e in quali circostanze. Gli episodi di ieri sul tentativo di acquisto del giocatore bulgaro, sono burleschi senza dubbio, ma il mercato non ha occhi e quando una società viene rifiutata se ne fa sotto un’ altra. Tanto più che gli accordi economici erano inferiori a quelli proposti dai viola. Il Presidente Della Valle si riserverà la prossima volta di acquistare biglietti aerei “preventivi” , che portano una inesorabile sfiga. Le porgo i miei omaggi. Massimiliano Zonza, Carbonia.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook